Il razzismo ha una funzione nella nostra società: c’impedisce di identificare il nostro vero nemico.

La responsabilità del problema dei senzatetto, della povertà e dello sfruttamento non è delle persone più povere e sfruttate.

Farli diventare il capro espiatorio, perché sono neri o marroni o perché vengono da una cultura diversa, lascia i padroni liberi di agire.

Una classe di lavoratori divisa dal razzismo è perfetta per chi sfrutta.

Questi traggono beneficio dal lavoro a basso costo, mettendo i lavoratori gli uni contro gli altri.

Sia chiaro: coloro che si servono dell’arma razzismo parlano nell’interesse del capitale.

Parafrasando Che Guevara, ricordiamo che l’offesa fatta ad una persona, di qualunque razza sia, è un’offesa fatta a tutti.

*
(Grazie a Gius Maggi per la segnalazione)

Vineet Sharma

Riccardo Massole