NON C’È ALBA PER I RIFUGIATI A ROMA

NON C’È ALBA PER I RIFUGIATI A ROMA

di Roberto CICCARELLI*

Giovedì 24 agosto: un’altra giornata di vergogna per Roma, dove centinaia di rifugiati, in Italia da molto tempo, vengono aggrediti dalla forze dell’ordine. Un doppio prezioso racconto di Roberto Ciccarelli, il primo scritto alle ore 8, il secondo alle ore 13. Qui invece il messaggio diffuso da Medici per i diritti umani: La notte prima dello sgombero. In coda, infine, un reportage fotografico di Eliana Caramelli

* * *

Giovedì 24 agosto, ore 6,45: nuovo sgombero del popolo dei rifugiati che resisteva da sabato a piazza indipendenza a Roma, dopo lo sgombero di un migliaio di persone dal palazzo dei rifugiati. Manganelli, idranti, drappelli armati hanno respinto le persone all’alba.

Un’occupazione scomoda quella di palazzo Curtatone, questo il nome comunemente attribuito all’immobile. Sul lato opposto di piazza Indipendenza (a due passi dalla Stazione Termini, ndr) sorge la sede del Consiglio Superiore della Magistratura, a trecento metri c’è il consolato tedesco, a pochi passi la redazione romana del Sole 24 Ore e il Corriere dello Sport. Finché ha resistito in questa zona centrale della città, il palazzo dei rifugiati è stato la denuncia vivente del mancato rispetto della Convenzione di Ginevra, del regolamento di Dublino e del malfunzionamento del sistema dell’accoglienza.

Gran parte degli occupanti erano legalmente residenti in Italia, con attività lavorative nella Capitale, per anni hanno mandato i bambini nelle scuole del quartiere. Al riconoscimento dello status di rifugiati non è seguita l’accoglienza in strutture che potevano garantire condizioni di vita dignitose. Mai, fino allo sgombero del 19 agosto, è stata offerta una soluzione alternativa realistica. Queste persone erano state messe in mezzo alla strada perché l’Italia non prevede per tutti l’accompagnamento fino alla reale autonomia delle persone.

Ora ci sono tornate, in strada.

“Dopo dieci anni dobbiamo ricominciare la nostra vita in un centro di accoglienza? – aggiunge una donna Eritrea – Noi avevamo la nostra vita là dentro, non possiamo ricominciare da zero“.

Contro uno sgombero senza alternative si è espresso l’Onu: “A monte è mancata una soluzione alternativa. Il palazzo è occupato dal 2013, quasi tutti sono rifugiati, alcuni dei quali residenti nel comune di Roma, ci si doveva organizzare diversamente”.

Ancora una volta a Roma ci sono sgomberi senza preavviso e senza alternativa – sottolinea Tommaso Fabbri, capo-missione in Italia di Medici Senza Frontiere – Senza una soluzione concreta, le persone hanno continuato in questi giorni a dormire in strada. Tra loro, ci sono donne, persone vulnerabili, casi medici, rifugiati che hanno bisogno di una presa in carico. Ora, senza un’alternativa, le persone si stanno agitando e protestano, ma questa è una violenza che colpisce tutti”.

“Stiamo rivelando il vero volto delle nostre intenzioni: liberarci di qualcosa, o forse di… qualcuno. Ma è pura illusione: quelle persone esistono, sono vive, in carne e ossa, respirano, mangiano: sono come noi, come me come tutti… L’unica differenza è che sono nate nel posto sbagliato, sono cresciute nel posto sbagliato e, purtroppo, non vorrei dirlo, sono arrivati nel posto sbagliato” ha detto monsignor Paolo Lojudice, vescovo ausiliare di Roma (che in questo articolo definisce Roma senza troppi giri di parole, la città degli sgomberi, ndr).

.

L’urlo

Una manciata di rifugiati eritrei cerca di resistere ancora all’ultimo sgombero della piazza avvenuto all’alba. Nel gruppetto che va avanti e indietro, davanti a un cordone di carabinieri e un altro di polizia ci sono diverse donne, un uomo con le stampelle, solidali, giornalisti, videomaker e fotografi. Gli idranti sparano potentissimi getti d’acqua, una donna fa un salto di un paio di metri. Poi i ranghi si serrano e una cinquantina di persone è spinta lentamente all’imbocco di via Goito. A un gruppo di giornalisti e solidali che osservava la scena da un’aiuola ricolma di sacchi a pelo e cartoni un agente ha detto: “Signori, per cortesia, allontanatevi. La piazza è chiusa”.

“Siamo stati svegliati con l’acqua degli idranti. Hanno preso alcune di noi per i capelli colpendole anche con i manganelli. È assurdo: siamo rifugiati politici, abbiamo i documenti in regola”. A parlare è una delle donne sgomberate all’alba da piazza Indipendenza. “Ci hanno preso per i capelli – racconta un’altra – quella donna con il braccio fasciato è stata colpita con un manganello e ora sta andando in ospedale. Anche io ho i segni sul fianco. Non è giusto. Abbiamo dormito per strada per cinque notti. Vogliamo solo una casa”. “Questo è uno stato accogliente? No è un paese fascista, disumano”, urla una donna con la voce spezzata dal pianto.

“Questa mattina all’alba in piazza Indipendenza è avvenuto lo sgombero dei rifugiati che vivevano nel palazzo occupato di via Curtatone, sotto gli occhi terrorizzati dei bambini che erano stati lasciati al primo piano insieme alle loro famiglie dopo lo sgombero di sabato scorso”, sostiene Andrea Iacomini, Portavoce dell’Unicef Italia, in un comunicato. “Questi bambini, dopo aver assistito a scene di guerriglia urbana, sono stati caricati sui pullman delle forze dell’ordine e portati in Questura alcuni testimoni ci hanno raccontato che continuavano a gridare e battere le mani sui vetri durante tutto il tragitto, in preda al terrore. Sconvolti.

È una situazione molto triste: parliamo di ottocento persone con status di rifugiato, sopravvissute a guerre, persecuzioni o torture che in alcuni casi hanno anche ottenuto la cittadinanza italiana, buttate in strada in condizioni disumane senza una alternativa sostenibile (non il meno peggio) da parte del Comune di Roma che abbiamo invano atteso in piazza”. “Malgrado le soluzioni offerte dal Comune, 80 posti sparsi in due strutture diverse, e dal privato, alcune villette in provincia di Rieti, ci sembra che nessuno abbia riflettuto sul destino di queste persone.

I bimbi vanno a scuola a Roma e molti degli adulti lavorano, segno di un percorso di integrazione ed emancipazione dal sistema di accoglienza che verrebbero interrotti di netto e non valorizzati, in particolare gli 80 posti sprar di cui si parla verrebbero sottratti ai nuovi arrivati titolari di protezione o in attesa di riconoscimento. Per quanto riguarda la proposta del privato di mettere a disposizione per quattr mesi alcune villette presenti in provincia di Rieti la distanza territoriale non garantirebbe continuità a scuola e lavoro e sradicherebbe queste persone dal tessuto sociale. La verità va detta tutta: questa situazione non è legata alla cosiddetta emergenza migratoria, è una situazione storica di Roma, sintomo dell’assenza di politiche adeguate e lungimiranti. Si continua con interventi emergenziali quando sarebbe stato possibile valutare soluzioni strutturali”, conclude Iacomini.

* Giornalista del manifesto, con Giuseppe Allegri è autore Il Quinto Stato (Ponte alle Grazie), vive a Roma

fonte: comune-info.net

 

 

 

POLITICA (e) IMMONDIZIA

POLITICA (e) IMMONDIZIA

Virginia Raggi

di Simone ZAGAROLO

Siamo ideologizzati, contro ogni ideologia.

“Né destra né sinistra, ma solo il bene dei cittadini!”

Bene! Sono frasi ad effetto che prendono per la pancia i cittadini e per la gola. Ma tutto lì, però!

Poi qualcuno, indipendentemente dai suoi reconditi fini, invade la città e la ramazza, svuota i cestini.

Se alle parole avessero dovuto seguire i fatti, si sarebbe dovuto dire:

“Grazie! Mi avete aiutato, ma soprattutto avete aiutato cittadini. La prossima volta metterò anche le macchine dell’AMA a disposizione e chiameremo tutti i cittadini a dare una mano.
Da sola e con i soldi che abbiamo non ce la facciamo!”

Questo mi sarei aspettato!

Nessuna ideologia, nessuno scontro tra fazioni ideologiche, ma pragmatismo e concretezza.

E anzi avrei rilanciato. Senza minimalismi!

Avrei lanciato un appello ai cittadini! Non generico, ma contenente tutta la verità senza veli e senza dietrologia!

La situazione è drammatica, con le casse del comune vuote non ce la facciamo. Non è solo questione di competenza ma che proprio mancano i soldi.

Allora?
Allora scendiamo in piazza per le strade prendete ramazza e scope e diamo una ripulita.
Una vera domenica ecologica questa volta.

Senza maglie colorate, ma con i vestiti che indossate per andare a lavoro o che indossate in casa.

Invece niente!

Questo si che sarebbe stato trasversale e interclassista!

Non populismo.
Una ventata di verità!

Pensate invece, che l’atteggiamento della Raggi sia compatibile con una pratica decantata come anti ideologica, post moderna e innovativa o percorriamo sempre gli stessi schemi, gli stessi modelli di sempre?

Non cambierà nulla se non si rompe, non a parole, ma nei fatti col passato. E pure col presente!

IL NUOVO SACCO DI ROMA

IL NUOVO SACCO DI ROMA

Rifiuti Roma

di Maria MORIGI
Dopo la storica sciagura dei Lanzichenecchi, sui romani sta per abbattersi una nuova invasione: quella dei renziani.

Domenica mattina le truppe renziane si sguinzaglieranno per le strade di Roma con la ramazza in mano per dar vita a una clamorosa prova di Populismo e inonderanno i social di selfie con cassonetto sullo sfondo.

All’utile grido “Lazzaretti, al posto di cassonetti”!

La libertà di NON poter manifestare

La libertà di NON poter manifestare

Avete letto tutti la notizia che tra i black bloc nel G8 a Genova c’era un poliziotto inglese. E sappiamo cosa stavano lì a fare. A distruggere con la violenza una libera e pacifica manifestazione per poi permettere la più atroce repressione.

E’ questo il livello attuale di infiltrazione del potere, di repressione e di manipolazione delle popolazioni.

C’è la libertà di manifestare, nella nostra Costituzione, ma i Governi non tengono in conto quello che è scritto in Costituzione.

Questa cronaca kafkiana di un manifestante CONTRO i Trattati Europei il 25 Marzo a Roma, dimostra che la libertà di manifestare è ancora rimasta lì, sulla Carta. E il popolo è completamente SOTTO CONTROLLO. E deve liberarsi.

di Simone ZAGAROLO

Li ho fotografati a poche distanza dal corteo, quando ormai era tutto o quasi, terminato.

Erano delusi per non aver avuto l’occasione di poter mettere in pratica la loro “missione” e si vedeva!
Per queste foto che in realtà ritraggono poliziotti in tenuta Black Bloc, sono stato trattenuto per tre ore, isolato, strattonato, sbattuto contro il muro, circondato da quattro o cinque di loro.

“Cinque di voi, palestrati, contro un vecchietto di 65 anni? Qual è il pericolo che rappresento?

Alla richiesta di presentarsi, mi mostravano di sfuggita, velocemente, una placca d’oro. Ma non capisco se è vera o una patacca,
“Ma siete veri o fingete di essere poliziotti?”

Volevano le foto, e sequestrarmi la Memory card.

Al mio rifiuto (“occorre un mandato del giudice”, rispondevo) si sono infuriati, alla fine gli ho dato una copia di una memory card che avevo di riserva, e che avevo velocemente scambiato.
L’hanno distrutta e si sono ritenuti soddisfatti.

“Tesserino di giornalista!” Mi urlavano!
“Ma io sono solo un fotografo e blogger, non ho tesserino! Non è necessario un tesserino”

“E qual è il tuo blog, e dove pubblichi le tue foto, chi ti paga, per chi lavori?” Domande a raffica! Le mie risposte a termine di legge, li faceva infuriare ancora di più!

Hanno trattenuta la mia carta di identità “per l’identificazione”.

Poi la messa in scena del poliziotto “cattivo” e di quello “buono”, quello del dialogo e quello che mi strattonava e mi minacciava di chissà quali conseguenze.

“In fondo facciamo il nostro lavoro” E qual è il vostro lavoro? Il più infuriato era quello che si era presentato come “ispettore”, come se questo fosse stato come il “basta la parola”.

Rosso, paonazzo, con gli occhi rossi, ho presente il suo volto! Pareva “pippato” o “pasticcato”.

Dopo avermi schedato mi hanno “consigliato” di non farmi vedere più in giro a fotografare poliziotti in borghese per chissà per quali missioni segrete.

Questa volta, la loro missione è andata buca!
Ma hanno portato a casa la foto segnaletica di un “sovversivo”.

Che paura!!!!
Suona il cellulare.
Mia moglie.
Tranquilla, tutto normale, sono di ritorno.
NO! Non è successo nulla!
Di straordinario…

Riflessioni politiche. Libertà di dissentire o gregge al pascolo sotto scorta?

Riflessioni politiche. Libertà di dissentire o gregge al pascolo sotto scorta?

di Nico Max Weber

Finora, nel corso della storia la libertà dell’uomo è stata limitata da due fattori: l’uso della forza da parte dei governanti (essenzialmente, la loro capacità di sopprimere i dissenzienti) e, più importante ancora, la minaccia dell’inedia che ha pesato su coloro i quali fossero riluttanti ad accettare le condizioni di lavoro e di esistenza sociale loro imposte”.

Erich Fromm, La disobbedienza e altri saggi, 1981

Sabato 25 Marzo, a Roma si sono svolte varie manifestazioni e cortei per protestare contro l’anniversario dei sessant’anni per i trattati che diedero inizio all’Unione Europea.

Se non notate nulla di strano è evidente che per voi la Libertà è una cosa astratta e non ben delineata.

Se invece vi siete accorti che il Potere, tramite i suoi fidati “servi” chiamati dal popolo “Forze dell’Ordine”, non hanno permesso di manifestare sotto ai Palazzi che lo rappresenta, ma li hanno letteralmente accerchiati sul Lungotevere senza possibilità alcuna di muoversi in altre zone, beh, siete dei veri e attenti osservatori.

Perché la Libertà per essere tale, non deve essere gestita da nessuno, ma solo da noi stessi e dalla nostra responsabilità.

corteo no euro

Ore 17.28 – Bocca della Verità (Vincenzo Bisbiglia)
Qui, alla Bocca della Verità, i nostri manifestanti hanno finalmente capito che non avrebbero potuto avvicinarsi a nessun palazzo del Potere, sono stati per così dire “tenuti al pascolo”.
Questa è la Libertà che ci concede il Potere!

fonte: https://poesiacultura.wordpress.com/2017/03/25/riflessioni-politiche-liberta-di-dissentire-o-gregge-al-pascolo-sotto-scorta/

Dimensione carattere
Colors