I CONDIVISORI

I CONDIVISORI

Damasco

di Jacob FOGGIA

 

storia triste di vittime sentimentali

“Con la coscienza sporca per legittima difesa” (Kaos, Coupe de grace)

Il 24 marzo del 1999 i caccia dell’Occidente si alzarono in volo per sorvolare l’Adriatico e aggredire la Federazione Jugoslava, stato sovrano.

Andavano a prendersi il Kosovo.

L’Italia, paese vassallo con D’Alema al timone, era parte in causa.
Offriva basi militari, aeroplani, uomini. Per mesi i media di casa nostra parlarono di quella regione misconosciuta, del Kosovo, come uno stregone può parlare ai bambini di un bosco incantato. Del resto, che ne sapevamo noialtri dei progetti di “Grande Albania”, dell’epica di Piana dei Merli, dei monasteri bruciati, degli scontri tra albanesi e serbi? A stento riuscivamo ad individuare il Kosovo sulla cartina d’Europa.
E, da spugne, ci siamo ingrossati di propaganda.

All’epoca, persino molti tra i compagni – per non parlare dei pacifisti – avviavano le loro analisi dal punto, ritenuto fermo, della “pulizia etnica” in corso.

I cattivi erano i serbi. Il fatto che fossero anche gli unici a poter infastidire i progetti imperiali di allargamento ad Est di capitalisti straccioni e organizzazioni militari desuete quali la NATO, era – agli occhi di tanti – una semplice coincidenza.

L’informazione di Stato, per mesi, ci ha parlato di stupri, linciaggi, violenze. E, soprattutto, fosse comuni. Le fosse comuni, nell’immaginario collettivo, sono la quintessenza del male. Le vittime, orribilmente smembrate, mutilate, in anonima decomposizione – del resto – spaventano i nostri cuori identitari dai tempi di Foscolo. Ci appaiono in sogno col tanfo della coscienza più nera.

Invisibili.

Nelle fosse comuni che ci raccontavano – in un drammatico, orrorifico conteggio basato sugli aerei spia dei “buoni” – c’erano 30, forse 50, forse 100mila albanesi. Giovani donne, bambini, vegliardi, padri di famiglia, massaie. Che ci guardavano dai bulbi oculari vacanti.

Che chiedevano giustizia, se non vendetta. Alla Comunità Internazionale, imparziale e salomonica.

I bombardamenti durarono settantotto giorni. Ferirono Belgrado, Pristina, Podgorica.

Causarono più di diecimila morti. Disseminarono uranio impoverito per chilometri, uccidendo civili e militari dell’alleanza a distanza di anni.

Nessuno, dopo aver piantato la bandiera dei giusti sul terreno di quella terra ormai svuotata ma indipendente, fece più riferimento alle fosse comuni.

Nessuno parlò più dell’argomento.

O, meglio, in un paio di occasioni – tra il 2000 e il 2001 – eccezionali “scoop” giornalistici spiegarono agli italiani che erano state finalmente trovate, le fosse. Un paio.
Vicino Belgrado. Con 800-1000 persone dentro, presumibilmente. Soldati dell’Uck, più che civili.
Amen.

Funzionava così, ai tempi. Del resto, internet non era ancora il nostro abbeveratoio di menzogne, il nostro ripetitore di sciocchezze, il lavacro purificatore del nostro sopravvalutato ego.

Ai tempi c’era il martellamento televisivo, l’ossessività della carta stampata, per orientare una pubblica opinione non ancora resa falsamente “attiva” dalla presuntuosa interazione.

Ma, a prescindere dagli strumenti e dalla loro modernità o raffinatezza, il principio che lega la guerra di Siria alla prima guerra punica è lo stesso. La mostrificazione di un nemico esterno, tradotto agli occhi della brava gente come la sintesi di ciò che è inumano, ingestibile, terrificante.
Altro.

Il nemico fa paura per la sua bestialità.

La sua bestialità lo rende indegno di occupare un posto nel consorzio umano. Non merita pietà.

Gli ebrei bevevano il sangue dei bimbi cristiani, i selvaggi uccidevano gerarchi fascisti andati a costruirgli le strade, i nordvietnamiti attaccavano navi statunitensi nel Golfo del Tonchino, anche prima dell’era del virtuale, dell’iperconnessione, della ripetizione ennesima dell’immagine e del concetto.

Era falso, certo. Ma non aveva importanza. Come non ne ha adesso. Sebbene noialtri si abbia qualche strumento in più per constatarlo.

Torna in mente il Tognazzi cardinale che, dinanzi all’osservazione dell’Alberto Sordi frate secondo cui il sangue attirava la plebe ai tempi dei romani, ribatte: “In ogni tempo, fratello. In ogni tempo”.

 

Il popolo virtuale è buono e sensibile. E questo lo rende implacabile.

Affezionato a quella monumentalizzazione delle vittime di cui parlava Luzzatto.

Istintuale e perverso, mosso da una sottomarca d’umanitarismo che, di fatto, finisce per farsi strumento.

Finisce nel perdersi nella funzione.

Il limite, probabilmente, sta nel mito nella neutralità.

Nel ritenere imparziale qualsiasi informazione.
Si può capire ed emotivamente comprendere che in tanti si sentano scossi da certe immagini anziché da altre.

Il nostro cervello è selettivo. Ma dobbiamo renderci conto che non esistono immagini neutre. O versioni obiettive.

I bimbi di Idlib non fanno eccezione.

 

Siamo parte di una gigantesca indagine di mercato.

 

Cosa pensa di ottenere il popolo di internet reiterando la propria indignazione, il proprio orrore, mostrando quelle foto terribili?

Pensa di far valere la propria umanità ma, di fatto, sta sposando una parte della contesa.

E l’altra, forte del supporto sentimentale incassato, cosa farà, in risposta?

Una bella inchiesta internazionale per porre fine con una stretta di mano ad una guerra che la nostra indifferenza idiota ha scatenato? Sbagliato.

Bombarderà altre città, altri quartieri. E altri bambini moriranno.

 

Grazie anche al buon cuore dei condivisori.

 

Ma quelle immagini non le vedremo. E ci sentiremo tutti meglio. Tutti salvi. Come Netanyahu. Come Trump.

Certo, dinanzi ad un bambino che fatica a respirare, dinanzi ad un bambino che vomita sangue; dinanzi ad un bambino che muore – come diceva qualcuno – non si può far altro che sdraiarglisi accanto e giocare al morto.

Idlib è l’intestino crasso della guerra. La sua sostanza. La sua viscera marcescente.

In una parola, è la guerra. Perché la guerra eroica, quella di Omero o del Piave, è retaggio dell’età della non riproducibilità.

Invece, a questo popolo di cuore, oggi tutto viene pietosamente gettato in pasto.

Famelicamente. Senza filtri, se non qualche ipocrita avvertenza o l’auto-censura dei tg, che funge da volano alla morbosità della ricerca.

Il punto, dopo Idlib, è porsi due domande sulla nostra volubilità.

Giacché posto per assodato che la guerra è brutta, gli sbalzi umorali dell’utenza a noi non sembrano così diversi dagli sbalzi umorali di un gruppo d’acquisto o di un elettorato.

Non foss’altro per la concordanza esistente tra i soggetti.

In due parole: dopo l’attentato di Parigi la rete è diventata un ricettacolo di compassionevoli giustizieri in cerca d’autore. Si invocava, da più parti, il pugno di ferro contro Daesh come pendant del rispetto per le vittime. Lacrime e pioggia di fuoco.

Per la prima volta c’è stata gente “comune” che ha puntato il dito contro gli statunitensi, giudicati troppo morbidi nella loro strategia anti-Isis. Insospettabili hanno evocato la riscossa di Hollande.

O sono corsi tra le braccia di Putin. Perché, si sa, l’uomo forte ispira sempre i Bar dello Sport.

Quando l’aviazione francese ha colpito Raqqa, capitale del Califfato, rendendo reali le fiamme evocate, le immagini dello scempio sono corse di bacheca in bacheca, riprese da Youtube.

E le urla della gente sotto l’auspicato fuoco ha nuovamente spinto il popolo a mutare posizione. Tra chi ha espresso il dubbio complottista dell’attentato come pretesto e chi il proprio sdegno per il genere umano, il disprezzo ha nuovamente cambiato campo.

In meno di quarantotto ore, l’intero spettro del sentire virtuale ha stilato il suo manifesto. La vittima civile come autentico eroe del ventesimo secolo, per dirla ancora con Luzzatto. E il ventunesimo non è cominciato diversamente.

Insomma, siamo sempre lì. Abbiamo ancora nelle orecchie gli osanna alzati al cielo d’Occidente quando le eterodirette piazze delle capitali del Nord Africa cominciavano a riempirsi di manifestanti.

Noi – precarizzati, sfrattati, privati dei diritti, del welfare e, per chi ci crede, del voto di rappresentanza – sui balconi del mondo ad annuire sapientemente, come chi la sa lunga. A dire ai popoli arabi che così si fa.

Che finalmente, dopo la primavera di bellezza, anche loro avranno la democrazia.

Poi i tiranni sono caduti, esattamente come Saddam nel 2003. E a nessun festoso democratico è più interessata la pervicacia dell’intervento straniero su quei paesi che si dovevano riportare nel gregge. Un’euforia contagiosa e senza ritorno (o prospettiva) ha salutato il crollo di Ben Alì, di Mubarak, di Gheddafi. Un olè dietro l’altro.

Ignorando la sovranità violata di Algeria, Tunisia, Egitto, Libia.

Un voto val bene un’eliminazione dall’atlante politico.

I democratici – anche loro, più virtuali che reali – hanno detto di prendere esempio. Poco importa se gli islamisti radicali s’erano fatti sotto o se piazza Tahrir s’è trasformata in un bagno di sangue e Tripoli e Bengasi si sono spartite una guerra civile.

Importante era il principio, dicevano. Anche quando Assad fece timidamente presente alla comunità internazionale, che alla prima violazione dell’indipendenza siriana ci sarebbe stata una carneficina. Qualcuno non s’è fatto scrupolo ad utilizzare i guerriglieri di Daesh pur di rovesciare l’uomo forte di Damasco.

Qualcuno li ha etichettati come “ribelli”, dismettendo – in quelle zone – il termine “terrorista”.

Lo stesso qualcuno che Daesh l’aveva creato e finanziato, in Iraq.

Gli attentati in Europa hanno “costretto” l’ultimo Obama a cessare la guerra irregolare e non dichiarata con la Russia e, di fatto, a mettere da parte l’appoggio ai “ribelli”. Trump ha cambiato rotta, tornando all’origine.

Bisogna abbattere Assad e, come nel resto dell’Africa settentrionale “liberata” dalle primavere, sostituirlo con un governo compiacente, debole e poco propenso a rompere i coglioni.

La propaganda che giunge a noi, dopo un interregno di maggiore benevolenza (Assad è finito addirittura ai microfoni del tg1, con tanto di sorrisi dell’inviata e saluti), è tornata quella del pre-Bataclan. Perché noi siamo spugne, oggi come nel ’99, oggi come nel 264 a.C.

Spugne che si fregiano di sentimenti sovrastimati: l’odio, la compassione, l’indignazione, la rabbia.

Ci riteniamo autonomi, ma siamo mercato. Non abbiamo mai visto i curdi perseguitati dalla Turchia che faceva affari con l’Isis.

Ma riteniamo la Turchia di Erdogan un alleato. Non abbiamo mai visto le impiccagioni pubbliche degli omosessuali in Arabia Saudita. Perché l’Arabia è un alleato.

Non abbiamo mai visto i bambini palestinesi morti di fosforo bianco sionista. Perché Israele è un alleato.

Alleato non certo nostro, ma di coloro che pilotano le nostre emozioni come si spostano voti in un sondaggio. Del resto, il gioco è facile: se il popolo virtuale avesse saputo dei bimbi morti a Dresda, avrebbe cominciato a nutrire simpatie per il Nazionalsocialismo.

In Siria si combatte una guerra terribile come tutte le altre guerre.

Come in ogni guerra, il prezzo più alto lo pagano i civili.

Da una parte le forze lealiste, dall’altra i “ribelli”, per lo più islamisti.

In Europa si combatte una guerra. La medesima. Idem in Russia. In Turchia.

Una guerra che fa vittime tra i civili, a decine.

E non ci sono nostri governi, giacché nessun governo ci è amico.

Nessuno chiede a nessuno, in questo groviglio di interessi, di mettersi a fare il “tifo” per questa o quella parte in causa.

Ma forse è arrivato il momento di superare la monumentalizzazione delle vittime, di capire che cosa si vuole, dando per scontato che si voglia la pace e che la pace sia oggi impossibile. Schierarsi. Ma non con l’uno o con l’altro, come se fossimo ad X-Factor.

Ma contro. Contro il cinismo del denaro, che ha ridotto in polvere le istituzioni dei paesi laici trasformandoli in serragli dell’ottusità religiosa, che ha lasciato le popolazioni arabe allo sbaraglio, che ha coscientemente fomentato la guerra e il terrorismo, che non piange le vittime che genera.

Dateci retta: a nessun apparato politico, a nessuna struttura militare, di questo capitalismo infame, interessa un fico secco dei bambini di Idlib. Né della verità sull’uso del sarin. Men che meno della libertà di cui vanno ciarlando.

Sono loro i nostri nemici. E sono implacabili quanto la nostra vulnerabile volubilità.

Da cui sarebbe il caso di liberarci.

 

LA CRIPTA E I SOLONI

LA CRIPTA E I SOLONI

Cimitero

di Jacob FOGGIA

 

Un fantasma s’aggira per l’Europa: il fantasma del populismo.

E dinanzi a questo ectoplasma indefinito, a gambe levate fuggono analisti, politici di professione e intellettuali dal pedigree socialista.
Spaventati, sconcertati, inorriditi. Emmanuel Macron, ex-Ministro francese dell’Economia, dell’Industria e del Digitale, leader di En Marche!, candidato per il centro alla Presidenza della Repubblica francese, è stato fischiato ad Amiens, sua città natale, dai lavoratori della Whirlpool.
Gli stessi che, in sciopero contro la delocalizzazione della fabbrica in Polonia, hanno applaudito Marine Le Pen.
Nello stesso distretto industriale in cui altri lavoratori rischiano dai dieci ai trenta anni di galera per aver sequestrato due manager nel 2014, all’apice della vertenza sulla dismissione della Goodyear.
E la Francia non è il Congo belga.
La Francia è la Francia.
Romantico riferimento della nostra raffinata socialdemocrazia dai tempi della Gauloises blu, delle Renault e di tutto quello che suscita invidia.
Pare di sentirli, i “nostri”.
Hanno toppato, stavolta, ‘sti operai francesi.
E i renziani non glielo mandano a dire. Hanno spalancato – reazionari che non sono altro! – le porte alla politica dell’insulto, della paura, del pregiudizio. Si sono concessi ai mezzucci della destra triviale, volgare e offensiva. Antieuropeista e xenofoba. Vergogna, operai!
E noi che vi abbiamo sempre trattato come persone normali! Interessante. Il punto di vista dei nostri democratici, sulla Francia e non solo. Un paradosso pieno di sfaccettature divertenti e tragiche. Le chiavi di lettura per accedere ad una distopia dei parametri, ad un rovesciamento dei riferimenti, che gela le ossa.
C’era un libro-inchiesta qualche tempo fa. Parlava delle reazioni dei cittadini statunitensi all’11 settembre. Si intitolava “Perché ci odiano”?
Beh, diciamo che il rapporto tra la “sinistra” e la cosiddetta “gente comune” segue la stessa falsariga.
La stessa trama del libro.

Partiamo da principio. Quando la “sinistra” parla di populismo non si rende conto – o non vuole rendersi conto – che indirettamente la destra, parlando delle stesse cose, parla di “bisogni”.

Reali o percepiti, autentici o indotti che siano, è quello il focus.
La preoccupazione per il salario differisce dall’ansia di un eventuale licenziamento, e questi dalla sicurezza dei quartieri solo per l’apparente immaterialità o non immanenza di due parametri su tre.
Ma il bisogno resta intatto.
E non c’è classe sociale – o, ancor peggio, non c’è individuo – incapace di valutare ciò di cui necessita, di pesare i benefici e i malefici di ogni azione.
La supponente sinistra intellettuale, stampella di una sinistra politica antipopolare al limite dell’oltraggioso, potrà tranquillamente scaricare sulle consuete categorie dell’impreparazione culturale della plebaglia le conseguenze di un agire economicamente delinquenziale.
Ma noi, che siamo d’altra scuola, non possiamo liquidarla così, la faccenda.
La sconfitta epocale dei progressisti, quella definitiva, almeno da noi, risiede nel non essere riusciti a mostrarsi alla “gente comune” neppure col volto del più blando, retrivo e molliccio welfare state.
Nessuno che dica: la Svezia.
Ma, cazzo, manco niente!
La celebrata ascesa al governo della prima coalizione di Centro-sinistra del dopo Tangentopoli, nel 1996, salutata con fuochi d’artificio e proclami degni di una seconda liberazione, ha di fatto collimato con la più massiccia e invasiva campagna di ristrutturazione del mercato del lavoro e di privatizzazioni del secolo scorso.
Una pioggia di interventi, di pacchetti, di leggi e decreti legge, atti a segmentare e smantellare il mondo dei ceti subalterni così come lo si conosceva e a favorire l’ingresso del padronato nella “new economy” da meravigliarsi di quanto le piazze fossero vuote e silenti.
Roba da applausi a scena aperta alla triplice.
Roba da pensare che non abbiano fatto altro.
Il tutto accompagnato dallo scollamento con quella base di cui per anni si è favoleggiata l’esistenza.
Apprendistato, interinale, tirocinio formativo sono termini introdotti nel giugno del 1997.
L’epoca della flessibilità.
Il precariato sancito per legge delega. Poco prima di spellarci le mani per il Nobel a Dario Fo.

La sinistra, specie quella d’alto bordo, ripugna gli appetiti popolari.

Prova istintivo disgusto per le passioni del volgo. Inorridisce dinanzi a quelle che ritiene forme di isteria, modelli dell’irrazionale, superstizioni fanatiche.
Tanto quando si parla di masse in festa per un successo sportivo quanto per l’accanimento con cui certe categorie in bilico difendono il proprio fottuto posto di lavoro o la fermata di un autobus.
Forti delle loro infarinature positiviste, razionaliste, illuministe, del loro citazionismo da fumoso jazz club di un romanzo sudamericano, da distanze siderali si scandalizzano: della paura per la concorrenza straniera che scuote i lavoratori precarizzati, per il vortice liberista che spinge al ribasso il valore del proprio tempo, per gli affitti alle stelle in quartieri popolari gentrificati che spingono verso le cinture urbane della “guerra fra poveri”.

La loro politica di tolleranza e pacificazione si basa sui chilometri di spazio che li separano dalle contraddizioni del reale.

E chiosano con una scrollata di spalle e con un giudizio tranchant ogni timore che dal basso lambisce le finestre delle loro torri d’avorio.
Ma pensiamoci un attimo. Davvero questa plebaglia è la stessa che da secoli invoca il sabba e poi brucia la strega?
Davvero queste fogne metropolitane sputano ancora orde di volontari ai pifferai magici di turno?
Davvero è solo questione di “cultura”, di “analfabetismo di ritorno”, di “ignoranza funzionale”?
Davvero, come spesso capita, alla prossima sconfitta elettorale delle coalizioni di centro-sinistra bisognerà invocare il cambio del popolo? O c’è dell’altro?
Questi della Whirlpool sapevano chi era ‘sto Macron? A occhio e croce, sì. Non foss’altro che a lui, a Emmanuel, è intitolata una legge.
La “Loi Macron”, per l’appunto.
Una legge sul lavoro – nello specifico, sui trasporti e il trattamento dei lavoratori impiegati temporaneamente sul suolo di Francia – che faceva da corollario, o da “cespuglio”, alla ben più celebre “Loi travail”. Il disegno di legge, approvato dal governo Valls (di cui Macron era Ministro dell’Economia) nel luglio del 2016, che – tra le altre cose – semplifica i licenziamenti, riduce il diritto al riposo per le prestazioni occasionali, trasforma la reperibilità in riposo non retribuito, limita le indennità per ingiusto licenziamento, aumenta la giornata lavorativa per gli apprendisti (fino a 40 ore settimanali) e modifica al ribasso gli straordinari.
Un disegno di legge che incendiò la Francia e sulla quale il Macron si disse persino possibilista rispetto ad un ulteriore aumento delle ore lavorative anche per i dipendenti non apprendisti.
Sarà una nostra malevola impressione ma, ehm, sì. Quelli della Whirlpool sapevano chi stavano fischiando.
La sdegnosa sinistra, a questo punto, lascerà il suo calice di cognac sul comodino Luigi XVI ed esclamerà, con fiero disappunto, che la collusione del soggetto con le politiche anti-popolari di Valls e Hollande (tutti rigorosamente espressione del socialismo europeo) non è elemento sufficiente per parteggiare per una fascista come la Le Pen.
Che poi, detto da quelli che propagandano il superamento delle ideologie ogni due per uno, fa pure sorridere.
Ma tant’è.

Il guaio, e siamo sempre lì, non è chi cavalca il malcontento. Il guaio è chi il malcontento lo crea.

I mesi di Matteo Renzi da Presidente del Consiglio sono stati mesi di scudisciate all’orgoglio di intere categorie di lavoratori, a cominciare dalle maestre per finire agli infermieri. Mesi di vuoti progetti da piccolo Cesare finiti spedendo ragazzini di sedici anni a pulire i cessi dei McDonald’s nel nome della “Buona Scuola” e di un’alternanza scuola-lavoro che prepara allo sfruttamento intensivo come Hogwarts ha preparato Herry Potter.
Il Jobs Act non era e non è affatto meglio della legge sul lavoro francese.
E anche in quel caso, da noi, le piazze hanno riecheggiato uno strano silenzio confederale.
La mancanza di garanzie, l’impossibilità di una progettazione domestica degna di questo nome, la frenesia da conquista di un posto qualunque e il successivo parossistico bisogno di mantenerlo, spezza in due il morale della classe.
Che si frammenta in comunità sempre più slegate, sempre più isolate.
Fino alla monade che lotta con la monade concorrente.
Il precariato esistenziale – amministrato dalle sinistre di governo nell’arco di un doppio decennio – ha frantumato ogni solidarietà, ridotto in pezzi ogni appartenenza, acuito la competizione tra straccioni, messo sul lastrico migliaia di donne e di uomini disposti a tutto pur di riconquistare un posto al sole. O di non perdere quel che ancora si trattiene.
In questa situazione – perché questa è la situazione, signori, capiamoci! – chi è più colpevole? Chi genera afflizione sociale e derelitti pronti a battersi, come i barboni in un noir, tra le vie di una Gotham city, per un posto letto o un pasto alla Caritas?
O coloro che a costoro offrono la più becera, oscena, irritante soluzione?
I secondi sono il frutto marcio delle politiche dei primi.

No, noi non stiamo con la Le Pen. Come non stiamo con Salvini. Se questa è la domanda.

Ma troviamo disgustoso al limite dell’offensivo l’atteggiamento di certi saccenti e boriosi intellettuali, che dall’alto delle loro conoscenze accademiche, sputano sentenze su quella fascia di popolazione ormai disorientata e pronta ad azzannare.
Per bisogno, non certo per odio.
Offensivo il giudizio sugli operai “reazionari”, dopo che a questi ultimi è stato tolto persino il beneficio del dubbio su certe “immacolate” figure politiche.
“Lo vuole l’Europa!”, si è urlato per lustri. Come una formula salvifica.
La gente, quella comune, quella che poi fa i serbatoi di voti, ha atteso pazientemente. Si è sacrificata, nell’attesa della venuta della dea.
Ma Europa è un mostro che divora i suoi figli triturandoli negli ingranaggi di una burocrazia invisibile e impalpabile.
La “gente comune” potrà anche non sapere nulla dei meccanismi di palazzo. Ma sa da che parte sta il nemico.
E chi glielo indica, ahinoi, vince. E tirar fuori la storiella dei “fascisti” cattivi ogni tot probabilmente non servirà ad evitarlo.
Un fantasma s’aggira per l’Europa: il fantasma del populismo.
Ad autorappresentarsi come unico argine: coloro che lo hanno evocato.
Coloro che lo hanno liberato dalle cripte.
Dimensione carattere
Colors