LIBERISTI DI SINISTRA?

LIBERISTI DI SINISTRA?

di Ivana FABRIS

Combattere il liberismo unendosi ai liberisti, dichiara il “buon” Fassina.

Mica male.

Unirsi ai vari Gotor – quello che recentemente ha nuovamente votato per ripristinare uno strumento di schiavitù come sono i voucher – o ai Pisapia ed MDP, lenoni del PD.

Non so se sono io che non colgo il senso o se proprio questi non si smentiscono mai.
Ma che sbadata che sono!

È logico, loro lo fanno SOLO per l’unità della sinistra.

E io che credevo che lo facessero solo perchè se non si uniscono, nessuno dei partiti che aderiscono supererebbe lo sbarramento!

Che malfidata che sono…

Orwell era un dilettante al confronto e Gramsci non smette di rivoltarsi nella tomba ad ogni chiamata alle armi del solito D’Alema, burattinaio d’eccellenza di questa ulteriore rappresentazione di come la base – che non vuole vedere che ci sono GIA’ segnali pericolosissimi – serva solo all’uso.

All’uso di una classe politica senza scrupoli davvero vergognosa.

Leggete questa nota di Fassina, deputato di Sinistra Italiana:

SINISTRA, FASSINA: IL 1 LUGLIO IN PIAZZA SS APOSTOLI PER UNA SINISTRA PLURALE

“Domenica 1 Luglio sarò a Piazza SS Apostoli all’iniziativa di Mdp e Campo Progressista, perché dobbiamo fare ogni sforzo, fino all’ultimo momento utile, per unire chi può convergere su un’agenda orientata alla dignità del lavoro, al welfare pubblico, alla giustizia ambientale, alla democrazia rivitalizzata: un’agenda alternativa al programma liberista attuato dai governi Renzi e Gentiloni.

Dopo la reazione di chiusura di una parte della platea del Brancaccio all’intervento aperto e intelligente di Miguel Gotor non trovo utile la posizione in base alla quale Sinistra Italiana dovrebbe andare soltanto se invitata a parlare. Una rappresentanza di Sinistra Italiana deve andare anche solo ad ascoltare. In quella piazza vi sono uomini e donne con i quali, attraverso un confronto di merito, possiamo evitare una assurda frammentazione che farebbe perdere credibilità a tutti.

Chi vuole affrontare le condizioni economiche e sociali di maggiore sofferenza non può rassegnarsi, senza combattere, a una nobile deriva di testimonianza ammantata di civismo”

D’ALEMA: ULTIMA CHIAMATA PER UNA POLITICA MORTA

D’ALEMA: ULTIMA CHIAMATA PER UNA POLITICA MORTA

Berlusconi e D'Alema a Porta a Porta

di Ivana FABRIS

Solo lui, solo il leader Maximo poteva avere l’ardire di fare le affermazioni contenute nell’articolo del Manifesto.

L’ultima chiamata per la sinistra? Quale sinistra, Massimo?

La TUA sinistra, quella fatta a tua immagine e somiglianza, quella che fa accordi sottobanco, quella che maneggia a suo piacimento, quella che inganna e sfrutta ancora il sentimento della base per il proprio particolare interesse, quella che distrugge i diritti dei lavoratori perchè la tua razza politica li ha venduti al capitalismo finanziario?

Spiacenti, questa sinistra, Massimo, non ci riguarda perchè NON è sinistra.

Da comunisti a liberisti è un film dell’orrore che se solo qualcuno ce lo avesse spoilerato 30 anni fa non ci avremmo creduto.

E ancora insisti, insisti e spargi mistificazioni di ogni genere com’è contenuto in questa dichiarazione che hai rilasciato.

Estremismo al Brancaccio…se non ci fosse da piangere, visto il dramma che vive il paese, dramma che avete generato tu e i tuoi degni compagni di partito ex comunisti come te, ci sarebbe da sbellicarsi dal ridere.

Eppure Fassina vi lancia ancora un’ancora di salvataggio mentre la Storia sta per condannarvi definitivamente al rango dei peggiori traditori delle classi lavoratrici che questo paese abbia mai conosciuto.

Quel Fassina che tanto hai denigrato, adesso ti fa comodo perchè apre a te, a Gotor (l’uomo dei voucher) e tutti i pisapiani di renziana genìa, in nome di una presupposta unità.

Sì, l’unità della sinistra con cui vi riempite la bocca e incaprettate ancora migliaia di persone che la inseguono come un miraggio che vi servirà unicamente a garantire voi stessi e il PD alle prossime politiche.

Tu la sinistra, Massimo, neanche te la ricordi.

Ma neanche lei (a parte i tuoi fan e le tue groupie) ricorda te, se non per quella firma da segretario sulle tessere della FGCI del tempo che fu, trampolino di lancio verso il firmamento liberista che oggi ti vede burattinaio indiscusso di un’altra tra le più vergognose operazioni.

Insomma, è l’ultima chiamata per te e NON per la sinistra dato che di sinistra non è rimasta parvenza nella tua visione politica se mai c’è stata, quindi perchè dovresti smentirti?

Sta sereno, Massimo, ti smentiremo noi tutti che non abbiamo MAI dimenticato cosa significhi essere dalla parte della giustizia sociale e contro il capitale, qualunque esso sia.

LA GUERRA TRA I POVERI LA VINCONO I RICCHI

LA GUERRA TRA I POVERI LA VINCONO I RICCHI

Trevisan - Gottardi, i due giovani morti a Londra

di Ivana FABRIS

Vergognosa la polemica sui due ragazzi italiani morti a Londra.

Vergognoso che sull’emigrazione giovanile in generale, si dica che è una forma di vigliaccheria.

Andarsene da casa propria è sempre una scelta sofferta e NESSUNO ha diritto di giudicare senza sapere quali condizioni di base hanno determinato quella scelta.

La cosa disperante è che, come al solito, siamo alla guerra tra i poveri.

Si inveisce contro chi paga il prezzo della crisi generata da un sistema a cui non solo NESSUNO a sinistra ha posto un limite, ma addirittura ne è stato fiancheggiatore se non complice.

Se è su queste basi che si pensa di farcela ad uscire dal disastro in cui siamo, beh, credo che sia evidente che in tanti ancora non abbiano capito chi sia il vero colpevole di quanto accade.

Un paese che non sostiene i suoi giovani e li obbliga ad andare all’estero per garantirsi il pane quotidiano e il riconoscimento di anni di studio e di fatica, ma anche di grandi sacrifici, è un paese che sta suicidando il proprio futuro.

Allora, invece di accusare chi se n’è andato per sopravvivere, chiediamoci a chi giova che accada.

A chi se non all’occupante?

A chi se non al colonialista che sa bene che SONO i giovani il motore di qualunque cambiamento?
O pensiamo davvero che la guerra di Liberazione la fecero i 50 e 60enni?

Svuotare l’Italia dalla sua meglio gioventù appartiene al progetto che il neoliberalismo ha confezionato su misura per noi.

Un paese vecchio come sarà l’Italia tra 10/15 anni – più di quanto lo sia oggi – è un paese che potrà essere espropriato delle sue ricchezze e della sua forza di ribellione molto agevolmente e diverrà via via sempre più facile terra di conquista.

Il quadro futuro non è solo preoccupante ma proprio desolante.

DOBBIAMO TORNARE A LOTTARE e questa volta non da posizioni caute e moderate che a questo sistema criminale fanno solo venir da ridere, ma sul serio.

Quindi adesso basta con le paure e le titubanze!

Il tempo stringe e abbiamo l’obbligo, noi generazione anni ’50 e ’60 di tornare a percorrere strada per strada, di tornare a parlare alle persone casa per casa, proprio per riavviare la politica come solo una sinistra antisistema sa fare.

Solo così i nostri ragazzi, a cui è stato tolto il futuro, capiranno che noi siamo al loro fianco.

Solo così sapranno che insieme, noi e loro, possiamo cambiarlo davvero questo paese.

Pertanto, invece di chiacchierare a vuoto solo per ottenere un po’ di visibilità – criticando chi parte in cerca di fortuna e speculando su due giovani vite spezzate di cui TUTTI siamo responsabili – meglio tacere.

Non solo. Visto il passaggio storico in cui siamo, il momento di svegliarsi dal lungo sonno della ragione è ADESSO.

Leviamo quindi le mani dalle tastiere, chiudiamo le bocche di chi invece che proporre sa solo distruggere e svilire la nostra forza e ricominciamo la nostra lotta, quella per la difesa dei diritti di tutti, se riconosciamo ancora francamente e concretamente il valore della parola SINISTRA e cosa significhi ESSERLO.

TICKET

TICKET

Ticket per portare voto al PD

TICKET IN POLITICA: quando un candidato o una formazione politica portano avanti una campagna elettorale parallela a quella del partito da favorire o del proprio capo, coprendo quel territorio dove il partito che si vuole che vinca o l’uomo di punta sono più deboli e, spesso, con questo metodo si spostano percentuali di voto che risultano decisive nel momento delle elezioni.

di Ivana FABRIS

L’attenzione su Facebook e in altri social è in larga parte focalizzata sull’astensione del M5s in merito allo Ius Soli.

Ma del fatto che alcuni senatori che si riferiscono a Pisapia hanno votato a favore del pacchetto all inclusive contenente i voucher ne vogliamo parlare?

La pattuglia acrobatica in questione ha dato voto favorevole su quello strumento infame dei voucher come nulla fosse.

Ma è dei 5 stelle che dobbiamo parlare.

Perchè, giusto, i diritti civili sono importanti – e chi lo nega – ma qualcuno dovrebbe spiegarmi con parole sue, cosa cambia che ci riconoscano i diritti civili se poi non abbiamo di che campare.

Parlo di LAVORO, CASA, SANITÀ e tanto altro che continuano a negarci e a toglierci riducendoci progressivamente alla condizione di schiavitù.

Ma più ancora mi preme ribadire che guardare ad MDP come un possibile componente della famosissima unità della sinistra non solo fa senso ma è un insulto vero e proprio alla parola sinistra.

L’operazione è sempre la stessa: sfruttare un bisogno indotto (l’unità della sinistra) mediante una propaganda degna di tutte le teorie di Chomsky che è stata tale da indurre davvero a credere che un simile sistema di potere si sconfigge solo diventando tanti.

Sfugge ancora che puoi aggregare tutte le entità esistenti a sinistra, anche quelle che vengono da Marte, se ci sono, ma poi qualcuno ti deve anche votare e non lo vedo bene questo aspetto della faccenda, considerato il livello di schifo e repulsione presenti nel popolo italiano che hanno imparato a riconoscere al volo la natura di certi schieramenti.

Già, perchè l’unità della sinistra nata dalla fusione a freddo francamente non interessa a nessuno che stia nell’astensione così come non interessa alla Signora Maria che al mercato non riesce a provvedere alla sua sopravvivenza con quel poco che le rimane della sua pensione dopo averla prosciugata per farmaci, cure ed esami.

Quindi, questa operazione MPD CP e chi più ne ha più ne metta, sappiamo tutti bene a cosa miri e sappiamo pure che le fusioni a freddo raggelano gli elettori e scaldano solo la sala macchine del PD con sommo gaudio della governance europea.

Pisapia e i suoi si stanno solo mettendo in coda allo stuolo dei richiedenti favori presso MDP il quale farà, presso la base, la solita operazione di carontiana memoria: traghettare i dannati urlanti e disperati verso la sponda dell’inferno piddino con l’illusione di andare verso un mondo tutto luce e libertà, incontro al sol dell’avvenire.

Buon viaggio, dunque, compagni ma mi raccomando, non dimenticate il ticket che senza quello non si va da nessuna parte ed MDP lo sa bene visto che a sua volta lo fornisce al PD.

MOVIMENTO 5 STELLE: UN NUOVO CHE SA TANTO DI VECCHIO

MOVIMENTO 5 STELLE: UN NUOVO CHE SA TANTO DI VECCHIO

Grillo e Bossi

di Ivana FABRIS

L’astensione dei 5 stelle sullo Ius soli non è proprio bellissima, più che altro perchè conferma che per loro come per tutti, il tatticismo politico viene prima del diritto all’esistenza di altri esseri umani.

Poi che questa legge sia inadeguata non c’è dubbio, ma che la scelta del M5s sia stata un’apertura alla Lega in previsione delle politiche del 2018, appare abbastanza evidente.

In più va dato atto che il M5s sa sempre dove andare a pescare voti tra lo scontento degli elettori e nella Lega ce n’è più di qualcuno che non disdegnerebbe un’alternativa ad un leghismo che comincia a sapere di minestra riscaldata e neanche poche volte.

Il problema è che, anche i 5 stelle, con queste tecniche non è che sappiano poi tanto di novità della casa, visto che quello che hanno servito con l’astensione, sono addirittura piatti cotti, mangiati e digeriti da Prima Repubblica.

CON CORBYN CROLLA UN ALTRO MITO: IL NUOVISMO GIOVANILISTA

CON CORBYN CROLLA UN ALTRO MITO: IL NUOVISMO GIOVANILISTA

di Ivana FABRIS

Il voto inglese ha smentito perentoriamente pure un altro mantra neoliberista tanto caro anche ad una certa sinistra: il giovanilismo.

Per non parlare di quell’altro famosissimo e versatile mantra, che sosterrebbe che i giovani non sono attratti da un programma francamente di sinistra.

Corbyn ha 68 anni e i giovani che hanno votato per il suo Labour sono una moltitudine che fa impressione.

Un pezzo alla volta le balle con cui il sistema ha infarcito tante teste (troppe e a tutte le latitudini della sedicente sinistra) vanno GIÙ come un castello di carte su cui ha preso a soffiare un vento potente che si chiama SINISTRA ANTILIBERISTA E POPOLARE.