Comunicato del Coordinamento Nazionale del Movimento Essere Sinistra – MovES

 

OGGI, 13 DICEMBRE, il Coordinamento Nazionale del MovES sarà a Melendugno e a San Foca a portare la sua solidarietà e il suo pieno appoggio alla lotta del Movimento No TAP.

 

Ci impegnamo con tutte le nostre forze sin d’ora, a sostenere e a partecipare in ogni modo possibile a questa che riteniamo sia una battaglia fondamentale che riguarda OGNI ITALIANO.

 

L’abuso violento di un sistema di potere privato, di multinazionali, di correlazioni e infiltrazioni mafiose, di collusione e corruzione che è ciò che ormai è evidente, nell’affare TAP, è qualcosa che riguarda tutti, NESSUNO escluso.

Combattere questa battaglia non riguarda solo la salvaguardia dell’ambiente in uno dei tratti più straordinari del litorale adriatico – peraltro già pesantemente insultato dalle trivelle – della salute e dell’economia di quella fascia costiera e di quell’area.

 

 

Significa soprattutto LOTTA CONTRO l’ABUSO di POTERE, contro la MILITARIZZAZIONE di un intero territorio e la SOPRAFFAZIONE di chi manifesta il proprio dissenso che sfregiano la nostra democrazia e insultano la Costituzione insieme ai nostri diritti costituzionali, contro la CORRUZIONE, contro la difesa degli INTERESSI PRIVATI sulla COSA PUBBLICA, contro la SPECULAZIONE, contro l’AFFARISMO, contro le LOGICHE di SISTEMA, contro TUTTO CIÒ che come Movimento combattiamo fermamente in questo sistema di potere.

 

 

 

La protesta è PACIFICA

 

ma ugualmente si manganellano cittadini inermi

 

La Trans Adriatic Pipeline, da quanto emerge sempre con maggiore chiarezza, rappresenta proprio tutto quanto appena descritto e la violenza e la ferocia con cui il potere reprime, oltre agli interessi economici in gioco, conferma quanto appena detto.
Le intersezioni, le connessioni con quanto appena affermato, appaiono sempre più evidenti e gli interessi in gioco appaiono come appartenenti ad un sistema di potere che si avvale delle peggiori sponde anche dentro lo Stato.
Lo stesso vale per le forze economiche e politiche in gioco, non solo italiane ma anche americane e di altri paesi.

 

Stare a guardare quanto accade, non solo consegnerà i salentini ad un baratro senza fine ma creerà un precedente pericolosissimo che il sistema utilizzerà a suo vantaggio in qualunque altro contesto gli comodi.

 

NON POSSIAMO PERMETTERE CHE ACCADA!

 

LA LOTTA CONTRO LA TAP, quindi, è la LOTTA di TUTTI perchè ciò che sta accadendo in quei territori, accade ovunque e accadrà ancora se non fermiamo questo disastro annunciato e questo violento abuso di potere.

 

UNITEVI A NOI!