MONDO GLOBALE E L’ISOLA CHE NON C’È (PIÙ)

MONDO GLOBALE E L’ISOLA CHE NON C’È (PIÙ)

 

di Franco CAMERINI – MovES

Il neoliberismo che a livello globale regola le economie più rapaci del pianeta, nella sua (apparentemente irrefrenabile) espansione ha come inevitabile obiettivo l’appiattimento di ogni forma ideologica di salvaguardia del diritto al lavoro.

In ogni Paese allineato la Politica di potere tende allo smembramento di regole costituzionali più o meno esplicite su tale diritto, per portare all’appiattimento globale delle aspettative del popolo dei lavoratori.

In questa strategia entrano in ballo diversi passaggi, il più importante sicuramente è l’allontanamento dell’individuo dalla cultura, poiché “la cultura dell’individuo è da sempre nemica del Potere”.

La dinamica con cui oggi si persegue questa strategia è semplice: accorciare (e quindi scarnificare di contenuti) il percorso scolastico, ed introdurre in un ovattato limbo lavorativo (gratuito) il soggetto, che assimilerà così un concetto basilare per la buona riuscita della dittatura globale:

Lavoro gratis, e se lavoro meglio e più gratis di altri, un giorno il mio premio sarà un lavoro remunerato; poco, che c’è la crisi, ed è colpa di chi ha per anni preteso un lavoro, se c’è la crisi.

Ecco quindi che l’intellighentia politica si fa in quattro per legiferare in questo senso: invece di investire in cervelli per una riclassificazione del mondo del lavoro mirato ad un miglioramento della qualità di vita delle masse, (che risponderebbero conseguentemente con maggiori consumi e relativo rimbalzo economico) si va alla ricerca di sofisticati sistemi di sempre maggior sfruttamento dell’individuo per far sopravvivere il concetto di capitalismo che sta distruggendo l’Umanità.

In tutto questo i sindacati che fanno? Si sono via via adattati al sistema assumendo l’aspetto e la forma giuridica di gigantesche aziende, ponendosi di fatto sullo stesso piano di coloro che dovrebbero combattere.

Solo una Sinistra unita nell’intento di riportare il concetto di Socialismo nella nostra società può evitare un collasso globale.
UN PARLAMENTO SENZA DEMOCRAZIA

UN PARLAMENTO SENZA DEMOCRAZIA

 

di Franco CAMERINI

Le classi politiche rappresentate in Parlamento, che siano al potere o all’opposizione, sono quelle che la NOSTRA virata verso il centro ha permesso che siano.
Se non sapessimo quanto il sistema manipoli l’informazione, verrebbe facilmente da dire che ogni Popolo abbia il governo che merita.

Restare inermi ad osservare l’attuazione di leggi e decreti CRIMINALI che calpestando la COSTITUZIONE, IL BUON SENSO, LA DIGNITÀ, E L’UMANITÀ stanno cancellando decenni di conquiste sacrosante nel Sociale, (siamo scaraventati in una arena come gladiatori armati di unghie e denti a combattere guerre fratricide) porta le masse alla mesta convinzione che non esistano più ne destra ne sinistra, ma solo LOTTA PER LA SOPRAVVIVENZA.
Come dargli torto?

Un governo di sedicente centrosinistra striscia come un verme asservito all’egida de: IL PROFITTO INNANZITUTTO!
Rincorrono i voti della destra facendo il loro lavoro sporco targandolo di centrosinistra.
Ecco quindi che la destra e la sinistra esistono ancora, ben distinte.

La sinistra è quella che non vuole mortificare la Costituzione, ma attuarla! (E dopo 70 anni sarebbe ora di farlo)
La sinistra è quella che vuole diritti e dignità uguali per tutti, non il Jobs Act.
La sinistra è quella che corre a salvare le vite di chi fugge dalla morte, non quella che si accorda con paesi criminali per compiere pulizie etniche su commissione.

Non abbiamo UN SOLO Ministro in questo Governo che abbia compiuto una scelta mirata semplicemente a RIDURRE LA SOFFERENZA DI QUALCUNO O A TUTELARE I DIRITTI DI CHI HA BISOGNO.

Non abbiamo un solo oppositore in questo Governo che abbia impedito UNO SOLO DEI CRIMINI PERPETRATI dalla classe dirigente (strisciante).

Tutti bravi a far caciara sulle cazzate tipo: riduciamo il compenso del barbiere di Montecitorio, ma intanto ci siamo beccati Buona Scuola, Jobs Act e, ultimo atto criminale, il Decreto Minniti. Roba che quasi quasi neanche Mussolini avrebbe osato.

Tiriamo fuori le palle, Compagni, o non ci sarà ritorno.

La manna dal cielo

La manna dal cielo

di Franco CAMERINI

Forse Merkel e altri leader di paesi culturalmente poco inclini all’accoglienza avevano fatto il passo più lungo della gamba, aprendo le frontiere all’immigrazione.

L’intento palese era di ottenere due effetti: riconquistare credibilità e dignità verso i popoli europei dopo aver mostrato la loro spietata anima usuraia nell’affaire Tsipras e mostrare a Renzi e a Tsipras stesso quanto le richieste di collaborazione che Italia e Grecia insistentemente pretendevano in quanto Paesi più esposti al fenomeno fossero esagerate, accogliendo in pochi giorni migliaia di richiedenti e mostrando alle tv di tutto il mondo quanto fossero buone, organizzate e solidali le popolazioni del nord Europa.

Ora, senza entrare nei meriti di chi sia più bravo o più efficace o più solidale, soffermiamoci ad osservare la cronaca.
Negli ultimi giorni dell’anno iniziano a trapelare nelle notizie il malcontento generale e la consapevolezza dei suddetti Leaders Europei che non potranno continuare a questi ritmi di accoglienza.

Gettano il sasso e attendono le reazioni per misurare l’elettorato e la sua pancia e notano che prevale il sentimento più becero: quello disumano.
Ora, magicamente, in contemporanea in più città europee e non nei paesoni, lontano dai riflettori, in quelle importanti, un piccolo esercito di perfetti imbecilli organizza questa esibizione di machismo e disprezzo del genere femminile come se fossero colpiti da un virus, contemporaneamente, a centinaia di km. di distanza un gruppo dall’altro, Salisgurgo, Colonia, ecc.

E la tattica aggressiva è la medesima, come fosse scritta sul manuale del perfetto coglione.
Questa Manna dal cielo, che Merkel e soci hanno colto al volo paventando l’immediata chiusura delle frontiere, non è sicuramente un dono di Dio, forse (a pensar male ci si azzecca) a qualcuno è venuta l’idea di usare il sistema berlusconiano, quello per riempire di fans le sue piazze: una borsina di viveri, 50 euro, per venderti l’anima con la promessa che la punizione non sarà esemplare.

 

 

 

(immagine dal web)

.