SIM, SALA, “BIN”: IL PD E L’ENNESIMO INSULTO ALLA COSTITUZIONE

SIM, SALA, “BIN”: IL PD E L’ENNESIMO INSULTO ALLA COSTITUZIONE

di Antonio CAPUANO

Con il forte vento antieuropeista che soffia in Europa e le elezioni nostrane che incombono, dopo mesi di proclami e frasi fatte che hanno portato alla nascita di due schieramenti tra “pro UE” (cosa diversa dagli europeisti) e “no Euro”, è tempo per ambo le parti di cominciare a tirare i remi in barca e mettere le mani avanti, in attesa di disattendere per l’ennesima volta le aspettative dell’elettorato.

Da una parte i “pro Euro” che dal 2002 promettono una UE come traino di una crescita e di una ripresa che invece non sono mai esistite e che quindi pur di non ammettere il fallimento/riuscita del progetto, continuano a postdatare questa promessa.

Dall’altra invece ci sono i demagoghi che partiti incendiari contro la Troika, il sistema e la moneta, si sono invece riscoperti pompieri man mano che si avvicinano le elezioni, raccontandoci così che uscire dall’euro sarebbe incostuzionale e addirittura come l’UE sia passata da primo nemico e “strumento del potere” a “preziosa risorsa“.

Ovviamente per dare un tono di legittimazione alla teoria della politica nazionale impotente perché schiacciata dal diritto comunitario, urgono proclami solenni che almeno apparentemente, siano tecnici, terzi e conseguentemente credibili.

Ecco quindi che un noto costituzionalista italiano, il Professor Roberto Bin, da tempo tiene a farci sapere (e lo ribadisce) che: “La riforma costituzionale del 2001 ha introdotto una norma generale nell’art. 117, comma 1 della Costituzione“, secondo cui «la potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali»; pertanto, “i trattati europei hanno ottenuto una «copertura» costituzionale e solo con legge costituzionale la si può rimuovere…”.

La norma a cui Bin fa riferimento è contenuta nella riforma del titolo V della Costituzione introdotta nel 2001 e per quanto essa essa sia una delle più sciagurate della nostra storia, non contiene alcun precetto di obbligatorietà inerente al tema dell’uscita dall’Euro piuttosto che dalla UE, (anche Grazie al NO referendario del 4 Dicembre, dato che la riforma andava invece esattamente in quella direzione) essa si limita a ribadire l’osservanza del principio del “Pacta Sunt Servanda” (letteralmente: I patti devono essere osservati) sancito in maniera fondamentale dal diritto internazionale e con il quale si preserva l’adempimento ai trattati.

Ma proprio rifacendoci ai trattati e alle disposizioni legislative in materia, possiamo facilmente individuare l’errore perché se è vero che gli Art.10 e 11 della nostra Costituzione sanciscono l’immediato assorbimento dei trattati europei all’interno dell’ordinamento nazionale, è altrettanto vero che il TUE (Trattato Unione Europea) e il trattato di Maastricht, contengono al loro interno la possibilità di recesso unilaterale del trattato da parte degli stati membri, al netto dell’adempimento di eventuali impegni pregressi, come sancito dall’articolo 50 del trattato TFUE (Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea).

Ora delle due l’una: l’esimio Professor Bin vanta gravi lacune nella propria materia di studio, oppure c’è uno stretto legame tra la “fede” renziana dello stesso e la sua “forzatura lessicale nonché giuridica” sull’attuazione del principio “Pacta sunt servanda“, a pensar male si farà anche peccato, ma la puzza di propaganda appare quantomai univoca, dato che va ribadito con forza come ad essere incostituzionale sia certamente un eventuale Referendum in materia (Vero Dottor (!) Di Maio?) e non certo l’uscita in sé.

Anzi, volendo propriamente utilizzare e fare nostro il principio internazionale del “Pacta sunt servanda“, rammenterei al Professore e alla nostra classe politica, l’articolo 1 nonché uno dei principi fondamentali della Costituzione vigente su cui posa il nostro ordinamento giuridico nazionale, il quale sancisce testualmente “La sovranità appartiene al popolo che la esercita nella forma e nei limiti della Costituzione“.

Chiaro? Nelle forme e nei limiti della nostra Costituzione e non del trattato di Maastricht.

Quindi forse, prima di candidarsi e deludere di nuovo il Popolo italiano, sarebbe d’uopo ripassare le basi del mestiere e sfruttare le prossime elezioni per restituire ad esso la dignità, la sovranità e la considerazione che merita.

Possibilmente, prima che sia davvero troppo tardi per decidere autonomamente del nostro destino,

Dato che la crisi Greca, sarà anche mediaticamente scomparsa, ma politicamente è invece drammaticamente più vicina a noi di quanto pensiamo…

INSEGNAMENTO: ALLA FINE RIMARRÀ SOLO LA NOSTRA UMANITÀ

INSEGNAMENTO: ALLA FINE RIMARRÀ SOLO LA NOSTRA UMANITÀ


di Giuseppe FIRINU
Quando daremo il nostro addio alla Scuola, non varranno niente i corsi che avremo messo su, e non conterà quanti libri avremo adottato, né sarà un merito aggiunto aver fatto il collaboratore del DS.
Non ricorderemo quante note avremo messo, né quanti studenti avremo rimandato a settembre, e non conterà neanche se qualche volta avremo bocciato.

Rimarrà anche poco, negli studenti, della materia che avremo insegnato, eppure gli studenti ci ricorderanno con piacere o dispiacere a prescindere da questo.
Rimarrà forse il metodo di lavorare in classe, e la passione con cui avremo insegnato, ma soprattutto il nostro amore per questo lavoro così difficile e poco considerato, eppure così bello e così elevato.

Conteranno i nostri sorrisi, e quelli che avremo ricevuto, conteranno le parole belle che avremo detto, per incoraggiare o rincuorare, e ricorderemo le cose belle che ci avranno detto i nostri studenti.
Alla fine conterà solo l’umanità che saremo stati capaci di trasmettere, e l’umanità che avremo ottenuto da ogni singolo studente, e conterà se saremo stati giusti, e mai vendicativi.

Ci ricorderanno con simpatia se avremo fatto di tutto per alleviare il peso delle nostre lezioni, se avremo capito le loro esigenze di staccare, di andare al bagno, se avremo accettato il loro invito a prenderci una pausa.
Conterà lo spirito con cui avremo messo un voto, non se il voto era basso o alto, perché gli studenti ricorderanno solo quello. Conterà solo come ci saremo posti nei confronti della classe, se dall’altra parte della barricata, oppure seduti lì con loro, nella stessa aula, condividendo la magia della cultura.

Conterà il nostro affetto, e quello che riceveremo, e se avremo detto la cosa giusta al momento giusto, e fatto la cosa giusta in quel momento.
Non conterà se avremo strillato e rimproverato, ma solo se l’avremo fatto per il bene della classe o del singolo, perché gli studenti lo capiscono bene, statene certi.

Ricorderanno se cercavamo di ottenere il massimo da ognuno di loro, felici dei loro progressi e rattristati dei loro insuccessi. E ogni studente ci ricorderà con affetto se saremo stati capaci di fargli capire che gli volevamo bene e che tenevamo a lui.

I nostri studenti ricorderanno se entravamo in classe con un sorriso, se scherzavamo con loro, se trovavamo un momento per ridere di gusto insieme.
Ricorderanno quando capimmo il loro dramma, piccolo o grande che fosse, e la mano posata sulla loro spalla, per far capire loro la nostra vicinanza.
E ricorderanno i nostri occhi lucidi, per qualcosa di triste accaduta a qualcuno della classe. Ricorderanno gli abbracci che abbattevano ogni barriera, e la complicità, quella volta, quando ci sentimmo tutti fratelli.

Alla fine, conterà solo se amavamo entrare in aula e incontrare la loro classe, conterà solo questo.

IMMIGRAZIONE: DISINFORMARE PER DIVIDERE

IMMIGRAZIONE: DISINFORMARE PER DIVIDERE

 

di Gianluca LEO

Vorrei rispondere a tutte quelle persone che, in buona fede, dicono tante sciocchezze prive di senso sull’immigrazione.
Tengo a sottolineare che non è tutta colpa loro, ma è colpa di una percezione distorta della realtà.

Questa percezione è creata da una parte, dall’azione di molte fonti di informazione che hanno ben chiaro che si fa più audience agendo in questo senso.

Tutti sappiamo che l’immigrato che ruba fa più scalpore dell’italiano che ruba. Quindi non dico che inventino le notizie, anche se a volte capita, dico che quanto meno vanno a sottolineare volutamente questi aspetti. D’altra parte, questa percezione distorta è dovuta anche al ruolo di alcune forze politiche che non fanno altro che alimentare malcontento, odio e razzismo.

Per il principio di “divide et impera” mettono a punto una propaganda che seleziona appositamente per noi solo le notizie che vanno a creare questa percezione di invasione. Selezionano articoli, video, foto, che suscitano in noi forti sentimenti negativi e di indignazione.

Fatta questa doverosa premessa, vorrei dire che io non sono tra quelli che vengono a raccontarvi che il problema non esiste, il problema c’è ed è evidente. Ma va analizzato per quello che è e non per la percezione che si è creata intorno ad esso.

Ora, io ho provato a documentarmi, a studiare e a fare ricerca, e con umiltà vorrei dirvi tutto quello che ho capito riguardo a questo fenomeno.
Rispondo allora ad alcune tipiche esclamazioni.

1) DOBBIAMO RIMANDARLI A CASA LORO!

Per riportare un immigrato da dove proviene bisogna innanzittutto aver chiaro che non sempre si riesce a identificare queste persone che possono dichiarare di provenire da qualsiasi paese; in secondo luogo anche nel caso si sapesse con certezza il paese di provenienza, per riportarcelo bisogna necessariamente avere un accordo bilaterale con questo paese e non sempre questo accordo esiste.
Inoltre c’è anche un problema tutt’altro che poco rilevante, relativamente ai costi di rimpatrio e pensare di riportare i migranti agli hotstop libici, è davvero un crimine di cui la storia parlerà in futuro.

2) NON FACCIAMOLI PIÚ ENTRARE!

A questo proposito, oltre ad implicite regole di tipo umanitario, la legislazione italiana prevede una normativa sulla navigazione e sui trasporti. L’articolo 490 del codice della navigazione impone di salvare l’essere umano e portarlo al porto più vicino. Qualora la si volesse volontariamente infrangere tutto il personale sulle nostre unità in mare, assistere impotente e vedere con i loro occhi le persone morire nel mar Mediterraneo? Bisogna anche dire che per un marinaio tutto questo è inaccettabile perchè va contro proprio il codice di comportamento che appartiene alla marineria ed esiste praticamente da secoli. E lasciarli morire in mare non è proprio la soluzione.
Il blocco navale così tanto nominato, inoltre, prevede l’uso della forza, prevede quindi di imporre a ONG straniere che hanno soccorso dei bisognosi di trovarsi davanti ad un atto di forza, una dichiarazione di ostilità che l’Italia non può neanche permettersi. A quelli che affermano che per il G7 di Taormina hanno fermato gli sbarchi rispondo che non è esattamente così, infatti li hanno solo dirottati verso altri porti.
Infine, se si pensa ad una simile manovra, bisognerebbe anche dare una lettura allo Statuto delle Nazioni Unite e capire cos’è “l’operazione Triton”, perché l’Italia non può prendere da sola certe decisioni, a meno che non voglia chiudere tutti i rapporti internazionali, isolarsi e andare di conseguenza verso un totale disastro che porterebbe ad un collasso dei rapporti internazionali.

3) AIUTIAMOLI A CASA LORO!

Non è che l’Italia e l’Europa non si siano mai impegnati in tal senso, ma ci sono dei ma. Punto uno, i territori in difficoltà sono davvero molti e sono proprio l’Italia e l’Europa molto spesso a metterceli per poter così ottenere più agevolmente il profitto che traggono dalle risorse dell’Africa. Punto due, in alcuni casi l’aiuto occidentale non è gradito e sulla scorta del punto 1 non è difficile capirne le ragioni. Punto 3, l’intervento occidentale in alcune zone critiche potrebbe causare l’aumento dei disordini, degli scontri e quindi anche della repressione.
Utilizzare i soldi della gestione dei migranti per aiutarli a casa loro, quindi, è una affermazione altamente demagogico-populista. Intanto perché in qualsiasi caso il problema non si risolverebbe immediatamente con quegli stanziamenti di denaro e comunque sono risorse che servono per gestire le persone che per forza di cose vengono qui. È quindi inutile dire “usiamo quei soldi” perche le persone sono qua adesso, arrivano qua adesso e dobbiamo gestirle adesso.
Poteva sicuramente essere una forma di prevenzione dei flussi migratori, ma ora ci sono e vanno gestiti.

4) VENGONO TUTTI IN ITALIA!

Questo è falso, non vengono tutti in Italia e anzi, il nostro paese è una delle mete meno ambite e spesso, quando lo è, è per via provvisoria con la speranza di passare in altri paesi. Il Medioriente e il Nord Africa sono molto più soggetti a forti flussi rispetto all’Europa. L’Italia inoltre non è proprio tra i primi posti in termini di accoglienza, siamo ad esempio superati da paesi come Francia, Svezia, Germania, Austria, Danimarca, Belgio e altri.

5) NON SCAPPANO TUTTI DALLA GUERRA!

Questo è vero, non scappano tutti da una guerra. Scappano anche da violazioni di diritti umani, carestie, fame.
State pur certi che molti di loro farebbero a meno di lasciare le loro terre e le loro famiglie, la loro esistenza, se non fossero costretti.
State pur certi che non rischiano di morire durante il viaggio se non è strettamente necessario e durante il viaggio sono parecchi a morire, o a veder morire, muniti solo della speranza di rifarsi una vita, lontano dalle atrocità che hanno vissuto.

Ho risposto solo ad alcune delle affermazioni riguardo a questo complesso fenomeno, anche con il video pubblicato sul mio profilo Facebook.
Sicuramente molte cose mi saranno sfuggite e per questo continuerò le ricerche. Esorto però tutti a smetterla di usare questi luoghi comuni e a fare uno sforzo in più, documentandosi seriamente.

Il problema c’è e va gestito, ma tutte queste visioni demagogiche non fanno altro che distogliere l’attenzione dal problema concreto e ci fanno solo cadere in un mondo di parole che non trovano conferma nella realtà.
Intanto, però, questo mantra  continua ad alimentare la guerra fra poveri generata proprio da chi depreda quei territori da cui provengono gli immigrati.
Per una volta, dunque, proviamo ad impegnarci in una vera azione di autoinformazione.

SCUOLE SICURE? SOLO INUTILI MENZOGNE

SCUOLE SICURE? SOLO INUTILI MENZOGNE


di Comitato Nazionale Scuole Sicure

È settembre, e a settembre si saluta l’estate, tornano gli acquazzoni e si riaprono le scuole.
Gli studenti italiani continueranno ad abitare scuole, sempre le stesse, come se questo territorio a forma di stivale non fosse altamente sismico.
Torneranno a scuola.

Le istituzioni, come hanno sempre fatto, continueranno a far finta che gli edifici di loro proprietà, in cui ospitano il nostro futuro, siano sicure.
I genitori molti, continueranno a preferire parole di rassicurazione invece che chiedere ed esigere valutazioni tecniche e scuole sicure per i propri figli.
Le dirigenze scolastiche, convinte di non opporsi al potere della politica, continueranno a ripetere come un mantra che le loro scuole sono sicure.
Gli insegnanti, seppur preoccupati, preferiranno tacere.

La nostra battaglia, quindi, non può che continuare.
Continuerà fino a che a livello nazionale non si prenda davvero in considerazione una scuola in cui si vive e in cui si impara.
Continuerà fino a che lo stato, non prenda in carico la vicenda, fino a che lo stato, seriamente, non inizi una vera politica atta a stravolgere la situazione precaria e pericolosa degli edifici scolastici.
Le piccole battaglie, combattute localmente e vinte, non possono bastare.
Non si può aspettare un sindaco o un presidente di provincia illuminato per star sicuri.
Non deve essere il caso a stabilire ciò che si deve perentoriamente fare in tutta Italia.
Questa la nostra lotta.
Questa la finalità.
Siamo stufi di parole vuote e di frasi retoriche.
Non si salvano vite con le parole o con le preghiere.
Dopo la tragedia di San Giuliano del 2002 tutto sarebbe dovuto cambiare.
Ma agli italiani e all’Italia bastano le parole.
Tipo queste:

Prendiamo l’impegno che nessuno verrà lasciato da solo, nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione. E mettiamoci al lavoro” (Renzi dopo il 24/8/2016)

Sarà subito dopo necessario un rapido sforzo corale per garantire la ricostruzione dei centri distrutti, la ripresa delle attività produttive e il recupero della normalità di vita” (Mattarella dopo il 24/08/2016)

La burocrazia uccide più del terremoto“, “Qui la gente è stata uccisa nelle fragili case e da chi le ha impedito di riappropriarsi della vita col lavoro“, “Governanti burocrati: si è assassini anche facendo marcire i progetti” (Belice 14/15 gennaio 1968)

Ad oggi, complessivamente, per una ricostruzione non del tutto completata, sono stati spesi ai valori attuali oltre 6 miliardi di euro.
Solo il 50 per cento dei fondi è andato dove doveva andare, il resto è stato dissipato. Il dopoterremoto è stata una cuccagna sulla quale hanno mangiato tutti: il 20 per cento del denaro è finito in tasca ai politici, un altro 20 per cento è andato ai tecnici della ricostruzione. Camorra, imprese del Nord e imprenditori locali si sono mangiati il resto.” (Rocco Caporale) (Irpinia 1980)

Il procuratore Magrone nella sua requisitoria nell’aula del processo di primo grado sottolineò che la vicenda della scuola di San Giuliano rappresenta l’Italia peggiore, «quella delle violazioni, del sistematico calpestamento delle leggi e delle normative». «Se è vero – disse – che il sisma del 31 ottobre 2002 fu l’evento scatenante della tragedia, è anche vero che, se le norme fossero state rispettate quando si decise di sopraelevare l’istituto scolastico, quella scossa da sola non sarebbe bastata a far crollare l’edificio, e prova ne sia che nel resto del paese ci furono crolli e danni anche gravi a case e palazzine, ma nessun edificio implose come la scuola, fino a polverizzarsi». Mancanza dei calcoli necessari, mancanza dei collaudi, mancato rispetto delle norme e mancato adeguamento alla riclassificazione sismica del 1998: queste, secondo l’accusa, furono le vere cause della morte dei bambini e della loro maestra. (San Giuliano di Puglia 2002)

Queste solo alcune delle dichiarazioni e delle parole usate senza alcun criterio.
Questi i fatti che descrivono l’incapacità italiana alla prevenzione.
La scuola ricomincia.
E no, davvero, noi non vi lasceremo in pace.
CNSS

Dimensione carattere
Colors