IL NONSENSO FURBO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE IN UN TWEET

IL NONSENSO FURBO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE IN UN TWEET

campagna-elettorale-tweet

 

 

La campagna elettorale gestita mediante un social come Twitter, è un nonsenso poichè priva di contraddittorio.
Con un tweet si può dire tutto e il contrario di tutto ma sopra ad ogni cosa c’è la comodità dell’avvalersi della facoltà di non rispondere.
Ai vari proclami, invece, risponde Yvan Rettore e con ragioni precise e mirate.

 

 

di Yvan RETTORE – Movimento Essere Sinistra MovES

 

RECENTI INTERVENTI SU TWITTER RIGUARDO ALLA CAMPAGNA ELETTORALE IN CORSO:

GIUSEPPE CIVATI: “Mi sono iscritto all’anagrafe antifascista.”

La mia replica: “Non c’è bisogno di esibire una specie di patentino (a scopo elettorale) per chi antifascista lo è da sempre e comunque, dimostrandolo non con parole vuote, ma con l’esempio stesso della propria vita quotidiana!”

PIETRO GRASSO: “L’antifascismo è un valore fondante della Repubblica italiana e della nostra Costituzione. Per questo, il 24 febbraio “Liberi e Uguali” sarà alla manifestazione organizzata da Anpinazionale per dire – ancora una volta – “NO AL FASCISMO”.”

La mia replica: “Siete così poveri di contenuti da dover ricorrere all’antifascismo per sopperirvi?!”

PIAZZA PULITA LA7: “Per 4 giorni non è andato un esponente del Governo a visitare i sei feriti.”

La mia replica: “Non sono interessanti dal punto di vista elettorale, quindi perché andarli a visitare?!”

ALESSANDRO DI BATTISTA: “Gli italiani? Li vedo molto, molto rincoglioniti”. Non si è pentito di quello che ha detto? “Io non mi pento mai delle mie idee. E non mi scuso. Credo che gli italiani si debbano assumere le loro responsabilità”.

La mia replica: “Allora cominci lui, dato che anche lui, come coloro che lo hanno generato e i suoi stessi colleghi di partito fanno parte di quei rincoglioniti! E questo personaggio arrogante e superficiale pretende di essere meglio di altri politici?! Ma per favore!”

MATTEO SALVINI (a “Piazza pulita su LA7): “L’islam è incompatibile con la nostra costituzione”

La mia replica: “Quanta ignoranza! La Costituzione deve garantire l’esercizio di qualsiasi confessione secondo la libertà religiosa e non è una qualsiasi religione a decidere dei contenuti della carta costituzionale! Ma probabilmente il Signor Salvini manco sa cosa significa “Libertà religiosa”!”

Dimensione carattere
Colors