Rania fa parte dei 15 bambini uccisi a Idlib stamattina. Avevamo questa piccola meraviglia tra noi e noi non lo sapevamo. Ora che lei non c’è più, ci manca già. Riposa in pace piccolo angelo, lontano da questo incubo che dura da troppo tempo.

di Bruno DELL’ORTO

Leggo la cara amica Paola Cecilia Corsi che commenta questa foto:
“Questo è un mondo che non mi appartiene”.

Comprendo quello che scrivi, amica mia, capisco lo stato d’animo che lo ha originato e mi è impossibile non condividerlo.

Ma ti do e mi do torto: questo mondo ci appartiene eccome, ci appartiene di diritto, perché noi ci siamo, e lo abitiamo condividendolo, purtroppo, con una ristretta minoranza che, in modo prepotente ed arbitrario, ha imposto delle logiche perverse e scellerate.

Logiche che pospongono il benessere e fin la vita stessa dei più al profitto personale, e questo esercitando intransigentemente potere e dominio.

Ed indipendentemente dalla reità di costoro, che potrebbero rappresentare un campione di studio psichiatricamente interessante se calato in un contesto meno malato, e quindi ordinabile come composto da prime anche se tutt’altro che innocenti vittime, occorre utilizzare tutta l’angoscia che ci pervade adoperandoci per informare prima e contrastare implacabilmente poi il sistema, per sovvertirne le priorità, per ricollocare l’uomo ed i suoi bisogni al centro.

Basta con la rassegnazione.

È fondamentale diffondere un pensiero etico in luogo di quell’unica, “irrinunciabile” dottrina.

È Importante unirsi.

È vitale creare gruppi di pressione per diffondere l’idea condivisibile, tra tutti i sani, che non si può barattare la vita di un bambino, anche di uno solo, con l’accumulo indiscriminato di danaro.

Se così non dovesse essere occorrerà prendere coscienza del fatto che la specie intellettualmente più dotata che abbia mai calpestato il pianeta abbia fallito, che l’evoluzione stessa abbia preso una gran cantonata, e dopo aver saccheggiato e distrutto, secondo la medesima folle logica pure l’ambiente, si ricomincerà da aminoacidi, fotosintesi e batteri…

Potresti essere interessato anche a….

TOTÒ RIINA È MORTO MA LA MAFIA STA BENISSIMO

di Antonio CAPUANO – Totò Riina è morto ma la mafia gode di ottima salute e il sistema di informazione la ammanta di normalità e la mitizza.

IL PREZZO DI UNA SCHIAVITÙ

di Djarah AKAN – Un testo da leggere tutto d’un fiato. Un testo che ci catapulta nell’orrore del prezzo di un essere umano.

SUCCESSO DI PIAZZA, INIZIAMO DA QUI

di Bruno DELL’ORTO – Una manifestazione pienamente partecipata, quella di sabato, un successo a tutti gli effetti ma non basta. Partiamo da qui.