AIUTARLI A CASA LORO DEPREDANDO RISORSE IN TUTTA L’AFRICA

AIUTARLI A CASA LORO DEPREDANDO RISORSE IN TUTTA L’AFRICA

di Nia GUAITA

Africa. La narrazione ufficiale, ci parla della lotta in corso in Africa contro il terrorismo, ma è così oppure, è iniziata la guerra del XXI secolo per accappararsi le ultime risorse?

Vediamo un po’: l’Africa subsahariana ospita sei delle 10 economie in più rapida crescita del mondo.
Il Nord Africa conta enormi depositi di petrolio e di gas naturale, il Sahara detiene moltissime risorse come il coltan, l’oro e il rame.

Il 60% del cobalto mondiale, viene estratto nella Repubblica Democratica del Congo.
Al centro del Sahel (la regione che attraversa il Sahara) c’è il Mali, uno tra i Paesi più poveri del mondo ma che occupa una posizione strategica tra l’Africa settentrionale e l’Africa che raggiunge l’oceano e le foreste.

Nonostante il caos, le guerre e le rivoluzioni, l’interesse degli europei, degli americani, dei russi e dei cinesi è molto elevato per quelle che sono considerate le più grandi riserve di petrolio: “l’El Dorado del Sahel” così viene chiamato e che si estende dalla Mauritania all’Algeria, sino a nord del Mali.

Nel maggio 2014, dopo l’annuncio di Obama di assegnare ulteriori 5 miliardi di dollari per la lotta contro il terrorismo globale, un numero crescente di governi africani firma il programma AFRICOM (gli Stati Uniti sono l’unico Paese a dividere il mondo in settori militari separati: NORTHCOM, PACOM, SOUTHCOM, EUCOM, CENTCOM, AFRICOM).

Anche il Niger firma il programma e i militari USA riuniscono forze provenienti da 17 Paesi per “esercitazioni militari”.
Vengono istituite basi a Gibuti, Niger, Kenya, Etiopia, Somalia, Sudan, Burkina Faso e inviate truppe in Liberia durante la crisi di Ebola.

Per non essere da meno, la Francia comunica i piani per aumentare la sua presenza nel Sahel con una ridistribuzione di 3.000 militari.

La crescente militarizzazione dell’Africa, diventa quindi anche un notevole centro di profitto per il complesso militare-industriale, con milioni di dollari di contratti per produttori di armi e imprenditori privati.

Nel frattempo, anche le multinazionali cinesi si dedicano alla conquista del continente africano, con un piano di investimenti di oltre 60 miliardi di dollari in infrastrutture, delocalizzazione della produzione e manodopera, il tutto in cambio di risorse naturali (il 90% del cobalto estratto nella Repubblica Democratica del Congo finisce in Cina) e, recentemente, con la sua prima base militare a Gibuti.
Ci sono poi l’Inghilterra, l’Italia, la Norvegia, l’Olanda e la Russia che si ritagliano la loro parte.

Per concludere, più di 130 anni dopo la Conferenza di Berlino, se ancora non ve ne siete accorti, è in corso una nuova divisione del continente africano. Ah, dimenticavo: si combatte anche il terrorismo….

 

(Nelle foto, risorse e multinazionali in Africa. Fonte: Al Jazeera)

“ESILE, GIOVANISSIMA, OCCHI DI MIELE, VENDUTA PER 1.500 DOLLARI”. IL CONTRATTO PER LA SCHIAVITÙ SESSUALE USATO DALL’ISIS

“ESILE, GIOVANISSIMA, OCCHI DI MIELE, VENDUTA PER 1.500 DOLLARI”. IL CONTRATTO PER LA SCHIAVITÙ SESSUALE USATO DALL’ISIS

Contratto schiave Isis

Il contratto di compravendita di una ventenne trovato a Mosul. A destra, il viso di Lamiya Aji Bashar, 19 anni, scappata ai suoi carcerieri dell’Isis

di Cristiano Sanna 

Il pianto di Nadia Murad scampata al massacro della sua famiglia e alla prigionia degli esaltati omicidi dell’Isis, le sue parole di fronte all’assemblea delle Nazioni Unite, si perdono tra le sabbie e le rovine della piana di Ninive.

Colpirono il mondo ed ebbero grande risonanza i racconti di questa ragazza che svelava gli orrori dello Stato islamico, gli eccidi di massa e il particolare accanimento contro le donne, meglio se giovanissime. Ma a tre anni esatti dal massacro di Sinjar (3 agosto 2014) c’è un intero popolo che vaga in una terra di nessuno al confine tra Iraq, Siria e Turchia. Con Mosul alle spalle.

Qui si pratica lo schiavismo.

Vuoi una ragazzina che da quel momento è carne da macello al servizio delle tue perversioni?

Bastano 1500 dollari, lo stipendio di un senior o un responsabile italiano di call center. Il documento recuperato a Mosul l’anno scorso, pubblicato dal reporter di Huffington Post Steven Nabil e di recente ripreso da Avvenire, mostra la burocrazia dell’orrore.

La firma con le impronte digitali

Nel contratto di schiavitù si parla della cessione dei diritti di proprietà di una ragazza di 20 anni, “sottile e con gli occhi color miele”, venduta ai suoi carnefici con tanto di scrittura tra le parti, firme autografe, timbri del Califfato e sigilli apposti sul foglio con due impronte digitali. A garanzia della transazione. E’ la fine che fanno troppe donne cadute nelle mani del Califfato, inferocito dalla progressiva sconfitta sul terreno. Sono oltre seimila le donne e i bambini rapiti dagli esaltati dell’Isis durante il massacro di Sinjar, che ha fatto in poche ore 3000 morti. Nadia Murad parlò di questi orrori, tra le lacrime. Tre anni dopo la situazione è cambiata solo in minima parte. Restano più di tremila schiave da liberare, e decine di migliaia di persone in fuga da un Paese nel caos, schiacciate alla frontiera curdo-siriana.

Meglio morire in battaglia

Fecero altrettanto scalpore le immagini del viso devastato di Lamiya Aji Bashar, la giovanissima donna curda yazida rimasta per mesi nelle mani degli schiavisti stupratori dell’Isis. Ripresa più volte dopo i suoi tentativi di fuga, e ogni volta sottoposta a punizioni disumane. Chi sopravvive alla prigionia torna dai suoi parenti, quando riesce, in condizioni fisiche e soprattutto psicologiche critiche: mutismo, catatonia, sdoppiamento della personalità per reagire all’orrore, convulsioni, attacchi di panico, assenza di sonno.

Gli yazidi sono disprezzati dall’Isis e guardati con sospetto da altre genti arabe.

Perseguono la parità tra sessi propugnata da Ochalan, venerano un dio che ha creato sette spiriti prima di fare il mondo come lo conosciamo, tra questi dei è compreso il Male, l’equivalente del nostro Satana, che però nella loro visione mistico esoterica ha spento l’inferno e va a redimersi. Ma tant’é, nelle approssimazioni dei media occidentali spesso gli yazidi sono stati frettolosamente ed erronemente chiamati satanisti. E’ un popolo senza stato e senza terra abituato a fuggire da persecuzioni e massacri, ma anche a battersi. Come a battersi sono proprio le donne che rifiutano il loro ruolo di carne da macello per gli uomini di al-Baghdadi. Meglio morire in battaglia, e ammazzarne il più possibile di quei posseduti dalla sharia.

Nadia Murad

Nadia Murad, il suo racconto degli orrori della tratta di donne da parte del Califfato ha colpito il mondo. Oggi è ambasciatrice presso le Nazioni Unite e attivista per le donne prigioniere dell’Isis

Così sono nate le unità militari tutte al femminile, come l’YPJ (Women Protection Units, cioè Unità di protezione delle donne) impegnate a cacciare via l’Isis dalle terre da cui sono state strappate.

C’è anche il loro contributo nella controffensiva partita nell’inverno di tre anni fa, un’avanzata progressiva mentre le bandiere del Califfato si ritirano, in rotta.

Così è tornata libera Sinjar nel 2015, così è stata liberata neanche un mese fa Mosul.

Sul campo di battaglia, ragazzine e donne soldato, con in testa le immagini delle loro mamme, figlie e sorelle straziate dallo Stato islamico.

ALLA NOSTRA MINISTRA ALL’ISTRUZIONE

ALLA NOSTRA MINISTRA ALL’ISTRUZIONE

di Ermanna MASIA

Cara Signora Fedeli, sono un’insegnante, ha presente?
Una di quelli che vengono massacrati dall’opinione pubblica, una di quelli che sono antipatici a tutti, una di quelli che secondo alcuni sono responsabili: dell’impreparazione degli studenti, della dispersione scolastica, dell’incapacità ad affrontare le sfide del mondo contemporaneo, dell’inadeguatezza dei ragazzi, della crisi del mondo del lavoro e… del buco nell’ozono, e della crisi economica mondiale…

Sono una di quella platea di poveri cristi martoriati ogni giorno, soprattutto sul web (vede? Qualcuno di noi sa cosa sia…), da genitori, giornalisti, pseudo psicologi, opinionisti, politici dell’ultim’ora, e anche della prima…

Io glielo confesso, con franchezza, cara Signora, comincio davvero a non poterne più…
Sarà anche vero che questa è stata l’estate più calda da decenni ma, è altrettanto vero che si è diffuso come non mai il virus dell’insulta/insegnante (ha per caso un vaccino anche per questo?)

Lei, però, ci dovrebbe difendere, dovrebbe rappresentarci tutti, dovrebbe aver sposato le nostre istanze, dovrebbe conoscere le peculiarità del nostro lavoro, lei era una sindacalista, possibile che gli unici a sostenerci, almeno a parole, siano soltanto quelli che fanno le assemblee nella mia scuola?
Io mi aspettavo che lo facesse anche lei, invece…

Ogni giorno, soprattutto in questi ultimi, ci regala staffilate mortali, come fa a non rendersene conto?
Non siamo impermeabili a tutto…

Abbiamo dovuto sopportare la “Buona scuola”, che ha provocato soltanto danni incredibili.
Poi a bocce ferme, e scuole chiuse: prima i vaccini, poi l’abbreviazione del corso di studi, infine questa elemosina che ci vorreste dare, spacciandola come aumento dopo quasi nove anni.

Come fa a non rendersi conto che sia una miseria, che per di più non vuole dare neanche tutti, me compresa poiché … non albergo tra i docenti “meritevoli”.

Perché sa, Signora, io faccio l’insegnante, vado in classe ogni giorno, tutti i giorni, lì trovo i “miei” ragazzi che mi aspettano, con i quali mi confronto costantemente, ai quali cerco di dare il massimo, sempre, ai quali insegno non solo le mie discipline ma anche a costruirsi un’autonomia di giudizio, capacità critiche, o linguistiche.
Insomma tutto ciò che posso per farli diventare domani cittadini consapevoli, indipendenti e liberi.

E lo faccio da tanti anni, senza scuse, quando sono stanca, o preoccupata, quando a casa le cose vanno bene e quando non vanno, quando mi sento poco bene, quando sono adirata, quando sono serena, sempre con il sorriso sulle labbra e disposta a prenderli per mano ed aiutarli a crescere.

Perché è questo, sa, che facciamo: li aiutiamo a diventare grandi, cerchiamo di fare in modo che tutti si sentano a loro agio, li aiutiamo sì ma non senza rigore quando serve, perché la vita sarà dura con loro ed è uno dei nostri compiti far sì che lo imparino presto.

E non solo…facciamo anche gli psicologi, ci rapportiamo con loro a seconda delle fragilità, delle loro esigenze, delle loro difficoltà. E la sa una cosa? E’ l’esperienza che ci guida in questo percorso, non c’è corso, non esiste aggiornamento che possa insegnarti come gestire le situazioni delicate, le personalità differenti, le crisi, i problemi. 

Ma lo facciamo sempre, in tanti, tantissimi, certo non tutti, questo glielo concedo, ma di sicuro non sono le indicazioni che vengono dal Ministero, utili ad individuare chi sia serio e chi no.
Anzi, mi spingo anche oltre, i criteri che voi (Ministero) avete individuati, paradossalmente sono riferiti a chi in classe entra poco, con una scusa o con l’altra, chi fa altro, chi segue l’aspetto progettuale collaterale al nostro lavoro, che NON significa certo, mi creda, essere un buon insegnante.

Oggi poi, come ciliegina sulla torta (ecco il perché di questo sfogo) ci dice che servono insegnanti “preparati”.  Eddai Signora, la prego…chi potrebbe prepararci, o chi potrebbe riconoscere quelli tra noi che lo sono?

Eppure glielo abbiamo detto in tutti i modi che non funzionavano i criteri sin qui adottati, le abbiamo spiegato, in tutti i modi, che era una sciocchezza il “comitato di valutazione”, ed anche che il nostro è sempre stato un sistema di istruzione eccellente, che ha forgiato menti brillantissim, premi Nobel in tutti i settori, sistema che tutti ci hanno invidiato e copiato.

Perché vuole distruggere anche quel po’ che resta di buono, direi di ottimo?
Perché, oltre a questo, anche fomentare divisioni e malumori, frammentazioni, e rivalità?
Perché non gratificare, come ha fatto in più occasioni, ma solo a parole, una professione così vitale per il futuro di questo paese?

Non chiediamo, certo, che di colpo adegui agli altri paesi europei i nostri stipendi, ma neppure che aumenti di 30.000€ medi quello dei dirigenti, questo alimenterebbe tensioni che già esistono.

E questo non fa bene alla scuola che lei rappresenta, non fa bene a noi che ci viviamo.
Tutto questo distrugge, è dannoso, tutto questo esaspera, alimenta il malumore che è già diffuso.

Mi creda signora, veda di cambiare rotta perché…noi siamo davvero stanchi, molto, troppo stanchi di sopportare, di tacere, di subire in silenzio…

DON ANDREA GALLO, PARTIGIANO E UTOPISTA

DON ANDREA GALLO, PARTIGIANO E UTOPISTA

 

di Don Andrea GALLO

Se il tuo Dio è bambino di strada
umiliato, maltrattato, assassinato,
bambina, ragazza, donna violentata, venduta, usata,
omosessuale che si dà fuoco senza diritto di esistere,
handicappato fisico, mentale, compatito,
prostituta dell’Africa, dei Paesi dell’est,
che tenta di sfuggire la fame e la miseria creata dai nostri stessi Paesi,
transessuale deriso e perseguitato,
emigrato sfruttato e senza diritti,
barbone senza casa né considerazione,
popolo del Terzo mondo al di sotto della soglia di povertà,
ragazza mai baciata, giovane senza amore,
donna e uomo cancellati in carcere,
prigioniero politico che non svende i suoi ideali,
ammalato di Aids accantonato,
vittima di sacre inquisizioni,
roghi, guerre, intolleranze religiose,
indigeno sterminato dall’invasione cattolica dell’America,
africano venduto come schiavo a padroni cristiani,
ebreo, rom, omosessuale o altro dissidente
sterminato ad Auschwitz e negli altri lager nazisti
o nei gulag sovietici,
morto sul lavoro sacrificato alla produzione,
palestinese, maya o indigeno derubato della sua terra,
vittima della globalizzazione;
se il tuo Dio ti spinge a condividere con loro
ciò che hai e ciò che sei,
a difendere i diritti degli omosessuali e degli handicappati,
a rispettare quelli che hanno altre religioni e opinioni,
a stare dalla parte degli ultimi
a preferire loro all’oppressore
che vive nei fasti di palazzi profani o sacri,
viaggia con aerei privati,
viene ricevuto con gli onori militari
e osannato dalle folle;
se egli considera la terra e i beni
non come privilegio di alcuni, ma come proprietà di tutti,
se ama ricchi e oppressori
strappando loro le ingiustizie che li divorano come cancro
togliendo il superfluo rubato
e rovesciando i potenti dai loro troni sacri o profani,
se non gli piacciono le armi, le guerre e le gerarchie,
se non fa gravare, come i farisei,
pesi sugli altri che lui stesso non può portare,
se non proibisce il preservativo che ostacola la diffusione dell’Aids,
se ha rispetto per chi vive delle gravidanze non desiderate,
se non impone alle donne le sue convinzioni sull’aborto
ma sta loro vicino con amore e solidarietà,
se non è maschilista e non discrimina le donne,
se non toglie alle persone non sposate il diritto di amare,
se non consacra la loro subordinazione,
se non impone nulla, ma favorisce la libertà di coscienza,
se rispetta gli altri dei e le altre dee,
se non pensa di essere il solo vero Dio,
se non è convinto di avere la verità in tasca e cerca con gli altri;
se è umile, tenero, dolce, a volte smarrito e incerto,
se si arrabbia quando è necessario
e butta fuori dal tempio commercianti e sacri banchieri,
se ama madre terra, piante, animali, fiori e stelle;
se è povero tra i poveri,
se annuncia a tutti il Vangelo di liberazione degli oppressi
e ci libera da tutte le religioni degli oppressori;
allora qualunque sia il suo nome, il suo sesso, la sua etnia
il colore della pelle, nera, gialla, rossa o pallida,
qualunque sia la sua religione, animista, cattolica, protestante,
induista, musulmana, maya, valdese, shintoista,
ebrea, buddista, dei testimoni di Geova,
Chiesa dei santi degli ultimi giorni,
di qualsiasi Chiesa o setta
non m’importa
egli sarà anche il mio Dio
perché manifestandosi negli ultimi
è Amore con l’universo delle donne e degli uomini,
nello spazio e nel tempo
e con la totalità dell’essere,
amore cosmico
che era, sta e viene
nell’amore di tutte le donne e di tutti gli uomini,
nei loro sforzi per la giustizia, la libertà, la felicità e la pace.

(da “Il Vangelo di un utopista”)

Dimensione carattere
Colors