AUMENTO DELLE RETRIBUZIONI DEL PERSONALE SCUOLA: È DAVVERO UNA BUFALA

AUMENTO DELLE RETRIBUZIONI DEL PERSONALE SCUOLA: È DAVVERO UNA BUFALA

 

di Laura BASSANETTI – Comitato per la Scuola Pubblica Paderno Dugnano

AUMENTO DELLE RETRIBUZIONI DEL PERSONALE SCUOLA: È UNA BUFALA (QUESTA SI!)
LAVORARE MENO, SCIOPERARE TUTTI!

Il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto Scuola, commentato recentemente dal Ministro Valeria Fedeli è una delle tante barzellette italiane: se si chiudesse (e anzi, forse questa è l’ipotesi migliore) con 85 euro di incremento economico dopo 8 anni, considerato tutto ciò che i lavoratori hanno perso in termini di prestigio, considerazione e condizioni di lavoro, non ci sarebbe nessun recupero garantito.

Ma non solo: si parla sempre di una cifra lorda, del fatto che le ore di lavoro aumenteranno e dell’incertezza di mantenere in busta paga il bonus di 80 euro ad impiegato.

Queste trattative sono in realtà una farsa e una mera ratifica di piani già stabiliti.
Basta vedere come si svolgono le assemblee sindacali: discorsi senza alcuna prospettiva nè proposte, ripetuti a pappagallo da funzionari, burocrati e RSU depresse.

Bisogna ormai realizzare che alcune organizzazioni non rappresentano più nessuno e solo i lavoratori potranno cambiare le cose prendendo in mano il loro destino e ricominciando da un sindacato combattivo.

È intollerabile che persista il blocco del rinnovo dei contratti pubblici e che non vi sia una politica tesa ad incrementare il reddito da salari, stipendi e pensioni, mentre al contempo si prosegue con le folli politiche sul lavoro mirate solo ad incrementare la precarietà, le privatizzazioni di aziende pubbliche e partecipate.

Per contrastare e invertire tale immiserimento materiale e culturale, Cobas Scuola e Unicobas hanno convocato per il 10 novembre lo sciopero generale della scuola.

“Vogliamo aumenti salariali per recuperare almeno quanto perso da docenti e ATA nell’ultimo decennio con adeguati investimenti nella Legge di Stabilità ed eliminando il «bonus premiale» usandone i soldi per gli aumenti;
diciamo NO all’inserimento nel contratto dei distruttivi contenuti della legge 107;
vogliamo l’eliminazione della «chiamata diretta», una drastica limitazione dei poteri dei presidi, che ponga fine alla gestione padronale, autoritaria e illegale delle scuole e del personale;
diciamo NO all’obbligo esorbitante di 400/200 ore di Alternanza scuola-lavoro, le scuole tornino a decidere se fare l’Alternanza e per quante ore;
NO al taglio di un anno del percorso scolastico, né nel Liceo, né nella Media, né nella Primaria;
NO all’Invalsi come strumento di valutazione delle scuole”

Ma la lotta deve essere generalizzata e non è solo la categoria degli insegnanti a dover scioperare: il 27 ottobre anticipiamo e prepariamo la mobilitazione della scuola con lo sciopero generale!

Blocchiamo il paese e sosteniamo lo sciopero degli insegnanti e degli studenti in alternanza vittime dell’INsicurezza e dello sfruttamento.
BULLISMO, IL SESSISMO NON C’ENTRA PROPRIO NIENTE?

BULLISMO, IL SESSISMO NON C’ENTRA PROPRIO NIENTE?

 

di Laura BASSANETTI, insegnante
(COMITATO PER LA SCUOLA PUBBLICA PADERNO DUGNANO)

 

Bullismo, cyberbullismo, ostilità: un pugno all’insegnante.
Il sessismo non c’entra proprio niente?
Meno maschilismo = meno bullismo.

Il maschio spacca tutto è accettato, la femmina no. La sua aggressività, la sua curiosità, la sua vitalità spaventano e così vengono messe in atto tutte le tecniche possibili per indurla a modificare il suo comportamento”.
Ancora: “I movimenti del corpo, i gesti, la mimica, il pianto, il riso sono pressoché identici nei due sessi all’età di un anno o poco più mentre cominciano in seguito a diversificarsi.. a quest’età sono aggressivi maschi e femmine. […] Mentre più tardi l’aggressività del bambino continuerà ad essere diretta verso gli altri, la bambina diventerà auto aggressiva per aderire al modello che la società impone e che le vuole incanalate verso la debolezza, la passività, la civetteria”.

Queste sono riflessioni tratte da un libro pubblicato nel 1973 dalla scrittrice sociologa Elena Gianini Belotti.
Un testo, senza esagerare, in grado di cambiare l’esistenza di chi lo legge, posto che fino a quel momento sia stata vissuta (come spesso accade), nell’incoscienza e nell’adesione acritica allo stereotipo: genere maschile/genere femminile. “Dalla parte delle bambine” è stato letto e apprezzato da tante donne come testo importante nella battaglia femminista.

Si può riscontrare, anche nelle più banali esperienze personali, il fatto che ogni volta in cui si subisce la prepotenza, la denigrazione di chi è “bullo” si ripropongono gli argomenti del machismo, si estremizza la polarizzazione di genere e si ricalcano gli schemi della gerarchia tra esseri umani.

Le bambine sono vittime di illazioni, scherni o aggressioni per ciò che riguarda il loro aspetto fisico: poco attraenti, non abbastanza formose, goffe, troppo introverse, troppo “secchione”.
O al contrario: troppo vivaci, troppo appariscenti, troppo carine.

Ogni qualvolta, anche con la scusa di “educare” si propongono con (forse) buone intenzioni delle “regole”: no ai pantaloni strappati, si al codice di abbigliamento per le donne, al di là del sostenere che in un certo contesto si dovrebbe adottare l’abbigliamento adeguato, bisognerebbe tenere i piedi per terra e il contatto con la realtà.
In questa società il dress code femminile avvalla l’idea che la donna provoca un certo tipo di attenzione, è un “oggetto” per altrui sfogo e va coperto.

Ma nessuno si domanda se tra tutto ciò e i femminicidi esista un qualche tipo di nesso.
Per ciò che riguarda i ragazzi invece, quelli che sono disinteressati agli sport, alle squadre di calcio, al fare la lotta o che amano giocare a cucinare o alle bambole rischiano di passare gli anni scolastici additati come strani o sfigati.
Inoltre: se sono le ragazze a fare “le bulle” vanno all’attacco di quante stanno fuori “dai canoni”, di quelle che non si interessano di trucco o di abbigliamento, dei ragazzi che si distinguono come i più timidi o più riflessivi.

Senza parlare di coloro che fin dagli anni della scuola manifestano la loro personalità e se è vista come fuori dai canoni (se un maschietto volesse sposare un altro maschietto, per esempio) possono trascorrere gli anni della gioventù in un incubo dai contorni medievali: non pochi purtroppo hanno commesso gesti estremi o sono rimasti tutta la vita segnati da vili atti di razzismo subito.

È quindi così peregrino affermare che se ci fosse meno sessismo, ci sarebbe meno bullismo?

Non a caso, alcuni sistemi educativi d’avanguardia insistono molto perchè bambini e bambine facciano le stesse cose cioè entrambi accudiscano bambolotti, stirino, cucinino o giochino a calcio, rugby e quant’altro.

Però in Italia siamo ancora pieni di spot pubblicitari, cartelloni, testi scolastici nei quali
le mamme fanno rigorosamente “le mamme” (cioè puliscono, stanno dietro ai figli) e i papà (per strani, non scientificamente comprovabili, motivi) sembrano più “naturalmente” portati per dipingere le pareti e andare in bicicletta.

Nel ragazzo che colpisce l’insegnante, si può vedere una delle estreme conseguenze della filosofia maschilista?
Arrivando alla violenza fisica su una donna, si esprime una profonda incommensurabile frustrazione, un’intolleranza radicata e forse quel gesto cerca di riproporre un potere.

Quello stesso potere che venne descritto ancora, dalla stessa Elena Gianini Belotti dopo “Dalla parte delle bambine” in un successivo saggio “Prima della quiete“, che attraverso la vicenda dell’insegnante elementare Italia Donati denunciò le terribili condizioni di vita di molte maestre del primo novecento italiano.

Perseguitata dalle attenzioni violente del suo padrone di casa, calunniata e discriminata dall’intera comunità cittadina, la maestra Donati giunge al suicidio: nell’impossibilità di trovare alcun sostegno al suo dramma di sottomissione e solitudine.

I meccanismi del bullismo sono sempre identici, ogni qualvolta un gruppo di persone cerca di imporre il potere della maggioranza o mostra paura di qualcuno che mostra un punto di vista diverso.
Ecco che si manifesta come è già stato notato nelle “chat” purtroppo, di genitori.
E può finire solo in un modo.
POVERTÀ: PADERNO DUGNANO, ITALIA

POVERTÀ: PADERNO DUGNANO, ITALIA

 

di Laura BASSANETTI

PADERNO DUGNANO HA UN CANCRO: SI CHIAMA POVERTÀ, EMARGINAZIONE, LAVORO SOMMERSO.
DOVE SONO GLI SBANDIERATORI DELLA “LEGALITA'”?
CHI TACE È COMPLICE.

I numeri del lavoro nero in Italia sono uno scandalo: 6,5% del PIL nazionale.
Ognuna delle città della provincia italiana ha diversi organi di informazione ufficiosi accanto a quelli accreditati come i bollettini, l’ANSA, la stampa e anche i social network.

Chi vuole sapere come sta il proprio comune, come vanno le cose può fare qualcosa di molto semplice: stare tra la gente.
Ecco perchè nei cortili delle scuole e fuori dai cancelli di queste le cose si sanno prima. O semplicemente SI SANNO.

Dobbiamo ritenere i discorsi, i commenti e i ragionamenti e le lamentele che qui si moltiplicano come attendibili?
O potremmo metterli nell’archivio delle “bufale”? Termine che sta diventando quasi di moda, e che come tale si presta a utilizzi anche di comodo.

Sono VERE come sono VERI molti volti.
I sorrisi di rassegnazione.
Gli abiti di modesta fattura.
Gli anziani stanchi, che sono costretti a ritirare e accompagnare i bambini, perchè oggi nessuna mamma osa richiedere al lavoro un orario compatibile con esigenze di famiglia: potrebbe ritrovarsi in un attimo disoccupata.
Le donne che arrivano dalle vicine case popolari costantemente in ansia di non essere anche qui discriminate, maltrattate, emarginate.

Magari dopo una vita di violenza, di urla lanciate senza che nessuno nel fatiscente palazzone si degnasse di chiedere: hai bisogno di aiuto?

Violenza sulle donne. Già. Eccola, nella porta accanto.
Ha un responsabile: la povertà, la madre dell’ignoranza, la CAUSA dell’ingiustizia.

I bambini che cercano con occhi curiosi la loro maestra di sostegno.
I genitori che si domandano in che mese dell’anno scolastico arriverà.
Le persone che ti si rivolgono e dicono: il sistema è sbagliato, ma ho paura.
I colori dei veli che ricoprono i capelli e le mani colorate che si stringono.
Gli idiomi che si mescolano all’italiano.

La ragazza che è un’insegnante amata da tutti e ridendo coi bambini si adombra di tanto in tanto forse chiedendosi se sarà confermata a scadenza di contratto.
Questa incertezza la chiamo VIOLENZA SU UNA DONNA.
Ma la violenza sulle donne è anche altro.

È l’esercito che parte ogni mattina, in sella alle biciclette, a piedi, in auto se hai studiato quel minimo e hai la patente e punta alle case dei benestanti.
Anziani i cui figli lavorano e sono impegnati.
Possidenti, proprietari di farmacie, di locali, imprenditori. Pedalano e salutano velocemente e intanto sorridendo si scambiano notizie: “Ho trovato un lavoro 3 ore di pulizie al pomeriggio”…”conosco una signora che cerca una stiratrice”.

C’è chi è stata insultata, aggredita, ingiuriata, umiliata, impiegata senza UNO STRACCIO DI ASSICURAZIONE, LASCIATA SOLA IN CASO DI INFORTUNIO DAGLI SFRUTTATORI, DAGLI ACQUIRENTI DI QUESTO MERCATO DEL LAVORO DI MADRI, DI DONNE.

PARLATE DI VIOLENZA SULLE DONNE?
QUESTA COS’E’?
Di questo mercato.

CI PIACEREBBE, TANTO, CONOSCERE LE STATISTICHE COMUNALI SULLE REGOLARIZZAZIONI TRAMITE VOUCHER…O CONTRATTI COLLETTIVI.

Queste cose SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. Non esclusi i fan della “legalità”.
Pronti a sbandierarla quando decidono loro.

Vi aspettiamo per difendere le donne, per denunciarne lo sfruttamento per rompere la catena dell’emarginazione.
Una delle tante occasioni è adesso: buona scuola piccolo A.

L’INCLUSIVITÀ: NELLA NOSTRA SCUOLA SOLO UNA QUESTIONE DI DANARO

L’INCLUSIVITÀ: NELLA NOSTRA SCUOLA SOLO UNA QUESTIONE DI DANARO

 

di Laura BASSANETTI

CARO LIBRI, MATERIALE SCOLASTICO, USCITE DIDATTICHE: L’INCLUSIVITÀ È UNA QUESTIONE DI DANARO.

Il suono della campanella del primo giorno di scuola, un concetto simbolico quasi per tutti, che rievoca ricordi, spesso piacevoli.
È già qualche anno, però, che questo momento significa, per le famiglie dei lavoratori italiani, l’inizio dell’incubo per il salasso economico causato dall’acquisto del materiale scolastico per i loro figli.

Non solo libri, zaini, quaderni e vocabolari. Fra trasporti e mense la scuola pubblica costa sempre di più, senza contare viaggi d’istruzione, computer e progetti extracurricolari. Per iniziare un nuovo ciclo di istruzione le famiglie devono sobbarcarsi costi notevoli che ammontano a ben più di 80 euro al mese” (il FattoQuotidiano)

È di pochi giorni fa invece la denuncia, sul sito SenzaTregua, firmata dal Comitato Nazionale Scuola del Fronte della Gioventù Comunista: “Secondo l’ONF, l’Osservatorio Nazionale di Federconsumatori che annualmente si occupa di monitorare il costo dei materiali necessari che gli studenti devono comprare, per ogni famiglia l’ultimo anno scolastico é segnato da un “aumento medio delle spese scolastiche dell’1,5% rispetto allo scorso anno. Cioè si passa da una spesa per il corredo scolastico di 506, 50 euro ad una di 514,00 euro”

Ma malgrado questo, i tecnici del MIUR (nonché molti Dirigenti scolastici, gli addetti a stendere “PTOF” e i “pubblicitari” degli OPEN DAY di molti istituti scolastici, i giornalisti e via dicendo) non fanno che riempirsi la bocca con una faccia tosta notevole con un termine fra i più in uso degli ultimi tempi: INCLUSIVITÀ.

La realtà, invece, é che il “carolibri” come dice giustamente SenzaTregua e così il “caromateriali” come il “carouscitascolastica” sta facendo ben altro che includere: sta affermando che ci sono studenti di serie A e studenti di serie B, ribadendo che la Scuola é di classe: vorrebbe essere PROPRIETÀ della classe più abbiente.

In altre parole, secondo alcuni: L’INCLUSIVITÀ SI COMPRA

Alcune scuole emanano proposte imbarazzanti per le famiglie, con modalità di adesione stupefacenti: decidi in due giorni se spendere 200 euro per una “vacanza scolastica”, tanto in un tempo così breve nessuno informerà mai nessuno su che fine farebbero gli “esclusi” per difficoltà economica dal “progetto”.
La partecipazione, nemmeno a dirlo é giocoforza, un obbligo.

Ma a quanto pare c’è una speranza (?): coloro che non possono pagare vengono, coperti da un “fondo”.

Non abbiamo ancora capito bene gestito da chi: comitato genitori o Istituti.
Ma passi che intervenga per le uscite scolastiche (che se fossero meno iperboliche, si risparmierebbe).
Ci è stato detto, nel corso di una vertenza da noi organizzata contro un corso musicale a pagamento in orario curricolare, che interviene anche, per chi ne fa richiesta, in casi di: Corsi di piscina, arte, musica, psicomotricità, eccetera che vengono indicati ai genitori come da tenersi in orario scolastico.
A parte che legalmente non ci risultano ammissibili.

Questo è comunque sprezzo del pericolo: perchè continuando così  questi soldi prima o poi finiranno e che le scuole non ne abbiano molti non crediamo sia solo un nostro parere.
Che si confidi sul fatto che molti italiani vivono secondo scale morali e di valore all’incontrario? Per cui hanno pudore magari a fare queste richieste e non a parcheggiare macchine ultrasportive fuori dalla scuola e presentarsi con bambini griffati da sfigurare un cantante pop?

Eh ma la vergogna vera è in antitesi a questo!
O si confida sul fatto che nessuno ne parla?
In effetti, a meno che non chiedi, non ne parla proprio nessuno.
Ma adesso magari lo sapranno.
Molti.

E a meno che la Scuola non comincerà a ridurre “le offerte” (in tal caso in senso proprio commerciale) DI DIRITTI per cominciare a sentirli come la normalità se in molti faranno richiesta di aiuto allora i soldi dovranno essere presi da qualche altra parte.
Non crediamo nei 500 milioni che lo scorso luglio sono stati di nuovo assegnati alle scuole private.
E ancora una volta ci perderemo.
Anche quelli che applaudono e non lo sanno.
TUTTI.

INSEGNANTI DI SOSTEGNO, ALUNNI E SCUOLA

INSEGNANTI DI SOSTEGNO, ALUNNI E SCUOLA


di Laura BASSANETTI (Comitato per la Scuola Pubblica di Paderno Dugnano)

Insegnanti di sostegno, scuola e alunni, anni neri tra slogan ed emergenza (?), di chi è la vera responsabilità?

“Gli specializzati sul sostegno ci sono e chiedono solo l’opportunità di lavorare.
Così esordisce l’Associazione MISoS, che mette in evidenza il limite imposto dal MIUR sulle possibilità di supplenza fuori graduatoria per i docenti in possesso di speicalizzazione su sostegno.” (da Orizzonte Scuola, agosto 2017).

Da quasi due anni a questa parte, in seguito all’entrata in vigore della riforma per la Pessima Scuola, più di sempre (la questione, infatti, é di data più vecchia) molti sembrano convinti che in Italia stia montando un’emergenza in più: é ormai apparentemente indiscussa la carenza di insegnanti di sostegno, qualcuno adduce alla mancanza di “vocazione” per questa occupazione, qualcuno parla di disorganizzazione, qualcuno di impreparazione degli aspiranti docenti, le famiglie si lamentano che gli studenti non vengono affidati a personale specializzato.

Partendo da un dato numerico consideriamo che circa sei mesi fa si parlava di 137.500 lavoratori adatti a fronte di un’esigenza nazionale di 245.000 alunni.

Ogni settembre secondo i media é l’inizio di un nuovo “anno nero” per i docenti di sostegno che ambiscono a questo lavoro e per le famiglie degli studenti che hanno diritto ad un’assistenza legata alle loro caratteristiche.
“Vorremmo solo aiutare chi ha bisogno”, dicono molti insegnanti, non potendo però, in tanti, svolgere questo lavoro.
Evidentemente c’é qualcosa che non funziona, a quali fattori potrebbe essere riconducibile?

L’anno scolastico si apre con l’allarme cattedre vuote per esempio in Veneto. Infatti, come riporta il quotidiano locale “Il Gazzettino”, mancano migliaia di cattedre.
La coperta, dunque, è corta. Anche lavorando a ritmo serrato non c’è personale docente sufficiente per coprire il fabbisogno. Tutto questo malgrado il concorso docenti del 2016 (e comunque non è finita qui: contingenti sempre insufficenti nel Personale Ata-per esempio- con concorsi per i direttori amministrativi che non si fanno da 20 anni).

Un’analisi dell’Istat della fine del 2016 dichiarava: il 16% degli alunni disabili alla primaria ha cambiato insegnante di sostegno durante l’anno scolastico e il 19% alla secondaria. Il 42% ha visto un volto nuovo rispetto all’anno precedente.

In queste indagini spesso non si fa rientrare un dato che potrebbe essere significativo: quello della disabilità nella scuola dell’infanzia dove spesso non ci sono bambini in difficoltà perché non vengono diagnosticati per tempo.
La scuola dell’infanzia tuttavia non è considerata dell’obbligo e forse è per questo che mancano i dati. Ma resta una scuola di tutti.

Considerando, inoltre, che le prossime procedure per la formazione dei docenti di sostegno, i FIT, si avvieranno in tempi non imminenti e che le stesse procedure prevedono un percorso di formazione triennale, la carenza di docenti di sostegno è destinata ad aumentare.

CI CHIEDIAMO QUINDI: QUALI SONO GLI INTERESSI DEL MINISTERO?

Si sentono ripetere sempre le stesse cose…”emergenza sostegno”, dicono.
Ma quale emergenza? Non potevano pensarci per tempo mettendo a bando un numero maggiore di posti e magari pensando a nuove e meno mortificanti regole per l’accesso al corso di specializzazione?
Come al solito lo Stato è bravo a pretendere e sbandierare la continuità e la qualità, ma non a darne!

Da uno Stato che é talmente interessato ai diritti delle persone diversamente abili tanto da votare una deroga che ne prevede un percorso scolastico non differenziato ma ghettizzato, contrastato da associazioni di rappresentanza come Ledha, razzista nei confronti della diversità, francamente é difficile immaginarsi un piano di assunzioni per il sostegno, adeguato alle persone che necessitano sostegno.

Gli alunni con certificazione di disabilità vengono da adesso in poi, valutati secondo un parametro definito “profilo di funzionamento”, ci sembra, secondo un’ottica che vuole inquadrarli in base alle possibilità di “utilizzarli” produttivamente, o meglio, asservirli.

Dobbiamo dunque pensare che il nostro Ministero sia interessato a garantire il diritto allo studio di tutti?
Di chi è la colpa?

Per i sindacati non è solo del governo, ma anche dell’università che, a causa del numero chiuso, prepara un numero insufficiente di docenti di sostegno: niente prove per il TFA di sostegno, il corso di specializzazione per l’insegnamento ai disabili. Almeno per il momento.
Il ministero dell’Istruzione ha stoppato tutte le università che si preparavano a pubblicare i bandi.

Il sistema incompiuto danneggia gli alunni disabili e le loro famiglie, ma anche i docenti di sostegno, perché tutto è ancora basato sulle supplenze temporanee (su cui lo Stato risparmia) quindi il vero problema è uno e uno soltanto: la precarietà.

Migliaia di posti scoperti perché non ci sono specializzati, decine di migliaia coperti ma solo con delle supplenze. Con in più la beffa di personale qualificato che resta a casa senza lavoro perché magari è in graduatoria nella provincia sbagliata.

Una situazione in cui perdono tutti. Eccetto forse le casse dello Stato, che risparmia centinaia di milioni grazie ai contratti a tempo determinato.

Noi siamo d’accordo con i sindacati, ma non devono dimenticare che l’istituzione del numero chiuso universitario é stata fortemente voluta proprio da questo governo, insomma, gira che ti rigira sembra che il tutto riconduca ad un piano generale per la privazione del diritto all’istruzione e alla cultura delle persone.

In effetti, non dubitiamo che una persona svantaggiata o diversamente abile possa garantirsi un’istruzione: PAGANDO, ESATTAMENTE COME È NEI PIANI DEL NOSTRO GOVERNO.

Dimensione carattere
Colors