ALEXIS TSIPRAS SI INCHINA DI FRONTE AI CARNEFICI DEL SUO POPOLO

ALEXIS TSIPRAS SI INCHINA DI FRONTE AI CARNEFICI DEL SUO POPOLO

Alexis Tsipras

di Massimo Ribaudo

 

Alexis Tispras dimostra sempre di più il suo vero volto.

Il volto di un collaborazionista verso i poteri finanziari globali del neoliberismo

Come già aveva fatto l’ex suo Ministro delle finanze, Yanis Varoufakis, si prostra ai piedi del neoliberismo più bieco: quello di Emmanuel Macron e offende tutto il popolo greco che aveva creduto in lui e nelle sue false promesse.

Macron, come abbiamo visto nel suo programma, vuole una Francia che licenzi i dipendenti pubblici e che tagli la spesa dello Stato, e le pensioni, in modo netto e criminale, come richiesto da Bruxelles, e come anche Tsipras sta realizzando lasciando la Grecia nel vortice del debito privato, sempre più devastante per la popolazione.

Un’autentica sinistra deve prendere le distanze da questi “quisling” – da chi collabora con il nemico invasore – e rivolgersi agli esempi programmatici e ideali della France Insoumis di Jean-Luc Melenchon.

Il vergognoso messaggio su Twitter di Alexis Tsipras dovrà essere ricordato come il peggior tradimento nei confronti del popolo greco e del suo fiero “NO” al memorandum della Troika, che lo ha reso schiavo e completamente soggiogato a quei poteri finanziari di cui Emmanuel Macron è tra i più cinici esponenti.

E’ una boccata di aria fresca per la Francia e tutta l’Europa. Sono sicuro che lavoreremo insieme e a stretto contatto per cambiare il corso dell’Europa, ispirare i suoi popoli così da non vivere più l’incubo dell’estrema destra.

.

L’elezione di Macron non è un respiro per l’Europa e la Francia, ma una cappa di aria mefitica dalla quale solo una sinistra identitaria, ribelle e disobbediente verso le regole dell’ordoliberismo, saprà liberarci.

 

E intanto Emmanuel Macron va al Louvre sulle note dell’inno europeo. Dimenticando “La Marsigliese”.

Il peggio sta per arrivare.