SCUOLE SICURE? SOLO INUTILI MENZOGNE

SCUOLE SICURE? SOLO INUTILI MENZOGNE


di Comitato Nazionale Scuole Sicure

È settembre, e a settembre si saluta l’estate, tornano gli acquazzoni e si riaprono le scuole.
Gli studenti italiani continueranno ad abitare scuole, sempre le stesse, come se questo territorio a forma di stivale non fosse altamente sismico.
Torneranno a scuola.

Le istituzioni, come hanno sempre fatto, continueranno a far finta che gli edifici di loro proprietà, in cui ospitano il nostro futuro, siano sicure.
I genitori molti, continueranno a preferire parole di rassicurazione invece che chiedere ed esigere valutazioni tecniche e scuole sicure per i propri figli.
Le dirigenze scolastiche, convinte di non opporsi al potere della politica, continueranno a ripetere come un mantra che le loro scuole sono sicure.
Gli insegnanti, seppur preoccupati, preferiranno tacere.

La nostra battaglia, quindi, non può che continuare.
Continuerà fino a che a livello nazionale non si prenda davvero in considerazione una scuola in cui si vive e in cui si impara.
Continuerà fino a che lo stato, non prenda in carico la vicenda, fino a che lo stato, seriamente, non inizi una vera politica atta a stravolgere la situazione precaria e pericolosa degli edifici scolastici.
Le piccole battaglie, combattute localmente e vinte, non possono bastare.
Non si può aspettare un sindaco o un presidente di provincia illuminato per star sicuri.
Non deve essere il caso a stabilire ciò che si deve perentoriamente fare in tutta Italia.
Questa la nostra lotta.
Questa la finalità.
Siamo stufi di parole vuote e di frasi retoriche.
Non si salvano vite con le parole o con le preghiere.
Dopo la tragedia di San Giuliano del 2002 tutto sarebbe dovuto cambiare.
Ma agli italiani e all’Italia bastano le parole.
Tipo queste:

Prendiamo l’impegno che nessuno verrà lasciato da solo, nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione. E mettiamoci al lavoro” (Renzi dopo il 24/8/2016)

Sarà subito dopo necessario un rapido sforzo corale per garantire la ricostruzione dei centri distrutti, la ripresa delle attività produttive e il recupero della normalità di vita” (Mattarella dopo il 24/08/2016)

La burocrazia uccide più del terremoto“, “Qui la gente è stata uccisa nelle fragili case e da chi le ha impedito di riappropriarsi della vita col lavoro“, “Governanti burocrati: si è assassini anche facendo marcire i progetti” (Belice 14/15 gennaio 1968)

Ad oggi, complessivamente, per una ricostruzione non del tutto completata, sono stati spesi ai valori attuali oltre 6 miliardi di euro.
Solo il 50 per cento dei fondi è andato dove doveva andare, il resto è stato dissipato. Il dopoterremoto è stata una cuccagna sulla quale hanno mangiato tutti: il 20 per cento del denaro è finito in tasca ai politici, un altro 20 per cento è andato ai tecnici della ricostruzione. Camorra, imprese del Nord e imprenditori locali si sono mangiati il resto.” (Rocco Caporale) (Irpinia 1980)

Il procuratore Magrone nella sua requisitoria nell’aula del processo di primo grado sottolineò che la vicenda della scuola di San Giuliano rappresenta l’Italia peggiore, «quella delle violazioni, del sistematico calpestamento delle leggi e delle normative». «Se è vero – disse – che il sisma del 31 ottobre 2002 fu l’evento scatenante della tragedia, è anche vero che, se le norme fossero state rispettate quando si decise di sopraelevare l’istituto scolastico, quella scossa da sola non sarebbe bastata a far crollare l’edificio, e prova ne sia che nel resto del paese ci furono crolli e danni anche gravi a case e palazzine, ma nessun edificio implose come la scuola, fino a polverizzarsi». Mancanza dei calcoli necessari, mancanza dei collaudi, mancato rispetto delle norme e mancato adeguamento alla riclassificazione sismica del 1998: queste, secondo l’accusa, furono le vere cause della morte dei bambini e della loro maestra. (San Giuliano di Puglia 2002)

Queste solo alcune delle dichiarazioni e delle parole usate senza alcun criterio.
Questi i fatti che descrivono l’incapacità italiana alla prevenzione.
La scuola ricomincia.
E no, davvero, noi non vi lasceremo in pace.
CNSS

SCUOLA: CHI DI CERTIFICATO COLPISCE, DI CERTIFICATO PERISCE

SCUOLA: CHI DI CERTIFICATO COLPISCE, DI CERTIFICATO PERISCE

di Annachiara PIFFARI

CARI GENITORI, la scuola vi chiede il certificato vaccinale dei vostri figli?
E voi chiedete, a protocollo, il CERTIFICATO ANTISISMICO E IL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ’ (ovvero del rispetto dei PARAMETRI DI SICUREZZA) degli edifici scolastici (DEVONO ESSERCI, PER LEGGE!)

E MO’ VOGLIO PROPRIO VEDERE…

Gli edifici scolastici devono possedere per legge il “Certificato di rispondenza alla normativa antisismica” (ai sensi dell’art. 28 L. 64/1974 e di eventuali leggi regionali)

Il certificato di agibilità, previsto dall’articolo 24 del Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001) “attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente.”

DEL RESTO…. LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI, NO?

FAC SIMILE DOMANDA DA CHIEDERE VENGA MESSA A PROTOCOLLO IN SEGRETERIA, da presentarsi in contemporanea all’esibizione del certificato dei vaccini:

“Al Dirigente scolastico (nome e cognome) dell’Istituto….
OGGETTO: RICHIESTA CERTIFICAZIONI.
Il sottoscritto…. nato a…. il… residente a…. via…. genitore dell’alunno…. frequentante la classe…. dell’Istituto…..
CHIEDO
ai sensi dell’art. 28 L. 64/1974 e di eventuali leggi regionali e ai sensi dell’articolo 24 del Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001) che mi vengano consegnati il CERTIFICATO ANTISISMICO E IL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ di codesto edificio scolastico, come previsto dalla normativa sopracitata.
Luogo, data, firma”

Che se tu esigi da me la documentazione dell’ottemperanza di un obbligo di legge, io da te PRETENDO altrettanto.

TARDA IL DECRETO SUGLI SSD: INTANTO IN RETE SI OFFRONO PACCHETTI SICURI AL 100%. SIAMO NEL PAESE DELL’ASSURDO

TARDA IL DECRETO SUGLI SSD: INTANTO IN RETE SI OFFRONO PACCHETTI SICURI AL 100%. SIAMO NEL PAESE DELL’ASSURDO

 

di Potnia THERON

In questa estate torrida, in cui ci si mette anche Lucifero a asfissiare i futuri docenti alle prese con le iscrizioni in seconda e terza fascia, un dubbio assilla gli aspiranti insegnanti neolaureati.

Gli ultimi sviluppi della famigerata legge della “Buona Scuola” prevedono che i neolaureati (categoria in cui si fanno i ricadere i non abilitati e senza i 36 mesi di servizio) debbano acquisire 24 CFU nei settori antropo-psico-pedagogici.

Si ripete come un mantra in tutte le assemblee sindacali, negli incontri informativi e nei gruppi Facebook che il ministero non ha ancora stabilito esattamente i codici precisi degli insegnamenti nell’ambito dei quali sarà possibile acquisire i crediti.

Tutto è immobile dunque: non ci si può portare avanti, studiando per questi esami famigerati, perché sembra di capire che siamo in attesa di un decreto attuativo con cui il ministero dovrà specificare tali codici.

In questa incertezza palpabile in rete in cui si inseguono informazioni le più disparate da blog e siti come Orizzonte Scuola, un dubbio giunge ad assillare l’insegnante: ma come mai, se tali codici non sono ancora stati precisati, enti accreditati presso il MIUR già da svariate settimane propongono “pacchetti” con cui assicurano che si acquisiranno questi benedetti CFU, validi per partecipare all’ipotetico concorso del 2018?

Ad esempio un articolo di Orizzonte Scuola del 7 luglio titola così: “News: per insegnare occorreranno 24 CFU specifici garantiti al 100% solo da Mnemosine (Ente Accreditato MIUR): Esami in un solo giorno in tutta Italia”.

Segue poi l’articolo, del quale vale la pena riportare un breve estratto:

Dopo l’approvazione de D.L. 59/17, l’Associazione Mnemosine Ente Accreditato M.I.U.R. con oltre 10 anni di esperienza Nazionale ed Internazionale regolarmente certificata, garantisce la possibilità di conseguire al 100% i 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche, nelle metodologie e tecnologie didattiche che consentiranno l’accesso al prossimo Concorso a Cattedra previsto nel 2018. Il nostro team di esperti ha predisposto i seguenti Corsi Singoli Universitari erogati dall’Università Dante Alighieri di Reggio Calabria:
Didattica speciale (9 CFU) – M-PED/03
Psicologia dell’apprendimento (9 CFU) – M-PSI/04
Teoria e metodi di progettazione e valutazione didattica (9 CFU) – M-PED/04
Antropologia culturale (9 CFU) – M-DEA/01

Basta scegliere tre dei quattro suddetti corsi per accedere al Concorso. Gli Esami si svolgeranno in tantissime sedi di tutte le Regioni Italiane!”

L’iscrizione a tre corsi (necessari per ottenere i 24 CFU) costa 640 Euro.

Viene spontaneo chiedersi dunque come fa Mnemosine a sapere, in assenza di tale decreto attuativo, a garantire al 100% che gli insegnamenti proposti siano effettivamente validi per il concorso?

Ha delle notizie forse che al cittadino sono ignote? Non sarebbe il caso di informare anche i comuni mortali, di modo che possano portarsi avanti e iscriversi ai corsi singoli delle università statali, o, nel caso in cui si stia ancora studiando, conseguire i CFU nell’ambito del proprio percorso universitario?

Alle università statali di Milano, ad esempio, l’iscrizione ai tre esami proposti da Mnemosine costerebbe, come corsi singoli, 540 euro. Avremmo già un risparmio per lo studente, che spesso non naviga nell’oro, di circa 100 euro. Esistono poi altre università italiane che erogano i corsi singoli a prezzi ancora più bassi.

Ci sembra quindi che ci sia una precisa ragione dietro questi ritardi del ministero: la volontà di favorire enti privati?

In più, proprio in questi giorni, circola una notizia inquietante in rete per coloro i quali davvero avevano sperato che il concorso vedesse la luce nel 2018.

Se infatti continuerà a tardare il decreto con cui si specificano gli SSD, non sarà possibile acquisire tali crediti in tempo utile per l’autunno del 2018, in cui si prevede avrà luogo il concorso.

Le strade sono due: o parteciperanno al concorso soltanto coloro i quali, pagando un ente privato, sono in possesso dei CFU, o, forse più probabilmente, slitterà il concorso…

Chissà se tutti coloro che erano ottimisti su “Buona Scuola” e sul FIT continueranno ad esserlo.

MINISTRA FEDELI: LICEI BREVI, FUTURO SVENDUTO

MINISTRA FEDELI: LICEI BREVI, FUTURO SVENDUTO

 

di Jean DE MILLE

Mi è difficile, in questi giorni, non abusare del sarcasmo: quasi che la ragione, il discorso argomentato e razionale, rifiuti di piegarsi alla tristezza circostante, a un paese svuotato di umanità e di senso, dove salvare un migrante rappresenta un crimine, dove l’egoismo meschino conquista quotidianamente nuove fette del mercato politico, dove la miopia e la stupidità regnano incontrastate.

Oggi è la volta della sperimentazione di un percorso breve per i licei: una riduzione del ciclo di studi a quattro anni, che si affianca al degrado dell’alternanza scuola-lavoro.

La nostra deprecabile classe dirigente rimarca in questo modo quanto sia inutile la cultura in questo paese.

Un paese condannato dalle scelte politiche ed imprenditoriali ad occupare un posto di retroguardia nel mercato globale, a competere coi paesi emergenti contraendo salari e diritti sociali, a difendere la nicchia decrescente del proprio benessere con la più spietata guerra di classe condotta contro i poveri, non importa se indigeni o di altra provenienza.

La riduzione del percorso di studi, la decapitazione della scuola pubblica, segna ancora una volta il regresso complessivo del paese, e la sua consapevole rinuncia a investimenti culturali che nessuna politica indirizzata allo sviluppo economico sarebbe in grado di valorizzare. Siamo, e saremo sempre più, una nazione di analfabeti.

Con un lavoro da analfabeti, un futuro da analfabeti, e la prospettiva quasi certa di vivere una vita di merda!

SCUOLA SVIZZERA E DISCRIMINAZIONI CON LA S MAIUSCOLA

SCUOLA SVIZZERA E DISCRIMINAZIONI CON LA S MAIUSCOLA

Scuola svizzera via Appiani
Piccole storie ignobili (ma alquanto subdole e pericolose) di una scuola privata che si pregia di parlare di se stessa usando l’iniziale S in maiuscolo, salvo poi discriminare i bambini portatori di vari handicap.

Se questa è la scuola privata, è una ragione di più per proteggere e lottare in difesa della scuola pubblica.

Anzi, Scuola Pubblica.

La sola che per ciò che rappresenta può fregiarsi dell’iniziale in maiuscolo.

“Mia madre mi disse, non devi giocare con gli Svizzeri nel bosco…”

(semicitazione di Laura Bassanetti da Fabrizio De Andrè)

 

di Paolo LIMONTA

C’è una scuola (la minuscola non è casuale) in via Appiani a Milano che in un articolo del suo regolamento,approvato poco più di un mese fa, recita:

“Art. 2.5 – Disturbi del l’apprendimento e comportamentali, handicap motori.
Essendo la Scuola Svizzera impegnativa e multilingue, non è ottimale per studenti affetti da disturbi dell’apprendimento quali: dislessia, discalculia, ADHS, sindrome Asperger, autismo e disturbi comportamentali.

In caso di disturbi di lievi entità gli allievi vengono aiutati dagli insegnanti a progredire, ma devono comunque soddisfare i regolari criteri di promozione. Eventuali costi derivanti da conseguenti lezioni supplementari, assistenza psicologica o fisica saranno a carico dei genitori.

Essendo l’edificio su più livelli, privo di ascensore, non è altresì una Scuola adatta a studenti con gravi handicap motori.”

Loro, quelli della scuola svizzera, “Scuola” lo scrivono con la maiuscola perché la ritengono sicuramente una realtà di altissima eccellenza.

Io l’ho scritto con la minuscola perché una scuola che discrimina in modo così plateale, per me semplicemente non è una scuola.

E mi vergogno molto che sia una scuola della mia città…

 

.

(grazie per la foto a Laura Bassanetti)