VIOLENZA SESSUALE A SCUOLA: INSEGNANTE ASSOLTO, COLPEVOLE LA VITTIMA

VIOLENZA SESSUALE A SCUOLA: INSEGNANTE ASSOLTO, COLPEVOLE LA VITTIMA

 

di Claudia PEPE

Dalla Tecnica della Scuola: “Per i giudici della Suprema Corte di Cassazione non si può parlare di violenza quando la ragazza «esprime gradimento» e soprattutto quando i fatti dimostrano che non c’è una condizione di inferiorità fisica o psichica dell’allieva nei confronti dell’insegnante”.

Dopo aver letto questo articolo, io come al solito, provo una rabbia e un disappunto che devo fare un giretto per casa, respirare e cercare di calmarmi.

Dopo aver fatto ciò vado a leggere cosa è successo.
I fatti sono questi: una ragazza di 17 anni affetta da «disturbo specifico misto di apprendimento», è stata oggetto di abusi sessuali da parte di un “insegnante”, prima nei locali della scuola, poi fuori dall’istituto.

Col termine disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) ci si riferisce ad un gruppo eterogeneo di disturbi consistenti in significative difficoltà nell’acquisizione e nell’uso di abilità di ascolto, espressione orale, lettura, ragionamento e matematica, presumibilmente dovuti a disfunzioni del sistema nervoso centrale.

Possono coesistere col disturbo specifico di apprendimento, problemi nei comportamenti di autoregolazione, nella percezione e nell’interazione sociale, però questi non costituiscono di per sé un disturbo specifico dell’apprendimento.

Ma cosa è successo? Un “professore” ha compiuto atti “repentini”, cioè improvvisi, istantanei: insomma delle sveltine con una ragazza all’interno della Scuola e fuori.

Bene, intanto non mi sembra di poter chiamare “insegnante”, una persona che compie atti sessuali, aggiungo anche “repentini” solo per definire il tipo di atti, e mirati solo ad uno scopo.
Non mi sembra giusto chiamare “insegnante”, una persona che consciamente non riesce a reprimere i propri istinti sessuali animali.

Se ci pensava prima di abusare di una ragazza, trovava molti modi per placare il suo sesso bollente.
Per esempio ci si può chiudere in bagno, si correggono compiti, si va a fare la spesa, si legge un libro, si fa un po’ di ginnastica, e se proprio tutto ciò non fosse sufficiente, ci si chiude in un cinema dove trasmettono film hard e ci si masturba.
E lì la sua “repentinità”, avrebbe avuto un successo enorme.

Ma l’ennesima beffa, è che per i giudici non si configura nessun reato. Neanche la pedofilia. No, perché la ragazza avrebbe dovuto esprimere “dissenso sussistente”.

Siamo alle solite, la ragazza avrebbe dovuto gridare, urlare, sbraitare.
Latrare e inveire come un animale in gabbia. Una gabbia che probabilmente neanche lei sapeva di vivere, di abitare, consegnandone le chiavi al suo carceriere.

La ragazza ha dichiarato di aver provato «sensazioni positive al contatto fisico con l’insegnante».
E su questo esprimo i miei dubbi. Una ragazza che viene penetrata in pochi minuti, che coscienza può avere dell’amore, del sesso, della complicità, del bene.

I giudici hanno escluso “l’incapacità della ragazza di determinarsi rispetto ad una scelta”.
Ma certo signori, giudichiamo come al solito una ragazza che ha dei deficit, e non condanniamo “l’uomo dalla sveltina facile”.

Avanti andiamo avanti così con le donne, con le ragazze e ora anche con le bambine.
Tanto, si sa, le donne non sanno pensare, non sanno riflettere, né considerare.
Andiamo avanti così a difendere un uomo che non mi azzardo a pensare se abbia famiglia o meno, ma nella mia rabbia so che è un “insegnante”.

Un insegnante che dovrebbe prendersi cura, aiutare, diventare un facilitatore per gli allievi in difficoltà, non diventare un facilitatore dello sporco e della menzogna.

Lui è stato giudicato innocente perché “non ha costretto la ragazza a trattenersi nei locali contro la sua volontà, non ha allontanato altri studenti per poter stare solo con lei, non si è avvalso di qualunque delle facoltà derivanti dal suo status per commettere le contestate attività sessuali” (fonte Sole 24 ore).

Ma dove è andata a finire la coscienza dell’uomo, l’etica civile e sociale, l’educazione, il rispetto, la solidarietà? Dove stiamo atterrando, quando un insegnante è assolto per la sua repentinità sessuale, invece di essere radiato immediatamente dal suo ruolo di educatore e di professionista?

Non vorrei essere polemica, ma questi giudici sembrano essere laureati all’Università di Arcore, oppure simili a che dice “All’inizio fa male ma poi la donna si abitua”.

Ma ormai noi donne e non solo, non dobbiamo più meravigliarci.
La Cassazione, se ben ricordo, fu quella che stabilì che se una donna indossava dei jeans non poteva essere violentata.

Questo episodio mi ricorda l’antica Roma quando la pedofilia era lecita e consigliata.
Ma siamo nel 2017 signori, e un “professore” è stato assolto per non essere stato capace di mettere sotto l’acqua gelida il suo membro ricoperto di vermi.

Io sono nauseata, disgustata e stanca.
Ma continuerò a combattere e a denunciare. Finché avrò respiro.

E se per la legge non è condannabile lo è ampiamente per la scuola e per noi docenti che ogni giorno diamo la vita al più grande capolavoro che la natura ci regala. I nostri ragazzi, i nostri studenti.
Dimensione carattere
Colors