Primo Maggio

 

di Luigi BRANCATO

… Il vero attacco ai lavoratori degli ultimi decenni tè istituzionale, e viene dalla destra prima, e dal centrosinistra poi, con le riforme dello Statuto dei Lavoratori.

Prima la legge Biagi, i co.co.pro. ed i lavoratori a progetto, poi la legge Fornero e più tardi il Jobs Act.

In questo giorno è necessario ricordare il totale svuotamento dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fatto dal Governo Renzi,  un enorme passo indietro nella Costituzione materiale del nostro Paese
Con la nuova legge il precariato viene sostanzialmente supportato con il mantenimento dei contratti a tempo indeterminato. 45 su 47 forme di lavoro previste dal Jobs act sono precarie, di ‘lavoro accessorio o ‘collaborazioni’. Il tutto condito da un più facile licenziamento ‘disciplinare’.

Un lavoro ‘flessibile’, insomma, sul modello americano ed Europeo.

Peccato che questa flessibilità in italia è solo a favore del datore di lavoro, dato che i rapidi cambi di impiego sono un’utopia in un paese in cui la disoccupazione giovanile tocca picchi del 40%…

Giovani che per trovare lavoro sono costretti ad abbandonare il proprio paese.

Giovani che hanno studiato in Italia, a spese dell’Italia e che vanno a produrre ricchezza per altri paesi.

Il programmatico impoverimento dell’italia, e più in generale del sud dell’Europa sono il risultato delle criminali politiche economiche Neoliberiste volute ed imposte dall’ Unione Europea, e forzate dalla moneta unica.
Il diritto al lavoro non puó essere garantito in questo sistema. E’ necessario intervenire immediatamente prima che la situazione economica italiana peggiori in maniera irreversibile, rendendoci di fatto schiavi della banca centrale europea, come è successo alla Grecia.

E bisogna iniziare proprio dall’economia, e dal lavoro, investendo sull’occupazione giovanile.

Il Primo Maggio è una giornata simbolica e speciale che lega in un binoomio indissolubile festa e celebrazione alla lotta proletaria.

Una festa che ci è stata tolta durante il ventennio fascista, e della quale ci siamo riappropriati nel dopoguerra, in prossimità della quale i partiti ed i movimenti per la giustizia sociale si mobilitano verso il cambiamento.

E come scrive Ivana Fabris:

“noi del MovES le proposte le abbiamo, e sono proposte dirompenti, che mirano a costruire un altro mondo, un mondo di giustizia per tutti con uno Stato che crede nei suoi giovani e li valorizza al massimo, che consegna loro la possibilità di costruire davvero il domani.
Il solo fatto di concepire una nuova visione politica, significa avviarlo quel processo di autentico cambiamento proprio attraverso una proposta programmatica seria e mirata verso l’occupazione giovanile.

L’Italia è un paese che perdendo la sua sovranità, è diventato un malato grave ormai stremato e pronto a lasciarsi andare al suo triste destino con profonda rassegnazione.
Noi ci opponiamo a questo processo di progressiva distruzione della dignità del Lavoro con tutte le nostre forze.