Game over

I funzionari non funzionano.

 

I politici parlano ma non dicono.

 

Gli elettori votano ma non scelgono.

 

I mezzi d’informazione disinformano.

 

I centri d’insegnamento insegnano a non imparare.

 

I giudici condannano le vittime.

 

I militari sono in guerra contro i loro compatrioti.

 

I poliziotti non combattono i delitti perché sono troppo occupati a commetterli.

 

I fallimenti si socializzano, gli utili si privatizzano.

 

È più libero il denaro che la gente.

 

Le persone sono al servizio delle cose.

 

Tempo dei camaleonti: nessuno ha insegnato tanto all’umanità come questi umili animaletti.

 

Si dà credito a chi bene si nasconde, si venera la cultura del travestimento.

 

Si parla il doppio linguaggio degli artisti del camuffamento.

Doppio linguaggio, doppio.

 

Contabilità, doppia morale: una morale per dire, un’altra morale per fare.

 

La morale per fare si chiama realismo.

 

La legge della realtà è la legge del potere.

Perché la realtà non sia irreale, ci
dicono quelli che comandano, la morale deve essere immorale.

 

Chi non si fa vivo, sarà morto.

 

Sei obbligato ad essere bullo o fottuto,

 

Mentitore o mentito.

 

Tempo del cosa mi importa, del quale hai intenzione di fare, del non ti impicciare, del si salvi chi può.

 

Tempo delle frodi: la produzione non si arrende, il lavoro non vale.

Eduardo Galeano, Il libro degli abbracci