FACEBOOK E LA VIA INTERNAZIONALE ALL’IDIOZIA

FACEBOOK E LA VIA INTERNAZIONALE ALL’IDIOZIA

dal Coordinamento Nazionale del MovES

QUANDO SI LEGGONO COSE COME QUESTA, viene solo da dirsi che Facebook è stato un danno.

Poi, per carità, chi ha scritto questo status sarà un troll o quello che preferite, ma resta che nelle menti di tanti questi soggetti di danni ne fanno eccome.
Hai voglia, poi, a controinformare.

Davanti a simili fatti c’è solo da constatare la piena e totale sconfitta di una parte di umanità.

Contro questi sciacalli che volontariamente o meno diffondono simili BESTIALITÀ c’è da vigilare e STRONCARE con fermezza chi vuole generare il caos per poi poterlo gestire con censure di ogni genere e con la repressione del libero pensiero.

Bufale
LETTERA APERTA A CHI BAZZICA LE STANZE DEL POTERE

LETTERA APERTA A CHI BAZZICA LE STANZE DEL POTERE

ribellarsi

 

Lettera firmata

Oggi, come tante mattine, mi sveglio alle sei dopo aver sognato una banconota da cinquanta euro passare di mano e andare via. I miei figli erano silenziosi e presenti, mia moglie nel sogno aveva consegnato quell’unica banconota a una gentile signora di uno sportello delle poste.

Ma, da sveglio, le cose non sono migliori.

Ditelo ai signori, incravattati in quel consesso, CHE COSA SIGNIFICA alzarsi al mattino per andare a lavorare dove sai che tra poco verrai lasciato a casa, lavorare gratis perché l’azienda non ti corrisponde lo stipendio da due mesi, ma andarci lo stesso perché non esistono più rappresentanze in grado di difenderti efficacemente, andare sapendo che tutte le ferie non godute (una quantità sterminata) non ti verranno corrisposte mai, andare sapendo che quando verrai lasciato a casa non percepirai gli stipendi arretrati e il TFR se non dopo molti mesi, senza il dovuto preavviso, andare perché l’etica del lavoro che ti hanno insegnato ti farebbe sentire un verme, se tu restassi a casa.

Ditelo, per piacere, che la misura è colma, e che non si dovranno stupire se presto questi milioni di concittadini armati solo della propria umanità si trasformeranno in altro.

Ditelo, che mentre loro discettano di leggi elettorali, dopo aver avuto per decenni le migliori possibilità, e stanno ancora truffaldinamente discutendone, il Paese sta affogando.

Ditelo che mentre qui si piange per mettere in tavola ai propri figli una sottile bistecca loro aumentano le vessazioni, le trappole, tasse, gabelle.

Ditelo che la pietà è morta, e che sono molto fortunati perché abbiamo troppi affetti a cui badare.

Si ricordino che il giorno stesso in cui sapremo che non ci sarà altro da fare che guardare gli occhi tristi dei propri figli di fronte al misero futuro, allora quel tempo lo troveremo.

Ditelo, perché è solo questione di tempo.

 

p.s. Chi scrive non è un sanculotto, né uno sgrammaticato, nemmeno un lanzichenecco al soldo di qualche papa-re

E’ un cittadino con la schiena diritta, che pone l’uomo al centro, e che è pronto a difendere il futuro dei propri figli.

A qualunque costo.

 

POTERI E POTENTI SONO NOTI

POTERI E POTENTI SONO NOTI

Miliardari

 

di Raffaele DELLA ROSA

Parlare di “poteri occulti” da smascherare aggiunge fascino, anche se è una bischerata.

Poteri e potenti sono noti.

Magari non a tutti, perché non tutti leggono attentamente i giornali…. ma i nomi, sia pure non strombazzati, son noti.

Sono, in primo luogo, i nomi dei componenti degli organi che dirigono le organizzazioni finanziarie internazionali.

Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Organizzazione Internazionale del Commercio e via discorrendo.

Hanno vesti pubbliche ma non sono democraticamente rappresentative, l’ideale per servire da paravento alle manovre della finanza transnazionale privata.
In primis, ovviamente, quella USA.

Noti i nomi: le decisioni e le riunioni, ovviamente un po’ meno, solo quando fa loro comodo….insomma che volete…

Dimensione carattere
Colors