RUSSIA-U.S.A.: QUALCOSA È CAMBIATO

RUSSIA-U.S.A.: QUALCOSA È CAMBIATO

U.S.A.-RUSSIA

 

di Giuseppe MASALA

Mentre tutti i riflettori internazionali erano puntati sul vertice di Singapore tra Kim e Trump che ha sancito l’inizio di un percorso di pace in estremo oriente ieri in Europa si sono incontrati in territorio neutrale (in Finlandia) il Maresciallo Valery Vasilyevich Gerasimov delle Forze Armate Russe e il Generale Joseph Dunford Chairman of the Joint Chiefs of Staff (U.S.A., ndr).

I due sono comandanti in capo rispettivamente delle Forze Armate Russe e di quelle Americane. I dettagli dell’incontro pochissimo pubblicizzato sono coperti da segreto di stato. Però si accompagnano alle dichiarazioni di Trump sul reinserimento della Russia nel G7 e sul riconoscimento della Crimea come parte della Russia.

Pare evidente che siamo al completo ribaltamento di postura diplomatica e militare degli U.S.A. che dialogano con quelli che negli ultimi anni erano i nemici giurati in attesa del confronto militare. Trump in sostanza sta dicendo che non vuole svenarsi per contenere la Russia e la Cina (per interposta Korea del Nord).

Gli unici che non hanno capito l’enormità di quanto sta succedendo sembrano gli europei, completamente spiazzati e forse incapaci di comprendere il ribaltamento di fronte.

Forse pensano di essere ancora sotto l’universo orwelliano obamiano, fatto di guerre (ben 7 quelle combattute dal Premio Nobel per la Pace più guerrafondaio della storia) mascherate da operazioni di pace.
Epoca che prometteva continua crisi economica e stagnazione e continua vessazione dei più deboli. E tutto questo ammantato di delirio ideologico genderista e tutto il resto.

La cecità e la miopia strategica dell’Europa porterà alla sua completa disintegrazione se non ci sarà da parte delle opinioni pubbliche europee (con relativa svolta nelle cabine elettorali) un’immediata comprensione e accettazione del totale cambiamento di postura fatto dagli U.S.A. di Trump.

Con un po’ di fortuna l’epoca buia e infernale di Obama e di tutti i suoi lacchè europei tra un po’ sarà solo un triste ricordo.

 

(a corredo l’unica foto divulgata dell’incontro finlandese tra i due generali)

Dimensione carattere
Colors