POVERTÀ: PADERNO DUGNANO, ITALIA

POVERTÀ: PADERNO DUGNANO, ITALIA

 

di Laura BASSANETTI

PADERNO DUGNANO HA UN CANCRO: SI CHIAMA POVERTÀ, EMARGINAZIONE, LAVORO SOMMERSO.
DOVE SONO GLI SBANDIERATORI DELLA “LEGALITA'”?
CHI TACE È COMPLICE.

I numeri del lavoro nero in Italia sono uno scandalo: 6,5% del PIL nazionale.
Ognuna delle città della provincia italiana ha diversi organi di informazione ufficiosi accanto a quelli accreditati come i bollettini, l’ANSA, la stampa e anche i social network.

Chi vuole sapere come sta il proprio comune, come vanno le cose può fare qualcosa di molto semplice: stare tra la gente.
Ecco perchè nei cortili delle scuole e fuori dai cancelli di queste le cose si sanno prima. O semplicemente SI SANNO.

Dobbiamo ritenere i discorsi, i commenti e i ragionamenti e le lamentele che qui si moltiplicano come attendibili?
O potremmo metterli nell’archivio delle “bufale”? Termine che sta diventando quasi di moda, e che come tale si presta a utilizzi anche di comodo.

Sono VERE come sono VERI molti volti.
I sorrisi di rassegnazione.
Gli abiti di modesta fattura.
Gli anziani stanchi, che sono costretti a ritirare e accompagnare i bambini, perchè oggi nessuna mamma osa richiedere al lavoro un orario compatibile con esigenze di famiglia: potrebbe ritrovarsi in un attimo disoccupata.
Le donne che arrivano dalle vicine case popolari costantemente in ansia di non essere anche qui discriminate, maltrattate, emarginate.

Magari dopo una vita di violenza, di urla lanciate senza che nessuno nel fatiscente palazzone si degnasse di chiedere: hai bisogno di aiuto?

Violenza sulle donne. Già. Eccola, nella porta accanto.
Ha un responsabile: la povertà, la madre dell’ignoranza, la CAUSA dell’ingiustizia.

I bambini che cercano con occhi curiosi la loro maestra di sostegno.
I genitori che si domandano in che mese dell’anno scolastico arriverà.
Le persone che ti si rivolgono e dicono: il sistema è sbagliato, ma ho paura.
I colori dei veli che ricoprono i capelli e le mani colorate che si stringono.
Gli idiomi che si mescolano all’italiano.

La ragazza che è un’insegnante amata da tutti e ridendo coi bambini si adombra di tanto in tanto forse chiedendosi se sarà confermata a scadenza di contratto.
Questa incertezza la chiamo VIOLENZA SU UNA DONNA.
Ma la violenza sulle donne è anche altro.

È l’esercito che parte ogni mattina, in sella alle biciclette, a piedi, in auto se hai studiato quel minimo e hai la patente e punta alle case dei benestanti.
Anziani i cui figli lavorano e sono impegnati.
Possidenti, proprietari di farmacie, di locali, imprenditori. Pedalano e salutano velocemente e intanto sorridendo si scambiano notizie: “Ho trovato un lavoro 3 ore di pulizie al pomeriggio”…”conosco una signora che cerca una stiratrice”.

C’è chi è stata insultata, aggredita, ingiuriata, umiliata, impiegata senza UNO STRACCIO DI ASSICURAZIONE, LASCIATA SOLA IN CASO DI INFORTUNIO DAGLI SFRUTTATORI, DAGLI ACQUIRENTI DI QUESTO MERCATO DEL LAVORO DI MADRI, DI DONNE.

PARLATE DI VIOLENZA SULLE DONNE?
QUESTA COS’E’?
Di questo mercato.

CI PIACEREBBE, TANTO, CONOSCERE LE STATISTICHE COMUNALI SULLE REGOLARIZZAZIONI TRAMITE VOUCHER…O CONTRATTI COLLETTIVI.

Queste cose SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. Non esclusi i fan della “legalità”.
Pronti a sbandierarla quando decidono loro.

Vi aspettiamo per difendere le donne, per denunciarne lo sfruttamento per rompere la catena dell’emarginazione.
Una delle tante occasioni è adesso: buona scuola piccolo A.

LESBICA, SPOSATA CON UNA STRANIERA E NAZISTA

LESBICA, SPOSATA CON UNA STRANIERA E NAZISTA

 

di Ivana FABRIS

 

Cosa dovrebbe mai delineare il fatto che, ioDonna il periodico del Corriere della Sera, abbia titolato il suo articolo “Lesbica e sposata con una straniera“, relativamente ad Alice Weidel, la leader dell’AfD, l’estrema destra tedesca?

 
Da quando le tendenze sessuali di una persona ne definiscono la caratura umana o l’identità politica o il ruolo sociale e quant’altro?
 
Perciò, cosa volevano dire il giornalista o il titolista con quel titolo relativo all’articolo dell’inserto del Corriere?
Forse che le lesbiche sono ascrivibili alla categoria della destra estrema?
Non è per nulla chiaro l’intento. O, meglio, lo è ma non è dichiarato al lettore meno politicizzato e meno addentro alla comunicazione del mainstream, alla propaganda occulta del sistema.
 
Risulta per caso a qualcuno che nel momento in cui una etero si presta alla politica e diventa un personaggio pubblico, qualche giornale abbia mai titolato “ETERO e sposata con uno straniero“?
 
Ora, A PRESCINDERE dalla contraddittorietà del personaggio che penso sia chiaro non sto difendendo in quanto tale data la distanza siderale che mi separa da lei, è opportuno rilevare che tra i titolisti e i giornalisti di testate cotte, mangiate e digerite da una massa di persone, sia in atto una precisa volontà che di certo non è espressione di un certo (falso) puritanesimo, ma della veicolazione di un particolare messaggio su larga scala.
 
Il taglio della comunicazione effettuata in questi termini è francamente di bassa lega (ogni riferimento al partito dei razzismi di vario genere, è tutt’altro che casuale) e non mira di sicuro all’identità sessuale della Weidel.
 
L’operazione è un bel po’ più sporca.
Da un lato etichetta tutta una parte della società tedesca e non, dall’altro afferma una SUPREMAZIA degli etero che è tale per il solo fatto che fa RILEVARE che questa donna sia lesbica.
 
Invece di titolare “Alice Weidel, leader antisistema allevata da Goldman Sachs” che avrebbe avuto BEN ALTRO impatto e significato, ioDonna si rivolge alla contraddizione di una lesbica che difende la famiglia tradizionale allegando tutti gli eccetera che la riguardano ma IN TAL SENSO e non per il reale pericolo sociale e politico che rappresenta.
 
Certo, si dirà che quel periodico ne fa un fatto di costume più che politico ma è ancora una volta una menzogna.

Se parli di un leader politico e fai un titolo partendo dalla parola LESBICA, compi nè più nè meno che un indirizzamento dell’opinione pubblica verso lo screditamento e la discriminazione su base SESSUALE, tipico della cultura patriarcale, cui fa tanto comodo usare questi modelli comunicativi per manipolare l’opinione pubblica e mantenere intatto il suo dominio.

 
Senza parlare di come opera subdolamente nel far percepire come un pericolo tale fascia di persone poichè, nel pensiero comune, ragionare per sillogismi non è affatto raro: la Weidel è una lesbica, è una lesbica nazista, le lesbiche sono naziste.
 
Perchè se una lesbica è questo, di fatto lo sono tutte o tutti e, pertanto, nel pensiero comune diventa vero che sono loro la minaccia alla famiglia tradizionale cattolica – che invece non è per nulla capace di mostruosità e aberrazioni (!) – per cui come tali è legittimo negare i loro diritti umani e sociali, NON solo civili.
 
Indubbio, un problema marginale rispetto alla disoccupazione, ma fino ad un certo punto.
Oggi sono le lesbiche e gli omosessuali, l’altroieri sono stati i comunisti (vedasi le proposte di alcuni comuni italiani in quest’ultima settimana e di alcune forze politiche di rendere il comunismo fuorilegge, privandolo quindi di cittadinanza e di diritto all’esistenza), un mese fa i profughi e chissà, magari domani la scuola, i malati, i pensionati.
Di sicuro anche QUALUNQUE altra donna (bruna, bionda, con una squadra di calcio di figli o una novella Erode Antipa, separata o bigama, magra o curvy, ogni ragione sarà buona per la discriminante necessaria) che si schieri politicamente contro il sistema e ottenga consensi.
 
Insomma, nel gioco del “Cecco mi tocca, toccami Cecco” delle campagne mediatiche del potere, non resta che constatare il sotto a chi tocca quando il sistema teme di essere toccato nel vivo.
SCUOLA SVIZZERA E DISCRIMINAZIONI CON LA S MAIUSCOLA

SCUOLA SVIZZERA E DISCRIMINAZIONI CON LA S MAIUSCOLA

Scuola svizzera via Appiani
Piccole storie ignobili (ma alquanto subdole e pericolose) di una scuola privata che si pregia di parlare di se stessa usando l’iniziale S in maiuscolo, salvo poi discriminare i bambini portatori di vari handicap.

Se questa è la scuola privata, è una ragione di più per proteggere e lottare in difesa della scuola pubblica.

Anzi, Scuola Pubblica.

La sola che per ciò che rappresenta può fregiarsi dell’iniziale in maiuscolo.

“Mia madre mi disse, non devi giocare con gli Svizzeri nel bosco…”

(semicitazione di Laura Bassanetti da Fabrizio De Andrè)

 

di Paolo LIMONTA

C’è una scuola (la minuscola non è casuale) in via Appiani a Milano che in un articolo del suo regolamento,approvato poco più di un mese fa, recita:

“Art. 2.5 – Disturbi del l’apprendimento e comportamentali, handicap motori.
Essendo la Scuola Svizzera impegnativa e multilingue, non è ottimale per studenti affetti da disturbi dell’apprendimento quali: dislessia, discalculia, ADHS, sindrome Asperger, autismo e disturbi comportamentali.

In caso di disturbi di lievi entità gli allievi vengono aiutati dagli insegnanti a progredire, ma devono comunque soddisfare i regolari criteri di promozione. Eventuali costi derivanti da conseguenti lezioni supplementari, assistenza psicologica o fisica saranno a carico dei genitori.

Essendo l’edificio su più livelli, privo di ascensore, non è altresì una Scuola adatta a studenti con gravi handicap motori.”

Loro, quelli della scuola svizzera, “Scuola” lo scrivono con la maiuscola perché la ritengono sicuramente una realtà di altissima eccellenza.

Io l’ho scritto con la minuscola perché una scuola che discrimina in modo così plateale, per me semplicemente non è una scuola.

E mi vergogno molto che sia una scuola della mia città…

 

.

(grazie per la foto a Laura Bassanetti)

Prove tecniche di regime

Prove tecniche di regime

di Antonio Capuano

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari. E fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei. E stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare.

(Bertolt Brecht)

SE I DIRITTI MUOIONO NEL SILENZIO GENERALE RISCHIAMO LA FINE DELLA SOCIETÀ CIVILE: OGGI LI HANNO FERMATI IN TEMPO, MA IN FUTURO I DISABILI SARANNO ANCORA DEGNI DI VIVERE ANCHE IN ITALIA?

(altro…)

Dimensione carattere
Colors