Pasqua in Grecia

 

di Luigi BRANCATO

Nel corso degli ultimi anni, durante le mie frequenti visite in Grecia, ho avuto modo di constatare come la situazione economica del paese stia costantemente peggiorando. A causa di questioni personali, non avuto modo di visitare la bella penisola negli ultimi sei mesi.

Al mio arrivo qui, durante le vacanze pasquali ho avuto modo di percepire meglio il cambiamento ed il dramma causato dalla crisi su tanti livelli, primo fra tutti quello sociale.

Ed è proprio da questo livello che vorrei partire, per condividere alcune osservazioni con i membri del MovES, sperando nasca una discussione che aiuti a comprendere come il modello economico neoliberista sia stato in grado di distruggere ed assoggettare una nazione ed un popolo, e sperando che la discussione metta in luce i punti critici di questa progressiva e spietata colonizzazione, dandoci gli strumenti per resistere.

Una Pasqua senza rompere piatti.

Si sente spesso parlare di come la situazione economica della Grecia sia il risultato di eccessive spese, di uno stile di vita smodato e di una cattiva gestione delle finanze nel PRIVATO.

Chiunque abbia un minimo di spirito critico, saprà riconoscere che il progressivo impoverimento del paese è in effetti imputabile ad un’orrenda gestione del denaro PUBBLICO, alla forte corruzione della classe politica e soprattutto ad uno spietato piano di indebitamento con le banche centrali europee.

Passare il messaggio che i Greci sono degli spreconi, tuttavia, è funzionale al sistema.

Addirittura agenzie pubbliche europee hanno recentemente pubblicato studi faziosi che quantificano in termini economici quanto costa ogni cittadino greco ad altri cittadini europei.

Questi studi, sono chiaramente finalizzati a creare nei vari popoli europei un sentimento di ostilità verso la Grecia, che possa in qualche modo giustificare le manovre economiche a danno del paese, o quantomeno pulire qualche coscienza…

Il popolo Greco é, per chi non abbia avuto modo di visitare questo magnifico paese, un popolo ospitale e gentile, ma soprattutto orgoglioso e fiero.

Mi son trovato spesso a riflettere che, pochi altri paesi avrebbero saputo resistere alla violenza europea come la Grecia, compensando con tanta gioia e voglia di vivere le continue privazioni che hanno dovuto affrontare.

Pochi altri popoli avrebbero trovato il modo di allietare le interminabili attese al bancomat​, per ritirare 50 euro al giorno, durante i primi mesi del capital control con scherzi e risate.

Il popolo greco ha resistito per anni questa orrenda etichetta di ‘spreconi’ difendendo il proprio stile di vita, e le proprie tradizioni.

Eppure quest’anno mi son reso conto di come anche questo stia cambiando.

Lentamente, ma irrevocabilmente tutti si stanno convincendo che forse forse i padroni europei hanno ragione.

E questo soprattutto grazie al meticoloso lavoro di propaganda delle televisioni e delle testate nazionali che alimentano costantemente il terrore di una possibile uscita della Grecia dall’Unione Europea.

Il risultato è che lentamente stanno morendo anche tante tradizioni, perché semplicemente non sono più alla portata di tutti.

Chiunque abbia celebrato la Pasqua in Grecia avrà notato la strana usanza di rompere piatti e bicchieri vecchi durante le celebrazioni, mentre si parla, balla e canta attorno alla brace.

Questa tradizione contribuisce alla creazione del cosiddetto “kefi”, un’irrefrenabile espressione di emozione e gioia tipicamente greca.

Bene, ogni anno son sempre meno le famiglie che possono​ permettersi questo lusso.

Sono meno le persone che hanno voglia di ballare. E son sempre meno le famiglie che possono festeggiare con una brace. Son sempre meno le persone che hanno voglia di festeggiare. Sempre meno sono quelli che hanno da mangiare.

Noi quest’anno non abbiamo rotto piatti.

Potrebbe sembrare poco importante, o una privazione stupida o di poco conto.

Eppure,dobbiamo renderci conto che distruggere le tradizioni, e le usanze, con sensi di colpa o di vergogna contribuisce alla spersonalizzazione di un popolo. Lo rende inetto e debole. Ed è stato da sempre uno degli strumenti storici adoperati durante le guerre coloniali per assoggettare e distruggere il senso di ‘popolo’ e di conseguenza ammorbidire l’imposizione di usi e costumi degli invasori.

Credete sia così diverso da quello che sta accadendo in Grecia?