diritto

 

 

di Beppe SERRELLI  (avvocato)

 

Sembra ovvio che nessuno è colpevole, finché i giudici non lo stabiliscano (stiamo freschi, risponderebbe il senso comune…).
Ma noi, nel tetragono rispetto della tripartizione dei poteri, restiamo abbarbicati a questo principio, costi quel che costi (non fa nulla che Marx e molti altri, prima e dopo, ci abbiano spiegato come il diritto rifletta i rapporti di forza tra le classi sociali…).

 

Tuttavia, pur fermi sui fondamentali, basta leggere le norme che attengono alla responsabilità contrattuale per ‘intuire’ quante cose non quadrino nel garantismo sbandierato contro la minacciata risoluzione del contratto stipulato tra lo Stato e i Benetton.

Nei contratti con prestazioni corrispettive, quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l’altro puo’ a sua scelta chiedere l’adempimento o la risoluzione del contratto, salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno.”
È un principio basilare, già ben chiaro ai Romani, che da noi è fissato al I° comma dell’art.1453 C.C..

Bene: si suppone che un contratto che si rispetti sia a prestazioni corrispettive (ahimè) e che uno dei contraenti possa recedere con eventuale obbligo al risarcimento.
Un dipendente sospettato di una grave infrazione disciplinare, ad esempio, viene immediatamente sospeso dal servizio, in attesa delle sue giustificazioni. Quindi, se ritenute insufficienti le giustificazioni, viene licenziato ‘in tronco’. Poi si vede cosa diranno i giudici. Per i tre gradi passano 10 anni.

Il ragionamento del datore di lavoro è plausibile: posso tenermi un dipendente ladro, o infedele finché i giudici non decidano, in via definitiva, chi ha ragione e chi ha torto ? Evidentemente, no.

I Benetton godono di una convenzione, persino coperta da segreto di Stato, in alcune clausole, che è tutta a sfavore del concedente (lo Stato), che affida, tra l’altro, ai concessionari la ‘manutenzione’ delle strade, attraverso il corrispettivo dei pedaggi che i cittadini pagano direttamente al concessionario. Un sistema geniale (per i concessionari)…

Ma c’è un interesse vitale dello Stato. E lo Stato ha infiniti strumenti legittimi e legali per farsi rispettare, a cominciare dal potere legislativo, o semplicemente amministrativo – regolamentare. I giudici vengono dopo, molto dopo…

Crolla un ponte strategico, con decine di vittime e danni incalcolabili all’economia locale e nazionale, la sua manutenzione era affidata ad un concessionario privato ma: alt! I Benetton non si toccano. Si attendano le decisioni della magistratura! Non si tratta mica di un cameriere che si è fottuto una mancia!

P.S.: mi viene obiettato: ma ci sono le penali, (le clausole vessatorie che Delrio avrà sottoscritto una per una?). E sì, un privato cittadino che vuole impugnare al TAR un abuso di un Ente territoriale o dello Stato, non può farlo per i costi esorbitanti imposti.
A tutela di un superiore interesse pubblico. Si dice…
Quando cascano i ponti dove sta l’interesse pubblico e prevalente?
Dimensione carattere
Colors