RATING: RIVOGLIAMO LO ZERO IN CONDOTTA!

RATING: RIVOGLIAMO LO ZERO IN CONDOTTA!

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile del MovES

Standard & Poor’s ci alza il rating.
Ma quanto ci è costato questo voto?
Anzi, quanto ancora ci costerà?

Fanno festa all’Italia aumentandole il voto ma questo significa che dal governo stanno per sferrare un altro feroce attacco ai NOSTRI diritti sociali peraltro già devastati insieme alle nostre esistenze.

Semplicemente VERGOGNOSO e INFAME che il benessere di un paese venga stabilito e definito da un’agenzia di rating, squali al servizio della finanza globale e non smetto di chiedermi come siamo potuti arrivare a tanto, come sia stato possibile permettere che avvenisse!

È proprio con queste domande che mi ricordo CHI ci ha portato al baratro e i nomi sono TUTTI dentro quella vergogna riconosciuta purtroppo da tanti (fin troppi) che si chiama MDP.

Quei loschi figuri rivestiti da eroi da un certo immaginario collettivo ci hanno consegnati, pressochè inermi, al Jobs Act, alla perdita dello Statuto dei Lavoratori, alla rimozione dell’art. 18, alla totale e assoluta precarietà delle nostre esistenze e a quelle dei nostri figli, alla povertà per favorire e ingrassare il sistema bancario.

Ci hanno consegnati alla macelleria sociale con la spallata definitiva alla sanità, con la riforma Fornero e il recente aumento dell’età pensionabile, con la perdita delle tutele sociali che non esistono per milioni di persone.

Siamo arrivati a vedere la carcassa della struttura del Paese, ormai, e gli avvoltoi stanno per avventarsi sul poco che resta di un corpo che era florido e invidiato al punto di doverlo trascinare nella zona euro pur di distruggerne la salute e condurlo a morte certa.

Il dio denaro innanzitutto nel sistema capitalistico che però fino a qualche decennio fa si accontentava di parassitare gli organismi che colpiva.
Ma il capitalismo finanziario no. Esso deve divorare interamente le prede.
A qualunque prezzo in termini di vite umane.

Ci danno un voto più alto, le agenbzie di rating dunque, e la beffa è che ci vogliono persino felici della nostra morte, considerato che molti considereranno questo addirittura un segno di ripresa.
È tutto davvero molto orwelliano quanto spaventoso nei suoi subdoli effetti.

A questo punto, quindi, non resta altro da dire se non che noi invece vogliamo ottenere uno zero in condotta, ma proprio uno zero assoluto perchè questo significherà che saremo nuovamente liberi dalla tirannide e liberi di tornare ad autodeterminarci.

RICCARDO LOMBARDI, TRAVAGLIO E IL PLI

RICCARDO LOMBARDI, TRAVAGLIO E IL PLI

Riccardo Lombardi

(PLI – il Partito dei livorosi italiani)

 

di Turi COMITO

Tocca, ogni tanto e con dispiacere, tornare ad occuparsi di quel grande partito che è il PLI. Il Partito dei livorosi italiani.

Soprattutto del suo principe incontrastato. Un tale dalla penna veloce, la vocina stridula, lo sguardo perennemente terreo con su scolpita una smorfia che vorrebbe essere un sorrisino di disprezzo per il genere umano tutto e che si crede la reincarnazione del suo maestro.

Un tale che ondeggia sempre tra il sarcasmo più ovvio e la pedanteria virgolettara tipica di chi spacca un capello in quattro per non cavare un ragno dal buco.

Un tale che si sente sempre tradito da personaggi in cui ha riposto fiducia e che, tenendo perennemente altissima la bandiera dell’indipendenza del giornalismo, non fa passare giorno che dio manda in terra senza bacchettare, correggere, denunciare, stigmatizzare tutti nel nome del dio del qualunquismo destrorso per eccellenza: l’onestà/legalità.

Che, come i più avvertiti sanno, in politica non è una categoria eternamente praticabile.

E’ semplicemente il rispetto delle leggi.

Che non sempre sono, come ovvio che sia, né giuste né ragionevoli né serie.

Tanto per dire: era onesto e legale commerciare gli schiavi e disonesto e illegale ribellarsi ai negrieri. Era onesto e legale tenere fuori dal voto le donne e disonesto e illegale manifestare per ottenere questo diritto.

Era onesto e legale il latifondo e disonesto e illegale occupare le terre dei latifondisti. Eccetera. Eccetera. Eccetera.

Ma sto allontanandomi dall’oggetto della riflessione che volevo fare.

Dicevo che tocca occuparsi del Pli e del suo principe.
Perché?

Perché qualche giorno fa mi è capitato di leggere uno dei puntutissimi editoriali del principe del Pli, cioè a dire l’inesausto Marco Travaglio.

Il quale col solito livore giallognolo che gli piglia ogniqualvolta le cose non gli vanno come lui desidera se la prende col capro espiatorio di turno.

In questo caso il duo CasalGrillo padrone del partitello di neo qualunquisti tutti onestà e scontrini che va sotto il nome di Movimento grand hotel cinque stelle cum laude.

La reprimenda (si veda qui) è lunghissima e il nocciolo della questione è il dolore intensissimo che ha provato nel sapere che il suo movimento preferito non solo non ha eletto manco un sindaco ma neppure è andato al ballottaggio in una miserabile circoscrizione di un paesello di montagna addebitando la colpa dell’insuccesso storico alla scarsezza politica del duo.

Non gli passa manco per l’anticamera del cervello pensare che, per esempio, la “colpa” potrebbe essere degli elettori che sono identici al gruppo dirigente: cioè inconsistenti, ondivaghi, volubili e modaioli.

Ma, insomma, sono cazzi suoi, del suo movimento di riferimento e dei lettori del suo giornale.

La cosa in sé non sarebbe manco degna di commento se non fosse per un particolare.

E cioè che nell’articolessa, l’inquisitore di Torino, cita il suo maestro, Indro Montanelli, che fa il ritratto del socialista Riccardo Lombardi accostando quest’ultimo a quella cosa inutile di Grillo.

Il ritratto che fa il vate del giornalismo anarco-individualista-conservatore-democristiano-col-naso-turato per la paura ossessiva dei “comunisti” che vedeva pure sotto il letto scambiando gli acari per agenti del Kgb, cioè Montanelli, è il seguente:

“Più che il potere, amava la catastrofe, per la quale sembrava che madre natura lo avesse confezionato… con un volto che il Carducci avrebbe definito ‘piovorno’, e di cui nessun pittore sarebbe riuscito a riprodurre le notturne fattezze senza ritrarlo su uno sfondo di cielo livido, solcato da voli di corvi e stormi di procellarie: questo era Lombardi, e così sempre mi apparve. In cosa consistesse il suo alto pensiero politico, non so. Ma non credo che sia la cosa, di lui, più importante”.

Un accostamento degno di un cretino. Anzi di due cretini.

Perché il non conoscere il pensiero, e soprattutto l’azione politica di Riccardo Lombardi, non è da ignoranti se si sta a dirigere un giornale: è da cretini.

Perché a differenza di Montanelli – il cui pensiero politico era sconosciuto a lui prima ancora che agli altri e la cui azione politica era quella di scrivere di tutto su tutto con la sola ossessione del “mamma arrivano i comunisti” – Riccardo Lombardi un pensiero politico ce l’aveva.

E a questo è seguita una azione politica esemplare.

Quella che ha portato al primo centro sinistra che ha significato portare un minimo di progresso umano di e diritti sociali in questo paese. Ovvero:
– nazionalizzazione delle imprese di energia elettrica (capito? na-zio-na-liz-za-zio-ne) nel 1962
– aumento delle pensioni per i morti di fame;
– piano delle case popolari
– obbligo scolastico fino a 14 anni
– statuto dei lavoratori
– divorzio
– aborto

Di ciascuna di queste battaglie di civiltà (e di mille altre) Lombardi è stato protagonista tra i maggiori, di quella sulla nazionalizzazione dell’energia elettrica è stato instancabile ideatore e artefice.

L’eredità di Lombardi è questa.

Quella di Montanelli, non duole dirlo, è Travaglio.
E il Partito dei livorosi italiani.

Dimensione carattere
Colors