governo-sovranità

 

 

di Viviana Ross PETTY

 

Un amico mi ha fatto seriamente riflettere sul grosso pericolo che sta correndo il nostro paese.
Dopo 5 lunghi anni che hanno visto un governo improbabile, tenuto assieme da maggioranze spurie ci ritroviamo molto più poveri e fragili.

Con la scusa dei salvataggi bancari sono stati drenati miliardi dalle nostre tasche.
Miliardi sottratti a sanità, scuola, interventi per l’occupazione e per diminuire la povertà. Ci sono stati sottratti diritti, il diritto alla previdenza, ad essere tutelati nel lavoro, il diritto alla salute.

Hanno sferrato l’attacco più feroce alla Costituzione che si sia mai visto.
Nonostante gli italiani si siano espressi con assoluta chiarezza si torna a parlare del più liberista e devastante dei sistemi elettorali: il maggioritario.

Viene il sospetto che il Rosatellum sia stato concepito proprio al fine di causare la totale ingovernabilità per spingere a riadottare un sistema poco democratico ma funzionale all’esclusione di ogni identità politica per rimmettere tutto in un frullato non più rappresentativo ma meramente numerico.

Alla fine ci hanno dovuto far votare per forza ma è un caso che non sia riuscito a partire un governo politico e che dobbiamo rassegnarci ad un governo”neutrale”?
Ma i governi neutrali non esistono, chi governa, anche per pochi mesi, può anche far danni incalcolabili ad una democrazia, come la nostra, che non è mai stata così debole ed esposta alle speculazioni finanziarie che ormai sovrastano la politica e fanno da padrone.

Quello che si prospetta è un altro governo tecnico che metta in atto le varie “ricette” che #celochiedeleuropa.

Può ancora chiamarsi democrazia l’impossibilità di un popolo di autodeterminarsi? Di rispettare i principi costituzionali a cominciare da”la sovranità appartiene al popolo”?

Di mantenere, in libertà l’assetto parlamentare che i Costituenti hanno concepito e scelto? Di formare un governo scelto dagli elettori? Di disporre delle ricchezze e stabilire la loro ripartizione?

Io credo sia il momento di suddividere le forze politiche non più secondo una immaginaria collocazione ormai svuotata da ogni significato ma tra chi, avendo chiari i poteri che ha di fronte e la posta in gioco decide di assoggettarsi al potere perché è più facile, comodo ed ha il proprio tornaconto e chi sceglie la scomoda resistenza.

Dimensione carattere
Colors