2 AGOSTO 1980, QUANDO IL CUORE DI TUTTI SI SPEZZÒ A BOLOGNA

2 AGOSTO 1980, QUANDO IL CUORE DI TUTTI SI SPEZZÒ A BOLOGNA

di Ivana FABRIS

QUEL GIORNO, TUTTI NOI CHE C’ERAVAMO vivemmo uno dei passaggi più angosciosi della nostra esistenza.
Annichiliti, sconvolti e travolti da un dolore vivo e lacerante, guardavamo le immagini che scorrevano in tutti i telegiornali e non avevamo più parole.

Chi non ha vissuto quegli anni, difficilmente oggi riesce ad immaginare come cambi la percezione dell’esistenza, come ci si senta quando sei consapevole che vai in manifestazione e puoi saltare in aria, che puoi prendere un treno – per tanti attentati che c’erano stati – senza mai arrivare a destinazione.
Non vivevamo con l’ossessione ma coscienti lo eravamo eccome.

ERANO ANNI IN CUI SAPEVAMO DI ESSERE ESPOSTI A QUESTI RISCHI. E SAPEVAMO IL PERCHÈ.
Più la sinistra aumentava il suo consenso, più la nostra democrazia era in pericolo e più noi tutti, impegnati politicamente, sapevamo a cosa si sarebbe potuti andare incontro.
Il potere aveva paura che la sinistra potesse arrivare a governare.
E, perchè ciò NON accadesse, i morti non si contavano più, per quanti ne avevamo già avuti.

Fino a quel 2 agosto, giorno in cui tutti quei poteri si unirono e commisero una delle più feroci barbarie.
Il terrorismo nasce, cresce e viene alimentato dal potere.

IL TERRORISMO NASCE NELLE PIEGHE DI UNA DEMOCRAZIA DEBOLE e che attraverso il terrorismo rischia di essere indebolita sempre più, quando proprio non cede del tutto.

IN QUEL PERIODO, MARIO AMATO, un magistrato che indagava sullo stragismo neofascista in maniera globale, cioè in tutte le sue implicazioni e sui coinvolgimenti di vari settori, avvertì più volte il CSM del rischio di gravi atti eversivi ma NON FU ASCOLTATO.

Non solo. Fu isolato dalle istituzioni fino al giorno del suo assassinio, circa UN MESE PRIMA della strage di Bologna

Nelle sue indagini, Mario Amato era riuscito a stabilire TUTTE le INTERCONNESSIONI tra terrorismo e istituzioni, servizi segreti, mafia, criminalità, massoneria, economia e finanza.

Come si può ben vedere, il potere è sempre lo stesso e agisce sempre nello stesso modo: fa pagare solo agli innocenti il prezzo più feroce della sua più oscura sete.
Morti innocenti che restano ogni volta senza giustizia.
Cambiano i mezzi, ma il fine è sempre quello e chiunque è sacrificabile.

OGGI NON È DIVERSO. TUTTO È COME ALLORA, SOLO PIU’ SUBDOLO E RAFFINATO: non scorre il sangue per le strade ma L’EVERSIONE È LA STESSA.

L’attentato alla democrazia è CONTINUO: attraverso il sistema finanziario che gestisce direttamente i governi alienando le nostre democrazie e rendendole solo mera rappresentazione a beneficio delle masse totalmente ignare del pericolo, perchè DISINFORMATE e MANIPOLATE da un sistema mediatico asservito e a libro paga del sistema.

Il 2 agosto 1980, il paese ha risposto ed ha continuato a farlo ad ogni attacco.
L’eversione ci affrontava frontalmente e noi reagivamo.

Oggi ci aggredisce in maniera morbida, all’apparenza, ma feroce nei contenuti e in ciò che può determinare per la nostra democrazia, senza spargere una sola goccia di sangue.

È successo anche pochi mesi fa e abbiamo risposto ancora una volta.
Il 4 dicembre 2016 abbiamo evitato un grave pericolo, una riforma che avrebbe rappresentato un vero e proprio colpo di Stato, massima espressione del terrorismo eversivo.

Ma non basta.
Adesso serve tenere alta la guardia e vigilare perchè ovunque i segni del ritorno del neofascismo, ancora una volta con il silenzio-assenso dello Stato, sono visibili e tangibili.

Ma soprattutto SERVE DIFENDERE la nostra Costituzione, massima espressione della NOSTRA DEMOCRAZIA, e DOBBIAMO VOLERE e CHIEDERE che venga applicata una volta per tutte proprio LIBERANDOLA da chi le ha stretto le mani intorno alla gola.
Nel solo modo possibile: con l’applicazione dell’art. 50 che ci liberi PER SEMPRE non solo dai trattati europei ma anche dal pericolo di un nuovo fascismo.

Facciamolo anche in nome di quegli 85 martiri e degli oltre 200 feriti le cui vite sono state spezzate proprio perchè la democrazia doveva morire insieme a tutti loro.

PERCHE’ A BRESCIA?

PERCHE’ A BRESCIA?

Un operaio soccorre uno dei feriti dell'attentato a piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974.

di Giuseppe CASADIO

E’ bello sapere la verità, si dice.

Per fare cosa? Per cambiare scelte? Per conoscere i meccanismi che hanno coinvolto le nostre vite in un patto tra economia industriale e potere che oggi ci lascia tutti senza alternative e futuro?
Per sapere come si è svolta la guerra fredda tra fascisti e operai nel dopoguerra?
E dopo averlo saputo, cosa faremo?

Diventeremo migliori, più consapevoli e attenti?
Domande.

Ecco il ricordo della strage di Piazza della Loggia a Brescia, il prof. Giuseppe Casadio, insegnante e sindacalista al tempo della strage, e membro del CNEL. Dal suo discorso di commemorazione all’Università di Bologna nel 2012, gentilmente inviatoci da sua moglie, Milena Garoia, che ringraziamo.
___________________________________

Io, per ragioni fortuite, stavo entrando nella piazza, di fianco al Comune, proprio nel momento in cui la bomba esplodeva.
Ma non intendo raccontare quello che si vide in quella piazza, perché questo ciascuno lo può immaginare.

Chi è meno giovane, anche fra i presenti, di certo avrà visto tante documentazioni – televisive, cinematografiche-, avrà letto tante cose utili a capire la violenza che lì si manifestò.

Non è di questo che voglio parlare: invito ciascuno di voi a immaginare.

Lo scenario che fa da fondale anche ad un arco di anni: avanzamento di conquiste sociali, di conquiste civili, sostenute da una parte dal movimento studentesco (il ’68) e dall’altra dal movimento operaio in grande crescita.

A questo movimento si opponevano forze molto potenti, di carattere politico prima di tutto. Tentativi di arrestare quella evoluzione, di farla regredire.

E questa volontà politica (eminentemente politica, di destra, nel senso proprio del termine) era sostenuta, animata da cellule eversive vere e proprie (gruppi neofascisti che venivano foraggiati, incoraggiati, protetti) o, in altre fasi, da interventi diretti di strutture dello Stato.

Lo scenario era questo, e dentro questa lotta feroce (che si sviluppò per alcuni anni) furono messi in campo anche atti di questa barbarie, secondo quella che è stata definita anche ora da De Lutiis “la strategia della tensione”.

La logica era: intimorire, spaventare la cittadinanza aiuta a conservare, provoca un riflesso d’ordine. Dentro quello scenario presero attivamente partito corpi dello Stato in varia forma e di vario tipo: Servizi Segreti, formazioni delle Forze Armate, logge massoniche annidate nel sistema istituzionale, ma anche nella Magistratura. E furono spesso coinvolti anche altri potentati, settori del potere economico, del mondo imprenditoriale.

Di quell’intreccio magmatico e violento Brescia fu un epicentro, non solo per l’immensità del fatto, ma anche per come, nella società bresciana di quegli anni, si manifestavano le questioni generali di contesto che abbiamo richiamato. La scelta di Brescia non fu casuale.

Ho appena detto: anche l’economia… la situazione socio-economica c’entra.

Brescia era una città piccola, ma fra le più industrializzate, fra quelle che si erano industrializzate nella fase del boom economico, immediatamente dopo Milano. E le condizioni sociali in cui questo sviluppo avvenne negli anni ’60 erano davvero piene di contraddizioni.

Schematicamente solo qualche situazione emblematica. Io ero allora un giovane insegnante precario, immigrato a Brescia; nel ’72 (se ben ricordo) coi miei ragazzi a scuola studiammo un “libro bianco” dell’INAIL provinciale (per chi non lo sa, l’INAIL è l’Istituto Nazionale di Assicurazione per gli Infortuni e le Malattie sul Lavoro) sull’andamento degli infortuni sul lavoro in provincia nel 1971.

Risultava che, su circa 200 mila addetti all’industria manifatturiera (siderurgica in particolare), erano stati registrati ufficialmente 50.000 infortuni sul lavoro, in un anno! Infortuni di diversa gravità, ovviamente, ma si pensi comunque alla enormità del dato, e al suo significato.

Girando la provincia di Brescia, in quegli anni, trovavi piccole fonderie perfino nell’ultimo paese in fondo all’ultima valle laterale della Valcamonica.

Dove spesso si lavorava in condizioni indescrivibili di disagio. Perché? Perché l’industria, era comunque simbolo di sviluppo, di modernità, anche se questo avveniva a costi sociali altissimi. Ciò nel momento in cui invece cresceva nel Paese (e quindi anche in quella realtà) una domanda di giustizia, di progresso, di evoluzione, di passi avanti. Per cui i contrasti erano davvero violenti nella vita reale della società.

E’ importante ricordare che quel 28 maggio, giorno della strage, era giornata di sciopero generale, ma solo a Brescia.

Era uno sciopero provinciale proclamato dai sindacati, con l’adesione e il consenso di tutti i partiti democratici e del Comune, della Provincia, delle Istituzioni tutte. (Comitato Unitario Antifascista si chiamava allora).

Ma perché fu proclamato quello sciopero? Perché da mesi quelle cellule eversive neofasciste di cui abbiamo parlato erano all’opera: tutti i giorni c’era qualche provocazione.

Se uno studente faceva volantinaggio davanti alla sua scuola, arrivava un gruppetto di questi giovanotti neofascisti e ne nasceva un pestaggio; se una fabbrica delle tante era in sciopero per una vertenza aziendale e i lavoratori presidiavano i cancelli, regolarmente avveniva la provocazione, la rissa. Succedeva da mesi!

E questi gruppi organizzati di provocatori erano conosciuti nella città. Si sapevano nomi e cognomi, si sapeva il bar che frequentavano quotidianamente.

Ecco, la strategia della tensione che si incarnava dentro una società reale.

Una società immersa in una fase di sviluppo molto intensa, attraversata da contrasti sociali molto forti. In quelle contraddizioni si insediavano i nuclei operativi della strategia eversiva. Lì trovavano terreno.

Ho detto poco fa di complicità e collusioni anche da parte del potere economico e di taluni ambienti imprenditoriali: ebbene, si sapeva che alcuni di quei militanti di gruppi neofascisti che, a viso scoperto, andavano a fare le provocazioni quotidiane, erano a libro paga in alcune delle fabbriche di proprietà di Lucchini, padrone di gran parte delle industrie siderurgiche della zona di Brescia e, successivamente, anche presidente nazionale di Confindustria, per alcuni anni.

Altro aspetto da considerare: si era svolto da qualche settimana il referendum sul divorzio, che in Italia (i più giovani non l’hanno vissuto) segnò, dal punto di vista della cultura civile, un passaggio fondamentale!

A coloro di noi (capitò anche a me) che di sera partecipavano a qualche iniziativa di campagna elettorale, veniva data indicazione di non uscire soli in città, a piedi. Perché si rischiava di essere seguiti e pestati!

Qualche giorno prima (io abitavo nel centro storico) fummo svegliati a metà della notte da un’esplosione … Si seppe la mattina dopo che ad uno di quei ragazzotti appartenenti ai gruppi neofascisti esplose tra i piedi una bomba che stava trasportando, chissà dove, sulla pedaliera della sua Lambretta: gli esplose fra i piedi. E morì.

Questo il contesto! Ed è facilmente comprensibile come in esso trovassero spazio forze eversive di ogni tipo, ma del quale anche le tensioni sociali erano parte. In questo intreccio di questioni si trova risposta alla domanda “perché a Brescia?”.

I gruppi operativi erano quelli che abbiamo descritto: piccole formazioni neofasciste, che potevano godere di protezioni, sostegni, coperture, anche a livello micro, nel territorio.

Lo si è visto anche nel travagliato e irrisolto sviluppo delle indagini giudiziarie successive.

Non credo che questa ricostruzione sia più di tanto viziata dalla mia personale specifica condizione: quella di un giovane insegnante immigrato a Brescia da pochissimi anni -e quindi in qualche misura “esterno” a quella realtà-, che oltre a svolgere la sua professione si dedicava con passione all’impegno sindacale nel Sindacato Scuola della CGIL, peraltro fondato da pochissimi anni.

Da ultimo una considerazione sul sindacato e sul ruolo che svolse in occasione della strage e degli eventi successivi.
Degli otto morti ben cinque erano insegnanti e tutti componenti il Comitato Direttivo Provinciale del Sindacato Scuola; due erano, come me, membri della Segreteria Provinciale.

Due giorni prima della strage alcuni di noi -me compreso- risalirono in auto da Roma a Brescia, essendo appena terminato il Congresso Nazionale del Sindacato Scuola. Parlammo a lungo fra di noi della manifestazione che si sarebbe svolta due giorni dopo, augurandoci che tutto si potesse svolgere con serenità e senza incidenti; poiché noi stessi eravamo consapevoli del clima di tensione che incombeva.

Nella condizione di emergenza assoluta che seguì l’attentato, e nei giorni immediatamente successivi, le Confederazioni Sindacali assunsero su di sé la responsabilità di essere presidio unico del mantenimento della legalità democratica in città, concordandolo con le autorità.
Fino al giorno dei funerali che fu, ve lo assicuro, un giorno di terrore, oltre che di immenso dolore; terrore per quanto avrebbe potuto succedere in quel contesto di tensioni davvero terribili.

Il sindacato, i suoi dirigenti, i suoi militanti organizzarono e vigilarono su ogni azione che si svolgesse in città, fin anche sul controllo del traffico.

Quelle vicende, ed il contesto in cui erano maturate mettevano in discussione la credibilità e l’autorevolezza di ogni istituzione e di ogni autorità costituita; solo il sindacato riuscì a garantire la legalità e la fedeltà alla Costituzione come unica alternativa al terrore.

Queste erano destra e sinistra. Quarantatre anni fa.
Parole e situazioni dimenticate.

Ma non da tutti.

MACRON SI È FORMATO SECONDO IL PENSIERO DI UN CERTO JACQUES ATTALI

MACRON SI È FORMATO SECONDO IL PENSIERO DI UN CERTO JACQUES ATTALI

Macron e Attali

Un uomo che definire spregevole non rende neanche lontanamente l’idea.

Un feroce neoliberista, un personaggio oscuro, collegato persino alla Massoneria.

Giusto per darvi un assaggio su chi sia questo essere, ecco cosa dichiarò a Repubblica in un’intervista del 19 agosto 2014:

«La riproduzione diventerà compito delle macchine, mentre la clonazione e le cellule staminali permetteranno a genitori-clienti di coltivare organi a volontà per sostituire i più difettosi. 

Un bambino potrà essere portato in grembo da una generazione precedente della stessa famiglia o da un donatore qualsiasi, e i figli di due coppie lesbiche nati da uno stesso donatore potranno sposarsi, dando vita a una famiglia con sole nonne e senza nonni. 

Molto più in là, i bambini potranno essere concepiti, portati in grembo e fatti nascere da matrici esterne, animali o artificiali, con grande vantaggio per tutti: degli uomini poiché potranno riprodursi senza affidare la nascita dei propri discendenti a rappresentanti dell’altro sesso; delle donne poiché si sbarazzeranno dei gravi del parto»

Coordinamento Nazionale MovES

Un NO antifascista

Un NO antifascista

di Luigi Buselli

ECCO QUALCHE ALTRO VALIDO MOTIVO PER VOTARE NO AL REFERENDUM

Questi sono i 10 punti fondamentali del programma della Loggia massonica P2 (“Propaganda 2”) di Licio Gelli “un’organizzazione criminale” ed eversiva sciolta con un’apposita legge, la n. 17 del 25 gennaio 1982.

È roba di parecchi anni fa che può far pensare che non abbia attinenza con quanto avviene oggi ma in realtà non è affatto così. I più giovani che non c’erano e gli anziani che hanno “dimenticato” possono quindi valutare quanto invece tutto quanto sta accadendo abbia origini lontane e proprio nel Nuovo Piano di Rinascita Democratica* (vedere a fondo pagina di questa nota), della P2, valutando e tenendo presente l’attuale situazione:

1) ABROGAZIONE DELLA COSTITUZIONE NATA DALLA RESISTENZA
2) ABROGAZIONE DEL SISTEMA ELETTORALE PROPORZIONALE E SUA SOSTITUZIONE CON IL SISTEMA UNINOMINALE MAGGIORITARIO
3) INSTAURAZIONE DELLA REPUBBLICA PRESIDENZIALE
4) LEGITTIMAZIONE COSTITUZIONALE DEGLI EREDI DEL FASCISMO
5) RIENTRO DEI SAVOIA IN ITALIA
6) ABOLIZIONE DELL’ESERCITO “DEMOCRATICO” DI LEVA E SUA SOSTITUZIONE CON UN ESERCITO DI MESTIERE
7) SCIOGLIMENTO DEL PARTITO COMUNISTA
8) ASSORBIMENTO DEL SINDACATO (VEDI CGIL) IN UN SISTEMA DI RELAZIONI TALE DA ANNULLARNE LA PORTATA DEL CONFLITTO SOCIALE, RENDENDOLO TOTALMENTE SUBALTERNO AL MODELLO INDUSTRIALE CAPITALISTICO
9) PRIVATIZZAZIONE DELLE AZIENDE DI STATO O A PARTECIPAZIONE STATALE NELL’INDUSTRIA (SIDERURGIA), NELL’ENERGIA (ELETTRICITÀ, IDROCARBURI) NEI SERVIZI (TRASPORTI, POSTE, TELEFONIA, SCUOLA, SANITÀ), NEGLI ENTI LOCALI (ACQUEDOTTI, GAS, TRASPORTI, MUNICIPALIZZATE VARIE ETC…)
10) RAFFORZAMENTO DEL LEGAME DI DIPENDENZA DELL’ITALIA CON GLI USA.

Tutti gli obiettivi compresi in quest’elenco sommario sono stati finora grosso modo raggiunti, meno due: L’abrogazione della Costituzione e la realizzazione di una Repubblica Presidenziale con poteri speciali al capo dello stato (come negli USA).

Come sempre, ci sono delle precise responsabilità. Traete voi le conclusioni dopo aver letto quanto segue:
a) Il PCI si è sciolto da solo (segretario Occhetto), non appena è crollata l’URSS a differenza dei partiti comunisti di Francia, Spagna, Portogallo e Grecia
b) La CGIL ha scelto da sola (segretario generale Trentin) la strada della codeterminazione (poi concertazione) nell’ambito delle relazioni triangolari con il governo e la Confindustria
c) La privatizzazione delle grandi aziende di Stato e delle Municipalizzate è avvenuto in gran parte per iniziative di governi e amministrazioni locali a guida PDS (poi DS)
d) L’esercito di mestiere ha sostituito l’esercito di leva per iniziativa di un governo a guida DS (D’Alema)
e) Il rientro dei Savoia in Italia è stato decretato da un’ampia maggioranza comprensiva di gran parte dei parlamentari diessini
f) Il riconoscimento democratico e costituzionale agli eredi del fascismo è venuto tanto da destra quanto da sinistra (Violante ed i DS in genere)
g) Lo stesso D’Alema ha sancito la più totale ed inedita dipendenza politico—militare italiana, nei confronti degli USA, partecipando all’aggressione contro la Jugoslavia del 1999 (Craxi e Andreotti non sarebbero arrivati a tanto!)
h) La Costituzione Italiana è ormai a brandelli. L’Italia non è più una repubblica antifascista fondata sul lavoro, che ripudia la guerra. Gli eredi del fascismo sono stati e stanno al governo. I lavoratori non hanno mai contato niente come adesso. Il Tricolore sventola dovunque gli imperialisti americani vadano per uccidere, distruggere, sottomettere.

Questa volta la piroetta “da sinistra a destra” che caratterizzò il Mussolini del 1914 (e fece scuola), ha riguardato un’intera classe politica “di sinistra”, ex o postcomunista, che si è venduta la Democrazia e la Costituzione (cioè la Repubblica) per mantenersi seggi, poltrone, cadreghini, con relativi appannaggi, prebende e sinecura.

*NUOVO PIANO DI RINASCITA DEMOCRATICA, per chi non lo conoscesse o per chi avesse “dimenticato”:
http://web.tiscali.it/comunisti-pistoia/Memoria/RinascitaDemocratica.htm

Dimensione carattere
Colors