ORGANIZZAZIONE NELLA P.A., UN’ARABA FENICE

ORGANIZZAZIONE NELLA P.A., UN’ARABA FENICE

 

 

In risposta alla riflessione di Antonio Capuano, sulla condizione della Pubblica Amministrazione in Italia, proponiamo la risposta di un’iscritta al MovES che è dipendente della P.A. e che in poche battute ha tratteggiato un quadro a dir poco disperante.
Si colpiscono sempre i dipendenti facendoli passare tutti come lazzaroni impuniti e come privilegiati ma la condizione che vivono è davvero sconcertante, nel 2017.
Inoltre, quello che proprio risulta PIÙ che evidente, è la volontà di NON far funzionare la macchina pubblica a dispetto dei tanti proclami.
Si comprende benissimo, malgrado la sinteticità del testo, che la responsabilità è dei Dirigenti della P.A. se un dipartimento funziona e quando avviene che nessuno di essi è all’altezza del compito richiesto soprattutto dal nostro tempo è perchè a monte e non a valle, non c’è la volontà di farli funzionare.

Coordinamento MovES

 

 

di S.G.

L’organizzazione amministrativa è un’araba fenice, un sogno utopico.

Quando si viene assunti nella pubblica amministrazione, generalmente da giovani, ci si sente in grado di osare e di sfidare il sistema.

Finora il sistema ha vinto perchè, nonostante all’interno del suo corpo esistano conoscenze ed eccellenze, si riesce ad annullare tutto con l’apporto della BUROCRAZIA, braccio armato del sistema che gattopardesco  proclama grandi cambiamenti per poi poter lasciare tutto come prima e peggio di prima.

Quando si parla di Italia digitale, ad esempio, viene sinceramente e teneramente da ridere se, all’interno della struttura, ogni dipartimento informatizza con il suo linguaggio che NON DEVE parlare con gli altri.

Dove si assumono tutti dirigenti e il lavoratore sta senza fare niente e il suo collega della stanza di fronte non sa a chi dare i resti ma non ci si può spostare perchè il numero è importante.

Il lavoratore è un numero ed una pedina su una scacchiera su cui si gioca a Risiko. 

E poi che dire dell’anticorruzione? Rotazione ogni due anni ma solamente di alcuni settori, di alcuni lavoratori e con criteri che servono solo ad intralciare il lavoro ed il buon funzionamento dei servizi.

Una notte al museo con Franceschini? Ah behh, io ci andrei ma me lo dovete tenere fermo!