PEZZI DI RICAMBIO

PEZZI DI RICAMBIO

Pezzi di ricambio

di Giuseppe MASALA

Quando crollò il blocco dei paesi comunisti centinaia e centinaia di ricercatori di altissimo livello si ritrovarono da un giorno all’altro a fare i lavori più disparati per sbarcare il lunario: tassisti, guide turistiche e in qualche caso pure peggio.

Magari, e noi non lo sappiamo, nei nostri primi viaggi organizzati nei paesi dell’Est post caduta del Muro siamo stati accompagnati – chissà – da un grande matematico o da un grande fisico o da un grande biologo.

Il collasso della ricerca scientifica e il malessere dei ricercatori è senza dubbio un buon misuratore empirico dello stato di salute di una nazione.

Mi è ritornata in mente questa cosa oggi, dopo aver letto che un ricercatore di storia dell’integrazione europea di 39 anni dell’Università di Catania ha piantato tutto – dopo 20 anni di studio, 3 monografie, 25 ricerche e decine di articoli – per mettersi a vendere pezzi di ricambio per automobili.

La strada è stretta e il margine per svoltare è sempre più ridotto.