CASSESE E LA SCOPERTA DELL’ACQUA CALDA

CASSESE E LA SCOPERTA DELL’ACQUA CALDA

cassese

 

 

 

di Carlo FORMENTI

 

Note ferragostane sul numero del Corriere del 13 agosto.
L’ineffabile Sabino Cassese, in un fondo dal titolo <<Gli Stati non sono sovrani>> scopre l’acqua calda: citando i vincoli imposti dai trattati internazionali, ma soprattutto dai mercati (!!!), ci spiega che gli Stati del mondo non sono più (perché lo sono mai stati!?) isole separate e che quindi, checché ne dicano i <<sovranisti>>, non sono interamente sovrani (vedi lo scarto rispetto al titolo dove l’interamente è soppresso, perché la linea del Corriere, com’è noto, è che solo i mercati sono sovrani).
Poi, con sublime faccia nei bronzo, aggiunge che quelli che chiamiamo mercati (forse si è accorto che il riferimento a questa entità fantasmatica non incanta più nessuno) sono fatti di persone cioè…di risparmiatori, investitori, quindi di <<popolo>>.

Incredibile: una volta vigeva l’identificazione (vedi Gramsci) popolo-nazione oggi impera quella popolo-mercati.
Ma se i piccoli risparmiatori sono l’unico dei soggetti qui nominati che faccia effettivamente parte del popolo, che ci azzeccano i grandi investitori (cioè quelli che comandano i mercati, che manipolano, ingannano e sfruttano i piccoli risparmiatori e che campano parassitariamente sui debiti pubblici privati)?

Cassese così getta la maschera e ci dice per conto di chi scrive, e ancora più chiaramente ce lo dice nella conclusione: populisti e sovranisti <<hanno un concetto troppo elementare della democrazia, intesa come un rapporto esclusivo, stretto soltanto fra un popolo e il suo governo>>.

Sottinteso: qual è la vera democrazia? Naturalmente quella in nome della quale i greci hanno dovuto accettare contro la loro volontà liberamente espressa in un referendum i diktat della Troika, che ha un concetto molto più ampio della democrazia (cioè gli interessi del popolo-mercato).
Ricordate cosa ha detto quel papavero di Bruxelles dopo lo scontro fra Mattarella e il governo giallo verde: i mercati insegneranno agli italiani come votare…

Altro piccolo appunto: a pagina 5, dedicata al dibattito sulla proposta di Salvini di reintrodurre il servizio militare obbligatorio, nel taglio basso si cita l’ex Capo di Stato Maggiore Camporini che dice: <<servono specialisti, non giovani inesperti>>.

Ora io non condivido assolutamente le motivazioni che Salvini adduce per reintrodurre la naja (così educhiamo i giovani e gli insegnano la disciplina!), però mi chiedo: la sinistra dovrebbe preferire un esercito fatto di cittadini <<inesperti>> che però pensano con la loro testa e possono rifiutare di eseguire ordini che reputano ignobili (tipo sparare su una folla di manifestanti o simili) oppure un esercito di professionisti <<esperti>> che esegue di default qualsiasi ordine gli venga impartito perché quello è il suo mestiere?

GENOVA, IL NOSTRO DOLORE, LA NOSTRA RABBIA

GENOVA, IL NOSTRO DOLORE, LA NOSTRA RABBIA

genova

 

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile Movimento Essere Sinistra [MovES]

 

.

Una giornata prefestiva di una settimana ferragostana che è stata torrida. Molte fabbriche e aziende chiuse. Altre continuano a lavorare. Le ultime partenze per il Ferragosto. E finalmente piove. Piove su tutto il nord e piove a Genova.
Genova. La A10 e il lavoro. E quegli ultimi chilometri verso gli imbarchi, verso il Ponente, verso la Francia.
Genova. D’improvviso, un soffio cruento che interrompe il flusso di tante vite, di spensieratezza, di agognato riposo, di lavoratori che si muovono nell’andirivieni dei veicoli.
Genova. D’improvviso il crollo. Le morti. L’orrore.

 

La notizia attraversa i media e in poco raggiunge tutti gli italiani. Nessuno vuole credere sia potuto succedere.
Un intero ponte crollato, è il tratto di viadotto che attraversa l’abitato. Il pensiero corre alle altezze, al precipitare, ad un gigante che incolpevole si è seduto con la sua massa di cemento, ferro e detriti sulle vite di tanti, sulle loro case, sulle loro speranze, sul loro futuro.

Si resta inebetiti, attoniti, sgomenti…
Il primo pensiero che ti sale alla mente: “…impossibile, non può essere successo davvero...” ma le immagini che scorrono, mentre il gigante si sbriciola, sono lì, sono sotto agli occhi di tutti. Lì e davanti agli occhi terrorizzati di altri esseri umani che ha chiuso per sempre.

In un lampo capisci cos’è successo. Capisci il perchè, le ragioni, le cause.
Aspetti, ti dici che non sarà così mentre dentro SAI perchè è accaduto ma speri di sbagliarti perchè un simile orrore lo rifiuti, perchè malgrado sai che chi ha causato quella strage sia capace di tutto, continui a non volerlo credere. È troppo anche per te.

Speculazione, degrado e incuria, prima, mancata manutenzione e intensificazione del traffico, dopo, per fare ancora più soldi, tanti soldi, montagne di soldi. No no no no, impossibile, pensi-speri ancora di sbagliarti.
Le ore passano e il pensiero continua a correre a quelle mani che scavano frenetiche, addolorate per ciò che trovano, agli occhi che non vogliono trovare solo morti, ai cani che fiutano, che guaiscono per raggiungere chi è sepolto sotto montagne di ferro e cemento sbriciolato. E ti manca il respiro, quasi ci fossi anche tu, là, sotto a tutto quel peso. Altre ore e ancora le stesse sensazioni.
Infine la conferma.

Ti assale una commistione di dolore profondo e sordo, di rabbia, di orrore senza soluzione di continuità. Genova ce l’hai nella mente, negli occhi, nei brividi che ti attraversano pensando agli ultimi istanti di chi precipitava, di chi si è salvato per un soffio davanti al baratro che si apriva dinnanzi alle ruote del suo veicolo, di chi è ferito ma non sa come, non sa quanto. E soprattutto non sa il perchè. Non lo sa ancora.

Ma tu, invece, lo sai. E sai già che quell’orrore è avvenuto a Genova come poteva avvenire ovunque in Italia, in Europa, in ogni parte di questo disgraziato spaccato di mondo ormai devastato e distrutto da un potere profondamente criminale che impiega un istante a spazzarti via dalla faccia della Terra solo per ingoiare, ingurgitare, incorporare patologicamente palate di denaro che non potrà spendere in tutta la sua esistenza e in quella delle sue discendenze. Solo per arricchirsi e per sentirsi onnipotente sapendo di poter decidere chi vive e chi muore.

Un gioco perverso quello che si è materializzato ieri a Genova. Genova, Italia. Genova, Europa.
Dopo ore ed ore, siamo ancora tutti a Genova, davanti a quelle immagini. Storditi, straniati, atterriti, spersi…
In giro c’è silenzio. Non solo perchè Ferragosto è alle porte. Un silenzio surreale.
Si parla di Genova, ci si guarda in faccia l’un l’altro e lo smarrimento è come pietra.
Chi non è mai passato di lì, specie vivendo al nord?

Un amico dice: “Ci sono passato ieri!”. Poteva capitare a lui, poteva capitare a tutti.
Ed ecco il mostro affacciarsi alla mente: SIAMO TUTTI IN PERICOLO.
Mai come oggi, in questa immensa roulette russa a cui il potere neoliberalista ci obbliga,  NESSUNO è salvo.
Ci hanno ridotti ad essere un gregge di agnelli sacrificali da immolare senza nessuna esitazione, retropensiero, dubbio e scrupolo, in nome del capitalismo più feroce e predatorio mai visto nella storia dell’Italia repubblicana.

Questo è un paese che troppo spesso è stato attraversato da disastri annunciati e voluti, costati vite umane. Stragi.
Da ieri piangiamo altri nostri morti innocenti sacrificati senza ragione e spaventa perchè ci ricorda che siamo esposti ad un pericolo che incombe sulle teste di tutti in qualunque momento, in qualunque contesto.

Un profitto massimizzato cui non importa per nulla della conta dei morti.
Un ponte instabile sin dalla sua realizzazione, a quanto pare, che ha mostrato i segni della sua incapacità da sempre. (I primi scricchiolii…)
Negli anni, però, il traffico era tale da essere tollerabile dalla statica del ponte.
Poi, con la privatizzazione del 2002, i carichi sono aumentati esponenzialmente. (Un altro sinistro scricchiolio…)
In Parlamento un senatore presenta un’interrogazione per il Viadotto Morandi denunciandone la pericolosità. Nessuna risposta. (Un altro scricchiolio ancora…)
Un esponente di Confindustria ligure, denuncia e predige il crollo. (E ancora uno…)
Tecnici qualificati insistono nel dire che si debba intervenire in fretta e radicalmente. Silenzio… (Gli scricchiolii continuano uno dopo l’altro…)
Il governo PD di ieri, col suo silenzio carico di colpe e responsabilità, coi suoi tanti Delrio che si sono lavati mani e piedi nel sangue dei morti di oggi, sono gli ultimi carichi destabilizzanti del Viadotto Polcevera e del ponte Morandi.
La Gronda che poteva sgravare i pesi in transito, non si è fatta perchè “Autostrade per l’Italia ha garantito che il ponte starà su per almento 100 anni”. Solo tre mesi fa l’ok ai lavori.
Poi il dissesto idrogeologico di cui la Liguria è uno degli emblemi più dolorosi in Italia, per le ferite inferte sistematicamente al suo territorio. Ma intanto i governi parlano di TAV, di TAP, di grandi opere, sulla scorta di una simile orrenda prospettiva regolata solo dal profitto.
Ieri l’ultimo, definitivo scricchiolio. E Genova è ferita mortalmente.
Ferita nei morti che giacciono sui tavoli degli obitori dei suoi ospedali. Ferita per il dolore dei famigliari delle vittime.
Ferita per l’orrore che resterà negli occhi di chi si sarà salvato e di chi porterà i segni fisici per sempre.
Ferita nei tetti su cui il gigante si è seduto spazzando via le case a 440 persone che sono dovute sfollare.
Ferita nelle attività produttive e portuali, nel turismo, nelle vie di comunicazione spezzate in due. E non si sa chi ringraziare che la catastrofe sia avvenuta in una settimana in cui la maggioranza delle aziende chiudono. Diversamente, come sarebbe stata la conta dei morti?

Questo è un capitalismo che mette sul piatto costi e benefici come in una grande scommessa.

 

È agghiacciate solo a pensarlo, peggio ancora a dirlo ad alta voce: Genova è la conferma definitiva per tutti che per questo capitalismo meglio rischiare i morti al fare interventi risolutivi.

COSTA MENO dover risarcire, a tragedia avvenuta, i danni collaterali (così definiscono le vite che spezzano) del mettere in sicurezza in qualunque modo, per evitare catastrofi.

 

Un capitalismo che conta sulla complicità dello Stato coi suoi tempi della giustizia che giustizia non è mai.
Genova sarà un’altra pagina nera di quella giustizia. Una peggio di tante accadute in precedenza.

Il profitto di un capitalismo che gioca sporco e senza freni e manda a schiantarsi al suolo poveri e ignari innocenti, perseguendo la volontà criminale di un arricchimento sfrenato che lacera le carni vive del paese.
Ma i rincari delle Autostrade ogni 1° gennaio sono immancabili e Atlantia – la S.p.A. che gestisce questo tratto di rete autostradale di cui la famiglia Benetton è il maggiore azionista – ha incassato 1 miliardo e 100 milioni di utili che non sono andati in interventi strutturali ma in dividendi per gli azionisti.

Un profitto che distrugge tutto senza conoscere mai pietà, che non bada al sangue delle vittime e alle famiglie che devasta e consegna alla disperazione totale, che si nutre della giustizia non giustizia.

Il viadotto Morandi di Genova che si è seduto col suo peso mostruoso sulle vite di tanti innocenti asfissiandole, schiacciandole e stritolandole fino a distruggerle, è la piena rappresentazione di come quel capitalismo – attraverso la sanguinaria massimizzazione del profitto che attua – sta asfissiando, schiacciando e stritolando le vite di tutta una umanità colpevole solo di non appartenere a quell’1% di popolazione mondiale che accresce la sua onnipotenza giorno dopo giorno mediante l’annientamento di intere popolazioni.

 

Un profitto che da ieri a Genova, ci lascia una volta di più sgomenti e rabbiosi.
Che spacca il cuore e lo affoga in un dolore sordo che dal profondo urla un disperato e determinato: BASTA!

 

IL DITO E LA TRAVE (ce lo chiede il mercato!)

IL DITO E LA TRAVE (ce lo chiede il mercato!)

trave

 

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile [MovES]

 

Leggo che a Brescia, comune che si è recentemente riconfermato piddista e in una provincia profondamente cattolica, leghista, sostanzialmente piccolo-borghese, hanno trovato il cadavere di un anziano – che viveva solo – dopo giorni.
Lo stesso è avvenuto a Roncadelle, comune in cintura a Brescia, dove una donna anziana, morta da sola, ha subito la stessa sorte: anche lei trovata dopo giorni.

Insomma, tanto fanfaronare di entrambe le forze politiche ma nessuna delle due, ovviamente, ha mai attivato anche su questi ancora abbastanza ricchi territori (lo sono anche oggi malgrado la stagnazione economica in cui è l’Italia) un sistema di servizi sociali che monitorino soprattutto gli anziani soli e le persone in difficoltà.

L’assenza di stato sociale è OVUNQUE in Italia, non solo in quest’area, ma a Brescia e provincia fa due volte più senso per il comportamento sociale ipocritamente cattolico e falsamente moralista, oltre che ridondante di slogan e propaganda sulla famiglia, sulla tradizione o sui buoni valori della solidarietà targata con il sigillo papale o le magliette rosse.

Già me li immagino i discorsi delle persone comuni delle zone interessate da questi ultimi fatti: contrizione, partecipazione formale, riprovazione stile “il mondo va a rotoli e non esiste più l’umanità”.
Ma poi, basta che un Erik Gandini qualunque – regista bergamasco che vive in Svezia – racconti che là si muore soli (anche se non è comunque la norma benchè sia stata fatta sembrare tale), ed ecco che praticamente tutti si sentono rassicurati, perchè se accade dove il welfare funziona, sono subito pronti a sentirsi leggitimati a dire il solito “figuriamoci in Italia”.
Et voilà, è così che tutto resta ciò che è e diventa rassegnazione in luoghi come questi.

È proprio dinnanzi a simili contesti che la consapevolezza del dover rompere la gabbia dell’euro e con i trattati europei, diventa una certezza granitica.
Altresì ci si rende sempre più coscienti che solo la nascita di un fronte socialista, anticapitalista e antiliberista, non è più rimandabile.
Il mantra della sinistra imperiale non dà tregua e la massa preferisce credere perchè dopo anni di condizionamento, rifugge come la peste il solo pensiero di una rottura con questo sistema, vagheggiando tragedie su una possibile uscita che invece sono già una concretezza nel quotidiano di ciascuno.

Il fatto è che si continua a raccontarsela ma la realtà non mente.
Le ragioni di un simile abbandono di ogni essere umano a se stesso sul proprio territorio, infatti, a volerle vedere sono ormai note, dato che i comuni non hanno risorse da investire a causa del patto di stabilità imposto dalla UE, la quale spinge inoltre alla privatizzazione dei servizi al cittadino, in maniera parossistica.

 

Però, ok, se vi piace così, andiamo avanti a raccontarci frottole e la vita ci sorriderà.
Come l’effetto del dito nel culo di cui parlavano gli Squallor nella loro canzone degli anni ’70.
Solo che con questo sistema di potere, il dito è diventato una trave.
TURCHIA: POSSIBILITÀ, EFFETTI ED ESITI DELLA CRISI

TURCHIA: POSSIBILITÀ, EFFETTI ED ESITI DELLA CRISI

turchia

 

 

di Giuseppe MASALA

 

Questi (nel grafico, ndr)  sono i sistemi finanziari maggiormente esposti con la Turchia. Ad occhio e croce complessivamente il sistema finanziario dell’area euro è esposto per buoni 200 miliardi di dollari. Quanto basta per terremotare tutto.

Ora il punto è semplice ed è una regola aurea eterna: quando il debito è grosso il problema non è del debitore ma del creditore. Dunque l’Europa si trova a dovrer inventarsi qualcosa perché la cosa non precipiti.

Le possibilità sono tre:

1) Salvare la Turchia con una linea di credito probabilmente della BCE. Ma è politicamente praticabile che la UE intervenga anche per salvare la Turchia? Sarebbe benzina sul fuoco del populismo;

2) Lasciar affondare la Turchia e salvare le banche europee impelagate nelle sabbie mobili anatoliche. Ma anche questo è politicamente costosissimo;

3) Andare a Washington e strisciare ai piedi di Trump implorando pietà. Solo i fessi non capiscono che il repentino crollo della lira turca è figlio dell’utilizzo di armi finanziarie della Full Spectrum Dominance USA. Utilizzo dovuto a questioni di ordine politico e militare. Detto questo, anche questa scelta non è priva di costo per gli europei: Trump chiederà un contraccambio molto alto.

L’intervento del FMI (a parte il fatto che Erdogan non lo chiederà mai) mi pare un’ipotesi difficile davvero: ma voi ce lo vedete il Sultano della Sublime Porta a prendere ordini da un Cottarelli? Possibile invece un intervento della Cina (e della Russia) se richiesto dai turchi. Di fatto significherebbe l’uscita di Istambul dall’orbita Nato e occidentale. Con le conseguenze politiche facilmente immaginabili.

Tutto il resto sono chiacchiere.

Ci sarebbe invece da domandarsi su cosa sia l’Euro e se esso sia davvero utile.
A me pare che i costi siano ormai più alti dei benefici.
Poi bisognerebbe domandarsi anche che cosa faccia la vigilanza della BCE se non ha messo uno stop ai prestiti nei confronti di un sistema-paese esterno all’area euro.

 

Se poi tutti dicono che era evidente il deterioramento degli indici macro della Turchia perché la BCE non si è accorta di nulla? Mah.
POPULISMO, DEMOCRAZIA E IL RUOLO DEGLI INTELLETTUALI

POPULISMO, DEMOCRAZIA E IL RUOLO DEGLI INTELLETTUALI

intellettuali

 

 

di Andrea ZHOK

 

Ho appena letto un interessante articolo di Paolo Ercolani (“Vaccini: l’ignoranza è più popolare della conoscenza”) che mi ha fatto riflettere. Mi ha fatto riflettere in particolare perché avevo appena dialogato con alcune persone, culturalmente formate e ben informate, che però nell’articolo di cui sopra, in quanto scettici verso le autorità, ricadrebbero nell’ambito dei “sudditi ideali”.

Nell’articolo, con un certo involontario senso del paradosso, questi cittadini, definiti “scienziati improvvisati e tuttologi dilettanti” sarebbero “sudditi ideali” perché NON obbediscono all’autorità, ma cercano di farsi attivamente una propria opinione. In sostanza, dopo che per una vita ci hanno insegnato che pensare con la propria testa è il sale di una cittadinanza consapevole, ora chi non accetta acriticamente l’autorità sarebbe addirittura carne da “totalitarismo”.

 

A scanso di equivoci, l’autorità di cui si parla non è mai una pura e semplice autorità scientifica, ma un’autorità scientifica cui ricorre ad hoc un’autorità politica.

 

Ora, in questo pezzo, come in molte altre riflessioni dello stesso tenore, vi è a mio avviso un fraintendimento di fondo del fenomeno generale cui stiamo assistendo, fraintendimento che va ben al di là della questione dei vaccini, di cui qui mi disinteresserò.

Parrebbe che il confronto attuale trovi da un lato autorità indiscusse, al di fuori di ogni tentazione e di ogni pressione, che essendo guidate dalla purezza del bene pubblico, si ritrovano per puro spirito di servizio a prendere iniziative politiche. E dall’altro lato ci sarebbe un popolo carogna, presuntuoso e diffidente che – vai a capire perché – non si fida a scatola chiusa oramai di nulla.

Ora, nelle moderne società complesse siamo tutti, senza eccezioni, degli ignoranti. Nessuno ha competenze all’altezza degli specialisti in nessun settore di pubblico interesse, salvo, per gli specialisti appunto, il proprio.
Ma al contempo tutti sono chiamati dalla forma stessa del governo democratico ad esprimere la propria volontà, NON su contenuti scientifici, ma, eventualmente, sulle conseguenze politiche di tali contenuti.

Da nessuna verità di fatto, anche concesso sia tale, discende mai per deduzione alcuno specifico dovere, alcuna specifica norma o imposizione. Tra la constatazione di un fatto e l’applicazione politica ci sono molte intermediazioni.

Quando verità, o presunte tali, si traducono in iniziative politiche tutti sappiamo che quelle verità devono essere entrate in una valutazione complessiva di costi e benefici, che ne ha reso la componente veritativa soltanto, nel migliore dei casi, un punto di partenza.
Nel caso, il più frequente, di pretese verità economiche la natura stessa della scienza economica fa spazio per un’ampia componente normativa, che esula dallo spazio delle mere ‘verità di fatto’.

In questo contesto la valutazione pubblica del ‘valore di verità’ delle decisioni politiche passa attraverso una serie di presupposti prospettici.

1) Non c’è bisogno di essere dei teorici del complotto per sapere che tutte le decisioni pubbliche sono sottoposte ordinariamente a pressioni e contropressioni da parte di agenti economici che pensano di poter trarne vantaggi o svantaggi. Solo piccola parte di tali pressioni e contropressioni avviene in forma pubblica.

2) Non c’è bisogno di immaginare alcun complotto di un grande fratello mediatico, per sapere che la gran parte delle iniziative politiche, da quando esistono i media, vengono prese sulla scorta di emergenze e allarmi mediaticamente amplificati. Le cosiddette ‘fake news’ sono esistite da sempre, ben prima che ci fosse niente di simile a internet, e molto spesso si è trattato di orchestrazioni rivolte ad ottenere specifici risultati politici (dalle fake news scioviniste sui giornali che preparavano alla Prima Guerra Mondiale alle fialette di presunte armi chimiche sventolate all’Onu, o, nel nostro piccolo, alle ‘piste anarchiche’ dello stragismo italiano, ecc. ecc.).

3) Tutti sappiamo che la capacità di pressione di organismi economici privati sulla politica non è mai stata così forte nella storia (e gli stati mai così deboli). Al tempo stesso, il principale movente che viene politicamente, e anche eticamente, legittimato ovunque è la ricerca del successo economico.

 

Date queste tre premesse, è sensato attendersi che l’infida plebe non nutra alcuna diffidenza rispetto ai proclami che tutto si fa nell’esclusivo e purissimo interesse del bene pubblico?

 

Quest’impasse, proprio per l’oggettiva difficoltà odierna di ciascun cittadino di farsi un’idea informata su temi complessi, non può essere affrontata, come invece accade, con la sufficienza e l’arroganza di chi sbotta sulla comoda e presuntuosa ignoranza della plebe.

Chi, sul piano politico, reputa che gli sia dovuta una qualche fiducia aprioristica non ha proprio capito in quali tempi viviamo. È non solo inevitabile, ma profondamente giusto che le persone cerchino di informarsi autonomamente, rispetto a quanto gli viene proposto dall’autorità politica protempore in carica. E il mezzo più potente per farlo oggi passa attraverso la rete. Naturalmente in rete si trova di tutto, dalle bufale agli articoli scientifici. Ma questo non è un buon motivo, una volta di più, per assumere toni sprezzanti rispetto ad informazioni derivate dalla rete, tanto più di fronte alla sempre minore autorevolezza e profondità delle fonti mediatiche ufficiali. Oggi qualunque ricercatore scientifico in qualsiasi disciplina trova in rete più o meno tutto ciò di cui si serve sul piano documentale. Naturalmente la sua expertise sta nel sapere come e dove cercare, e ciò è cruciale. Ma ogni atteggiamento di sufficienza verso il mezzo è pateticamente fuori luogo.

In questo quadro, che non è il frutto di occasionali complottismi o della presunzione della plebe, ma il frutto obbligato delle odierne dinamiche democratiche e politiche, l’atteggiamento più sbagliato che si possa concepire da parte degli intellettuali (giornalisti come accademici), è quello di arroccarsi in qualche forma di ‘ipse dixit’ fuori tempo massimo.

Non c’è mai stata un’epoca della storia in cui un ruolo pubblico degli intellettuali, nutrito dall’intento bicipite di cercare l’obiettività e di farsi capire, sia stato più necessario. Questo proprio perché anche persone che dedicano tutta la propria vita allo studio sono, di volta in volta necessariamente ignoranti su questo o quel tema, e nel momento in cui si tratti di temi che portano a decisioni normative (politiche) quelle stesse persone hanno l’esigenza, il diritto, e persino il dovere, di farsi un’opinione autonoma.

Sciaguratamente, invece di uno sforzo di ascolto e comunicazione, la reazione cui ci si trova di fronte sempre più spesso è o l’arroccamento dogmatico in molteplici ‘si sa’ (difetto prevalentemente accademico), oppure, peggio, a campagne mediatiche strumentali e a senso unico, che screditano ulteriormente l’autorevolezza di chi fa informazione.

Invece di una politica che alimenta la trasparenza dei processi decisionali e che supporta la capacità di formazione/informazione autonoma da parte di tutti, ci siamo ritrovati costantemente di fronte ad una politica intessuta di doppie verità (una edulcorata per la plebe, l’altra per gli addetti ai lavori), ad una politica capace di muovere leve mediatiche, e poi anche di agire sulla base di emergenze mediatiche, e infine ad una politica che di fronte al crescente distacco della gente replica con lo sprezzo verso gli ‘ignoranti’.

 

 

 

Dimensione carattere
Colors