COMUNICATO di Ivana FABRIS
Coordinatrice Responsabile Nazionale Movimento Essere Sinistra – MovES

 

.
Il Movimento No TAP non ha mai smesso di lottare contro un’aggressione che non solo attenterà ancora una volta contro la vita dei salentini ma anche a quella del territorio poichè distruggerà definitivamente un ambiente semplicemente meraviglioso e unico nel suo genere, capolavoro naturale di mare e terra che gli abitanti di quell’area geografica hanno sempre rispettato.

Tutto questo accade nel silenzio generale dei media, onde evitare che si ricrei un movimento d’opinione a livello nazionale come è accaduto in Val Susa.

Il Salento adesso è militarizzato e già solo questo è gravissimo ed è un atto di una ferocia inaudita.

Mentre si sradicano Ulivi secolari, sorgono muri.
Muri di new jersey, di reti e di filo spinato.

Così si violenta una zona di alto valore naturalistico e paesaggistico: si deturpa la bellezza dell’ambiente naturale ma soprattutto nel contempo si confinano i salentini entro un perimetro deciso dalle multinazionali limitando con violenza la loro libertà individuale!

Il tutto grazie all’asservimento totale del nostro governo a quello che vuole un sistema come il neoliberismo che di ciò che è patrimonio dello Stato – quindi di tutti noi – farà quello che gli pare e piace senza soluzione di continuità.

In più, grazie ad una sorta di espendiente, il governo ha l’autorità di far ricadere su tutta la collettività il costo della realizzazione delle infrastrutture anche se di proprietà di grandi gruppi privati.
Regalo, questo, di cui dobbiamo dire un altro grazie a Prodi. Uno in più, come se l’averci trascinato nella UE non fosse stato già sufficiente.

.

Noi come Movimento Essere Sinistra MovES siamo dalla parte dei salentini e del Movimento No TAP, siamo dalla parte dell’ambiente, siamo dalla parte di chi lotta per proteggerlo, di chi si schiera senza esitazioni CONTRO un sistema di potere che devasterà vite umane e patrimonio ambientale in nome della massimizzazione dei profitti.
Siamo con loro in tutto e per tutto e pronti a qualunque azione a fianco e a sostegno della loro lotta.

.

E se il sistema mediatico di questo regime li oscura, facciamo in modo di diventare NOI TUTTI un media, diffondendo le notizie quanto più possibile!

I social possono fare la differenza, quindi FACCIAMOLA e facciamola ADESSO!