VIRZÌ, LA SCUOLA DEL PD E IL M5S

VIRZÌ, LA SCUOLA DEL PD E IL M5S

pd-scuola

 

di Potnia THERON – MovES

 

Ho letto le dichiarazioni di Virzì (le cui simpatie elettorali per il PD sono note, ndr), secondo cui il M5s costituisce la rivincita di coloro che andavano male a scuola. E sotto certi aspetti si potrebbe anche essere d’accordo…

Tuttavia, l’illuminata intellighenzia del PD si è scordata che, non molti mesi or sono, la plurititolata ministra Fedeli inseriva nel curricolo della formazione dei docenti il famoso obbligo di acquisire i 24 CFU (Crediti Formativi Universitari, ndr) in discipline antropo-psico-pedagogiche.

Ebbene, tali corsi non sono che la completa messa in discussione delle nozioni, della concezione tradizionale di sapere, che non deve essere più concentrata sui contenuti, ma piuttosto sulla disposizione all’apprendimento.

È il trionfo di una cieca iconoclastia sanguinaria che soffia su quelle che definisce le ceneri del passato, bandisce la fatica, livella gli esseri umani omologandoli e nega l’intelligenza come dato biologico. La scompone, perfino, nelle intelligenze multiple (paravento degli idioti) e segna la definitiva vittoria della sola intelligenza emotiva.

Forse Giggino e Salvino sono gli emblemi dell’ipertrofia dell’inclusione, sono il referto in corpore vili dei nuovi orientamenti educativi, sono i luminosi campioni della nuova pedagogia (magari poi si scopre che sono anche DSA, pensa che bello!).

Di intelligenza emotiva, infatti, ne hanno in abbondanza: hanno saputo sfruttare la comunicazione non verbale, come ci si auspica in ogni percorso formativo, con tutte le distorsioni del caso e hanno esercitato unicamente l’empatia – al parossismo, all’isteria collettiva, si potrebbe dire persino al limite della patologia – nei confronti dei bisogni della nazione. Hanno esercitato anche la democrazia, secondo la vulgata, in quanto si sono fatti carico dei bisogni della maggioranza.

Ecco i primi mostri, dunque, figli di padri e maestri che hanno potuto bruciare tutto perché sulla testa avevano un tetto.
Il PD alla fine ci è riuscito. Ci si renderà conto troppo tardi che ora il tetto non c’è più!
TARDA IL DECRETO SUGLI SSD: INTANTO IN RETE SI OFFRONO PACCHETTI SICURI AL 100%. SIAMO NEL PAESE DELL’ASSURDO

TARDA IL DECRETO SUGLI SSD: INTANTO IN RETE SI OFFRONO PACCHETTI SICURI AL 100%. SIAMO NEL PAESE DELL’ASSURDO

 

di Potnia THERON

In questa estate torrida, in cui ci si mette anche Lucifero a asfissiare i futuri docenti alle prese con le iscrizioni in seconda e terza fascia, un dubbio assilla gli aspiranti insegnanti neolaureati.

Gli ultimi sviluppi della famigerata legge della “Buona Scuola” prevedono che i neolaureati (categoria in cui si fanno i ricadere i non abilitati e senza i 36 mesi di servizio) debbano acquisire 24 CFU nei settori antropo-psico-pedagogici.

Si ripete come un mantra in tutte le assemblee sindacali, negli incontri informativi e nei gruppi Facebook che il ministero non ha ancora stabilito esattamente i codici precisi degli insegnamenti nell’ambito dei quali sarà possibile acquisire i crediti.

Tutto è immobile dunque: non ci si può portare avanti, studiando per questi esami famigerati, perché sembra di capire che siamo in attesa di un decreto attuativo con cui il ministero dovrà specificare tali codici.

In questa incertezza palpabile in rete in cui si inseguono informazioni le più disparate da blog e siti come Orizzonte Scuola, un dubbio giunge ad assillare l’insegnante: ma come mai, se tali codici non sono ancora stati precisati, enti accreditati presso il MIUR già da svariate settimane propongono “pacchetti” con cui assicurano che si acquisiranno questi benedetti CFU, validi per partecipare all’ipotetico concorso del 2018?

Ad esempio un articolo di Orizzonte Scuola del 7 luglio titola così: “News: per insegnare occorreranno 24 CFU specifici garantiti al 100% solo da Mnemosine (Ente Accreditato MIUR): Esami in un solo giorno in tutta Italia”.

Segue poi l’articolo, del quale vale la pena riportare un breve estratto:

Dopo l’approvazione de D.L. 59/17, l’Associazione Mnemosine Ente Accreditato M.I.U.R. con oltre 10 anni di esperienza Nazionale ed Internazionale regolarmente certificata, garantisce la possibilità di conseguire al 100% i 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche, nelle metodologie e tecnologie didattiche che consentiranno l’accesso al prossimo Concorso a Cattedra previsto nel 2018. Il nostro team di esperti ha predisposto i seguenti Corsi Singoli Universitari erogati dall’Università Dante Alighieri di Reggio Calabria:
Didattica speciale (9 CFU) – M-PED/03
Psicologia dell’apprendimento (9 CFU) – M-PSI/04
Teoria e metodi di progettazione e valutazione didattica (9 CFU) – M-PED/04
Antropologia culturale (9 CFU) – M-DEA/01

Basta scegliere tre dei quattro suddetti corsi per accedere al Concorso. Gli Esami si svolgeranno in tantissime sedi di tutte le Regioni Italiane!”

L’iscrizione a tre corsi (necessari per ottenere i 24 CFU) costa 640 Euro.

Viene spontaneo chiedersi dunque come fa Mnemosine a sapere, in assenza di tale decreto attuativo, a garantire al 100% che gli insegnamenti proposti siano effettivamente validi per il concorso?

Ha delle notizie forse che al cittadino sono ignote? Non sarebbe il caso di informare anche i comuni mortali, di modo che possano portarsi avanti e iscriversi ai corsi singoli delle università statali, o, nel caso in cui si stia ancora studiando, conseguire i CFU nell’ambito del proprio percorso universitario?

Alle università statali di Milano, ad esempio, l’iscrizione ai tre esami proposti da Mnemosine costerebbe, come corsi singoli, 540 euro. Avremmo già un risparmio per lo studente, che spesso non naviga nell’oro, di circa 100 euro. Esistono poi altre università italiane che erogano i corsi singoli a prezzi ancora più bassi.

Ci sembra quindi che ci sia una precisa ragione dietro questi ritardi del ministero: la volontà di favorire enti privati?

In più, proprio in questi giorni, circola una notizia inquietante in rete per coloro i quali davvero avevano sperato che il concorso vedesse la luce nel 2018.

Se infatti continuerà a tardare il decreto con cui si specificano gli SSD, non sarà possibile acquisire tali crediti in tempo utile per l’autunno del 2018, in cui si prevede avrà luogo il concorso.

Le strade sono due: o parteciperanno al concorso soltanto coloro i quali, pagando un ente privato, sono in possesso dei CFU, o, forse più probabilmente, slitterà il concorso…

Chissà se tutti coloro che erano ottimisti su “Buona Scuola” e sul FIT continueranno ad esserlo.

Dimensione carattere
Colors