PER IL CAMBIAMENTO SERVE IL CONFLITTO DI CLASSE

PER IL CAMBIAMENTO SERVE IL CONFLITTO DI CLASSE

conflitto-cambiamento

 

di Fiorenzo MEIOLI

La storia del nostro paese, dall’Unità a oggi, ci mostra come tutte le fasi storiche di crisi e rottura siano state gestite, per usare un concetto fecondo di Gramsci, mediante “rivoluzioni passive”: un miscuglio di trasformismo politico che ha consentito alle classi dominanti di restare egemoni e di non modificare i rapporti di forza tra le classi sociali.

Solo il PCI, tra le forze politiche, si era posto l’obiettivo di un progetto egualitario, di modificare i rapporti di forza tra i gruppi sociali.

Sepolto il PCI, la sinistra, passo dopo passo, ha maturato l’idea di una giustizia sociale dipendente dagli sforzi individuali, ha dimostrato indifferenza verso gli aspetti strutturali delle diseguaglianze, ha ignorato gli effetti deleteri del neoliberismo.

Quindi, è venuta meno la sua ragione sociale: la difesa del mondo del lavoro, la difesa dei più deboli e poveri, fino a subire l’egemonia culturale del neoliberismo dove gli interessi dei cittadini sono subordinati a quelli degli azionisti, dove le lobby economico-finanziarie contano più della collettività e dei governi, dove l’interesse privato viene anteposto a quello pubblico.

In nome della governabilità, della mera riduzione del danno, larga parte della sinistra ha limitato il suo orizzonte concettuale, dimenticando il conflitto.

Come scriveva Machiavelli, il conflitto è sempre la dimensione originaria della politica. E’ grazie al conflitto che si è realizzata la modernità e la democrazia.

Dimenticando tutto ciò, ha anche ignorato quel blocco sociale che da sempre era stato il suo maggior punto di riferimento: il mondo del lavoro, degli svantaggiati, dei pensionati a basso reddito, degli artigiani e di tutti coloro che il lavoro non riescono più a trovarlo.

Ci sarà un motivo se blocchi sociali caratterizzati da lavoratori, precari, disoccupati, non incontrano più la sinistra e si consegnano alla destra o alla sterile protesta.

Allora, secondo me, dobbiamo rimetterci in gioco seriamente e riallacciarci a quel tessuto sociale confuso e smarrito.
E’ inutile aspettare perché non ci sarà nessun Mosè che ci condurrà, attraverso il deserto, alla Terra Promessa.

SOVRANITÀ, ULTIMO ATTO?

SOVRANITÀ, ULTIMO ATTO?

sovranità

 

 

di Ivana FABRIS – Coordinatrice Responsabile Movimento Essere Sinistra [MovES]

 

In questi giorni Merkel e Macron stanno concertando il peggiore attacco alla sovranità e pertanto alla democrazia italiana.

Ne avevamo parlato, noi come MovES, già ad ottobre scorso quando abbiamo letto il non-paper di Schäuble ovvero la sua proposta di riforma dell’Eurozona, quello che è stato il suo lascito, la sua bella eredità che, se attuato, condannerà paesi come il nostro a subire il dominio e la predazione indiscriminati della Germania oltre alla perdita definitiva della possibilità di autodeterminarci.

In pratica di cosa si tratta?
Si tratta innanzitutto dell’istituzione di un Ministero del Tesoro della zona euro e della trasformazione del MES (o ESM).

Il comunemente e orwellianamente detto Fondo Salvastati interviene finanziando il debito e le banche di uno degli Stati membri dell’Unione quando questi sono arrivati al capolinea e la condizione debitoria non è più sanabile secondo gli eurocrati (esattamente come in Grecia).
Naturalmente, una volta intervenuto il MES, di conseguenza dall’ingresso principale del Parlamento, farebbe la sua entrata trionfale la Troika.

Bene, la proposta di Schäuble, che ha così ben ispirato Merkel che l’ha accolta a braccia aperte – visto lo stato di salute di Deutsche Bank e delle banche tedesche e la sempre maggiore instabilità politica del suo governo – prevede una sostanziale riforma, ossia che il MES intervenga PREVENTIVAMENTE sulle politiche economiche dei singoli Stati con un debito eccessivo (poco conta se è ancora l’euro a crearlo) e ad insindacabile giudizio dei paesi che all’interno del MES hanno maggior peso, ossia la Germania e a seguire la Francia.

La decisione di intervenire, verrebbe presa esattamente come in un consiglio d’amministrazione: le sorti dell’azienda sono praticamente tutte nelle mani dell’azionista di maggioranza.
Eh…potere del dio mercato e siccome ci inculcano da trent’anni che non avremo altro dio all’infuori di quello, se nessuno si opporrà come merita, se il governo gialloverde non agirà in modo efficace contro questa proposta e questa riforma criminale si attuerà, la sentenza per noi sarebbe praticamente già emessa.

L’istituzione del Ministero del Tesoro e la trasformazione del MES insieme, hanno contorni davvero preoccupanti soprattutto per i poteri che assumerà il Ministero stesso al punto di studiare come impedire (!) ai parlamenti nazionali di bloccare le decisioni di questo Ministero e, di sostituirsi agli stessi, in ciò che riguarda le politiche fiscali.
A leggere quanto è previsto, si comprende distintamente che con questa riforma la dissoluzione delle democrazie europee che verranno sostituite da simili entità transnazionali, è assicurata e naturalmente al solo scopo di garantire lunga vita al dio mercato.

Non bastasse questo, per la riduzione del debito il duo Macron-Merkel propone di utilizzare il sistema del bail-in che si appplica alle banche.
Tradotto, per noi significa che, trovandosi a rimetterci una fetta di profitto, chi possiede parti del nostro debito correrà a venderlo e noi ci ritroveremmo, a livello economico, con un danno mostruoso a causa dell’innalzamento dei tassi e dello spread.

Ma al di là dell’aspetto più tecnico, sul piano politico oltre alla perdita definitiva di sovranità, oltre alla pressochè completa esautorazione della Costituzione, è lecito immaginare che, qualora venga attuata la riforma del MES e si arrivasse al commissariamento dell’Italia, questa mossa sterilizzerebbe il consenso che hanno Lega e M5s.

Dopo una cura simile, dopo la macelleria che attuerebbe la Troika, dopo la povertà, la miseria e la disperazione che genererebbe, chi voterebbe più per quelli che, mediaticamente verranno definiti come coloro i quali non hanno dato fiducia alla UE e ci hanno esposti a questa condanna o, per tanti tra i loro stessi elettori, quelli che non hanno saputo opporvisi?

Insomma, un bel colpo di mano sui lebbrosi populisti di tutte le latitudini d’Europa, quello di colpirne uno (che potrebbe muovere un tentativo di opposizione, ma anche solo ipotizzarlo) per educarne cento.
È un principio fondamentale per il potere e, in particolar modo lo è, per il fascismo in camicia linda e bianchissima, cravatta e doppiopetto del terzo millennio subdolo e strisciante della UE.

.
P.S.: mi raccomando, noi continuiamo solo a discutere del razzismo di Salvini, eh? Da respingere con fermezza, indubitabilmente, ma intanto è qualcun altro che sta per farci la pelle.
VIRZÌ, LA SCUOLA DEL PD E IL M5S

VIRZÌ, LA SCUOLA DEL PD E IL M5S

pd-scuola

 

di Potnia THERON – MovES

 

Ho letto le dichiarazioni di Virzì (le cui simpatie elettorali per il PD sono note, ndr), secondo cui il M5s costituisce la rivincita di coloro che andavano male a scuola. E sotto certi aspetti si potrebbe anche essere d’accordo…

Tuttavia, l’illuminata intellighenzia del PD si è scordata che, non molti mesi or sono, la plurititolata ministra Fedeli inseriva nel curricolo della formazione dei docenti il famoso obbligo di acquisire i 24 CFU (Crediti Formativi Universitari, ndr) in discipline antropo-psico-pedagogiche.

Ebbene, tali corsi non sono che la completa messa in discussione delle nozioni, della concezione tradizionale di sapere, che non deve essere più concentrata sui contenuti, ma piuttosto sulla disposizione all’apprendimento.

È il trionfo di una cieca iconoclastia sanguinaria che soffia su quelle che definisce le ceneri del passato, bandisce la fatica, livella gli esseri umani omologandoli e nega l’intelligenza come dato biologico. La scompone, perfino, nelle intelligenze multiple (paravento degli idioti) e segna la definitiva vittoria della sola intelligenza emotiva.

Forse Giggino e Salvino sono gli emblemi dell’ipertrofia dell’inclusione, sono il referto in corpore vili dei nuovi orientamenti educativi, sono i luminosi campioni della nuova pedagogia (magari poi si scopre che sono anche DSA, pensa che bello!).

Di intelligenza emotiva, infatti, ne hanno in abbondanza: hanno saputo sfruttare la comunicazione non verbale, come ci si auspica in ogni percorso formativo, con tutte le distorsioni del caso e hanno esercitato unicamente l’empatia – al parossismo, all’isteria collettiva, si potrebbe dire persino al limite della patologia – nei confronti dei bisogni della nazione. Hanno esercitato anche la democrazia, secondo la vulgata, in quanto si sono fatti carico dei bisogni della maggioranza.

Ecco i primi mostri, dunque, figli di padri e maestri che hanno potuto bruciare tutto perché sulla testa avevano un tetto.
Il PD alla fine ci è riuscito. Ci si renderà conto troppo tardi che ora il tetto non c’è più!
Dimensione carattere
Colors