Proteggere per essere protetti

 

 

IL MOVIMENTO ESSERE SINISTRA È AMBIENTALISMO, ECOLOGISMO E RISPETTO DI OGNI FORMA VIVENTE

Il capitalismo, nella sua volontà di dominio, al fine di ottenere profitto da qualunque ambito riguardi la vita degli esseri umani, nel corso dell’ultimo secolo è riuscito a indurre la maggioranza degli abitanti del pianeta, a pensare che bastasse comprare, spendere e piegare alla propria volontà ogni altro organismo vivente.

Nell’ideologia del capitalismo tutto ciò che riguarda la Terra Madre è quindi CONSUMABILE ed ha usato il bisogno naturale di ogni essere umano di migliorare le proprie condizioni di vita.

Le masse si sono così illuse di esercitare un potere di dominio sulla Natura e di soggiogare gli equilibri ambientali. Il miraggio di ottenere un benessere diffuso è stato in realtà riservato a quelle classi che potevano permetterselo, ma sempre e solo con lo scopo di lucrare profitti da ogni risorsa esistente.

Oggi siamo sempre più consapevoli di essere alla resa dei conti sul tema Ambiente e comprendiamo quanto sia drammatico il bilancio di questo illusorio progresso.

Tutto quello che in Natura ci circonda è parte di un sistema estremamente complesso che si è formato attraverso un’evoluzione durata milioni di anni e ciò significa che ogni particella che lo compone ha una sua precisa funzione.
In ogni dinamica relativa all’Ambiente, c’è una ragione, c’è un perché, c’è un motivo preciso. Essa è il frutto di un’evoluzione e quindi tutto ciò che accade intorno a noi deve trovare risposta ai bisogni ESSENZIALI che riguardano l’umanità intera.

Da specie animale quale siamo, noi invece, abbiamo sconsideratamente rimosso la consapevolezza che la Natura è madre e non matrigna e che nell’autoconservarsi protegge anche noi.
Quindi, proteggendola proteggiamo noi stessi.

La Natura, in ogni sua espressione, nel suo perfetto equilibrio risponde ad un codice genetico.
Ogni singolo elemento le appartenga, a sua volta entra in un codice ben più ampio e partecipa alla sua continuità e alla nostra di esseri umani.
Il capitalismo, invece, nel corso di due secoli, quel codice, generato in milioni di anni, lo ha snaturato per piegarlo alle logiche del profitto.

Ma è dal dopoguerra in poi, nel capitalismo, che lo sfruttamento delle risorse del pianeta ha subito un’accelerazione senza precedenti.
Nessuna forma vivente è più al sicuro.

Una forza politica di sinistra che nasce oggi, quindi, non può non considerare come vitale e primario, avere una visione ecologista e non può non pensare di ripartire proprio da un’economia non solo rispettosa dell’ambiente ma che addirittura entri in quell’equilibrio che è armonico e funzionale alla Natura stessa e quindi al genere umano.

Il MovES, Movimento Essere Sinistra, parte da questo assunto con la volontà di costruire una nuova società capace di provvedere non solo ai bisogni dei suoi cittadini, ma soprattutto di interferire il meno possibile con il Sistema-Ambiente a livello globale.
Consumare più responsabilmente, rilanciare un’agricoltura che non preveda lo sfruttamento intensivo della Terra Madre e avere di conseguenza un prodotto non manipolato, più sano e vicino alla salute delle persone e nel rispetto degli animali, è l’obiettivo che ci siamo dati.

L’amore per la tradizione e l’eccellenza dei prodotti agro-alimentari che ci contraddistinguono nel mondo, perdono di significato se non si collocano entro cicli di produzione affini all’Ambiente e all’essere umano, se non si tiene conto della vocazione di ciascun territorio e se non si sottrae allo sfruttamento intensivo anche il mondo animale, sottoposto a trattamenti spaventosi e indegni per una società che si definisce civile e progredita.

Il MovES intende ripensare completamente i sistemi per produrre energia abbandonando al più presto l’utilizzo di combustibili fossili in favore delle fonti rinnovabili sulle quali GARANTIRE INVESTIMENTI PUBBLICI in maniera importante per far sì che il Paese non solo si muova verso un sistema economico che dell’ecologia faccia uno dei suoi principali punti di rilancio, ma soprattutto per ridurre sensibilmente ogni fonte d’inquinamento del suolo, dell’aria e dell’acqua.

È indispensabile diminuire in maniera drastica la cementificazione e il consumo di suolo. Il recupero delle aree urbane degradate e un’urbanistica “a misura d’uomo”, devono essere al centro della nostra politica affinchè gli spazi in cui l’essere umano si esprime diventino conformi ai suoi bisogni sia per quanto attiene alla salute sia per ciò che riguarda la possibilità di vivere e abitare in un contesto quanto più armonico e affine alla sua dimensione.

Il MovES respinge totalmente l’approvazione di TRATTATI INTERNAZIONALI COME IL TTIP E IL CETA in quanto ulteriori strumenti di dominio e sfruttamento da parte del capitalismo.

Lo spazio di azione per invertire la rotta su una tematica così importante quale è l’Ambiente è un corridoio che ormai si stringe giorno per giorno.

Il Movimento Essere Sinistra pone come urgenti questi temi e li colloca al centro delle sue politiche come impegno per il presente e nei confronti delle generazioni future.

 

 

.

(immagine di Ivana Fabris)