EMERGENZA CASA, TRA INGIUSTIZIA E ABUSO

EMERGENZA CASA, TRA INGIUSTIZIA E ABUSO

casa-abitare

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Nazionale Movimento Essere Sinistra MovES

Il diritto all’abitare, all’avere una casa è un bisogno primario e quindi un diritto dell’essere umano che gli deve consentire di vivere dignitosamente.
Diritto che è sancito e tutelato dalla nostra Costituzione.

I vari governi che si sono succeduti negli anni nel nostro paese se ne sono fatti beffe. Da un lato, non è più esistita rappresentanza politica che avesse capacità rivendicativa sulla questione della casa, al punto che gli italiani stessi si sono rassegnati allo status quo generato dal vuoto politico e, dall’altro lato, se si valuta quanto avviene nel locale, i politici sui territori ne hanno fatto voto di scambio.

Il tema dell’emergenza abitativa ha raggiunto ormai – soprattutto nelle grandi città – e lo vediamo dai periodici fatti di cronaca, livelli di guardia dei quali non è più possibile nprescindere.

La grave crisi economica che attanaglia centinaia di migliaia di famiglie che non riescono più a pagare affitti o mutui, per aver perso l’occupazione o per essere finite nella totale precarietà, rende non più rinviabile il reperire soluzioni per l’emergenza alloggi.

La totale assenza di una politica pubblica sulla casa, in questi ultimi decenni ha contribuito a rendere ancora più grave quella che era già un’emergenza e ha inasprito e scatenato ulteriormente, la “guerra tra poveri“ o bisognosi.
Questa guerra da un lato viene cavalcata propagandisticamente da forze politiche della destra neofascista e dall’altro dai poteri istituzionali perché da essa traggono vantaggio (voti) mettendo in atto la propria politica del dividi et impera in modo tale che il cittadino sia indebolito e quindi ancor più ricattabile

Il patrimonio abitativo pubblico, di per sè già insufficiente, è stato lasciato all’incuria e all’abbandono degli enti gestori per un mero calcolo di profitto, effetto della gestione del pubblico al pari di quello privato, avendo come alleato/referente il sistema bancario.

Altrettanto il mercato immobiliare, legato alla gestione manageriale del pubblico, ha imposto prezzi esorbitanti gravando per decenni le famiglie più disagiate al pensiero incombente di onorare i propri impegni, legandole a doppio filo al sistema debitorio, rendendole quindi ricattabili.

Eppure in Italia sono accatastati quasi 200 milioni di vani vuoti (3,3 a testa), che si potrebbero destinare a chi non ha più un alloggio per morosità incolpevole. Quantomeno si potrebbero prendere provvedimenti urgenti e mirati, affinchè chi tiene una casa sfitta abbia interesse, invece, a locarla. Senza contare tutto il non “registrato” imputabile ai soliti furbetti che non hanno la benchè minima intenzione di pagare le dovute tasse relative.

La spregiudicata (se non addirittura mancata) gestione del settore immobiliare pubblico ha prodotto danni gravissimi prima di tutto agli aventi diritto alla casa popolare che sono da anni nelle relative liste di attesa, per l’immobilismo colpevole delle amministrazioni le quali, nel loro clientelare doppiogiochismo, attuato sulle spalle della povera gente, fanno anche da spalla al sistema bancario.

Non solo. Anche chi una casa ce l’ha ma paga mutui o spese straordinarie infernali, oppure si vede abbandonato nella manutenzione sia ordinaria sia straordinaria o si vede recapitare assurde richieste di migliaia di euro di arretrati spesso non documentabili. Insomma, la situazione è a dir poco tragica.

Non parliamo, poi, della malagestione della cosa pubblica: basti pensare agli emolumenti dei dirigenti degli enti e lo vediamo da come in 20 anni si è passati a cambi di denominazione da Gescal a I.A.C.P all’attuale ALER/ATER, attualmente sull’orlo del fallimento, per capire che TUTTO è andato in direzione opposta al far bene per ciò che è pubblico al fine di favorire sempre e solo il privato.

Tutto questo demolire il pubblico, fa parte del mandato neoliberista che esige di eliminare la cosa pubblica per ottenere massimo profitto.

Ma si dovrebbe anche spendere qualche parola sul degrado.
Ormai da anni i nostri quartieri popolari somigliano sempre più a dei ghetti dove anche le varie amministrazioni locali si son guardate bene dall’applicare la benchè minima politica di arredo e recupero, nonchè decoro urbano, che è progressivamente sempre più assente, con tutte le conseguenze dal caso in termini di malavita e malaffare.

La malagestione invece, parte da lontano anche se fa MOLTO comodo a questo sistema di potere, proprio a cominciare dal mancato controllo sugli assegnatari.
Vivo in un quartiere popolare di un comune in cintura a Roma dal 1979 e ho visto e vedo di tutto nelle azioni dei tanti furbetti – tutti italiani – che hanno vissuto e vivono dove risiedo e che spesso hanno avuto l’assegnazione percorrendo canali “preferenziali” ma quando una casa viene assegnata ad un emigrante regolare, succede il finimondo.

Dal 1979, nel mio contesto abitativo non c’è mai stato un controllo da parte degli enti preposti o degli stessi gestori, impegnati a spartirsi ed accaparrare denaro lasciando l’eventuale problema sulle spalle di chi meriterebbe invece trasparenza e buona gestione.

Ho assistito nei primi anni ad occupazioni abusive dove intere famiglie occupavano 2 o più appartamenti (in un caso ben 9) che poi o destinavano al figlio prossimo al matrimonio oppure semplicemente se le rivendevano.

Ho visto pure assegnatari che facevano risultare famiglie numerose malgrado vi fossero al loro interno, componenti che avevano già casa di proprietà o in affitto.
Famiglie che, come spesso accade in tutta la penisola e grazie al chiudere un occhio delle Istituzioni, facevano risultare redditi risicati quando invece bastava censirne il tenore di vita o monitorarne l’attività professionale per venire a conoscenza dei loro reali bisogni.

Eppure, nell’era della tecnologia, basterebbbe incrociare i dati.
Vuoi comprarti una Mercedes o una BMW? Padrone di farlo, ma la casa popolare non puoi chiederla. Semplice.
Ma non c’è la volontà politica, per farlo.

Lassismo, disfattismo, clientelismo hanno FAVORITO l’attecchire del sistema neoliberista, così come il mancato controllo da parte degli Enti gestori, è stato il terreno di coltura in cui il neoliberismo ha radicato.

Indubbio che ci sia gente che “ci marcia” poichè non ha mai pagato gli affitti già di per sè molto bassi, ma se lo Stato e ciò che lo rappresenta, PER PRIMI rubano, sottraggono o “fanno i furbi”, cosa vogliamo aspettarci da una certa fascia di italiani?

Penso, per esempio, all’individualismo che ha generato questo sistema di potere.
L’insicurezza porta a proteggersi, e va bene, ma qui il malcostume viene da decenni di ruberie ai danni dello Stato il quale però, non ha mai brillato certo in correttezza, rigore etico o morale che sia e trasparenza.
Se molti si allacciano alle utenze comuni o pubbliche è perchè lo Stato ha lasciato, per anni, un intero quartiere di 160 famiglie al buio, nella zona dove risiedo, giusto per fare un esempio tra i tanti.
Inoltre, quando la gente reclama, scrive e protesta, le autorità locali rispondono che non possono farci niente. Nel terzo millennio non puoi farci niente???

Che aspettarsi, dunque, da quella sottocultura di cui una parte di italiani è infarcito dinnanzi a queste situazioni?
Ma non solo da quella sottocultura, perchè nessuno vivrebbe in una casa senza allacciamenti elettrici, del gas e quant’altro.
Se lo Stato non eroga un servizio, al cittadino tocca arrangiarsi.
Si chiama sopravvivenza.

Oggi, in più, si sta scatenando un’ulteriore guerra tra poveri, tra chi ha sempre pagato e chi no.
L’Ente gestore richiede affitti arretrati e non documentabili a volte che sono dal 10 al 30% in più a seconda degli anni insoluti.

E qui che nasce la guerra: chi ha sempre pagato vede tali furbetti avvalersi di una facilitazione inaccettabile solo perché questo stato di cose si protrae da quasi 40 anni. Difficile non sentire come un’ingiustizia un simile procedimento, specie sapendo che è stato per approfittarsene e non per gravi condizioni di bisogno relativo al non perdere la casa.
Anche in questo l’Ente gestore ha delle gravi colpe.

Insomma, la situazione è tragica.
Tra chi finisce in strada per morosità dovuta alla perdita del lavoro con uno sfratto che è l’atto più violento e orrendo che esista, tra l’incuria e la voluta negligenza dell’Ente gestore, tra la voluta mancanza di politiche adeguate per le regole che impone il pareggio di bilancio, la questione casa è davvero una delle più sconcertanti e drammatiche.

Ci sarebbe da rifare tutto. Tabula rasa e ricominciare daccapo.
Invece tutti i governi, finora, han solo pensato a mettere pezze che alla fine si sono rivelate peggiori del buco.

Infatti nemmeno le nuove disposizioni sull’ISEE, necessario ad ogni censimento biennale possono bastare a mettere ordine al caos perchè è uno di quei casi in cui si può applicare la regola del “fatta la legge, trovato l’inganno”.

In Italia a rimetterci è sempre chi è onesto.
O perchè ci sono i furbi, o perchè tra furbi ci si intende, o soprattutto perchè gli sfratti esecutivi sono sempre di più, sta di fatto che a pagare sono sempre gli stessi.
È così che muore lo Stato, laddove Stato significa cosa pubblica, welfare, servizi al cittadino.

E chi ha soldi, pochi o tanti, ce la fa.
Gli altri devono solo perdere la casa e morire. In strada.
IL SINDACATO SIAMO NOI LAVORATORI

IL SINDACATO SIAMO NOI LAVORATORI

sindacato-lavoratori

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Nazionale Movimento Essere Sinistra MovES

 

In questi giorni, in cui la strage di lavoratori è stata agghiacciante a causa delle riforme del governo PD al soldo del neoliberismo europeo, la riflessione sul sindacato si impone con forza.

Proprio la rappresentanza sindacale che non c’è più, proprio la difesa dei lavoratori e la lotta del sindacato che non ci sono più, proprio la stessa coscienza di classe che non c’è più, hanno consentito al padronato ogni abuso fino al punto che si generassero quelle morti.

Il sindacato sono i lavoratori o, per lo meno, questo dovrebbe essere visto che sono essi stessi a dare vita al sindacato in tutte le sue espressioni fino ad eleggere il proprio delegato sindacale.

Un concetto che imparai alla fine degli anni 80 quando frequentavo la scuola sindacale di Ariccia e lo stesso  concetto lo sentivo ripetere da mio padre negli anni, sin da quando ero bambino, da lui semplice operaio.

Dovrebbe essere così, ma qualcosa non ha quadrato soprattutto a partire dal 1989 quando si decise di chiudere quella scuola per motivi finanziari: troppo costosa a fronte di un sempre minore tesseramento e dalla fine della funzione di “cinghia di trasmissione“ che aveva col PCI da un lato e per la sempre minore fiducia dei lavoratori nelle organizzazioni sindacali per motivi “morali” dall’altro.

Come diceva Berlinguer, è l’uomo a fare il partito e ciò avrebbe dovuto essere anche per il sindacato, ma tant’è.

Una decina dopo, ne capii i motivi “morali” ancora meglio. Partono dalla “moralità” stessa di molti lavoratori, ma soprattutto dalla coscienza di classe che è ciò che è venuto a mancare ed ha fatto una enorme differenza.

Quello che ho visto e ho vissuto mi ha fatto comprendere i veri motivi per i quali la funzione dei sindacati è venuta meno, fino ad arrivare all’oggi dove essi sono ridotti a meri uffici di mediazione senza averne più ne le caratteristiche originarie e la funzione di tutela dei diritti dei lavoratori se non in sporadici casi.

Anche la rappresentanza al tavolo delle trattative è stata fortemente indebolita negli anni dai vari governi che si sono succeduti fino ad arrivare all’abrogazione dell’art.18 e alle dichiarazioni di leader politici, giova ricordare  quella di qualche mese fa proprio di Di Maio. Auspicava l’estinzione completa del sindacato riportando la memoria all’epoca fascista quando essi erano illegali e il solo ammesso non era altro che una propaggine del PNF.
Mancava solo una simile dichiarazione e presto vedremo quali intenzioni avranno; ci mancherebbe che prossimamente il governo ne riproponga la fotocopia a colori, visto il diverso millennio.

Ritorno alla “moralità“ di molti lavoratori, dicevo…Per esperienza vissuta nel mondo del lavoro, in questo caso ben 15 anni di mio servizio nel settore logistico di una grande società, in una grande piattaforma nella quale erano impiegati circa 200 lavoratori dei quali 120 di cooperative ad essa facenti capo, ho visto e udito di tutto.
Proprio della serie “ho visto cose che voi umani nemmeno immaginate” se ci riferiamo alla “moralità”.
Tutti i soggetti coinvolti, gli operai e il padronato in un ambiente a dir poco dantesco considerato che la quasi totalità degli operai stessi era fascista e che essi esprimevano delegati di loro fede come rappresentanti sindacali all’interno della CGIL.

Ad ogni mia protesta verso l’OOSS, mi veniva risposto che i lavoratori avevano espresso democraticamente quel o quei soggetti! La logica della difesa delle rendite di posizione anche nel sindacato: una questione di numero di tessere da giocarsi da parte del segretario provinciale di categoria per avere peso nella sua candidatura alle elezioni comunali di Roma quando fu eletto Marino come sindaco.

La cosa più assurda che potessi vedere e sentire non era tanto tanto il fatto che molti di questi lavoratori erano raccomandati o che molti di essi per arrotondare si portassero via ciò che potevano più o meno di nascosto. O il farmi il saluto fascista perché consapevoli della mia fede politica, ma pure la presenza di un busto di Mussolini o di una immagine del loro duce in qualche loro ufficio. Oppure far carriera per motivi amicali e parentelari e di fede, dato che erano stati scelti per date finalità, ossia quelle di tenere tutto sotto controllo e non importava che non ne fossero all’altezza.

No, la cosa più assurda era vedersi un bel giorno tutti convocati dal datore di lavoro con a fianco il segretario provinciale di categoria e sentirsi dire che tutti noi dovevamo fare la tessera sindacale alla FILT-CGIL perché altrimenti avremmo perso tutti il posto di lavoro. Allucinante.

Da li a poco cominciarono i problemi: aumento del 50% dei ritmi produttivi passando dai 900 colli per 8 ore di lavoro ai 1350, diminuzione dello stipendio e divieto di applicare i CCNL di categoria. Buste paga con voci tra gli emolumenti illegali come “trasferta Italia“ esenti dal reddito e quindi dai contributi legali, CUD irregolari e cambio denominazione delle cooperative periodico senza nè versamento dei contributi nè erogazione del TFR.

Dopo il mio protestare presso datore di lavoro e FILT-CGIL fui isolato e messo nelle condizioni di non poter più lavorare e quindi anche “nuocere”. Arrivarono a chiamarci uno ad uno per farci un’esplicita richiesta relativa ad un documento del sindacato che dovevamo firmare e consegnare immediatamente dove si chiedeva di accettare un nuovo cambio di società con ancor più tragiche condizioni di remunerazione e un ulteriore aumento della produttività di un altro 10% a fronte di un regalo di 300 euro lordi e la certezza di essere assunti nella nuova società. Ma venivano comunque esclusi da questa proposta, gli ultra quarantenni.

Logico pensare che fosse stato fatto per me e per quelli come me. A fronte di un simile abuso, praticamente tutti gli altri lavoratori si astennero dall’essere solidali mediante la protesta, con quei pochi che venivano esclusi e al mio fargli presente che in altre epoche recenti questo non sarebbe mai successo e che gli operai solidarizzavano tra loro, mi fu risposto dai piu “ognuno si fa i cazzi propri“.

Comunque fuori io e quelli come me, senza la tutela del sindacato che, anzi, nemmeno ci riceveva o ci prendeva per sfinimento a forza di rimandare gli appuntamenti. Comprati per 300 euro lordi che poi furono tolti subito e tutti zitti: il risultato di “ognuno si fa i cazzi propri” ma hanno mantenuto il loro posto di lavoro usurante da schiavi e io senza lavoro, indubbiamente, ma finalmente libero.

Nessuno ha capito che il sindacato lo fanno i lavoratori, anche con le loro tessere. E quelle pesano sempre più del dovuto, ormai.
In una crisi così profonda in cui il sindacato perde credibilità e quindi iscritti, tragicamente invece di ricominciare dalla difesa dei lavoratori, sono le tessere a fare tutta la differenza.

Questo agire per il numero delle tessere l’ho ritrovato anche nella CGIL SUNIA di Pomezia dove il responsabile e la sua segretaria che conosco personalmente sono fascisti, il primo persino inneggiante ogni tanto al duce sul suo profilo Facebook.

Il sindacato lo fanno i lavoratori ed è un valore assoluto e lo è il fatto che i lavoratori hanno disperato bisogno di esso, ma non così, mai più così.
Questo odierno, da parte del sindacato è un continuo tradimento del senso più alto e nobile del sindacato stesso.
QUANDO UN “MESSAGGINO” TI TOGLIE IL LAVORO. E IL FUTURO

QUANDO UN “MESSAGGINO” TI TOGLIE IL LAVORO. E IL FUTURO

futuro-precarietà

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Nazionale del Movimento Essere Sinistra MovES

 

Arriverà il momento in cui, con uno schioccar delle mie dita, tu farai quello che io voglio. Tu, schiavo mansueto, avrai le tue ginocchia tremanti di fronte a me.
Al cospetto di Colui che tutto ti ha tolto.

Immagino come si possano essere sentiti quei quarantacinque “disgraziati”, dipendenti della Arsom di Carpi (MO).
Si sono visti licenziare con un messaggino mandato da WhatsApp, si son visti togliere il lavoro e il futuro con un semplice, asettico tocco dello schermo di un cellulare.
Della serie, “non contate nulla, siete solo oggetti di consumo”.

Milioni di lavoratori e in ogni settore, sia pubblico sia privato, vivono oramai da tempo questa condizione di precarietà, di attacchi continui ai propri diritti; in un periodo poi, che ha visto perdere il proprio potere di acquisto in maniera netta.

La politica continua a dir loro il contrario quando dovrebbe invece fare in modo che essi siano garantiti e tutelati.
Garantiti nei diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione, della quale ci si fanno, invece, beffe.
Tutelati nemmeno, proprio da chi dovrebbe rappresentarli.

Tutto è stato normalizzato, anzi, narcotizzato.
E’ consuetudine che fatti come questi siano prassi quotidiana; Jobs Act, Smart Job, voucheur e quant’altro hanno sortito il loro effetto: la precarietà assoluta e senza soluzione di continuità.

Ma una simile condizione non è stata possibile senza la complicità della politica di una certa sinistra, che, non non ha dato le risposte necessarie, che non ha più dato rappresentanza. Ed è stata condizione anche della politica del governo che si è reso braccio armato del sistema neoliberista stesso ad ampio raggio e di chi non rappresenta più i diritti dei lavoratori.

La precarietà genera debolezza, paura, e con essa si è dominati: sei ricattabile e accetti tutto pur di avere il “meno peggio” cercando di convincerti che ciò sia normale e ti rassegni dicendoti che potrebbe andare peggio.
Si applica la teoria della rana bollita di Noam Chomsky. Sempre. Un tanto alla volta.

Ma il peggio deve ancora venire. Il sistema neoliberista ha così modificato la struttura della società, ha  disgregato anche le famiglie, facendole sparire per come le abbiamo sempre conosciute.
Ha precarizzato il lavoro, quindi minato il diritto alla salute, alla casa, al vivere civile.

In questo sistema, tutto deve venire distrutto e diviso, anche l i nuclei famigliari spezzati in due dalle privazioni e dalle insicurezze gravi sul futuro. Più siamo soli e isolati nelle nostre vite, più siamo vulnerabili e assoggettabili.
Dividono per imperare in maniera sempre più sfrenata.

Il neoliberismo ha negato l’esistenza a tutti ma soprattutto ai giovani.
Quanti ragazzi, oggi, possono sperare di mettere su una famiglia con la serenità necessaria?
E quanti possono pensare ad un futuro ma che sia dignitoso?

Così, ti ritrovi da solo a pensare…
Hanno svilito il tuo lavoro, a te che li fai arricchire.
Vuoi avere un matrimonio, un figlio e un appartamento, come è normale che sia sempre stato nella storia degli ultimi 50-60 anni.
Vuoi poter crescere e far studiare tuo figlio, come tutti i figli. Rappresentano il futuro ma vivi in un sistema dove il futuro è rappresentato solo dalla finanza, quindi dal benessere per sempre meno persone.
Vorresti garantire alla tua famiglia la salute. Vorresti la serenità, insomma, niente più di questo.
Vuoi avere una vecchiaia dignitosa.

Ma sai benissimo che è un’utopia, ormai.
Se e quando lavori, quel che guadagni è insufficiente a garantire tutto questo, perché con la precarizzazione del lavoro e del futuro, proprio la vita è diventata solo un grande punto di domanda.

Ti hanno tolto quasi tutto.
E tu non hai più la forza di reagire al sistema che ti ha imposto il suo modo di vivere.
Sei solo, isolato, indebolito e impaurito.

Lezioni dal Neoliberismo

TAP, STRATEGIA DI PROFITTO E DI DOMINIO

TAP, STRATEGIA DI PROFITTO E DI DOMINIO

gasdotto-tap-dominio

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Movimento Essere Sinistra MovES

 

TAP è l’acronimo che simboleggia ben più di quello che rappresenta per il territorio salentino. TAP è una strategia adottata dal neoliberismo per raggiungere il proprio fine: il profitto ad ogni costo e con ogni mezzo a propria disposizione e il dominio.

Oltraggia e annichilisce tutto ciò che può rappresentare un impedimento al sistema che esso impone. Prova con ogni mezzo ad annientare ogni forma di resistenza ad esso calpestando la dignità, il diritto alla vita e i diritti fondamentali per i quali si lotta affinchè vengano rispettati.

Troppe TAP sono originate dal neoliberismo, un sistema di potere che è strutturato e organizzato, forte degli intrecci che ha creato con i poteri politici, economici e di comunicazione diventando esso stesso un insieme di tali forze.
Travalica tutto.

Senza rendercene pienamente conto viviamo una epoca che ricorda da molto vicino il “Nuovo Medioevo”: da una parte una Monarchia (neoliberismo e le oligarchie bancarie), vassalli (UE e i suoi trattati), valvassori (i governi) e valvassini (i servitori del neoliberismo) e dall’altra i servi della gleba (i popoli), gli schiavi (chiunque può essere sfruttato in ogni modo) e i ribelli.

Risiedo in una zona che vive quotidianamente e continuamente la sua TAP, dove il territorio ha subito in quaranta anni profonde trasformazioni e che ricalca la storia del nostro Paese.

Da una società agricola ad una industriale e immobiliare selvagge senza il rispetto per il proprio territorio.

Eco-X, disastro ENI, discariche abusive e a cielo aperto, inquinamenti industriali fino a non voler farci mancare la costruzione di un gigantesco termovalorizzatore bio gas.

 

  

 

 

 

 

 

 

Il profitto ad ogni costo e lo chiamano progresso.

Ci dicono in tanti che è per migliorare le nostre condizioni di vita, che se ne traiamo le nostre comoditá e agi di vita è grazie a questo sistema.

In pratica ci indorano una pillola che è letale.

Ma come a Melendugno – dove si è creata una coscienza comune ribelle al sistema neoliberista e organizzata nel noTAP e dove ha trovato le sue avanguardie, dove si rischia la propria serenitá per difenderla (solo dei criminali per il sistema) – anche nel mio territorio, come in altri, ci sono focolai di resistenza che devono essere alimentati, dove si prende vita pian piano la coscienza per questa nuova resistenza e ci si organizza in altrettante avanguardie.

Perchè, proprio contro quel dominio, Melendugno e No TAP siamo tutti noi.
MELENDUGNO, TERRITORIO DI UNA BATTAGLIA DI TUTTI NOI

MELENDUGNO, TERRITORIO DI UNA BATTAGLIA DI TUTTI NOI

melendugno-territorio-sanfoca

 

di Massimiliano De Angelis – Coordinatore Nazionale MovES

TAP, una questione che riguarda tutti noi e il nostro territorio, da Nord a Sud.
Lo asseriamo oggi più che mai con forza, nella consapevolezza di ciò che abbiamo visto coi nostri occhi e di ciò che abbiamo toccato con mano visitando Melendugno.

TAP, il maledetto gasdotto che parte dall’Azerbaijan, percorre sventrando il territorio dei paesi che attraversa e arriva sulle coste salentine incuneandosi con rovinosa invadenza nell’entroterra melendugnese distruggendo le sue risorse naturali e le proprie peculiarità e ricchezze per rifornire l’Europa di gas naturale.

Una opera che ci viene a costare miliardi di euro in termini economici che niente sono al confronto dei danni procurati alla qualità della vita dei melendugnesi e dei salentini, delle peculiarità del territorio che ne fanno una ambita località turistica, delle loro risorse agricole olearie dove vengono espiantati e distrutti un numero ingente di ulivi, dove ai residenti viene impedito anche con violenza, di vivere dei loro raccolti.

Un territorio che viene privato delle proprie ricchezze, dove anche le attività ittiche stanno sparendo del tutto in conseguenza alla messa in opera del gasdotto.

È un sopruso dei diritti all’abitare, al continuare a vivere in serenità nel loro territorio di quelle genti.
In nome e per conto del neoliberismo e dove tutto deve rimanere circoscritto in segreto attorno a Melendugno e dove si deve solo far sapere – un clichè già visto in altri ambiti del genere – che chi non vuole questo stato di cose deve essere etichettato come esagitato, terrorista, cattivo elemento.

Dove nell’opinione pubblica deve radicarsi la convinzione che opere del genere servono per la nostra indipendenza energetica,  sterilizzando e impedendo ad arte, la costruzione di una coscienza comune del ricorrere a risorse energetiche naturali, benchè ancora sia vigente il luogo comune dell’Italia “paese del sole”.

Paghiamo noi cittadini e pagheremo ancora e non si tratta solo di risorse e di salute: vengono negati con violenza il nostro diritto all’abitare, al vivere, alla nostra salute in nome e per conto degli interessi del Neoliberismo.

I mezzi adottati che ne giustificano il fine, quello di una oligarchia che sta riuscendo ad superare in negativo persino il concetto che avevamo del capitalismo.

A Melendugno e a San Foca si travalica persino il concetto della proprietà privata, alla stessa stregua di quei popoli e genti che sono stati privati delle loro terre per poi essere deportati altrove nel mondo.

Infatti siamo ben oltre il concetto del capitalismo che conoscevamo e dei suoi guasti; quanto avviene con la TAP è ben peggiore e ancora non ne siamo completamente coscenti.

Questo è il neoliberismo e i melendugnesi ne sono vittime ma non rassegnate perchè Melendugno e il suo territorio sono anche nostri, perchè melendugnesi lo siamo tutti e perchè la “loro” TAP, di fatto, è anche la nostra.
PENSIONI: MA LA CLASSE LAVORATRICE CI VA IN PARADISO?

PENSIONI: MA LA CLASSE LAVORATRICE CI VA IN PARADISO?

 

di Massimiliano DE ANGELIS – Coordinatore Nazionale del MovES

La classe lavoratrice in Paradiso? Solo se esce viva dall’inferno che le ha preparato e servito il governo.

Dice il sito del Ministero del lavoro che “la previdenza complementare (FONDINPS, ndr) è disciplinata dal D. Lgs. nr 25 del 5 dicembre 2005 e rappresenta un sistema pensionistico il cui scopo è quello di integrare la previdenza di base obbligatoria” (i cosiddetti contributi obbligatori a carico del datore di lavoro, ndr).

E ancora: “Essa ha come obiettivo quello di concorrere ad assicurare al lavoratore un livello adeguato di tutela pensionistica, insieme alle prestazioni garantite dal sistema” di base in età pensionistica.

Altro non sarebbe che la pensione integrativa in mancanza di forme pensionistiche di riferimento per una ormai larga fascia di lavoratori e risulta quindi “costituita dai contributi versati dal lavoratore e dal datore di lavoro alla forma pensionistica complementare e dai rendimenti ottenuti, al netto dei costi, negli investimenti nei mercati finanziari dei contributi stessi.”

Come leggiamo sempre dal sito, tra i destinatari dei fondi pensione ci sono i lavoratori dipendenti privati e pubblici e i soci e i lavoratori dipendenti delle cooperative di produzione e lavoro.

Sempre da ciò che si legge, tra le varie tipologie dei fondi ci sono i fondi pensione negoziali, i quali sono istituiti dai rappresentanti dei lavoratori e dai datori di lavoro in ambito della contrattazione nazionale di settore o aziendali e l’adesione è libera e volontaria.

Il lavoratore dipendente, entro sei mesi dall’assunzione sulla scorta dei presupposti di cui parlavamo più sopra, si vede destinare la propria quota di TFR, dal proprio datore di lavoro, alla forma pensionistica complementare istituita appositamente presso l’INPS (appunto FONDINPS). Questo è quanto regolamentato in materia.

In sede di liquidazione anticipata per il lavoratore devono essere rispettati dei requisiti, sia che si decida di riscattare le proprie quote al 50% sia che nella totalità della somma.

Ed è qui che si svela l’arcano che io personalmente ho scoperto nel vuoto legislativo relativamente a ciò: ossia che per poter riscattare la propria quota è necessario che l’ultima azienda per la quale si ha lavorato abbia compilato, necessariamente, un modulo di liquidazione coi propri dati aziendali in base a dei requisiti richiesti al lavoratore.

Perciò il problema nasce quando la propria azienda di riferimento è ”sparita” o nel caso delle aziende che sono “scatole cinesi” dove con una serie di architettture mirate ad evadere e sfruttare al massimo il lavoratore nei suoi diritti, proprio grazie al lassismo degli organismi tenuti a vigilare, controllare, come succede spesso per tante società in Italia: se non vi è la società quindi che compili tale documento, di conseguenza non vi è alcuna possibilità per l’ex lavoratore di ritirare la propria somma.

Se poi sia che si rimanga disoccupati o che si trovi un lavoro in “nero” o retribuito coi voucher o altre forme di precariato, la situazione non cambia e l’avente diritto vede pian piano sparire il proprio denaro proprio per via dei costi di gestione sostenuti dal FONDINPS.

Questo vuoto fa in modo che il lavoratore in oggetto venga abusato ben due volte: sia dall’azienda per la quale ha lavorato che sparisce grazie al mancato controllo capillare degli organi preposti e, alla fine del percorso, non venga riconosciuto neanche dall’Ente Previdenziale che, mancante di documentazione che non ha controllato alla fonte nella sua esistenza, e non eroga il dovuto proprio perchè non contemplato.

Possono essere poche centinaia di euro o molte migliaia per coloro con oltre dieci anni di lavoro (dalla data di entrata in vigore della legge in materia) ma non cambia nella sostanza: molti lavoratori potrebbero avere questa brutta sorpresa col trascorrere degli anni lavorativi fino a perdere decine di migliaia di euro se non si mette mano a tale situazione.

C’è da domandarsi se il legislatore sia stato così “sprovveduto” o se quanto avviene sia stato intenzionale da parte del governo al fine di appianare i buchi e gli sprechi dell’INPS o per pagare i superstipendi o le superpensioni agli amministratori dello Stato.

A me personalmente un dubbio sulla seconda ipotesi viene, dato che negli ultimi anni è stato messo in atto un pesante attacco ai diritti dei lavoratori che sono comodi da usare come pronta cassa per il governo, un bancomat che non delude mai.

Lecito quindi pensare, viste le attuali condizioni cui il mercato del lavoro obbliga, che un terremoto avverrà da qui ai prossimi anni con buona pace della classe lavoratrice. Eterna, però, dopo aver vissuto all’inferno.

Dimensione carattere
Colors