equitalia-cartelle

 

di Stefano BARBIERI – MovES

 

L’annuncio che Salvini ha fatto alla festa per i 244 anni dalla fondazione della Guardia di Finanza di “cancellare tutte le cartelle di Equitalia sotto i 100 mila euro“, è qualcosa di assolutamente nuovo e di una grandissima rilevanza, perché coinvolge il 96% del debito che gli Italiani hanno con il Fisco.

Un provvedimento del genere se ovviamente davvero diventerà legge (e bisognerà vedere i reali termini) sicuramente centrerà l’obbiettivo politico di “liberare milioni di italiani incolpevoli ostaggi e farli tornare a lavorare, sorridere e pagare le tasse” come ha affermato proprio lo stesso Ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Tale eventuale provvedimento avrebbe una sua leggitimità se fosse circoscritto al “magazzino” dei debiti fiscali residui e quindi inesigibili di Equitalia e, secondo i dati forniti nella sua audizione parlamentare alla fine del 2016 da Ernesto Maria Ruffini allora Amministratore Delegato di Equitalia, oggi Direttore Generale della Agenzia delle Entrate, si può riassumere che dei complessivi 817 miliardi, quelli realmente esigibili erano 51,9.

Si ipotizzano tre aliquote una del 6% per chi si trova in comprovate difficoltà economiche, una intermedia del 15% e una del 20-25%.

Al di là di ogni valutazione tecnica, il dato politico rilevante è che un contribuente potrebbe risparmiare addirittura il 94% (anche se il principio della difficoltà economica è già presente nell’ordinamento tributario visto che è il presupposto per la richiesta della rateizzazione del debito fiscale in 120 rate) ma che è sicuramente contrario al detto dell’articolo 53 della Costituzione e del principio della progressività contributiva in esso contenuto.

Un condono di questa portata, per quanto solleverà le vite di molti, in ogni caso certificherebbe che lo Stato – tramite il Governo – è sempre stato incapace di riscuotere i tributi nonchè pure la sua incapacità di contrastare efficacemente l’elusione e l’evasione fiscale.

Ci rallegreremo, dunque, per gli italiani che cominceranno nuovamente a respirare, ma dubitiamo che questa proposta sulla cancellazione delle cartelle di Equitalia sarà accolta, considerato che, il Ministro Tria, ha già ricordato a Salvini che bisogna “Affrontare sfide in continuità con passato” .
Per la serie: il banco – della UE – vince sempre.
Dimensione carattere
Colors