GALLINO E IL SENSO DI UNA INTERA CIVILTÀ

GALLINO E IL SENSO DI UNA INTERA CIVILTÀ

“C’è di mezzo il senso di una intera civiltà.
Che essa appaia asservita al suo sistema finanziario, piuttosto che esserne come dovrebbe la padrona, è un segno che la crisi economica è diventata crisi di civiltà.
Che sia stato il suo stesso sistema politico a costruire dall’interno gli strumenti del suo asservimento alla finanza attesta non meno la gravità della crisi, quanto gli ostacoli che si oppongono al suo superamento.”

 

Luciano Gallino, da “Finanzcapitalismo”

E JUNCKER BRINDA A MACRON… (TANTO PER CAMBIARE)

E JUNCKER BRINDA A MACRON… (TANTO PER CAMBIARE)

Juncker

Jean-Claude Juncker: “Macron era l’unica scelta possibile…”.

Insomma, Juncker già si frega le mani per Macron, e stappa una bottiglia…

E ci credo.

È praticamente come avere un commissario UE a fare il Presidente della seconda potenza d’Europa, con tutto ciò che drammaticamente ne conseguirebbe in materia di sovranità, diritti sociali e politiche pubbliche.

Per informazioni citofonare “Atene”…

Purtroppo il Neoliberismo e il Finanzcapitalismo non sono sinonimi del Capitalismo come molti credono, rappresentano invece un evoluzione ancora più estrema del fenomeno.

Il nemico adesso è più pericoloso perché meno riconoscibile nella forma, ma più letale e meno gestibile nella sostanza.

Antonio Capuano

TI HANNO INVENTATO LE SOCIETA’ DI “RATING”. E NOI?

TI HANNO INVENTATO LE SOCIETA’ DI “RATING”. E NOI?

rating

La “finanza” ed il “mercato”, per difendere e garantire i loro investimenti si sono inventati le società di rating (valutazione) che emettono giudizi, stime, pagelle relativamente a titoli azionari, banche o perfino Paesi.

Questi giudizi quindi hanno esiti e conseguenze nella vita reale, in quanto oggi ad esempio l’agenzia Fitch ha abbassato il rating dell’Italia da ‘BBB+’ a ‘BBB’, in pratica ci ha dato un voto negativo e lo ha anche motivato affermando che:

i rischi di un “governo debole o instabile sono aumentati, così come la possibilità di partiti populisti e euroscettici che INFLUENZANO LA POLITICA”, capito? INFLUENZANO LA POLITICA, ed ancora:

“Un populismo in crescita può sminuire l’APPETITO POLITICO PER LA RIFORMA, aumentare la pressione per lo svuotamento fiscale e pesare sul sentimento degli investitori”.

APPETITO POLITICO PER LA RIFORMA, concetto caro a Renzi di riforma come dato positivo in quanto tale e non per i suoi contenuti!

Non solo quindi danno voti all’affidabilità di uno Stato ma entrano e giudicano nel merito le scelte politiche e le tendenze che in quello Stato il popolo elabora e mette in campo.

Detto questo mi chiedo, come mai se la destra, perché è di destra che stiamo parlando, mette in campo pubblicamente strumenti operativi così incisivi, diretti ed apertamente devastanti per le scelte che i governi devono mettere in atto con lo scopo finale di guidarne le politiche, la sinistra non ha messo in campo delle società di rating universalmente riconosciute che emettono giudizi, stime, pagelle sulla qualità di vita delle popolazioni?
Valutandone per esempio le condizioni oggettive della salute, dell’istruzione, della condizione del lavoro, dell’economia, della felicità dei bambini e degli anziani, dello stato generale delle famiglie, che sono poi dati molto semplici ed oggettivi da valutare?

Visto che quelle interessandosi di mercati e finanze determinano scelte che condizionano la nostra vita, come mai non sono stati, seppure nominalmente, messi in campo delle associazioni, delle organizzazione sociali FORTI che emettano valutazioni nell’ottica dei parametri ritenuti importanti dalla sinistra, tali da poter controbilanciare, almeno nominalmente lo strapotere della finanza?

La risposta è una sola e purtroppo sconfortante: 
non esiste più ad oggi, nemmeno a livello internazionale, una sinistra capace di mettere in campo una risposta organizzata così semplice ma efficace all’arroganza della destra neoliberista e liberticida.

E noi ? Cosa aspettiamo?

Mario GALLINA

I modi delle imprese di massimizzare il profitto. Come si sfrutta il lavoro

I modi delle imprese di massimizzare il profitto. Come si sfrutta il lavoro

Luciano Gallino

Allo scopo di massimizzare la quantità di valore estratto è necessario che un’impresa punti a realizzare varie condizioni:

  • pagare il meno possibile il tempo di lavoro effettivo;
  • impiegare solamente la quantità di lavoro che è necessaria in un dato momento per compiere una data operazione di accertata utilità produttiva;
  • far sì che le persone lavorino, in modo consapevole o no, senza doverle retribuire;
  • infine minimizzare, e laddove possibile azzerare, qualsiasi onere addizionale che gravi sul tempo di lavoro, quali imposte, contributi previdenziali, assicurazione sanitaria e simili.
Luciano Gallino

Dimensione carattere
Colors