NAZIONALIZZERANNO O NON NAZIONALIZZERANNO I 5 STELLE?

NAZIONALIZZERANNO O NON NAZIONALIZZERANNO I 5 STELLE?

nazionalizzeranno

 

 

 

di Mauro GEMMA  [MARX XXI]

 

Nazionalizzeranno o non nazionalizzeranno i 5 Stelle? “Ai posteri l’ardua sentenza”.

Io sono di quelli che preferirebbero che i comunisti insistessero con tutte le loro forze perché ciò avvenga, senza dare per scontato nulla. Se i 5 Stelle non lo faranno e si limiteranno a proclami, si assumeranno le loro responsabilità e ne renderanno conto a chi li ha votati.

Quello che però è certo è il fatto che a nazionalizzare non sarà mai una “sinistra radicale” tanto presente con le “dichiarazioni di principio” (che, paradossalmente, aiutano anch’esse una Lega recalcitrante, se non ostile, sull’argomento a costringere il governo a marce indietro), quanto assente dalla scena politica ed elettorale del nostro paese.

I proclami a questa “sinistra” che sembra aver dimenticato che fino al 28 maggio 2018 al governo per molti anni c’è stato il centro-sinistra (anticipato da Monti nel 2011, con il colpo di Stato del presidente piddino Giorgio Napolitano) non costano nulla.

Per questo, alcuni di costoro se la prendono con il “popolo bue” che non capisce quanto sono bravi e decisi nel mettere in pratica i loro proclami. Mai un’autocritica da parte di questa “sinistra”, perché la colpa è sempre degli altri, anche del popolo che, come scrisse sarcasticamente Brecht, siccome non ha capito, “andrebbe abolito“.

E a proposito di coerenza tra il dire e il fare, perché non sentiamo mai una parola critica, anche blanda, nei confronti di quello Tsipras, a cui hanno intitolato anche una lista elettorale?

 

Con lui si che la Grecia è tutta “nazionalizzata”. Dalla miseria, dalle banche tedesche e dal 2,8% del bilancio destinato alle spese militari per assecondare l’alleato statunitense.
Ma guai a chi lo tocca: il semidio greco non sbaglia mai.
L’ANTIFASCISMO DELLA DOMENICA DELLE ‘SALME’

L’ANTIFASCISMO DELLA DOMENICA DELLE ‘SALME’

di Mauro GEMMA

In Ucraina i nazisti sono al potere, con il sostegno italiano anche del governo PD. 

Là si incarcera, si tortura e anche si uccide chi la pensa diversamente. 

Si mettono fuori legge partiti politici di opposizione, a cominciare dai comunisti. Si perseguitano le minoranze nazionali, si impedisce loro di utilizzare la lingua madre. 

E contro di esse, nel Donbass, si scatena una guerra criminale di aggressione, sostenuta da USA/UE/NATO e condotta da bande che innalzano le svastiche come simboli. 

Vengono riabilitati e glorificati i criminali collaborazionisti di Hitler, come Bandera e Shukevych, responsabili del massacro di decine di migliaia di partigiani e civili, mentre vengono fatti saltare in aria i monumenti alla Resistenza.

Eppure, con questo comportamento di palese complicità con il governo nazista di Kiev che caratterizza i nostri filo-governativi e loro compari, capita di leggere in rete che, tra costoro, c’è anche chi impartisce lezioni di antifascismo a Melénchon. 

Per favore, abbiano almeno il pudore di tacere, certi antifascisti a corrente alternata!

Melénchon non sostiene la Le Pen, mentre il governo Renziloni sostiene gli eredi dei massacratori degli ebrei di Kiev. 
E questi ipocriti, sedicenti “antifascisti” della scuola di Renzi lo sanno bene.

 

 

Dimensione carattere
Colors