SCUOLA PUBBLICA: INCOLPARLA DI TUTTO SOLO PER NON VEDERNE I COLPEVOLI

SCUOLA PUBBLICA: INCOLPARLA DI TUTTO SOLO PER NON VEDERNE I COLPEVOLI


di Claudia PEPE

Secondo uno studio curato dalla Polizia Postale e dall’Università La Sapienza di Roma, con la collaborazione del dipartimento della Giustizia minorile, che ha coinvolto 1874 ragazzi tra gli 11 e i 19 anni, il 28,2% di scuola media e il 71,8% delle superiori, di 20 province italiane, oltre un terzo dei ragazzi è convinto che i contenuti postati sui social siano visibili esclusivamente dai destinatari. Questo è quanto che ha pubblicato “La Tecnica della Scuola” e, naturalmente uno psichiatra, scrittore e sociologo italiano, ospite frequente di varie trasmissione televisive, ha voluto assolutamente dire la sua su noi docenti e soprattutto sulla Scuola che secondo lui non “insegna”.

Mi riferisco a Paolo Crepet che nella sua ultima esternazione ha detto: ”Colpa della scuola, i docenti ignorano il fenomeno”…Io non capisco perché non se ne parli nelle scuole. Non è mica il diavolo”. “Mi meraviglio molto che la scuola non se ne occupi”, dichiara Crepet, che giudica ormai “finito” il mondo dell’istruzione.
In aula non si fa più nulla. Sono dei luoghi finti. Anche le materie classiche vengono insegnate in modo superficiale. Per non parlare delle lingue: nessun ragazzo alla fine del liceo conosce l’inglese, se non in modo maccheronico”.
E lo stesso, sostiene Crepet, vale per i social network: “Gli insegnanti stessi non sanno come funzionano. Come possono insegnare ciò che ignorano?

Ora prima di discutere temi che forse a Crepet sfuggono, vorrei elencare, le colpe di cui noi insegnanti siamo investiti ogni giorno per ogni giorno, per ogni anno della nostra vita.
Se cadi e vai in bicicletta senza mani a 10 anni è colpa della scuola; problemi intestinali degli alunni colpa della scuola.
Oggi piove? In effetti direi che anche questo è colpa degli insegnanti; oggi mia mamma ha mal di testa: è colpa della Scuola; i terremoti, le inondazioni, la siccità, i colpi di sole, le allergie ai ricci, è sempre colpa della Scuola; la guerra tra Corea e USA è colpa della scuola; Lucifero e Poppea, Consip e Jack lo Squartatore, il mostro di Firenze, Hannibal the Cannibal, Erode, colpa della Scuola.

La fame nel mondo? La colpa è dei docenti; Gianluca Vacchi e Fedez, il riscaldamento globale, l’inquinamento acustico, il calo delle nascite e magari anche per il fallimento Alitalia, la sparizione delle mezze stagioni e le bombe d’acqua, sono tutte colpe di noi docenti. ma insomma non era tutta colpa di Virginia Raggi?

Tornando a parlare seriamente, probabilmente il Dott. Crepet non conosce bene il mondo della Scuola.
La Scuola da diversi anni organizza insieme alla Polizia Postale corsi e progetti per tutelare i nostri allievi su questi argomenti. Ma a mio avviso, un ruolo importante e da non sottovalutare, è il ruolo della famiglia.

Quante volte ho visto bambini di 5 anni con il telefonino adibito a baby-sitter, bambini delle elementari che come regalo da Babbo Natale ricevono il cellulare.
Chi non ha mai visto nelle pizzerie, nei ristoranti o nei bar genitori e figli che guardano Facebook senza intrattenere una semplice conversazione? E poi chi sorveglia l’uso e l’abuso di questi metodi di comunicazioni, che vedendo gli ultimi sviluppi, sarebbero da delegare a ragazzi consapevoli di avere tra le mani una minaccia per loro stessi e per la loro vita?

Noi insegnanti abbiamo un regolamento: lo smartphone in classe deve essere chiuso, e si può ricorrere all’uso, solo per urgenze gravi. Questo non solo per gli studenti ma anche per gli insegnanti. Siamo autorizzati a sequestrarlo se ci si dovesse accorgere che malauguratamente l’apparecchio da segni di vita.

Ma ora, sembra che la Ministra Fedeli lo faccia entrare sul red carpet in classe, come metodo di studio, come maniera alternativa di ricerca, di studio e di analisi.
E se tornassimo alla buona e vecchia didattica, con temi, riassunti, sintesi, analisi grammaticali e logiche, invece di interrogare internet, rivolgersi a quei libri splendidi che hanno formato intere generazioni?

Abbiamo passato un anno, noi docenti, a illustrare, spiegare, documentare i nostri ragazzi sul pericolo di Blu Whale, sul cyberbullismo, sul pericolo di mettere foto in rete, sulla cattiveria anonima, sulle frustrazioni che senza volto si possono abbattere sulle loro giovani personalità e distruggerle fino a carpirle nell’animo.

Al Dott. Crepet, ultimamente, piace dare la colpa alla Scuola di tutto l’immaginabile, ma è evidente che proprio chi giudica, non ha mai messo piede in una classe, in una Scuola, in un Istituto scolastico. Prima di esprimere qualsiasi sentenza, bisogna conoscere. E nella Scuola non si finisce mai di imparare e di insorgere.

Perché tutte queste selvagge legislature, hanno spazzata via una Scuola meravigliosa, che nonostante tutto, è capace di formare e costruire identità. Noi insegnanti siamo stanchi di leggere falsità da chi appare in televisione per una chiara appartenenza politica.

La politica a Scuola non si fa, anche se è la professione più politica che ci sia.
Noi la politica, la intendiamo come la intendeva Don Lorenzo Milani: “Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è politica. Sortirne da soli è avarizia.

Dott. Crepet, incominci a frequentare le Scuole, e allora, capirà finalmente, cos’è la politica e soprattutto cos’è la “Scuola”.