FATTI NON FOSTE A VIVER COME BRUTI, MA CON LA POLITICA DEI MEDIA…

FATTI NON FOSTE A VIVER COME BRUTI, MA CON LA POLITICA DEI MEDIA…

politica

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Responsabile Movimento Essere Sinistra [MovES]

 

 

Ancora un morto sul lavoro, due giorni fa.
Era l’operaio di una cava a Carrara. Aveva 37 anni e un figlio piccolo. È rimasto schiacciato sotto ad un blocco di marmo.

Un operaio di quelli che fa il dato statistico della ripresa dell’occupazione con un contratto a tempo determinato di UNA SETTIMANA.
La politica del mainstream, proprio su questi dati ci dice infatti che va tutto alla grandissima…

 

La condizione del paese, invece, è sempre più drammatica.
A ben vedere ci sarebbe da lavorare politicamente senza sosta, giorno e notte, per mettere mano alle sempre più gravi emergenze ed urgenze, ma non lo si fa e tutto il mainstream è appiattito a parlare del pericolo Salvini, come se tutto il disastro attuale dipendesse solo da lui, come se lui solo avesse generato questo inferno dei viventi a firma PD.

Tra l’altro, con una tipica devianza che si è creata nella sedicente sinistra radicale e nel centrosinistra dal 1993 in poi, non si parla di Lega ma di Salvini, così come non si parlava di Forza Italia ma di Berlusconi e altrettanto non si è parlato di PD ma di Renzi. Non si parla e non si è parlato, dunque, di politica ma di PERSONAGGI della politica.
Anzi, i partiti che essi rappresentavano e rappresentano, sono sempre stati solo comparse su uno sfondo indistinto, comitati elettorali permanenti da muovere e nominare solo all’abbisogna.

 

Ed è così che ci troviamo, oggi, ad un totale svuotamento di ciò che invece è e DEVE essere la politica.
Ragione per la quale, man mano si è proceduto in questi ultimi 20 anni circa a destrutturarne il contenuto e il senso, si avanzava a dare forza al leaderismo.

La politica Pop, quella del gossip politico ma MAI della discussione, della crescita delle coscienze e del confronto, tantomeno della costruzione di un’alternativa seria a nessuno dei tre leader di cui sopra.

 

In virtù di quanto appena espresso, ecco che ci ritroviamo quindi dinnanzi ad un passaggio storico e politico importantissimo e, invece di occuparsene, le tifoserie si scannano sulla carta da indovinare nel solito gioco (truccato) delle tre carte messo in atto dal sistema propagandistico a reti unificate.

Peccato solo che, fuori dalla porta di casa nostra, accadano eventi che senza tema di smentita si possono definire epocali.
Il tutto nel silenzio generale dei media e inevitabilmente è proprio questo che orienta sia il dibattito sia la percezione dei reali pericoli che corriamo sia la scarsissima attenzione ai cambiamenti in atto.
Poi, però, a chiedere in giro nessuno più guarda talk-show politici e TG, salvo poi comportarsi pavlovianamente secondo ciò che questi diffondono: Salvini, Salvini, Salvini.

Infatti, proprio in queste ultime ore, Trump sta nientemeno che provocando l’Europa relativamente alla sua permanenza nella NATO e, poichè ha stabilito che questo organismo costa davvero troppo e serve davvero a poco, se intanto che sferra la mossa finale alla NATO, dà una spallata alla Germania e alla UE, si porta avanti col “lavoro” che ha in mente di fare riguardo al nostro futuro.
Il punto però è seguire attentamente quanto avviene per capire quali saranno le conseguenze e, inoltre, quali i passi successivi che Trump agirà contro la Germania e la UE.

 

La partita, quindi, si fa interessante.
Pare, però, che troppo pochi abbiano voglia di occuparsene (di questo come degli immani problemi di un popolo che sempre di più è stremato) e in generale per ciò che riguarda la discussione politica, si continua solo a farsi dettare l’agenda dei problemi di cui dibattere, dal mainstream.
Per forza poi Salvini stravince, eh?

 

 

politica

URAGANI, TERREMOTI E COLONIE AMERICANE

URAGANI, TERREMOTI E COLONIE AMERICANE

colonie-uragani

Immagine aerea degli esiti dell’uragano di Puerto Rico del settembre scorso

 

di Dario BIANZANI – Coordinatore Nazionale Movimento Essere Sinistra [MovES]

A settembre dello scorso anno, l’uragano Maria ha devastato Porto Rico, Stato associato agli USA ma non è tanto la natura a lasciarci sconcertati quanto come il paese delle libertà, dove tutto è possibile, a dispetto della narrazione differenzia i suoi stessi cittadini: sono tutti statunitensi ma alcuni più statunitensi di altri, quelli di Porto Rico sicuramente di serie b perchè abitanti di una delle colonie americane.

Puerto Rico, infatti, è stato trattato come si sono sempre trattate le colonie.
Il governo degli USA – di cui l’isola è uno stato associato senza diritto di voto – ha bellamente ignorato le richieste di aiuto.

L’uragano ha lasciato più di 3 milioni e mezzo di “cittadini statunitensi” senza l’approvigionamento necessario di cibo, acqua e carburante.

La tormenta di categoria quattro ha portato una quantità di pioggia senza precedenti e provocato inondazioni catastrofiche che hanno gravemente danneggiato la rete elettrica lasciando l’isola al buio.
Le autorità cos’hanno fatto? Hanno semplicemente avvertito che alcune aree del paese sarebbero potute restare senza energia per almeno 6 mesi.

Nonostante le richieste di aiuto delle autorità locali al governo statunitense gli aiuti hanno continuato a tardare ad affluire e le zone interne del paese sono restate isolate.

Nei giorni più drammatici dopo l’evento meteorologico, gli ospedali dell’isola hanno funzionato solo per i servizi essenziali, grazie a generatori diesel.

Circa 70 mila persone residenti nell’area della diga di Guajataca, fortemente danneggiata dal passaggio dell’uragano e a rischio di crollo, sono state costrette ad abbandonare le proprie case.

In tutto questo, in quei giorni il presidente Donald Trump si è pronunciato sul tema con un discorso criticato dai più per la scarsità di empatia che conteneva.
Inoltre con una serie di tweet il presidente è parso colpevolizzare la stessa Puerto Rico per la situazione che si è venuta a creare.

Puerto Rico in effetti ha sempre posseduto delle infrastrutture vetuste e in pessime condizioni e quando l’uragano si è abbattuto sull’isola, lo Stato si trovava già in situazione di default economico con un debito pubblico enorme pur appartenendo agli Stati Uniti.

Ma più ancora, in quei giorni tragici, il presidente Trump aveva persino annunciato che non avrebbe visitato l’isola, prima di diversi giorni.

Insomma, come sempre, le “colonie” devono essere trattate da “colonie”.

Dovremmo tenerlo a mente anche noi, visto che ormai l’Italia è di fatto una colonia della UE, cosa potrebbe significare continuare a rimanerlo e il terremoto del centro Italia di due anni fa, ne è un luminoso esempio, considerato che le baraccopoli sono ancora in piedi, che ben poco si è fatto e che dalla UE non si è proferito verbo (o intervento).

Siamo nella stessa condizione di Porto Rico e dovessimo trovarci ancora in emergenza, non dovremo aspettarci niente sia dalle amministrazioni locali impoverite dal patto di stabilità sia dalla UE che ci governa che i nostri soldi li deve regalare al sistema bancario e finanziario.

Da loro tecnocrati, quindi, niente. I paesi del sud Europa sono solo colonie e vanno trattate come tali: servono alla predazione e allo sfruttamento. Fine.

Fatto salvo, poi, ricevere il tempestivo aiuto della Russia che non aveva esitato un istante a inviare uomini e mezzi per far fronte alla catastrofe, specie quella nevosa che ha seguito il sisma estivo del sisma di Amatrice e Accumoli.

Meditate, gente, meditate…

“AIUTAMOLI A CASA LORO”. CI PENSA L’ENI

“AIUTAMOLI A CASA LORO”. CI PENSA L’ENI

aiutiamoli-nigeria

 

Mentre in provincia di Padova, circa due mesi fa, due imprenditori agricoli sono stati arrestati per schiavitù e maltrattamenti gravissimi nei confronti degli immigrati che lavoravano per loro e per il danno erariale compiuto coi mancati versamenti, poi ci si ritrova a leggere di come ENI intende il famoso “aiutiamoli a casa loro”.

 

di Luca SOLDI

 

C’è voluto l’intervento del gup di Milano, Giuseppina Barbara, per scoperchiare l’ennesima ipotesi di sfruttamento e prevaricazione nei confronti del continente Africa.

E giustamente crea scandalo la notizia del rinvio a giudizio, a Milano, della società Eni, dell’attuale a.d, Claudio Descalzi, e del suo predecessore, Paolo Scaroni, nel procedimento sulla maxi tangente che, secondo l’accusa, sarebbe stata pagata per lo sfruttamento di un giacimento petrolifero in Nigeria.

Qualora venissero confermate le ipotesi accusatorie dei pm si tratterebbe di sistema non nuovo, utilizzato dalle grandi multinazionali per fare gli affari a casa loro. Per mantenere viva e vitale una classe dirigente che tutto fa all’infuori che distribuire in modo equo le ricchezze del continente.
Anche la nostra Eni si ritroverebbe coinvolta nello sfruttare quella terra ed il suo popolo.

E’ quanto emergerebbe dall’indagine che ha portato la magistratura italiana al rinvio a giudizio tutti i 15 imputati, tra cui Claudio Descalzi e Paolo Scaroni, (rispettivamente attuale amministratore delegato e ex a.d dell’Eni), il Cane a sei zampe e Shell, per il caso della presunta maxi tangente versata dalle due società a pubblici ufficiali e politici nigeriani per lo sfruttamento del giacimento petrolifero Opl 245.

Il motto ‘aiutarli a casa loro’ così continua a risuonare ma gli aiuti pare che vadano nella direzione dei soliti corrotti che dissanguano le ricchezze di un continente che continua ad essere colonia delle grandi multinazionali.

Da parte sua il Cda dell’Eni, in una nota, conferma la massima fiducia nella correttezza e integrità dell’operato dell’azienda e del suo amministratore delegato.
Naturalmente, verrebbe da dire, mentre gli sbarchi proseguono, mentre centinaia di migliaia di persone vengono accatastate nei lager libici.

Ancora una volta emerge che mentre la politica e le istituzioni lanciano proclami, cercano improbabili accordi a livello nazionale ed europeo, le grandi multinazionali fanno a gara per portare avanti le solite politiche di sfruttamento che dire colonialistico suona eufemistico.

Niente di nuovo e niente che non si conosca da decenni. L’evidenza di un Occidente, ma anche della Cina e dei paesi Arabi, che spremono l’Africa fino al midollo rende ridicole e tragiche le ipocrisie di quanti raccontano con sufficienza dei fenomeni migratori.

Ma oltre allo “spolpamento” delle risorse naturali emerge un sistema di tipo mafioso che impedisce la formazione e la crescita di una classe dirigente africana che possa rendersi libera dalla sudditanza nei confronti dei grandi gruppi sovranazionali.

Emerge una consapevole distruzione attraverso un devastante sistema corruttivo delle classi dirigenti e politiche dei paesi africani.

Una operazione vergognosa che oltretutto toglie, sopprime, ogni capacità di crescita morale.

Impedisce il riscatto delle nuove generazioni che se pure volessero compiere un benché minimo tentativo si trovano di fronte a delle vere e proprie caste agguerrite ed intoccabili nei privilegi.

E spiega perché malgrado le infinite ricchezze non ci siano possibilità di riscatto e speranza

ALBERT CAMUS E IL COLONIALISMO FRANCESE

ALBERT CAMUS E IL COLONIALISMO FRANCESE

Camus

 

 

di MARIA CAFFARRA TORTORELLI [MovES]

Albert Camus è uno degli autori francesi moderni che più ho amato.
Camus, un pied-noir.

Mi è piaciuto più di Sartre, padre dell’esistenzialismo con cui il Nostro ha avuto scontri ideologici, forse perchè lo trovo più vicino alla mia sensibilità e non solo in senso umanistico o letterario.

 

“nel trovarlo simile a me, finalmente,così fraterno,
ho sentito che ero stato felice”

Camus ebbe il coraggio di mettersi di traverso anche al PCF che era diventato piuttosto tollerante verso il colonialismo.
La sua battaglia in favore dell’Algeria, terra in cui era nato da genitori francesi – detto perciò pied-noir con chiara ed evidente intonazione dispregiativa – si ritrova in tutti i suoi scritti.

Il suo impegno a favore della gente di quella terra, per la giustizia, il riscatto economico, culturale, sociale, è il fulcro di tutte le sue Opere.

Intransigente, rifiuta i compromessi e appoggia la rivolta del ’45 in Algeria e chiede che la Francia costruisca davvero una democrazia nei Paesi Arabi.
Lo hanno preso in parola, ma nella maniera più distorta e aberrante che potesse immaginare.

Camus, quindi, è contro la Francia e il Capitalismo Coloniale che infatti continuano, ancora oggi, ad essere ipocriti, prepotenti e imperialisti e creano squilibri spaventosi che hanno finito con l’alterare non solo il paese colonizzato.
Basta pensare a quanto avvenuto dopo l’intervento in Libia per eliminare Gheddafi o pensare a cosa hanno generato in Niger e Nigeria e in tutti i paesi delle ex colonie francesi che hanno adottato il franco CFA: debito e ancora colonialismo, sempre e solo colonialismo, ancora oggi e sempre.

Riporto una frase, tratta da una sua inchiesta sulla “Miseria della Cabilia”, la regione più povera dell’Algeria, che sembra essere premonitrice dell’attuale tragico presente.

Un monito, quello di Camus, opportunamente dimenticato.

 

A lungo termine,
tutti i continenti, giallo, nero, bistrò,
si rovesceranno sulla Vecchia Europa
Sono centinaia e centinaia di milioni.
Hanno fame e non temono la morte…

MATEMATICA DELLA POVERTÀ

MATEMATICA DELLA POVERTÀ

povertà

 

 

di EmmeTI – [MovES]

 

Non sono un’appassionata di matematica, anzi, detesto i numeri, le percentuali, le statistiche e tutto quello che ne deriva. Ricodo che alle superiori in contabilità e amministrazione avevo 3 nel primo quadrimestre e nel secondo trovavo sempre qualche compagno/a che impavido e sprezzante del pericolo, mi aiutava a recuperare, così raggiungevo il 4.

Negli ultimi mesi, mio malgrado, ogni volta che leggo un quotidiano o guardo un TG, mi ritrovo prepotentemente inserita in una di quelle statistiche che tanto aborro.  Quali direte voi? Quelle sulla povertà.

 

Adesso non sto qui a snocciolare numeri e percentuali per i motivi di cui sopra. In alcuni casi, a seconda della testata giornalistica, faccio parte della schiera dei poveri assoluti, in altri vengo collocata in quella a rischio povertà.

Tali statistiche, però, non includono l’incazzatura e la frustrazione che io ed altri come me, proviamo.
Faccio parte dei lavoratori dipendenti ed ho iniziato a lavorare a 13 anni. Ricordo bene le prime buste paga e anche quelle successive.

Mi preme sottolineare che mi sono sempre mantenuta e ho vissuto da sola pagando l’affitto e fino all’avvento dell’euro maledetto, riuscivo, non solo ad avere un tenore di vita decoroso, ma a risparmiare per le vacanze e per eventuali brevi gite spalmate nell’arco dell’anno, nonostante avessi pure dei vizi piuttosto costosetti.

Adesso, pur lavorando, sono finita in povertà, io sono povera!
A metà mese ho già finito i soldi e questo mi spinge a chiedere prestiti e a rincorrere continuamente i debiti perché non ce la faccio mai a tappare tutti i buchi.

Negli ultimi anni poi, abitando in campagna mi sono organizzata un piccolo orto, qualche gallina per le uova, ma non basta. Avevo l’auto e a mano a mano che la cambiavo ne prendevo una sempre più piccola di cilindrata per risparmiare fino ad eliminarla del tutto in cambio di uno scooter 50 del ’97.

Insomma, mi è venuto a mancare non solo il soddisfacimento dei bisogni secondari, ma anche di quelli primari perché sempre più spesso mi manca il cibo in tavola.

Ora il mio scritto va guardato solo come uno sfogo, non voglio fare la vittima e per principio non mi piace l’assistenzialismo. Sono una donna non più giovane che ha sempre lavorato con dignità e dedizione e vorrei essere ripagata con altrettanta dignità.

Non basta creare occupazione, come non basta quel ridicolo decreto ‘dignità’, ma dignità di cosa?
Se prima ti liquidavano dopo 36 mesi, adesso lo faranno dopo 24 e di casuali se ne possono inventare a iosa.

 

Io rivendico il diritto al lavoro con la L maiuscola, quello dignitoso con la D maiuscola.
Per spazzare via la povertà, con ciò che significa e comporta, non basta creare occupazione, è necessaria la qualità dell’occupazione.
Dimensione carattere
Colors