CONFESSIONI DI UN SICARIO DELL’ECONOMIA

CONFESSIONI DI UN SICARIO DELL’ECONOMIA

di John Perkins

“…Utilizzavamo varie tecniche, ma probabilmente la più comune era di recarsi in un paese dotato di risorse ambite dalle nostre aziende, come il petrolio, e ci accordavamo per un prestito enorme a quel paese da parte della Banca Mondiale o una delle sue consorelle.
Ma quasi tutto il denaro va alle aziende americane, non al paese, aziende come Bechtel e Halliburton, General Motors, General Electric, che realizzano grandi progetti di infrastrutture nel paese: centrali elettriche, autostrade, porti, zone industriali, cose che servono a chi ha molto denaro, e raramente toccano i poveri.

Infatti i poveri soffrono perché i prestiti devono essere ripagati e sono ingenti, quindi ripagarli significa che essi non ricevono istruzione, servizi sanitari o sociali, e il paese viene lasciato intenzionalmente alle prese con un grande debito.

Noi sicari dell’economia torniamo in questo paese e diciamo: “Guardate, ci dovete molti soldi, non potete ripagare i debiti, allora dateci le vostre risorse vitali”. […] Appena uno di questi presidenti antiamericani viene eletto, uno di noi torna nel paese e dice: “Congratulazioni Presidente, ora che è stato eletto voglio informarla che io posso renderla molto ricco, insieme alla sua famiglia: ho diverse centinaia di milioni di dollari in questa tasca, se lei sta al nostro gioco; altrimenti in questa tasca ho una pistola e una pallottola con sopra il suo nome, nel caso in cui lei decida di mantenere le promesse elettorali e ci allontani.

“Vendete a bassissimo prezzo il vostro petrolio alle nostre compagnie petrolifere, votate con noi alle prossime elezioni dell’Onu, o inviate le vostre truppe a supporto delle nostre in luoghi come l’Iraq, ecc.”

E in tal modo, siamo riusciti a creare un impero mondiale, e solo pochissime persone ne sono a conoscenza.”

 

Fonte: Wikipedia “Confessioni di un sicario dell’economia”

E’ DARWINISMO SOCIALE: OGGI I MIGRANTI, DOMANI I MALATI O I PENSIONATI

E’ DARWINISMO SOCIALE: OGGI I MIGRANTI, DOMANI I MALATI O I PENSIONATI

Migranti da salvare

di Jean DE MILLE

Finalmente! “Finalmente” il senatore della Repubblica Stefano Esposito ha frantumato una barriera, ha sbriciolato quell’argine che impediva di proclamare apertamente che i diritti umani sono merda.

Lo ha fatto pochi giorni fa ad Agorà, nel modo più cinico, dichiarando che “alcune ong ideologicamente pensano solo a salvare vite umane: noi non possiamo permettercelo”.

La gravità dell’affermazione è palese: il senatore pro-Tav, trasmigrato di maggioranza in maggioranza all’interno del Pd, brillante “giovane” in carriera, ha sfondato una breccia, nella quale dietro a lui si precipiteranno tutte le iene che rappresentano l’egoismo e la meschinità di questo paese putrescente.

Il darwinismo più feroce, prodotto di un liberismo che non conosce limiti etici, è “finalmente” sdoganato: oggi assume un carattere etnico, e si rivolge contro quei migranti ai quali si indirizza l’odio scomposto di larga parte della comunità nazionale.

Domani lo stesso darwinismo avrà un contenuto sociale, e con la stessa pragmatica violenza si riverserà sui vecchi, sui malati, sugli indigenti, su tutte quelle categorie improduttive che rappresentano un carico economico per i garantiti e per le classi dominanti.

Il senatore Esposito, per cui provo l’immensa vergogna di essere coetaneo, si qualifica come apripista di un “pragmatismo della morte”, di una società costruita sulla selezione spudorata e aperta dei più forti e sul sacrificio umano dei marginali, immolati sugli altari della razionalità economica, sullo scannatoio del dio-capitale.

Mi piacerebbe ora che l’infame partito di cui il senatore è dirigente non avesse mai più il coraggio di chiederci un solo voto in nome dell’antifascismo. Ma so bene che non accadrà: spero però che in tanti ce ne ricorderemo al momento di deporre la scheda nell’urna, e ancor più nella prassi quotidiana, nella costruzione di coalizioni elettorali e alleanze politiche.

OLIVETTI: UN’UTOPIA CHE VOLEVA DIVENTARE REALTA’

OLIVETTI: UN’UTOPIA CHE VOLEVA DIVENTARE REALTA’

Olivetti, negozio

da Pandorarivista.it

Il 4 agosto 1932 Adriano Olivetti trasforma la “Ing. C. Olivetti & C.” di Ivrea, nella società Olivetti di cui diviene prima direttore generale e poi presidente.

L’azienda, prima fabbrica italiana di macchine per scrivere, era stata fondata nel 1908 dal padre Camillo, imprenditore di idee socialiste ed oppositore del fascismo (Nel ’26 era stato, insieme a Ferruccio Parri, Carlo Rosselli e al giovane Adriano, tra gli organizzatori dell’espatrio clandestino di Turati).

Durante la direzione di Adriano, la Olivetti divenne una delle più importanti eccellenze del capitalismo italiano, arrivando a produrre il primo calcolatore completamente a transistor, l’Elea 9003, nonché il primo calcolatore personale, progenitore dei personal computer.

Ma la Olivetti fu anche un luogo in cui venivano sperimentate filosofie di gestione aziendale nuove e innovative per l’epoca, nel tentativo di coniugare profitto, benessere dei lavoratori e utilità sociale dell’impresa.

I dipendenti ricevevano salari più alti della media e godevano di servizi ulteriori. L’azienda assumeva anche artisti, filosofi, scrittori, disegnatori e poeti e prestò sempre grande attenzione alle discipline architettoniche, urbanistiche e sociologiche, divenendo anche un importante centro di elaborazione intellettuale.

Vennero sperimentate nuove forme di contrattazione aziendale.

Fra le imprese private (l’unico altro caso è quello delle partecipate statali) fu infatti solo l’Olivetti che si interessò alle funzioni specifiche per ciascun dipendente e ai problemi posti dai rappresentanti dei lavoratori, nei cui confronti vigeva, da parte dei dirigenti, un profondo rispetto, poiché questi vedevano nella conflittualità un elemento fisiologico.

A tale riguardo si può ricordare come l’azienda difese i posti di lavoro nel 1964, applicando una riduzione generalizzata dell’orario di lavoro, in modo da non perdere nessun dipendente, accompagnata da un’integrazione tramite la Cassa Integrazione Guadagni ordinaria.

Purtroppo con la prematura morte di Adriano Olivetti, avvenuta nel 1960 e seguita un anno dopo da quella di Mario Tchou, geniale ingegnere alla guida della pionieristica Divisione Elettronica, emersero le difficoltà dell’azienda, soprattutto per via di un capitalismo privato non in grado di poter gestire un colosso che si collocava sulla frontiera dell’innovazione, cosa che implicava tutta una serie di rischi.

Poco dopo la morte di Olivetti, infatti, entrarono nel capitale dell’azienda nuovi soci, Fiat, banca IMI, Centrale, Mediobanca e Pirelli, che non credevano nella nuova scommessa.

Come ebbe a dire Vittorio Valletta “ Sul suo futuro pende però una minaccia, un neo da estirpare: l’essersi inserita nel settore elettronico, per il quale occorrono investimenti che nessuna azienda italiana può affrontare”, ad indicare gli enormi limiti del capitalismo privato italiano ad assumersi i rischi dell’innovazione.

Anche da parte del pubblico mancò sempre la consapevolezza di quanto i nuovi settori fossero strategici e dunque della necessità di sostenerne lo sviluppo con ingenti commesse pubbliche, come avveniva negli Stati Uniti e in altri paesi. Nel 1964 la Divisione Elettronica sarà venduta a General Electric.

Con la morte di Adriano Olivetti cessa la “fase eroica” di Olivetti, che cercherà di reinserirsi successivamente nel settore informatico e si dedicherà in seguito anche alla telefonia mobile.

Attualmente fa parte del gruppo Telecom Italia.

Resta però la memoria di un periodo incredibilmente innovativo, da cui bisognerebbe recuperare diverse lezioni e innumerevoli intuizioni su un modo innovativo di guardare ai rapporti tra impresa, lavoratori, territorio e società.

CALCIOMERCATO: RICCHEZZA PER POCHI PAGATA DA MOLTI E PROFITTO PER GLI STESSI DI SEMPRE

CALCIOMERCATO: RICCHEZZA PER POCHI PAGATA DA MOLTI E PROFITTO PER GLI STESSI DI SEMPRE

Neymar

di Lisa SCALVINI

Nei periodi del calciomercato, ogni volta che mi capita di sentire il prezzo di un giocatore che una squadra è disposta a pagare (e poi a mantenere), rimango amareggiata. E schifata.

Ma a voi non fa schifo?

220 MILIONI PER UN CALCIATORE!

Io non ho niente contro Neymar (per citare l’ultimo di una lunga serie) o contro il calcio, seppur sia uno sport che non mi è mai piaciuto…per me sono troppi anche quando se ne pagano 90 di milioni per un gioco.

Insisto: non vi fa schifo?

Pensateci.

PENSATE a quanti ragazzi seguono il calcio, gli stessi che probabilmente non avranno mai un contratto di lavoro DECENTE o che non hanno potuto andare all’università per motivi economici.

C’è chi di LORO GIOCATORI – giovani uomini che si sentono già arrivati a 18 anni – che si permette pure di NON diplomarsi in sfregio a chi invece tra i giovani vorrebbe e non può più.

E parliamo anche di quanti giovani sono costretti a vedere il mare solo dalle immagini nei giornali di gossip proprio dei loro campioni preferiti, in posti dove quegli stessi ragazzi di cui parlavo prima (e non solo loro), probabilmente, non andranno mai perché invece di potersi permettere anche solo un campeggio, devono lavorare sfruttati e sottopagati in un qualche McDonald’s o in un call-center tutto l’anno.

Io mi sento offesa da questi che ritengo non dovrebbero essere dei modelli sociali, soprattutto in una fase storica dove la povertà dilaga sempre più.

E’ così che intanto cresce la società delle disuguaglianze.

PENSATE, PERÒ, CHE LI ARRICCHIAMO NOI!

Noi che siamo alla canna del gas 365 giorni all’anno, ma che ogni fine settimana perdiamo due ore a guardare 220 milioni sommati ad altre centinaia di milioni, giocare a calcio!

Ora, tanti dicono che è giusto che se un giocatore li meriti, li prenda.

Ma non mi sembra sia questo il caso. Per me.

Lo sport più popolare in Italia, è in realtà uno sport da ricchi che manteniamo noi: il biglietto per la partita, vista dalla curva, non costa meno di 40 euro quando non sono 60.

Quindi la ricchezza dei giocatori, è pagata dalla nostra povertà, essendo le grandi società calcistiche quotate in Borsa.

Siamo all’assurdo perchè di uno sport popolare abbiamo fatto un business mostruoso che arricchisce solo un piccolo numero di persone e alimenta un profitto sfrenato; perchè creiamo falsi miti che paghiamo a peso d’oro e in più li idolatriamo.

Abbiamo perso il senso della misura in tutto, anche nello sport che si è snaturato col nostro consenso e col nostro consistente contributo economico.

Possibile che non ce ne rendiamo conto?

A me fa già senso il solo fatto che si vendano i giocatori come se fossero oggetti a cui si attribuisce un valore monetario perchè credo che un gioco debba rimanere per tutti, giocatori e tifosi, unicamente quello che è: soltanto un momento ludico e appassionato: quindi solo un gioco.

CANCELLAZIONE DELLE PROVINCE, OVVERO IL SOLITO GIOCO DELLE TRE CARTE

CANCELLAZIONE DELLE PROVINCE, OVVERO IL SOLITO GIOCO DELLE TRE CARTE

abolizione province
di Ivana FABRIS
 
Infine gli italiani si sono accorti che la cancellazione delle province è stato solo un altro attacco contro i cittadini di tutt’Italia.
 
Il passaggio è stato solo sulla carta ma anche di carta, nel senso che le funzioni a cui erano preposte non sono state trasferite ma gli sono stati tolti i finanziamenti, creando un disagio mostruoso (strade, spazzatura scaricata a lato delle strade intercomunali e provinciali, scuole sempre più malridotte e soffitti che cadono in testa a ragazzi e docenti) oltre al personale deputato a manutenere tali entità.
 
Intanto, però, la vulgata pensa di aver eliminato spese inutile e spese della casta.

E ci siamo cascati ancora.

Di fatto hanno eliminato SOLO LA POSSIBILITÀ per gli italiani di ESPRIMERSI politicamente sull’operato degli amministratori provinciali delegando tutto così ad un potere che si arrocca sempre più e si chiude nelle sue stanze a decidere tutto sulla testa di intere aree geografica, tra l’altro che sono profondamente diversificate le une dalle altre, in questo paese.
 
Un potere accentrato è sempre qualcosa da temere come un’epidemia di peste bubbonica, ma pare che gli italiani, esasperati da un sistema politico ormai degno della decadenza di fine Impero, se ne siano completamente dimenticati.
 
Ancora una volta il sistema neoliberista ha colpito e affondato lo Stato cioè tutto ciò che è PUBBLICO, col solito giochino delle tre carte.
Prima ha ridotto al maggior malfunzionamento possibile l’istituzione pubblica, poi ne ha propagandato a livelli giganteschi i disservizi e infine l’ha affossata col placet dei cittadini stanchi di quel malfunzionamento.
Ma l’aspetto tragico è che quest’altro colpo al funzionamento del paese lo hanno propagandato come cambiamento.
 
Il nostro governo ha di fatto demolito un sistema che si poteva invece SANARE se solo ce ne fosse stata la volontà politica e un sistema consolidato da anni infischiandosene dei disagi che avrebbe comportato.
 
Ma tanto che importa a questa classe politica dello Stato, visto che risponde al neoliberismo che mira proprio allo SMANTELLAMENTO dello Stato?
NON CIRCOLA PIU’ MONETA? LO STATO MUORE, COME MUORE UN CORPO UMANO SENZA SANGUE

NON CIRCOLA PIU’ MONETA? LO STATO MUORE, COME MUORE UN CORPO UMANO SENZA SANGUE

Globuli rossi

di Edoardo Maria CALVI

Molte persone mi hanno detto che spesso non capiscono quello che scrivo.

Cercherò di rendere la cosa più semplice possibile.

Le cellule di un organismo sono assimilabili alle persone, gli organi alle istituzioni e l’ organismo stesso può essere considerato come uno Stato e quindi un sistema macroeconomico.

Continuando con questa similitudine: il cervello è il Parlamento, i reni l’Agenzia delle Entrate (drenano l’ eccesso di liquidità), il sistema circolatorio è il Ministero delle Infrastrutture e trasporti, il sistema immune l’ Esercito, e così via.

Chiaramente i soldi a questo punto sono il sangue che va a tutti gli organi e ne permette il funzionamento.

Le malattie per cui un organismo non riesce a produrre il proprio sangue sono tutte più o meno gravi, la più nota è la leucemia.

Bene, la disfunzione per cui uno stato non può produrre i sui soldi si chiama UE e porta alle stesse conseguenze della leucemia, indebolimento del soggetto complicazioni varie ad un po’ tutti gli organi, e nei casi peggiori decesso del paziente stesso.

Messa così le conclusioni mi sembrano ovvie.

P.S. Nell’ “organismo-stato” i vitalizi incidono come una taglietto su un dito. Quindi come sarebbe stupido pensare di guarire un leucemico curando il taglietto è altrettanto stupido pensare di guarire l’ “organismo stato” con il ricalcolo dei vitalizi.