MIGRANTI: LE GRANDI COLPE DELL’EUROPA

MIGRANTI: LE GRANDI COLPE DELL’EUROPA

Gino Strada

di Gino STRADA

L’Unione Europea ancora una volta dimostra di non capire la crisi umanitaria di fronte alla quale si trova.

Le proposte per gestire il flusso dei migranti in arrivo dal nord Africa vanno verso la militarizzazione del Mediterraneo e dei Paesi attraverso cui transitano i migranti.

Finanziare i centri di raccolta dei migranti in Libia, che sono a tutti gli effetti campi di detenzione e di tortura, investire per controllare i confini dei paesi di transito, dove vengono sistematicamente violati i diritti umani, impedire alle navi delle Ong l’attracco nei porti italiani sono tutte facce di una politica repressiva delle migrazioni, che ignora la sofferenza di milioni di esseri umani.

L’Europa si sta tirando indietro. Ai muri si sono aggiunti i carri armati.

L’Italia, che ha dimostrato fin dall’operazione Mare Nostrum, i suoi principi di umanità e solidarietà deve farsi portatrice presso l’Unione Europea di altre proposte per l’accoglienza di chi scappa dalla guerra e dalla povertà.

Solo l’apertura di canali legali e sicuri di accesso all’Europa – i corridoi umanitari e la concessione di visti per ragioni di lavoro e studio – e solo la condivisione dell’accoglienza e di politiche comuni di integrazione possono permettere di regolare i flussi nel rispetto dei diritti e della sicurezza di tutti.

E se anche l’Italia si ritroverà inizialmente sola in questo compito non rinunci a praticare il rispetto della vita e della dignità umana.

 

PER RIUSCIRE A POTER SMETTERE

PER RIUSCIRE A POTER SMETTERE

Cecilia Strada

di Cecilia STRADA

Dal suo profilo Facebook Cecilia Strada ha scritto:

Non si sa ancora chi, come e perché abbia fatto una strage di bambini a Manchester.

L’unica verità sono le vittime; bambini, ragazzini, mamme, famiglie.

Le vittime sono sempre l’unica verità della guerra e ne ho visti e annusati troppi di feriti così, negli ospedali di guerra negli ultimi trent’anni, per non avere la nausea solo al pensiero di quello che è successo a Manchester.

Però mi dà la nausea anche la speculazione politica, la strumentalizzazione, il complottismo, il “non ne so niente ma devo subito dire la mia”.

Mi dà la nausea quasi tutto, davanti ai bambini morti ammazzati. Davanti all’unica verità della guerra non c’è da chiacchierare o perder tempo, né farlo perdere agli altri.

C’è da ragionare in fretta, con calma, lucidità e in modo serio, sul come uscirne.

È la stessa cosa che abbiamo detto fino a ieri, ogni volta aggiungendo “è sempre più urgente”.

È un discorso che va, cito solo qualcosa in ordine sparso, dalle politiche di guerra agli affari di chi ci guadagna, dall’uso dell’intelligence e della polizia alle comunità in cui gli esseri umani, saggi o balordi, nascono e crescono, dalla terribile quanto efficace comunicazione dei cattivi al vuoto circostante, dall’ignoranza e il populismo all'”islamizzazione della radicalità” ai drop out in generale; tutti vogliamo vivere più sicuri, noi e i nostri figli, ma crediamo veramente che si possa affrontare e risolvere il problema in uno slogan?

O che basti trovare un qualcuno a portata di mano da additare o insultare per trovarsi in un mondo più sicuro?

E che cos’è la sicurezza?

Sei al sicuro lo stesso se nessuno spara, ma sei senza casa o lavoro, senza ospedale o pensione?

Le comunità unite sono la prima difesa della comunità stessa dai balordi e malintenzionati in genere: non è pericoloso spaccare e dividere le comunità, a maggior ragione quando le si divide sotto etichette superficiali e le si aizza una contro l’altra?

Dall’Afghanistan all’Iraq, passando per gli altri Paesi in cui Emergency ha lavorato e i casi che si possono studiare sui libri, questa cosa qui non l’ho mai vista finire bene.

Anzi, è proprio uno degli acceleranti della violenza: lo mostra la storia degli ultimi anni, se solo ci fermiamo un momento a riguardarla.

Davanti a queste vittime, quindi, che farò io?

Con più dolore addosso, ma quello che facevo prima: mi rimetto al lavoro per fare la mia parte, per contribuire ogni giorno ad aiutare decine di vittime di esplosioni, pallottole, mine, nei centri chirurgici per vittime di guerra di Emergency dove uno su tre ha sempre meno di quattordici anni.

E mi rimetterò al lavoro per dire di nuovo, possibilmente meglio, che da questa logica si deve solo uscire.

Mi spiace essere così banale e dire sempre le stesse cose: anch’io non vedo l’ora di poter smettere.

Ecco, quando dei bambini vengono ammazzati, io mi sento così.

Ho la nausea e poi mi rimetto a lavorare per riuscire a poter smettere.

 

BUTTARE FANGO SULLE ONG: UNO SPORCO GIOCO POLITICO

BUTTARE FANGO SULLE ONG: UNO SPORCO GIOCO POLITICO

Aiuto migranti

 

di Ivana FABRIS

Tra le ONG che operano a favore dei migranti e dei profughi, di sicuro qualcuna c’è che fa il gioco sporco e pare che le indagini siano indirizzate verso la ONG di George Soros, uno tra gli uomini più pericolosi e feroci del neoliberismo.

Ma nessuno tra i media mainstream fa riferimenti mirati a lui, ovviamente.

No, si spara nel mucchio: parlano di ONG in generale.

La ragione è semplice.

Le ONG attive a favore dei migranti sono l’ultimo baluardo di denuncia e quindi di controllo sociale verso gli abusi e la crudeltà del sistema nei loro confronti.

Oggi, infatti, se tutti noi sappiamo qual è lo stato di fatto di ciò che vivono i migranti lo dobbiamo solo alle ONG.
Non dimentichiamolo mai questo.

Se si parla genericamente di ONG, quindi, la massa penserà che TUTTE sono al soldo della tratta di esseri umani.

 

Ed ecco fatto.

Perciò, qualunque denuncia da parte di chi opera per proteggere i migranti, PERDERÀ DI CREDIBILITÀ.

Eh, bei tempi quelli in cui il potere aggrediva frontalmente chi lo ostacolava!

Fino a 30-40 anni fa, per liberarsi di un avversario politico o per azzoppare il suo partito o la sua organizzazione, il potere lo eliminava ma questo portava a reazione e ribellione.

Poi, nell’era in cui la contrapposizione netta è scomparsa, impossibile ricorrere alle armi o a mezzi violenti.
Avrebbe turbato gli equilibri della normalizzazione della sinistra che prendevano il via.

Meglio il fango, meglio il discredito.

L’addormentamento delle coscienze procede spedito.

Il problema, il dramma (!) è che a pagare un ulteriore sporco gioco politico voluto dalle élite finanziarie, UE compresa, saranno migliaia e migliaia di vite umane in questo tempo di schiavismo camuffato da finto orientamento legalista e securitario.

Inutile dirlo ma di quegli esseri umani non importa a nessuno.
Anzi, si deve uccidere non solo le loro vite ma proprio la loro speranza.

Dimensione carattere
Colors