AMBIENTE, UN CIMITERO A CIELO APERTO

AMBIENTE, UN CIMITERO A CIELO APERTO

ambiente

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Responsabile Nazionale

 

L’abuso, lo sfruttamento intensivo, l’incuria, la predazione del capitalismo verso l’ambiente, si rivela in tutta la sua drammaticità non appena si verificano eventi meteo anomali.

Ma non sono casi, non è fortuito.
La natura difende e protegge se stessa grazie a meccanismi evolutivi che ha generato in milioni di anni.
Noi, in meno di 70 anni – che in rapporto ai milioni di anni che sono serviti al pianeta per evolvere e specializzarsi, sono uno sbadiglio nell’universo – abbiamo stravolto tutto.
Questa rapidità di cambiamenti, impedisce alla natura di evolvere nei suoi tempi che non possono e non potranno mai essere i nostri.

Lo stiamo vedendo proprio in questi giorni con l’immane strage, una vera e propria catastrofe ecologica, che ha portato alla morte di 14 MILIONI DI ALBERI a causa del clima.
Intere foreste, interi boschi, SPARITI, CANCELLATI, SPAZZATI VIA IN UNA NOTTE.
E con essi, spariscono sistemi complessi di piante e animali che costituiscono l’ossatura di un ecosistema il quale non è un’astrazione o una parola sulla carta ma rappresentano per noi, la SOPRAVVIVENZA.
Nel momento in cui il danno è così vasto e ingente, coinvolge TUTTI perchè le ripercussioni saranno estese non solo alle zone colpite, ma indirettamente a tutta la nostra penisola.
Ovunque in Italia le precipitazioni sono state intense e il territorio collassa in ogni modo possibile.
Abbiamo avuto temperature folli, specie al nord, per un mese come ottobre (28 gradi a fine mese), ulteriore segnale di come il clima sembri impazzito e a fronte di temperature estreme per la stagione e di lunghi periodi di siccità, anche gli eventi atmosferici si manifestano in maniera estrema.
Ma spiegatelo a uno come Trump, se vi riesce..
.

INFATTI IL PROFITTO NON SI FERMA. DEPREDA, SACCHEGGIA, ALTERA, VIOLENTA l’ambiente, il clima. Ogni ambito in cui il pianeta ci sta ospitando è così devastato che non è possibile non porsi domande e non provare angustie.

 
In Cadore, tra il Veneto e il Friuli Venezia Giulia, giusto in questi giorni è stata una strage. Una strage che si è portata via anche milioni di animali che compongono un sistema che si autoregola e impedisce aberrazioni.
Una strage di alberi. Qualcosa che a vedersi sembra una mattanza.
 

Si parla di milioni di alberi. QUATTORDICI MILIONI DI ALBERI.
Una ferita profonda all’ambiente che non cicatrizzerà mai davvero e la vedranno solo le generazioni che devono ancora nascere.

Ossigeno, evaporazione, piogge, ecosistemi specializzati e differenziati, specie animali…equilibri perfetti annientati.
Tutto distrutto per chissà quanto tempo…

Su Repubblica di ieri, la dichiarazione di COLDIRETTI

 

“Si stima che siano 14 milioni gli alberi abbattuti con conseguente compromissione dell’equilibrio ecologico e ambientale e messa a rischio della stabilità idrogeologica.
Ad essere abbattuti sono stati soprattutto faggi e abeti bianchi e rossi nei boschi dal Trentino all’Alto Adige, dal Veneto al Friuli, dove ci vorrà almeno un secolo per tornare alla normalità.

“Nei boschi – spiega Coldiretti – si trova una grande varietà di vegetali e una popolazione di mammiferi, uccelli e rettili che per il disastro è stata sconvolta, mentre la mancanza di copertura vegetale lascia il campo libero a frane e smottamenti in caso di forti piogge”.”

Questo in foto è ciò che resta della foresta di Sottosassa, a Predazzo.
ambiente
Gli alberi che nell’immagine sembrano fuscelli, erano conifere da 25-30m., ALBERI ADULTI quindi i NOSTRI POLMONI.
 
A parte il danno economico di questa catastrofe, CHI CREDETE PAGHERA’ TUTTO QUESTO SE NON ANCORA NOI?
 

L’INSULTO ALL’AMBIENTE LO PAGHEREMO CON LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI NOSTRI FIGLI E NIPOTI…

 

 
.
DEF: ANCHE IL FINANZCAPITALISMO HA PAURA

DEF: ANCHE IL FINANZCAPITALISMO HA PAURA

def

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile Movimento Essere Sinistra [ MovES ]

 

Ma, veramente pensiamo che agli oligarchi importi qualcosa del nostro DEF, della manovra e della nostra stabilità?
Crediamo davvero che per lorsignori il problema sia quello?

Nient’affatto. Non è un problema tecnico ma POLITICO.

Ai finanzcriminali della UE interessa solo piegare ogni possibile resistenza da parte dei paesi membri e l’Italia per loro rappresenta un grosso problema, per un elenco di svariate ragioni.
Non considerare che un banalissimo No è già sufficiente a rappresentare un pericolo, è di per sè non aver compreso cosa rappresenti quel solo No.

A dispetto di quanto si legge e sente in giro, ma specialmente sui social, dove in troppi davvero hanno fatto propria la narrazione costruita ad arte e divulgata dal PD che ancora una volta fa leva sulle paure: di impoverimento (?), di fascismo (?), di invasione aliena (?).

Beh, spiacenti, si è GIÀ tutto verificato.
Grazie al braccio armato della UE, il PD.

Infatti, la povertà dilaga, il fascismo è quello in giacca e cravatta dei tecnocrati (vedere in Grecia, please, e non solo) e l’occupazione del paese è già in essere da parte degli organismi sovranazionali che sono entità aliene rispetto agli Stati nazionali, ai governi democraticamente eletti e alla sovranità dei popoli.

La minaccia della BCE di ieri, poi, ricorda tanto quella messa in atto contro la Grecia nelle fasi del referendum, senza contare che non ha nessun fondamento una simile posizione, se non mirare a ricattarci e a strangolarci per arrivare a razziarci.
Non reagire a quest’altro ricatto rischia di diventare una grave responsabilità storica per quanto potrebbe accadere se non ci si opporrà con fermezza a questa niuova aggressione e a quelle che si succederanno inevitabilmente.

E secondo voi, una potenza come la UE si prenderebbe tanto incomodo se questo governo fosse composto da 4 scappati di casa, come piace tanto pensare alla vulgata delle sinistre di sistema, e non una reale minaccia?

Suvvia, dai, non scherziamo… 😂

TERRORISMO UNITED COLORS

TERRORISMO UNITED COLORS

terrorismo

 

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile Movimento Essere Sinistra [ MovES ]

 

I giorni passano e il dolore per la strage di Genova non se ne va.
Anzi, aumenta.
Le notizie di cui veniamo in possesso non fanno che aumentarlo insieme alla rabbia. Dolore e rabbia sordi e impotenti di chi sapeva che prima o poi qualcosa di terribile sarebbe successo perchè, dove manca lo Stato a gestire quello che interessa il bene comune, e subentra chi deve fare cassa fino a sfondarla sulla pelle delle persone, è sicuro che sia solo questione di tempo che una mattanza prima o poi avvenga.
Una rabbia sorda e impotente perchè troppi (!) tra le persone comuni, non hanno voluto credere a quale sistema di potere aspirasse e fosse determinato a creare il PD e fin dove si sarebbe infiltrato come una delle peggiori e mortali metastasi della democrazia.

La strage di Genova (ci tengo a definirla una strage perchè lo è a tutti gli effetti) non è dissimile da quella della Stazione di Bologna.
Non solo per le modalità infami, non solo perchè i morti sono stati troppi laddove anche solo uno è già troppo.
Ma anche perchè questi eventi agghiaccianti sanciscono di fatto passaggi politici determinanti.

Bologna ci ha dimostrato come vari poteri si intersechino, come si crei tra loro sinergia e come agiscano in perfetto unisono per raggiungere i loro obiettivi.
Bologna fu la madre di tutte le stragi proprio per quanto successe dopo. Ma anche prima. L’omicidio del Giudice Mario Amato, ne è la riprova.

 

E Genova ricorda molto tutto questo.
Oggi il terrorismo non viene rappresentato con gli omicidi eccellenti o con le stragi al tritolo, ma da un sistema di potere che, per ragioni molto simili a quelle che muoveva lo stragismo italiano di un certo periodo storico, piega con la paura, l’oppressione e il ricatto milioni di persone o sacrifica decine di vite umane pur di mantenere controllo e dominio e di conseguenza, immensi patrimoni.

 

Quello che sta emergendo, quindi, dimostra che oggi come allora, NON SONO SOLO i Benetton il problema, ma lo è l’intreccio di poteri con la politica che, per scopi che a noi comuni mortali appaiono come mostruosi e complottisti, in realtà non fanno altro che garantire se stessi a qualunque costo e senza mai scomporsi.

Le elargizioni che sembra che i Benetton abbiano versato a tutti i partiti – tanto il centrodestra quanto il centrosinistra di un certo periodo – confermerebbero quanto collusa sia la politica che conosciamo con il grande capitale finanziario e non, e sarebbero in perfetto stile mafioso, visti gli immani scambi di favori che inevitabilmente si sono sempre innescati, come dimostra la storia di questo paese.

A conferma, quindi, che non solo il sistema ripete sempre se stesso ma che in questo passaggio, a fronte degli effetti dell’attacco portato alla democrazia, l’evoluzione c’è stata ma prepotentemente verso la distruzione dello Stato e a favore di poteri che, nella loro somma attuale, diventano un’ulteriore entità politica. Tanto invisibile ai più, quanto per questo maggiormente potente.

Non è impossibile, pertanto, che nello svolgimento delle indagini sul crollo del ponte Morandi possano emergere ulteriori sconcertanti fatti e verità annesse e questo ci porta a pensare che altri insabbiamenti e depistaggi potrebbero verificarsi. Anche in questo Bologna insegna molto e dovremo vigilare, soprattutto adesso.

Colossi come quello del gruppo Benetton, possono tutto. Sono gli stessi Benetton che in Sud America per i loro profitti più sfrenati, sono coinvolti nella sanguinosa spoliazione dalle loro terre, il popolo Mapuche.

Non staremo a guardare, specie perchè Genova, con il suo enorme dolore per il tragico rosario di nomi delle vittime, con i danni impressionanti ai sopravvissuti del crollo, ai residenti della zona, al territorio e alla sua economia, sta cominciando a dirci qualcosa in più.

Un qualcosa che quell’applauso ai rappresentanti del governo durante la funzione per le vittime, continua a confermarsi sempre più chiaramente.

Un qualcosa che insiste a dirci che il sipario del dio mercato è strappato e che il cambiamento, se non sarà oggi con questo governo, comunque sarà!

Troppo facile e troppo comodo, perciò, rubricare anche le reazioni di oggi alla voce “il popolo è ignorante e razzista“. Un bell’alibi per non vedere le proprie individuali e collettive responsabilità.

Il popolo di quei funerali come quello del voto del 4 marzo, sta gridando il suo BASTA! e ha votato chi, dopo decenni, ha iniziato a parlare il suo linguaggio, disinteressandosi del fatto che fosse Di Maio o Salvini perchè quando la disperazione e l’oppressione diventano una marea che ti soffoca, non importa più nulla su chi sembra lanciarti un salvagente.

 

Di questo la sedicente sinistra che si straccia le vesti dovrebbe occuparsi.
NON di uno squallido selfie fatto durante un funerale di Stato e non dei fischi a Martina&Co., ma della sconfitta ormai acclarata e acclamata a gran voce, di tutta una parte politica vergognosamente serva di un sistema che ancora troppi hanno votato e troppi sostengono in tutte le sue forme e propaggini.
Una sconfitta che nemmeno il terrorismo United Colors potrà sanare.

 

ANCHE e SOPRATTUTTO perchè acclamata proprio durante i funerali di 43 morti assassinati dal terrorismo delle più orrende e mostruose speculazioni delle élite del capitalismo globalista finanziario di cui i Benetton sono solo la punta di un immenso iceberg e ancora troppo sommerso.

GENOVA, IL NOSTRO DOLORE, LA NOSTRA RABBIA

GENOVA, IL NOSTRO DOLORE, LA NOSTRA RABBIA

genova

 

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile Movimento Essere Sinistra [MovES]

 

.

Una giornata prefestiva di una settimana ferragostana che è stata torrida. Molte fabbriche e aziende chiuse. Altre continuano a lavorare. Le ultime partenze per il Ferragosto. E finalmente piove. Piove su tutto il nord e piove a Genova.
Genova. La A10 e il lavoro. E quegli ultimi chilometri verso gli imbarchi, verso il Ponente, verso la Francia.
Genova. D’improvviso, un soffio cruento che interrompe il flusso di tante vite, di spensieratezza, di agognato riposo, di lavoratori che si muovono nell’andirivieni dei veicoli.
Genova. D’improvviso il crollo. Le morti. L’orrore.

 

La notizia attraversa i media e in poco raggiunge tutti gli italiani. Nessuno vuole credere sia potuto succedere.
Un intero ponte crollato, è il tratto di viadotto che attraversa l’abitato. Il pensiero corre alle altezze, al precipitare, ad un gigante che incolpevole si è seduto con la sua massa di cemento, ferro e detriti sulle vite di tanti, sulle loro case, sulle loro speranze, sul loro futuro.

Si resta inebetiti, attoniti, sgomenti…
Il primo pensiero che ti sale alla mente: “…impossibile, non può essere successo davvero...” ma le immagini che scorrono, mentre il gigante si sbriciola, sono lì, sono sotto agli occhi di tutti. Lì e davanti agli occhi terrorizzati di altri esseri umani che ha chiuso per sempre.

In un lampo capisci cos’è successo. Capisci il perchè, le ragioni, le cause.
Aspetti, ti dici che non sarà così mentre dentro SAI perchè è accaduto ma speri di sbagliarti perchè un simile orrore lo rifiuti, perchè malgrado sai che chi ha causato quella strage sia capace di tutto, continui a non volerlo credere. È troppo anche per te.

Speculazione, degrado e incuria, prima, mancata manutenzione e intensificazione del traffico, dopo, per fare ancora più soldi, tanti soldi, montagne di soldi. No no no no, impossibile, pensi-speri ancora di sbagliarti.
Le ore passano e il pensiero continua a correre a quelle mani che scavano frenetiche, addolorate per ciò che trovano, agli occhi che non vogliono trovare solo morti, ai cani che fiutano, che guaiscono per raggiungere chi è sepolto sotto montagne di ferro e cemento sbriciolato. E ti manca il respiro, quasi ci fossi anche tu, là, sotto a tutto quel peso. Altre ore e ancora le stesse sensazioni.
Infine la conferma.

Ti assale una commistione di dolore profondo e sordo, di rabbia, di orrore senza soluzione di continuità. Genova ce l’hai nella mente, negli occhi, nei brividi che ti attraversano pensando agli ultimi istanti di chi precipitava, di chi si è salvato per un soffio davanti al baratro che si apriva dinnanzi alle ruote del suo veicolo, di chi è ferito ma non sa come, non sa quanto. E soprattutto non sa il perchè. Non lo sa ancora.

Ma tu, invece, lo sai. E sai già che quell’orrore è avvenuto a Genova come poteva avvenire ovunque in Italia, in Europa, in ogni parte di questo disgraziato spaccato di mondo ormai devastato e distrutto da un potere profondamente criminale che impiega un istante a spazzarti via dalla faccia della Terra solo per ingoiare, ingurgitare, incorporare patologicamente palate di denaro che non potrà spendere in tutta la sua esistenza e in quella delle sue discendenze. Solo per arricchirsi e per sentirsi onnipotente sapendo di poter decidere chi vive e chi muore.

Un gioco perverso quello che si è materializzato ieri a Genova. Genova, Italia. Genova, Europa.
Dopo ore ed ore, siamo ancora tutti a Genova, davanti a quelle immagini. Storditi, straniati, atterriti, spersi…
In giro c’è silenzio. Non solo perchè Ferragosto è alle porte. Un silenzio surreale.
Si parla di Genova, ci si guarda in faccia l’un l’altro e lo smarrimento è come pietra.
Chi non è mai passato di lì, specie vivendo al nord?

Un amico dice: “Ci sono passato ieri!”. Poteva capitare a lui, poteva capitare a tutti.
Ed ecco il mostro affacciarsi alla mente: SIAMO TUTTI IN PERICOLO.
Mai come oggi, in questa immensa roulette russa a cui il potere neoliberalista ci obbliga,  NESSUNO è salvo.
Ci hanno ridotti ad essere un gregge di agnelli sacrificali da immolare senza nessuna esitazione, retropensiero, dubbio e scrupolo, in nome del capitalismo più feroce e predatorio mai visto nella storia dell’Italia repubblicana.

Questo è un paese che troppo spesso è stato attraversato da disastri annunciati e voluti, costati vite umane. Stragi.
Da ieri piangiamo altri nostri morti innocenti sacrificati senza ragione e spaventa perchè ci ricorda che siamo esposti ad un pericolo che incombe sulle teste di tutti in qualunque momento, in qualunque contesto.

Un profitto massimizzato cui non importa per nulla della conta dei morti.
Un ponte instabile sin dalla sua realizzazione, a quanto pare, che ha mostrato i segni della sua incapacità da sempre. (I primi scricchiolii…)
Negli anni, però, il traffico era tale da essere tollerabile dalla statica del ponte.
Poi, con la privatizzazione del 2002, i carichi sono aumentati esponenzialmente. (Un altro sinistro scricchiolio…)
In Parlamento un senatore presenta un’interrogazione per il Viadotto Morandi denunciandone la pericolosità. Nessuna risposta. (Un altro scricchiolio ancora…)
Un esponente di Confindustria ligure, denuncia e predige il crollo. (E ancora uno…)
Tecnici qualificati insistono nel dire che si debba intervenire in fretta e radicalmente. Silenzio… (Gli scricchiolii continuano uno dopo l’altro…)
Il governo PD di ieri, col suo silenzio carico di colpe e responsabilità, coi suoi tanti Delrio che si sono lavati mani e piedi nel sangue dei morti di oggi, sono gli ultimi carichi destabilizzanti del Viadotto Polcevera e del ponte Morandi.
La Gronda che poteva sgravare i pesi in transito, non si è fatta perchè “Autostrade per l’Italia ha garantito che il ponte starà su per almento 100 anni”. Solo tre mesi fa l’ok ai lavori.
Poi il dissesto idrogeologico di cui la Liguria è uno degli emblemi più dolorosi in Italia, per le ferite inferte sistematicamente al suo territorio. Ma intanto i governi parlano di TAV, di TAP, di grandi opere, sulla scorta di una simile orrenda prospettiva regolata solo dal profitto.
Ieri l’ultimo, definitivo scricchiolio. E Genova è ferita mortalmente.
Ferita nei morti che giacciono sui tavoli degli obitori dei suoi ospedali. Ferita per il dolore dei famigliari delle vittime.
Ferita per l’orrore che resterà negli occhi di chi si sarà salvato e di chi porterà i segni fisici per sempre.
Ferita nei tetti su cui il gigante si è seduto spazzando via le case a 440 persone che sono dovute sfollare.
Ferita nelle attività produttive e portuali, nel turismo, nelle vie di comunicazione spezzate in due. E non si sa chi ringraziare che la catastrofe sia avvenuta in una settimana in cui la maggioranza delle aziende chiudono. Diversamente, come sarebbe stata la conta dei morti?

Questo è un capitalismo che mette sul piatto costi e benefici come in una grande scommessa.

 

È agghiacciate solo a pensarlo, peggio ancora a dirlo ad alta voce: Genova è la conferma definitiva per tutti che per questo capitalismo meglio rischiare i morti al fare interventi risolutivi.

COSTA MENO dover risarcire, a tragedia avvenuta, i danni collaterali (così definiscono le vite che spezzano) del mettere in sicurezza in qualunque modo, per evitare catastrofi.

 

Un capitalismo che conta sulla complicità dello Stato coi suoi tempi della giustizia che giustizia non è mai.
Genova sarà un’altra pagina nera di quella giustizia. Una peggio di tante accadute in precedenza.

Il profitto di un capitalismo che gioca sporco e senza freni e manda a schiantarsi al suolo poveri e ignari innocenti, perseguendo la volontà criminale di un arricchimento sfrenato che lacera le carni vive del paese.
Ma i rincari delle Autostrade ogni 1° gennaio sono immancabili e Atlantia – la S.p.A. che gestisce questo tratto di rete autostradale di cui la famiglia Benetton è il maggiore azionista – ha incassato 1 miliardo e 100 milioni di utili che non sono andati in interventi strutturali ma in dividendi per gli azionisti.

Un profitto che distrugge tutto senza conoscere mai pietà, che non bada al sangue delle vittime e alle famiglie che devasta e consegna alla disperazione totale, che si nutre della giustizia non giustizia.

Il viadotto Morandi di Genova che si è seduto col suo peso mostruoso sulle vite di tanti innocenti asfissiandole, schiacciandole e stritolandole fino a distruggerle, è la piena rappresentazione di come quel capitalismo – attraverso la sanguinaria massimizzazione del profitto che attua – sta asfissiando, schiacciando e stritolando le vite di tutta una umanità colpevole solo di non appartenere a quell’1% di popolazione mondiale che accresce la sua onnipotenza giorno dopo giorno mediante l’annientamento di intere popolazioni.

 

Un profitto che da ieri a Genova, ci lascia una volta di più sgomenti e rabbiosi.
Che spacca il cuore e lo affoga in un dolore sordo che dal profondo urla un disperato e determinato: BASTA!

 

IL DITO E LA TRAVE (ce lo chiede il mercato!)

IL DITO E LA TRAVE (ce lo chiede il mercato!)

trave

 

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile [MovES]

 

Leggo che a Brescia, comune che si è recentemente riconfermato piddista e in una provincia profondamente cattolica, leghista, sostanzialmente piccolo-borghese, hanno trovato il cadavere di un anziano – che viveva solo – dopo giorni.
Lo stesso è avvenuto a Roncadelle, comune in cintura a Brescia, dove una donna anziana, morta da sola, ha subito la stessa sorte: anche lei trovata dopo giorni.

Insomma, tanto fanfaronare di entrambe le forze politiche ma nessuna delle due, ovviamente, ha mai attivato anche su questi ancora abbastanza ricchi territori (lo sono anche oggi malgrado la stagnazione economica in cui è l’Italia) un sistema di servizi sociali che monitorino soprattutto gli anziani soli e le persone in difficoltà.

L’assenza di stato sociale è OVUNQUE in Italia, non solo in quest’area, ma a Brescia e provincia fa due volte più senso per il comportamento sociale ipocritamente cattolico e falsamente moralista, oltre che ridondante di slogan e propaganda sulla famiglia, sulla tradizione o sui buoni valori della solidarietà targata con il sigillo papale o le magliette rosse.

Già me li immagino i discorsi delle persone comuni delle zone interessate da questi ultimi fatti: contrizione, partecipazione formale, riprovazione stile “il mondo va a rotoli e non esiste più l’umanità”.
Ma poi, basta che un Erik Gandini qualunque – regista bergamasco che vive in Svezia – racconti che là si muore soli (anche se non è comunque la norma benchè sia stata fatta sembrare tale), ed ecco che praticamente tutti si sentono rassicurati, perchè se accade dove il welfare funziona, sono subito pronti a sentirsi leggitimati a dire il solito “figuriamoci in Italia”.
Et voilà, è così che tutto resta ciò che è e diventa rassegnazione in luoghi come questi.

È proprio dinnanzi a simili contesti che la consapevolezza del dover rompere la gabbia dell’euro e con i trattati europei, diventa una certezza granitica.
Altresì ci si rende sempre più coscienti che solo la nascita di un fronte socialista, anticapitalista e antiliberista, non è più rimandabile.
Il mantra della sinistra imperiale non dà tregua e la massa preferisce credere perchè dopo anni di condizionamento, rifugge come la peste il solo pensiero di una rottura con questo sistema, vagheggiando tragedie su una possibile uscita che invece sono già una concretezza nel quotidiano di ciascuno.

Il fatto è che si continua a raccontarsela ma la realtà non mente.
Le ragioni di un simile abbandono di ogni essere umano a se stesso sul proprio territorio, infatti, a volerle vedere sono ormai note, dato che i comuni non hanno risorse da investire a causa del patto di stabilità imposto dalla UE, la quale spinge inoltre alla privatizzazione dei servizi al cittadino, in maniera parossistica.

 

Però, ok, se vi piace così, andiamo avanti a raccontarci frottole e la vita ci sorriderà.
Come l’effetto del dito nel culo di cui parlavano gli Squallor nella loro canzone degli anni ’70.
Solo che con questo sistema di potere, il dito è diventato una trave.
Dimensione carattere
Colors