QUALE FASCISMO AL GOVERNO?

QUALE FASCISMO AL GOVERNO?

fascismo-governo

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile Movimento Essere Sinistra MovES

 

Si legge e si sente parlare un po’ ovunque di una preoccupazione quasi al limite dell’isteria collettiva che scaturisce dalle certezze di una bella fetta di persone, che siamo dinnanzi ad un governo fascista o che, quantomeno, legittimerà il fascismo.

Spiace dirlo a chi opportunisticamente sta cavalcando queste paure, ma il fascismo può prendere il potere SOLO quando lo sostiene la grande borghesia, il grande capitalismo.

Questa è la sola VERITÀ STORICA esistente e non solo sulla scorta della nostra storia passata ma anche su quella recente.
Basti pensare ai colpi di Stato e alle dittature, più o meno cruente, in America Latina anche di quest’ultimo periodo.

La Lega potrebbe avere derive andando verso un regime totalitario SOLO ed ESCLUSIVAMENTE se la UE e il capitalismo finanziario che rappresenta e difende, avessero INTERESSE acchè ciò avvenisse.

Ma a differenza di noi, gli oligarchi SANNO BENISSIMO che un regime repressivo conclamato o qualcosa di simile, GENERA RIBELLIONE, quindi ripresa e strutturazione, compattamento della sinistra che è la cosa che PIÙ TEMONO, per loro sarebbe PEGGIO della peste bubbonica.

La strategia del sistema neoliberalista, invece, almeno da 20 anni a questa parte, opera affinchè TUTTO marci senza picchi di sorta, senza turbamenti politici, senza scossoni.

Ma scusate, perchè avrebbero operato così alacremente per la creazione del pensiero unico, del partito della nazione, per l’omologazione del pensiero politico, sociale e individuale?
Perchè pensate che gestiscano così vergognosamente l’informazione?

E giusto per ragionare su quanto è accaduto solo pochi giorni fa, perchè credete che le élites abbiano spinto lo spread a livelli critici quando Mattarella ha posto il veto su Savona?

Dal loro punto di vista pensano di poterlo gestire, un governo, mentre il consenso popolare NO e non potranno gestirlo in eterno quindi sono cauti ai massimi livelli tanto da preferire un governo come questo, messo poi in condizioni di non nuocere, al RIVELARE ALLA MASSA COSA SIA REALMENTE LA UE!

Hanno scelto di NON farci tornare al voto perchè quel voto rischiava di tradursi IN UN REFERENDUM CONTRO L’EURO E LA STESSA UE.

Potete avere qualunque resistenza a considerare l’Unione Europea come la causa delle condizioni in cui versa il nostro Paese, ma se avete pensiero critico non potrete che rendervi conto di quanto vi stia dicendo.
Soprattutto mi piacerebbe che rispondeste ad una domanda.

Quando un sistema di potere STRANGOLA paesi democratici e REPRIME in maniera feroce i relativi popoli, quando AGGREDISCE le Costituzioni garantiste dei diritti sociali, umani e civili, al pari di come ha fatto l’Unione Europea, politicamente COME LO SI PUÒ DEFINIRE?

FOODORA, IL BOCCONE AVVELENATO DELLO SFRUTTAMENTO

FOODORA, IL BOCCONE AVVELENATO DELLO SFRUTTAMENTO

foodora-ricorso

 

del COORDINAMENTO NAZIONALE Movimento Essere Sinistra MovES

 

Foodora è un colosso tedesco ormai presente in diversi paesi del mondo che vende cibo preparato in ristoranti nei pressi della zona del cliente e consegnato a domicilio in 30 minuti.

E chi lo consegna? Ma che domanda, naturalmente giovani precari che, piuttosto di non poter sopravvivere, si accontentano di entrare nella schiera degli sfruttati della gig economy (il solito nome inglese per addolcire un po’ il boccone avvelenato dello sfruttamento) ovvero un’economia che si basa sul ‘lavoretto‘ saltuario ed è qui la vera perversione di questo sistema di lavoro.

Sono chiamati rider, questi fattorini che consegnano il cibo già cucinato. Lavorano a chiamata (sempre la famosa gig economy), senza preavviso, senza tutele e senza diritti.
MA…a tutti gli effetti, devono essere disponibili, sempre pronti, sempre efficienti, sempre veloci e soprattutto NON devono protestare se l’azienda, una volta ben sviluppata in un paese (questo è uno degli aspetti perversi del giochino), passa da una retribuzione oraria ad una a consegna, altrimenti sono fuori dal gioco.

Cosa significa questo? Significa che in un’ora devono effettuare almeno due consegne per riuscire a strappare una paga da fame e tacere, anzi, essere grati per l’opportunità concessa loro.
La paga oraria era di 5,40 euro. Le consegne sono a 2.70 euro ciascuna.
Pertanto, se prima succedeva che il ristorante non consegnava il cibo da recapitare nei tempi giusti, il rider poteva splafonare nell’ora successiva per un’altra consegna in 30 minuti.

Con le nuove disposizioni dell’azienda, invece, se il rider vuol racimolare qualche centesimo in più, deve correre fino a sfinirsi sulla sua bicicletta, venire monitorato attraverso il GPS tramite il suo cellulare, scapicollarsi in corse spericolate a rischio farsi parecchio male nel traffico cittadino e senza alcuna tutela previdenziale, subire pressioni e ricatti continui da un datore di lavoro che neanche si vede di persona perchè tutto è regolato da una app su cellulare.

Sei rider hanno protestato per tutto questo. Sono stati messi alla porta.
A quel punto, hanno fatto causa e l’hanno persa. L’hanno persa perchè il Tribunale di Torino, ha stabilito che sono lavoratori autonomi!

Ora, a prescindere che il lavoratore autonomo per definizione, in questo paese non ha mai avuto tutele.
A prescindere anche dalla sterile lettura della legge, una domanda bisogna farsela: come si può considerare lavoratore autonomo qualcuno a cui si chiede di giustificare la propria assenza, la malattia o il proprio diniego a svolgere un servizio? Delle due, l’una.

Ma nella giungla che è diventata la regolamentazione del lavoro, un rider, alla fine, da erogatore di servizi a chiamata, viene trasformato in un precario costretto a lavorare come uno schiavo e per una paga che definire vergognosamente miserevole non basta neanche a rendere l’idea.

Questi sono gli effetti dell’aver abolito l’art.18 dello Statuto dei Lavoratori e dell’aver introdotto il Jobs Act.
Schiere di precari, di sfruttati, senza tutele, senza diritti, senza difese. Soli, in balia di un sistema ferocemente predatorio e di una società sempre più dipendente da bisogni indotti.

Infatti, viene da chiedersi: ci serve davvero il cibo a domicilio? Ci serve davvero alimentare la schiavitù di altri esseri umani attraverso sistemi di profitto che annientano la dignità e l’esistenza delle persone?

Sono innumerevoli queste attività che forniscono servizi di vendita online.
Dietro ogni acquisto, però, c’è la sofferenza di un altro essere umano e le condizioni di lavoro dei dipendenti di Amazon, solo per fare un esempio, ci ricordano quanto sia spaventosa.

Tutto accade nel silenzio generale della politica, dei media, della società intera.
Questi lavoratori fluttuano nel vuoto pnematico del sistema come scarti della società, qualcuno (anzi, qualcosa) di cui non doversi occupare, qualcuno che non esiste.
Solo merce da acquistare insieme al prodotto comprato nel web.

Sarebbe importante rendersene consapevoli anche se è evidente che, a dover sanare questa piaga, debba essere la politica.
La gig economy e tutto quello che rappresenta questa forma di schiavitù, altro non è che la destrutturazione e la conseguente distruzione dell’economia reale voluta dal capitalismo finanziario, dal neoliberismo che hanno scientemente reso l’occupazione un privilegio e non più un diritto sancito dalla Costituzione.

A questo punto, dunque, si apre l’altro interrogativo: com’è possibile che ancora non si sia compreso su larga scala, quale sia la radice di questo disastro?
La domanda è più che lecita, stante il fatto che al di là dei proclami pigliavoti, poi c’è la realtà oggettiva, ossia che se non si esce da questa gigantesca trappola che ha voluto la precarizzazione di milioni di vite, che ha distrutto il sistema produttivo italiano, che ha portato alla deflazione dei salari, quale è stato aderire alla UE e al sistema debitorio dell’euro, non potranno che aumentare la schiavitù e lo sfruttamento.

E fino a quando? Fino a che livello?
Quale sarà il massimo tributo che le varie Foodora, Just Eat, Amazon, Zalando etc., forti dell’essere rappresentate e insieme rappresentanti di questo feroce sistema di potere, chiederanno ai lavoratori?

Quanta altra fame e schiavitù ci verrà imposta, ancora?
Quanto altro sfruttamento del bisogno primario dell’esistenza, quale è l’occupazione, siamo disposti a sopportare prima di trovare il coraggio di guardare in faccia la verità e individuare il VERO nemico di tutti i ceti popolari?

Cambierà il governo (forse), ma senza una politica di autentica rottura con il sistema neoliberista a trazione europeista, senza una politica che riporti l’occupazione al centro degli obiettivi della politica mediante investimenti produttivi, mediante la rinazionalizzazione dei comparti strategici e delle banche, senza autonomia e senza la sovranità di poterci autodeterminare nelle scelte che riguardano il nostro paese, riappropriandoci anche della possibilità di stampare moneta, tutto potrà solo peggiorare per noi.

A beneficio di aziende come Foodora che fanno della schiavitù e dell’oppressione di milioni di individui, il loro immenso profitto.

 

 

 

 

 

 

 

 

QUANDO UN “MESSAGGINO” TI TOGLIE IL LAVORO. E IL FUTURO

QUANDO UN “MESSAGGINO” TI TOGLIE IL LAVORO. E IL FUTURO

futuro-precarietà

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Nazionale del Movimento Essere Sinistra MovES

 

Arriverà il momento in cui, con uno schioccar delle mie dita, tu farai quello che io voglio. Tu, schiavo mansueto, avrai le tue ginocchia tremanti di fronte a me.
Al cospetto di Colui che tutto ti ha tolto.

Immagino come si possano essere sentiti quei quarantacinque “disgraziati”, dipendenti della Arsom di Carpi (MO).
Si sono visti licenziare con un messaggino mandato da WhatsApp, si son visti togliere il lavoro e il futuro con un semplice, asettico tocco dello schermo di un cellulare.
Della serie, “non contate nulla, siete solo oggetti di consumo”.

Milioni di lavoratori e in ogni settore, sia pubblico sia privato, vivono oramai da tempo questa condizione di precarietà, di attacchi continui ai propri diritti; in un periodo poi, che ha visto perdere il proprio potere di acquisto in maniera netta.

La politica continua a dir loro il contrario quando dovrebbe invece fare in modo che essi siano garantiti e tutelati.
Garantiti nei diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione, della quale ci si fanno, invece, beffe.
Tutelati nemmeno, proprio da chi dovrebbe rappresentarli.

Tutto è stato normalizzato, anzi, narcotizzato.
E’ consuetudine che fatti come questi siano prassi quotidiana; Jobs Act, Smart Job, voucheur e quant’altro hanno sortito il loro effetto: la precarietà assoluta e senza soluzione di continuità.

Ma una simile condizione non è stata possibile senza la complicità della politica di una certa sinistra, che, non non ha dato le risposte necessarie, che non ha più dato rappresentanza. Ed è stata condizione anche della politica del governo che si è reso braccio armato del sistema neoliberista stesso ad ampio raggio e di chi non rappresenta più i diritti dei lavoratori.

La precarietà genera debolezza, paura, e con essa si è dominati: sei ricattabile e accetti tutto pur di avere il “meno peggio” cercando di convincerti che ciò sia normale e ti rassegni dicendoti che potrebbe andare peggio.
Si applica la teoria della rana bollita di Noam Chomsky. Sempre. Un tanto alla volta.

Ma il peggio deve ancora venire. Il sistema neoliberista ha così modificato la struttura della società, ha  disgregato anche le famiglie, facendole sparire per come le abbiamo sempre conosciute.
Ha precarizzato il lavoro, quindi minato il diritto alla salute, alla casa, al vivere civile.

In questo sistema, tutto deve venire distrutto e diviso, anche l i nuclei famigliari spezzati in due dalle privazioni e dalle insicurezze gravi sul futuro. Più siamo soli e isolati nelle nostre vite, più siamo vulnerabili e assoggettabili.
Dividono per imperare in maniera sempre più sfrenata.

Il neoliberismo ha negato l’esistenza a tutti ma soprattutto ai giovani.
Quanti ragazzi, oggi, possono sperare di mettere su una famiglia con la serenità necessaria?
E quanti possono pensare ad un futuro ma che sia dignitoso?

Così, ti ritrovi da solo a pensare…
Hanno svilito il tuo lavoro, a te che li fai arricchire.
Vuoi avere un matrimonio, un figlio e un appartamento, come è normale che sia sempre stato nella storia degli ultimi 50-60 anni.
Vuoi poter crescere e far studiare tuo figlio, come tutti i figli. Rappresentano il futuro ma vivi in un sistema dove il futuro è rappresentato solo dalla finanza, quindi dal benessere per sempre meno persone.
Vorresti garantire alla tua famiglia la salute. Vorresti la serenità, insomma, niente più di questo.
Vuoi avere una vecchiaia dignitosa.

Ma sai benissimo che è un’utopia, ormai.
Se e quando lavori, quel che guadagni è insufficiente a garantire tutto questo, perché con la precarizzazione del lavoro e del futuro, proprio la vita è diventata solo un grande punto di domanda.

Ti hanno tolto quasi tutto.
E tu non hai più la forza di reagire al sistema che ti ha imposto il suo modo di vivere.
Sei solo, isolato, indebolito e impaurito.

Lezioni dal Neoliberismo

EMBRACO, LA VERGOGNA DI UN DISASTRO ANNUNCIATO

EMBRACO, LA VERGOGNA DI UN DISASTRO ANNUNCIATO

occupazione_embraco

 

.

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile del MovES

 

La vicenda Embraco, quella per cui una multinazionale in sfregio alle norme Costituzionali che regolano la vita civile di un paese che si dice democratico, USA sistematicamente i lavoratori come merce di cui disfarsi all’occorrenza e senza porsi il benchè minimo disturbo sul renderli carne da macello, sul non considerare minimanente la proposta del governo, presenta tutta la dinamica tipica di questo sistema di potere.

Si smantella un’azienda e si delocalizza per fare massimo profitto, si respinge la proposta del governo perchè di fatto i governi non hanno nessun peso contro lo strapotere che il neoliberismo consegna alle multinazionali e ad un padronato reso sempre più feroce da leggi inique e antidemocratiche volute dalle élite europee del capitalismo globalizzato.

Risultato: a NESSUNO importa se quei lavoratori finiranno nell’invisibilità di un sistema che non ha più neanche la possibilità di attivare tutele adeguate al consentire un’esistenza dignitosa a chi perde l’occupazione.
D’altro canto non potrebbe essere che così, visto che l’Italia persegue il diktat neoliberalista europeo pedissequamente.

Ma intanto Calenda va a piagnucolare in Europa sul disastro Embraco, come se agli oligarchi potesse importare qualcosa in merito, visto che questo sistema lo hanno voluto loro.

E i sindacati? Dove sono?
Perchè non organizzano i lavoratori della Embraco affinchè prendano in autogestione la fabbrica?
Ma più ancora, perchè il sindacato non lavora per creare coscienza e lotta di classe?

Dinnanzi ad un simile quadro, non si sa se essere più incazzati o se aspettare che il peggio si tramuti in tragedia, sperando che a quel punto i lavoratori sappiano fare piazza pulita di false sirene millantatrici di un sindacato e di una politica fintamente di sinistra che malgrado i proclami non difendono gli interessi delle classi lavoratrici e non rispondono concretamente ai loro bisogni.
TAP, STRATEGIA DI PROFITTO E DI DOMINIO

TAP, STRATEGIA DI PROFITTO E DI DOMINIO

gasdotto-tap-dominio

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Movimento Essere Sinistra MovES

 

TAP è l’acronimo che simboleggia ben più di quello che rappresenta per il territorio salentino. TAP è una strategia adottata dal neoliberismo per raggiungere il proprio fine: il profitto ad ogni costo e con ogni mezzo a propria disposizione e il dominio.

Oltraggia e annichilisce tutto ciò che può rappresentare un impedimento al sistema che esso impone. Prova con ogni mezzo ad annientare ogni forma di resistenza ad esso calpestando la dignità, il diritto alla vita e i diritti fondamentali per i quali si lotta affinchè vengano rispettati.

Troppe TAP sono originate dal neoliberismo, un sistema di potere che è strutturato e organizzato, forte degli intrecci che ha creato con i poteri politici, economici e di comunicazione diventando esso stesso un insieme di tali forze.
Travalica tutto.

Senza rendercene pienamente conto viviamo una epoca che ricorda da molto vicino il “Nuovo Medioevo”: da una parte una Monarchia (neoliberismo e le oligarchie bancarie), vassalli (UE e i suoi trattati), valvassori (i governi) e valvassini (i servitori del neoliberismo) e dall’altra i servi della gleba (i popoli), gli schiavi (chiunque può essere sfruttato in ogni modo) e i ribelli.

Risiedo in una zona che vive quotidianamente e continuamente la sua TAP, dove il territorio ha subito in quaranta anni profonde trasformazioni e che ricalca la storia del nostro Paese.

Da una società agricola ad una industriale e immobiliare selvagge senza il rispetto per il proprio territorio.

Eco-X, disastro ENI, discariche abusive e a cielo aperto, inquinamenti industriali fino a non voler farci mancare la costruzione di un gigantesco termovalorizzatore bio gas.

 

  

 

 

 

 

 

 

Il profitto ad ogni costo e lo chiamano progresso.

Ci dicono in tanti che è per migliorare le nostre condizioni di vita, che se ne traiamo le nostre comoditá e agi di vita è grazie a questo sistema.

In pratica ci indorano una pillola che è letale.

Ma come a Melendugno – dove si è creata una coscienza comune ribelle al sistema neoliberista e organizzata nel noTAP e dove ha trovato le sue avanguardie, dove si rischia la propria serenitá per difenderla (solo dei criminali per il sistema) – anche nel mio territorio, come in altri, ci sono focolai di resistenza che devono essere alimentati, dove si prende vita pian piano la coscienza per questa nuova resistenza e ci si organizza in altrettante avanguardie.

Perchè, proprio contro quel dominio, Melendugno e No TAP siamo tutti noi.
Dimensione carattere
Colors