JOBCENTER: 150 mg

JOBCENTER: 150 mg

LA MEDICALIZZAZIONE DEL DISAGIO SOCIALE IN GERMANIA

medicalizzazione

di Lorenzo MONFREGOLA
I poveri con la pelle bianca innervosiscono tantissimo le persone con la pelle bianca. Perché dei poveri con la pelle bianca non si può nemmeno dire che abbiano la sfortuna di venire da un posto lontano. Nasce probabilmente da qui il tentativo incessante di trovare una qualche definizione con cui distanziare il proletariato bianco: fannulloni, pigri, ignoranti, disagiati, truffatori, buffi, grotteschi, magari razzisti e pure un po’ nazisti.

In Germania c’è l’hartzer, che non è semplicemente una persona che sta prendendo per un certo periodo il sussidio di base noto come Hartz IV. L’hartzer è chi di sussidio vive da tempo, da anni, senza essere sostanzialmente più in grado di uscire dalla propria condizione o ritornando sempre a questa, in un circolo vizioso. L’hartzer assume il ruolo fisiologico, quasi sistemico, di abitare precariamente la dipendenza completa dal welfare, perdendo così il proprio diritto all’autodeterminazione. Si tratta della condizione di chi è costretto a passare da una formazione professionale all’altra, chi lavora ma non guadagna mai abbastanza, chi il sussidio lo ha ereditato dai propri genitori, chi continua a riempire fogli e moduli senza sosta. Magari è vero, come direbbe il tedesco medio, che tante di queste persone siano faul, pigre. Misterioso, però, è il motivo per cui le epidemie di pigrizia siano sempre diffuse in certi quartieri di periferia, in certe aree del paese a bassa scolarizzazione, nei caseggiati di cemento o nella provincia profonda della Germania.

Il welfare tedesco è solito funzionare in maniera ottimale per chi allo stato sociale può affidarsi temporaneamente, in una fase dinamica di transizione, usufruendo di sostegni non legati alla sola discriminante della povertà o iniziando una reale evoluzione professionale. Ma un sistema di stato sociale è, inevitabilmente, una geometria complessa e da questa complessità derivano conseguenze eterogenee. Una di queste è che all’interno del welfare tedesco ci siano anche cittadini aggrappati a una mera sopravvivenza burocratizzata, cittadini che introiettano presto il senso di colpa della loro condizione e che esprimono la loro insofferenza solo in situazioni particolari.

La verità è che per molti versi quella dell’hartzer di lungo periodo non è solo una categoria economica, ma anche simbolica, culturale, psicologica.

Non basta sapere che in altri paesi del mondo un sussidio se lo sognano: la povertà e il valore esistenziale sono concetti che si definiscono anche in relazione all’ambiente in cui si vive.

Vale a dire che, anche se non si muore direttamente di fame, non è facile essere poveri in una nazione che il mondo intero giudica ricca.

E mentre per le comunità immigrate (comunitarie e non) il sussidio riesce talvolta a essere visto come un incidente (o un’opportunità) legata allo sradicamento territoriale, per gli autoctoni, per il proletariato bianco tedesco, il sussidio può diventare un paralizzante sigillo di fallimento.

Per capirlo, ad esempio, è utile volgere lo sguardo verso il fenomeno della medicalizzazione del disagio sociale. Si tratta di un aspetto certamente minoritario, tendenzialmente muto, irrimediabilmente strozzato, ma non per questo meno significativo, presente, viscerale.

Dinamo Volley

Febbraio 2017. Parlo con Ralf (il nome vero è un altro) in un parchetto che sta sul confine tra Marzahn Nord e il Brandeburgo, dietro al capolinea del tram. Ralf mi spiega subito di sentirsi un “Wendekind”, un termine con cui si identifica la generazione della DDR che era bambina o adolescente quando ci fu la “Wende”, la “svolta”, vale a dire la fragorosa caduta del Muro di Berlino. Soprattutto chi era nella tarda adolescenza ha vissuto qualcosa di irripetibile, vedendo improvvisamente crollare quel mondo in riferimento al quale si era appena formata la propria prima identità.

“Io giocavo a pallavolo” racconta Ralf.

“Eravamo bravi, molto bravi, almeno secondo me. La mia squadra puntava al campionato giovanile nazionale della DDR. Io giocavo e il mio sogno, quello che volevo fare, la sola cosa che volevo fare, era diventare professionista. Sai nella DDR gli sportivi erano quelli che potevano viaggiare di più, vedere il mondo, magari andare alle olimpiadi.” Quando Ralf ha 17 anni, però, cade il muro. Di lì a poco, alcuni degli sportivi già affermati dell’ex DDR trovano spazio nella nuova Germania, ma tante serie sportive minori o giovanili entrano momentaneamente nel caos.

“Nessuno mi ha più detto cosa dovevo fare. Capisci? Nessuno” racconta Ralf. “Io non lo sapevo cosa fare. Non ne avevo idea. Ho smesso di giocare a pallavolo e poi ho iniziato ad accettare i lavoretti che mi trovava il Jobcenter, che poi non era ancora il Jobcenter, si chiamava ancora Arbeitsamt… All’inizio non capivo più niente, c’era questo Ovest che sembrava dorato, tutto era così nuovo, ad esempio i videogiochi, c’erano delle cose mai viste… Noi davvero non sapevamo dove guardare, dove girarci con la testa. Ma a un certo punto non stavo mica bene.

Stavo sempre peggio, non so perché.

Una volta stavo così male che sono andato dal dottore. Quello mi ha visitato e mi ha detto che avevo la depressione. Io gli ho chiesto ‘Che roba è? Mi passa in una settimana?’ Non è passata, anzi, sono iniziati anche questi attacchi di ansia, sempre più forti… sai l’ansia, no?

Così sono finito a bere sempre di più. A 22 anni ero fuori, completamente fuori dalla vita. Tu ora mi vedi così, ma io prima pesavo 135 kg, non riuscivo nemmeno a salire le scale. Non ho mai fatto cose tipo stare su un lettino: il dottore mi dava un sacco di pillole e io me le ficcavo in bocca.”

Chiedo a Ralf come faccia ora a essere così in forma. “La pallavolo, sì, la pallavolo. Dopo anni in cui non ho combinato nulla, dopo più di dieci anni in cui ero proprio fuori da tutto, dopo tutto quel tempo, il Jobcenter mi ha fatto entrare in un programma di lavoro per persone con dipendenze, diciamo. Per me ha funzionato molto bene, anche perché ho ricevuto sempre abbastanza soldi per sopravvivere e ora avevo anche la possibilità di darmi da fare. Così poi ho trovato lavoro in un archivio e, intanto, ho iniziato di nuovo a giocare. Credimi, la prima volta che ho giocato di nuovo pensavo di morire, là, attaccato alla rete! Però poi ce l’ho fatta. Ora gioco di nuovo da 7 anni, con gli amici e in piccole squadre, gioco ogni volta che posso.”

Mentre Ralf mi parla è curvo verso di me, carico, convinto, agitato. “Uno pensa che a un certo punto nella vita non puoi ritirarti su, che è passato troppo tempo, io avevo passato già i 35. E invece no, non è mai tardi, puoi sempre ritirarti su, sempre. Ora sto facendo di nuovo un minijob da 450 € al mese, non mi basta, e quindi i soldi me li aggiunge di nuovo il Jobcenter… ma la strada è quella giusta, lo so, bisogna darsi da fare.”

Che la sofferenza individuale sia anche una sofferenza sociale, e viceversa, è un dato noto. Per gli strati più deboli della società esiste però una sovrapposizione dei due piani molto più intensa e intricata.

Nel 2005 è stata pubblicata un’ampia ricerca sulla povertà in Germania, “Gesellschaft mit begrenzter Haftung”.

Tra le molte interviste presenti nello studio c’è quella svolta dalla sociologa Margareta Steinrücke, che ha dialogato con una psichiatra berlinese attiva nella periferia orientale della città. La donna racconta di una quotidianità in cui il lavoro di assistenza sociale si sovrappone senza sosta a quello di sostegno psicologico, con ritmi che molto spesso non lasciano altra opzione al di fuori di una massiccia medicalizzazione (in questo caso non integrativa, ma sostanzialmente sostitutiva degli approfondimenti terapeutici).

“A volte mi sento una spacciatrice”, racconta la dottoressa, che spiega di curare persone erose dal troppo lavoro e, contemporaneamente, di “dare medicine a persone che se avessero un lavoro stabile sarebbero sane”.

Si tratta di uno scenario in cui c’è anche un paradosso: da un lato la povertà viene curata con la medicalizzazione della persona e, dall’altro, capita che ai più poveri non venga comunque riconosciuto un diritto alla sofferenza emotiva come fattore realmente individuale, intimo, personale. La sofferenza sociale viene trattata come sofferenza psicologica, ma alla sofferenza psichica individuale si risponde, poi, nuovamente, con l’assistenza sociale.

“Quella puttana del Jobcenter”

Marzo 2017. Il Jobcenter del quartiere Marzahn-Hellersdorf si trova in un palazzone squadrato in Allee der Kosmonauten, la via che l’ex DDR dedicò agli “eroi del socialismo” che andarono nello spazio.

Là, a seconda della giornata, la fila è lunga, molto lunga o lunghissima.

Decido di andare a vedere. Arrivo e mi metto ad aspettare con gli altri. Le persone attendono in silenzio, ognuna di loro ha una cartellina in mano. Dentro alle cartelline ci sono i documenti da presentare agli esigenti impiegati dell’Agenzia del Lavoro.

Il sussidio di base in Germania si basa su una trasparenza assoluta, quasi fondamentalista.

Va dichiarato ogni centesimo del proprio status finanziario e, soprattutto, bisogna ubbidire al principio di “sostegno a patto di impegno”.

In tutte quelle cartelline, quindi, ognuna delle persone attorno a me ha documenti che dimostrano i propri sforzi per uscire dalla disoccupazione, mandando ogni mese un numero preciso di candidature in cerca di lavoro o partecipando alle formazioni professionali assegnate dal Jobcenter.

Il signore dietro di me deve avere già superato i 50 anni.

Indossa dei mocassini di gomma, di quelli che trovi scontati nei magazzini Deichmann, dei pantaloni sformati e la giacchetta di una tuta sopra una camicia bianca chiusa fino all’ultimo bottone.

Appoggiata un po’ sulla pancia, tenendola con entrambe le mani, l’uomo ha una cartellina raffigurante Spiderman che salta da un grattacielo a un altro. Quando sono quasi arrivato al bancone dell’accettazione, lascio il posto proprio a lui, che mi ringrazia con un sorriso e un movimento del capo antiquato ed elegante.

Prima di uscire completamente dalla fila, noto una donna giovane, molto magra, con i capelli tinti di biondo platino e dei leggings multicolore. La ragazza sta discutendo con l’impiegato di uno dei banchi della preselezione. Non riesco a capire cosa dicano: lui, soprattutto, parla piano, scuotendo leggermente la testa. Dopo qualche secondo la donna se ne va con il viso rosso dalla rabbia, esclamando “Es ist zum kotzen, es ist zum kotzen!”, che significa che “c’è da vomitare”, anche se vomitare non è la parola più adatta, kotzen è più volgare.

Qualche istante dopo, ritrovo la ragazza fuori dall’edificio, mentre armeggia con il suo telefono. Mi avvicino e le chiedo cosa sia successo. “Questa è la volta buona che spacco tutto, non resta più niente là dentro. Spacco tutto, c’è da vomitare, cazzo! Hai una sigaretta?” Le rispondo di no, non ho una sigaretta, se vuole ho un chewing-gum. “Un chewing-gum? E che mi fumo, la gomma?”

Continuiamo a parlare.

Lei lo fa con un accento berlinese stretto e tagliente. Il problema della ragazza è che non si è presentata a una convocazione del Jobcenter.

Non è la prima volta e, ora, le verranno tolti dei soldi dal sussidio: si tratta di una sanzione.

Oggi la giovane voleva salire dall’impiegata che si occupa di lei, per spiegare le proprie ragioni, ma non le è stato permesso. “Va a finire che mi danno i buoni per fare la spesa. Una volta me li avevano già dati, qualche anno fa. Sai quanto ti vergogni quando stai alla Lidl e devi pagare con i buoni pasto? Sai che vuol dire la gente dietro di te che ti guarda? E la cassiera di merda che domanda urlando alla collega che cos’è quel foglio? Guarda, preferisco morire di fame”.

I buoni sono dei voucher del Jobcenter per comprare il cibo, vengono utilizzati in modo che sia garantita la sussistenza, ma resti la sanzione in denaro. Riceverli è una misura particolare ma, a quanto pare, dopo una prima volta, è più facile incorrere in essa una seconda, una terza e altre volte.

Dopo che le ho detto che sto scrivendo un articolo, la ragazza mi dice che la lettera di convocazione lei non l’ha proprio vista: “Non è che sono pigra o che non ho niente da fare o che passo le giornate a bere, non sono come certa gente asociale o altra merda.

Io dovevo stare da mia madre, a Hellersdorf, sai dov’è Hellersdorf, no? Sta male, mia madre, si è messa un sacchetto in testa, diceva che voleva morire, io dovevo stare là, togliere tutti i sacchetti da casa, fare la spesa con quei sacchetti di tela… Mia madre prende le medicine. Le prende da sempre. Comunque ora è finita che le prendo anche io, le medicine, ho fatto bingo!”

La giovane donna parla e si muove in modo sveglio, con l’intelligenza aspra e ironica della Berliner Schnauze. “Da qualche mese vado ogni tanto al centro dell’ospedale a parlare con quella che mi dà la ricetta delle medicine, anche se io posso lavorare, cioè questo lo ha detto l’assicurazione sanitaria, che posso lavorare, ed è ovvio, lo so anch’io, mica sono scema. Quella, la psicologa, mi chiede come va con il lavoro, mi chiede se ho trovato lavoro o se ho iniziato qualcosa. Poi vengo al Jobcenter e qua, invece, quest’altra mi chiede come va nella vita, cioè vuole sapere come mi sento. Mi sa che queste due possono pure telefonarsi tra di loro e lasciarmi in pace, no?”

La ragazza non vuole nemmeno dirmi il suo nome. “No no, lascia stare, ci manca solo che venga a saperlo quella puttana là sopra”.

La “puttana là sopra” sarebbe la funzionaria del Jobcenter e, sicuramente, l’impiegata avrebbe da raccontare un’altra versione dei fatti.

Ad ogni modo, rispondo che è praticamente impossibile che qualcuno venga a sapere di lei, anche perché scrivo per un giornale italiano che non è molto letto dagli impiegati della Bundesagentur für Arbeit.

Ma lei non si fida, mi risponde solo che le ha fatto piacere parlare un po’ e che ora vuole togliersi da quel “posto del cazzo”.
Prima di andarsene, mi lancia ancora un’occhiata mezza divertita e dice: “Ma poi tu sei sicuro che sei un giornalista? A me sembra proprio una stronzata. Dove ce l’hai la telecamera?”

fonte: http://www.yanezmagazine.com/job-center-e-farmaci-in-germania/

Questo articolo fa parte di una ricerca più ampia da cui è nato il reportage “Poveri, bianchi, tedeschi” per il magazine “Il Tascabile”

La foto di copertina è CC BY-ND 2.0 Gentleman of Decay

I VOUCHER-ZOMBI (RITORNO AL PASSATO)

I VOUCHER-ZOMBI (RITORNO AL PASSATO)

Il ritorno degli zombie

di Luca FANTUZZI

Ritorno sulla questione della resurrezione dei voucher in modo maggiormente analitico, dopo averne recentemente parlato su Il Format.

Intanto facendo ammenda del titolo dell’articolo, nel senso che effettivamente i buoni-lavoro sono stati resuscitati, ma – si spera – non per rimanere nella gloria, bensì soltanto come un segno (non della vittoria della vita sulla morte ma, assai più prosaicamente, della vittoria del capitale sul lavoro nella lotta di classe) che non oblitera la comunque inevitabile corruzione del sepolcro.

Più che a Nostro Signore, in sostanza, auspico che assomiglino a Lazzaro, rispetto al quale mi restano assai meno simpatici.

Comunque, sia come sia, nonostante le rassicurazioni dei proponenti il famigerato emendamento, ecco che i voucher si ripropongono (come la peperonata).

Ma sono diversi!, dicono dalla regia, un po’ come quei mariti che spendono lo stipendio al bar o alle slot machine e poi – dopo essere stati buttati fuori di casa – tornano con la coda fra le gambe, assicurando di aver perso il pelo, e anche il vizio.

Ovviamente mentendo: passa qualche giorno e il vizio si riaffaccia, fino alla successiva scenata familiare (il lettore non avrà difficoltà ad immaginare Susanna Camusso nella veste di moglie inviperita, pronta a brandire nuovamente – a mo’ di mattarello – il referendum abrogativo).

Si tratterebbe dell’ennesima stucchevole presa in giro del popolo italiano, tutto sommato neppure troppo interessante, se non permettesse qualche riflessione più ampia di natura giuridica, sulla quale vale la pena soffermarsi.

I.a. Vincolatività del referendum abrogativo

Il primo punto da prendere in considerazione attiene alla vincolatività del referendum abrogativo.

La questione, nei suoi termini generali, è molto chiara: se la Costituzione dispone l’abrogazione di una legge nel caso di pronunciamento in questo senso della maggioranza del corpo elettorale (sia pure con le forme ed i limiti di cui all’art. 75), evidentemente la riproposizione di norme identiche a quelle oggetto di consultazione popolare, magari dopo un breve lasso di tempo rispetto alla consultazione medesima, porterebbe a una censura di incostituzionalità della nuova disciplina.

Trattasi di un caso di scuola, che tuttavia si è presentato nella in relazione a disposizioni in materia di affidamento diretto di pubblici servizi locali.

In particolare, l’art. 4, D.L. 13 agosto 2011, n. 138 riproponeva – a distanza di meno di un mese dalla pubblicazione del decreto dichiarativo dell’avvenuta cancellazione! – una norma oggetto di abrogazione referendaria (cioè l’art. 23-bis, D.L. n. 112 del 2008), oltre a “parti significative” delle norme di attuazione della medesima (D.P.R. 7 settembre 2010, n. 168), recando anzi “una disciplina che rende ancor più limitate le ipotesi di affidamento diretto e, in particolare, di gestione in house di quasi tutti i servizi pubblici locali di rilevanza economica, in violazione del divieto di riproposizione della disciplina formale e sostanziale oggetto di abrogazione referendaria, di cui all’art. 75 Cost….”.

La sentenza n. 199 del 2012 della Corte Costituzionale l’ha annullata, riproponendo un principio fondamentale che non può essere messo in dubbio nonostante la lunga teoria di referendum i cui risultati sono stati del tutto disattesi dal legislatore.

Si è trattato spesso, infatti, di norme che difficilmente avrebbero potuto essere oggetto di un contenzioso attraverso il quale sollevare ricorso incidentale alla Corte (si pensi al finanziamento pubblico dei partiti, o al clamoroso caso del Ministero dell’Agricoltura).

I giudici, infatti, che nella sentenza qui in commento hanno riconosciuto la sussistenza di “un conflitto di attribuzioni fra Stato e Regioni”, hanno in passato recisamente negato la possibilità di riconoscere un “conflitto di attribuzioni fra poteri dello Stato” tra i promotori di un referendum “tradito” da un lato, e la Camera e il Senato dall’altro (v. sentenza n. 9 del 1997).

Ma la pronuncia del 2012 non si ferma qui. Ci si legge infatti: “un simile vincolo derivante dall’abrogazione referendaria [cioè l’incostituzionalità di una disciplina analoga o peggiorativa rispetto alla volontà popolare espressa nel referendum] si giustifica, alla luce di una interpretazione unitaria della trama costituzionale ed in una prospettiva di integrazione degli strumenti di democrazia diretta nel sistema di democrazia rappresentativa delineato dal dettato costituzionale, al solo fine di impedire che l’esito della consultazione popolare, che costituisce esercizio di quanto previsto dall’art. 75 Cost., venga posto nel nulla e che ne venga vanificato l’effetto utile, senza che si sia determinato, successivamente all’abrogazione, alcun mutamento né del quadro politico, né delle circostanze di fatto, tale da giustificare un simile effetto”.

Una norma che reintroduce una disposizione abrogata via referendum non è, dunque, sempre illegittima.

Tale circostanza è infatti plausibile se: (1) sono mutate le circostanze di fatto; (2) è mutato il quadro politico.

A cosa si faccia riferimento quando si tira in ballo un mutamento delle circostanze di fatto è abbastanza evidente. Ma cosa vuol dire “mutamento del quadro politico”?

Scrive Giampietro Ferri: “il fatto che, nel corso della XVI legislatura, dopo l’abrogazione referendaria, vi sia stato un cambiamento della maggioranza governativa e che ciononostante la Corte abbia negato che siano avvenuti mutamenti del quadro politico dovrebbe portare a escludere che la giurisprudenza costituzionale faccia dipendere il mutamento del quadro politico dalle vicende riguardanti la maggioranza di Governo. Si potrebbe ipotizzare allora che tale mutamento debba essere collegato a una trasformazione del sistema politico, con la nascita e l’affermazione di nuove forze politiche, il che sembrerebbe però eccessivo.

Più convincente appare l’interpretazione secondo la quale la Corte richiederebbe implicitamente un intervento del corpo elettorale: intervento che, rinnovando e restituendo la piena rappresentatività al Parlamento, potrebbe giustificare l’approvazione di una legge contrastante con l’esito referendario”.

In altri termini, per ribaltare un referendum basterebbe il lavacro delle elezioni.

Io credo invece che sia come minimo necessario che da quelle elezioni escano vincenti una o più formazioni politiche che hanno espressamente inserito, nel loro programma di governo, la reintroduzione della norma in questione.

Pena, la durata infra-quinquennale di qualsiasi decisione referendaria.

I.b. Il caso dei voucher

Il caso dei voucher, tuttavia, è assai differente.

Il referendum abrogativo – che sarebbe stato vinto a man bassa dalla CGIL – non si è infatti tenuto perché lo stesso Governo ha cancellato le norme oggetto della consultazione popolare.

Si può quindi concludere che, nel caso di specie, la giurisprudenza della Corte sopra richiamata non si applica, trattandosi di fattispecie del tutto differente?

Si può, in altri termini, pensare che un governo possa tranquillamente cancellare qualsiasi disposizione oggetto di referendum salvo poi reintrodurla identica una volta che il referendum è stato cancellato?

A mio avviso, l’interpretazione sostanziale e sistematica della Corte Costituzionale nelle sentenze sopra succintamente citate conduce a ritenere applicabile, in via analogica, anche al caso dell’abrogazione e reintroduzione dei voucher (ove le due discipline siano effettivamente sovrapponibili) i principi della sentenza n. 199 del 2012, con tutte le conseguenze del caso.

E ciò per l’evidente limite per cui non è possibile immaginare una “riviviscenza” (non solo della disposizione oggetto del referendum ma anche) del referendum stesso.

Ciò premesso, il problema si fa tuttavia più complesso nel momento in cui si tenti di immaginare modalità concrete per attivare il sindacato della Corte la quale – non essendovi nel caso di specie diritti regionali lesi – può essere adita soltanto incidentalmente nel quadro di un previo contenzioso di natura civile o penale.

Ma quale? L’unica ipotesi che mi viene in mente è quella di un prestatore che – “assunto” da una impresa con questo nuovo “contratto di prestazione occasionale” – sostenga la nullità dello stesso e chieda al giudice di ricostruire il rapporto esistente fra le parti in termini costituzionalmente coerenti, magari entro lo schema della subordinazione.

Sinceramente mi sembra una strada impervia, per non dire addirittura improponibile. Io, però, se fossi responsabile di un’impresa, questo nuovo “contratto” aspetterei un po’, prima di usarlo…

II. I voucher vecchi e nuovi

Dunque vediamo più da vicino questo art. 54-bis che si vorrebbe introdurre nella legge di conversione del disegno di legge n. 50 del 2017, quello cioè con cui – sotto il falso nome di decreto a favore delle popolazioni colpite dal sisma del Centro Italia – il Duca Conte Gentiloni ha redatto la Legge europea sui conti di primavera (sulle cui nefandezze si è detto qui e qui).

Che c’entrano i voucher con disposizioni in materia di Iva? Nulla di nulla, così come è assurdo che disposizioni come quelle in parola siano analizzate dalla Commissione Bilancio e non dalla Commissione Lavoro.

Ma sono tali e tante le sconcezze, che queste quisquilie non le nota più nessuno.

D’altronde, nella stessa legge di conversione è spuntato fuori anche un articolo di interpretazione autentica delle disposizioni che hanno condotto il Tar a bocciare le nomine dei direttori dei principali musei italiani da parte del Ministro Franceschini, in modo da mettere una pezza all’ignobile spettacolo della settimana scorsa.

Pezza che, come sempre accade, è assai peggiore del buco. Vabbè, lasciamo perdere e torniamo all’emendamento.

II.a. La mancanza di un inquadramento dogmatico coerente

Il comma 1 definisce il concetto di “prestazione occasionale” che può essere “acquisita” a certe condizioni. Qui si riscontra subito un problema grave.

L’occasionalità è infatti commisurata soltanto all’ammontare dei compensi percepiti dal prestatore, sia quelli rivenienti dal singolo committente, sia in complessivo nell’anno solare.

Al comma 20 si aggiunge poi un altro limite quantitativo, quello delle 280 ore annue (non mi pronuncio sulla tecnica legislativa a dir poco bizzarra).

Certo, rispetto ai vecchi voucher le soglie sono più basse (5.000 Euro per committente, che divengono 6.666 nel caso di prestatori appartenenti a determinate categorie svantaggiate; 2.500 Euro per prestatore), ma l’errore di fondo – la mancanza di una definizione contenutistica della prestazione occasionale – resta pari pari il medesimo.

In questo quadro, è meritorio il tentativo di qualificare come “contratto” il rapporto che si instaura fra le parti. Tentativo che, però, comporta una serie di problemi ricostruttivi dell’istituto quasi impossibili da risolvere.

Primo: uno stesso rapporto è, in alcuni casi, qualificato come contratto, mentre in altri resta al di fuori dello schema contrattuale, come accadeva con i precedenti voucher. Ai sensi comma 6, infatti, “alle prestazioni di cui al presente articolo possono fare ricorso: (a) le persone fisiche, non nell’esercizio dell’attività professionale o d’impresa, per il ricorso a prestazioni occasionali mediante il Libretto Famiglia di cui al comma 10; (b) gli altri utilizzatori, nei limiti di cui al comma 14, per l’acquisizione di prestazioni di lavoro mediante il contratto di prestazione occasionale di cui al comma 13.

Dunque, il singolo cittadino che ha bisogno di una colf, di un giardiniere, di una baby sitter o di una badante, dell’insegnante che impartisce ripetizioni, acquista tramite il sito dell’Inps un carnet prepagato di buoni-lavoro da 10 Euro, pomposamente ribattezzato “Libretto di famiglia”, e lo spende via via che gode delle prestazioni.

Al pagamento del prestatore pensa l’Istituto di previdenza, che – attenzione! – è informato dal committente “entro il giorno 3 del mese successivo allo svolgimento della prestazione” (commi da 10 a 12).

Di contro, un’impresa che vuole utilizzare i voucher deve concludere un “contratto di prestazione occasionale”, cioè un contratto “mediante il quale un utilizzatore… acquisisce, con modalità semplificate, prestazioni di lavoro occasionali o saltuarie di ridotta entità…”.

Cosa voglia dire una disposizione di questo tipo, mi è ignoto, come mi è ignoto il senso del comma 20, secondo cui, “in caso di superamento… [dei limiti quantitativi delle prestazioni richiedibili al singolo prestatore], il relativo rapporto si trasforma in un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato…”.

Cioè: una “cosa” che non è sicuramente un rapporto di lavoro (nel caso del “Libretto di famiglia”: Circ. Inps n. 88/2009 e Circ. n. 17/2010) oppure che è bensì un rapporto di lavoro, ma “semplificato”, diviene – mediante una trasformazione ex lege a carattere sanzionatorio – il più stabile dei contratti giuslavoristici, cioè il contratto (i) subordinato (ii) a tempo pieno (iii) indeterminato. Una follia (lo stesso art. 2, c. 1, D. Lgs. n. 81 del 2015 era stato meno tranchant nel prescrivere – in modo comunque molto confuso – che, “a far data dal 1° gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche a [determinati] rapporti di collaborazione”).

Queste, diciamo, stravaganze si ripercuotono anche nella disciplina dei commi 2 e 3.

Da un lato il prestatore ha i contributi versati alla Gestione separata, come un collaboratore coordinato e continuativo (o come un “vecchio” collaboratore a progetto), ma ha diritto “al riposo giornaliero, alle pause e ai riposi settimanali secondo quanto previsto… [dal] decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66” (cioè il decreto che fissa le norme di base in materia di orario di lavoro, concetto – anche questo – proprio della sola subordinazione).

Dal punto di vista dogmatico, un pastrocchio.

II.b. Le “maglie larghe” del sistema anti-frode

Che ci sia bisogno di uno strumento che permetta di pagare, in modo fiscalmente corretto, ma senza troppe complicazioni, prestatori che svolgono funzioni residuali e saltuarie (giardinieri, baby sitter, insegnanti che danno ripetizioni) è indubbio.

Quello che si è imputato ai voucher, con sempre maggior forza, era la loro utilizzabilità negli ambiti più disparati, sostanzialmente in frode alle altre disposizioni di legge (il caso dell’autotrasportatore a voucher è celebre).

Le cose non sono sempre state così, ne ho parlato diffusamente qui.

In breve, i buoni-lavoro nascono con gli artt. 70 e ss. del D. Lgs. n. 276 del 2003 (Legge Biagi), per remunerare le “prestazioni occasionali di tipo accessorio” svolti da “soggetti a rischio di esclusione sociale o comunque non ancora entrati nel mercato del lavoro, ovvero in procinto di uscirne” (disoccupati, casalinghe, studenti, pensionati, disabili, extracomunitari: art. 71), quindi (tra il 2004 e il 2008) sono estesi all’agricoltura (per vendemmie, raccolta di pomodori e olive, ecc.) e quindi a “qualsiasi settore produttivo il sabato e la domenica e durante i periodi di vacanza da parte di giovani con meno di venticinque anni di età”.

Successivamente si dà la possibilità di utilizzare i voucher anche agli enti locali, mentre nel 2010 sono aggiunti fra i possibili fruitori cassaintegrati, iscritti a liste di mobilità, lavoratori a part-time ed è stato eliminato il massimale di giornate lavorabili presso un solo committente.

Poi, arriva la Fornero che riscrive l’istituto e lo snatura.

Dal 2012 è “lavoro accessorio” quello “di natura meramente occasionale” che “non dà luogo… a compensi superiori a 5.000 Euro” annui (di cui non più di 2.000 da uno stesso committente).

Se i voucheristi sono cassintegrati o in liste di mobilità o ricevono l’assegno di disoccupazione, il limite massimo percepibile nell’anno è di 3.000 Euro. Punto.

I voucher possono essere utilizzati da chiunque, imprenditore o meno, con limitazioni risibili (sono vietati in caso di appalto e limitati in agricoltura).

Detto in professorese: “il lavoro accessorio non è più relegato ad ipotesi marginali, ma – del tutto affrancato dalla vocazione sociale e di politica attiva che lo animava – costituisce modalità ordinaria per la regolazione di tutti i rapporti di lavoro” (Bollani, La nuova disciplina del lavoro occasionale di tipo accessorio, in AA.VV. (a cura di), Previdenza, mercato, lavoro, competitività, Torino, 2008, 404); pertanto “la natura occasionale ed accessoria della prestazione – e dunque la legittimità del ricorso al lavoro accessorio – deve essere valutata… in base all’unico criterio quantitativo di 5.000 Euro nel corso dell’anno solare” (Putrignano, in Argomenti Dir. Lav., 2014, 3, 811).

Renzi si è limitato ad alzare la soglia a 7.000 Euro ed a specificare che la percezione dei voucher non dà diritto all’assegno di disoccupazione.

Per ridurre l’abuso dei voucher, il comma 14 dispone che “è vietato il ricorso al contratto di prestazione occasionale: (a) da parte degli utilizzatori che hanno alle proprie dipendenze più di cinque lavoratori subordinati a tempo indeterminato; (b) da parte delle imprese del settore agricolo, salvo che per le attività lavorative rese da [determinati] soggetti…; (c) da parte delle imprese dell’edilizia…; (d) nell’ambito dell’esecuzione di appalti di opere o servizi”.

Ora, non è pensabile che chi ha scritto l’emendamento non sappia che fare riferimento alle “imprese con non più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato” significhi di fatto estendere l’utilizzo dei voucher anche a moltissime aziende che – tramite altre forme di lavoro precario, a partire dal tempo determinato (i cui limiti quantitativi non si applicano a tutta una congerie di ipotesi specificamente normate all’art. 23 del D. Lgs. n. 81 del 2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act) – in realtà impiegano un numero maggiore di lavoratori. Significa, cioè, permettere alla maggioranza delle aziende italiane di utilizzare anche i nuovi voucher, esattamente come usavano ed abusavano dei vecchi (per una diversa interpretazione, leggi qui).

Ma c’è anche di peggio.

Premesso che a pagare effettivamente il prestatore è l’Inps (il comma 19 ha cura di specificare che i costi del bonifico sono a carico del percipiente…), rimborsato mediante apposita piattaforma informatica o F24, al fine di permettere l’individuazione degli aventi diritto alla riscossione, ai sensi del comma 17, “l’utilizzatore è tenuto a trasmettere almeno un’ora prima dell’inizio della prestazione… una dichiarazione contenente, tra l’altro…, a) i dati anagrafici e identificativi del prestatore; b) il luogo di svolgimento della prestazione; c) l’oggetto della prestazione; d) la data e l’ora di inizio e di termine della prestazione…”.

Tuttavia (comma 18), “nel caso in cui la prestazione lavorativa non abbia luogo, l’utilizzatore è tenuto a comunicare… la revoca della dichiarazione trasmessa all’INPS entro i tre giorni successivi al giorno programmato di svolgimento della prestazione…”.

In sostanza, non vi sarà modo di punire chi, dopo aver fatto svolgere una prestazione a voucher, preso atto dei mancati controlli da parte degli organi preposti, paghi in nero il prestatore e cancelli, con una semplice telefonata all’Inps, la richiesta fatta.

Sempre che uno – soprattutto se trattasi di impresa – voglia davvero perdere tempo con questo farraginoso meccanismo di prenotazione.

Infatti, “in caso di violazione dell’obbligo di comunicazione di cui al comma 17… si applica la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da Euro 500 a Euro 2.500 per ogni prestazione lavorativa giornaliera per cui risulta accertata la violazione”.

Sai che paura.

Dice: eh, ma tu vai sempre a pensare male.

Vero. Però noto che quando si tratta di evitare l’evasione del comune cittadino, lo Stato le pensa proprio tutte.

Senza entrare in argomento, la kafkiana ritenuta alla fonte sui redditi da locazione turistiche, nonché le disposizioni di molte leggi regionali (v. p.e. l’art. 70 della L.R. Toscana n. 86 del 2016) volte a censire i proprietari di seconde case in città o al mare, sono esempi concreti.

Monumenti – insieme ai voucher, insieme a mille altre norme che questo governo ed i precedenti sfornano a getto continuo – alla vergogna normativa.

Fonte: http://losmemorato-ilblog.blogspot.it/2017/06/i-voucher-zombi-ritorno-al-passato.html

UNA DONNA, UNA SCIENZIATA STRAORDINARIA, CI PARLA DELLE DONNE

UNA DONNA, UNA SCIENZIATA STRAORDINARIA, CI PARLA DELLE DONNE

Per la componente femminile del genere umano è giunto il tempo di assumere un ruolo determinante nella gestione del pianeta.

La rotta imboccata dal genere umano sembra averci portato in un vicolo cieco di autodistruzione.

Le donne possono dare un forte contributo in questo momento critico.

Rita Levi-Montalcini

FEMMINISTE CHE MUOIONO PER SALVARE IL MONDO

FEMMINISTE CHE MUOIONO PER SALVARE IL MONDO

Sin mujeres no hay revolucion

 

di Maria G. DI RIENZO

Esattamente un mese fa, il 7 maggio, in Messico un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione nella casa di Miriam Elizabeth Rodriguez Martinez (in immagine qui sotto) e l’ha uccisa.

Miriam Elizabeth Rodriguez Martinez

Miriam era molto nota come attivista dedita alla ricerca delle persone “scomparse” nello stato messicano di Tamaulipas. Aveva cominciato questo lavoro nel 2014, quando a “scomparire” era stata sua figlia: Miriam riuscì a ritrovarne i resti nella città di San Fernando.

A molti chilometri di distanza, sempre il 7 maggio, in Nicaragua la polizia ha arrestato Aydil del Carmen Urbina Noguer (in immagine dopo questo paragrafo) mentre era assieme alla figlia 16enne e l’ha pestata per bene.

L’arresto e la successiva detenzione di oltre due giorni e mezzo erano illegali.

Durante questo periodo di 64 ore le sono state negate le cure mediche di cui aveva bisogno dopo la battitura, l’accesso all’acqua e ai servizi sanitari e l’assistenza legale. Aydil è un’avvocata e un’attivista per i diritti umani.

Aydil del Carmen Urbina Noguer

I brani seguenti sono tratti da “Rethinking Activists’ Safety at a Time of Escalating Risk”, di Adelaide Mazwarira e Alexa Bradley per Jass, 31 maggio 2017:

“In tutto il mondo, le donne attiviste sono sempre più a rischio, minacciate, aggredite e persino uccise perché osano opporsi a potenti interessi, siano essi di stato o di istituzioni private come le compagnie economiche transnazionali o di cartelli della droga. Poiché queste donne stanno lavorando per proteggere diritti umani, giustizia economica, la loro terra, acqua, territori e la democrazia stessa molti le chiamano “difensore dei diritti umani” o semplicemente “difensore”.

Per il loro coraggio e la loro capacità di guida queste donne devono fronteggiare attacchi nelle strade, criminalizzazione e stigmatizzazione nei tribunali e sui media, e a volte rigetto e abuso nelle loro stesse comunità e case per essere andate oltre le tradizionali norme di genere. (…)

Una varietà di tendenze e dinamiche di potere stanno convergendo in ciò che molti indicano come “lo spazio in via di restringimento per la società civile”.

I governi stanno sempre di più usando la retorica della sicurezza nazionale e la minaccia del terrorismo per limitare la partecipazione dei cittadini e reprimere il dissenso.

E una serie di “poteri ombra”, entità non statali incluse le corporazioni, i gruppi religiosi fondamentalisti, i narco-trafficanti, che una volta erano dietro le quinte, ora stanno avendo un’influenza crescente nei settori del potere formali in cui i governi prendono le decisioni e in cui si formano le leggi, e rivendicano i loro interessi senza ostacolo alcuno, anche quando detti interessi comportano l’uso della violenza.

E dominano lo spazio pubblico e i media promuovendo narrazioni favorevoli ai loro interessi.

Manipolando norme sociali, idee e credenze fra cui quelle relative a razza, classe, etnia e genere, costoro sono in grado di screditare il lavoro delle difensore (e dei movimenti sociali) etichettandole come “terroriste”, “ostacoli allo sviluppo”, “passatiste”, “distruttrici delle famiglie” per legittimare e di fatto normalizzare la violenza, la diseguaglianza e la repressione.

Sebbene i contesti differiscano, la convergenza del capitalismo estrattivo (la corsa al controllo e allo sfruttamento delle risorse), del militarismo (guerra al terrore, guerra alle droghe) e dei fondamentalismi (forze conservatrici all’interno di religioni, culture e tradizioni) è diventata il fertile terreno su cui violenza e repressione aumentano.”

Il documento continua attestando che ai consueti mezzi della repressione per le donne si aggiungono quelli correlati al genere – assalto sessuale e stupro.

Per cui: ogni volta in cui le donne promuovono iniziative politiche e sociali eccetera smettete per favore di chiedere “cosa c’entra il femminismo”, il femminismo è questo: ogni volta in cui una donna viene ammazzata per quello che è (femmina) e per quello che fa (attivismo) smettete per favore di fare i finti tonti e gli stronzi puri e semplici chiedendo “cos’è il femminicidio”, perché molte di queste donne muoiono per salvare anche i vostri culi.

 

fonte: https://lunanuvola.wordpress.com/2017/06/07/cronache-del-mese-scorso/

L’ORRORISMO DI UN MONDO IN DISORDINE

L’ORRORISMO DI UN MONDO IN DISORDINE

di Elettra DEIANA

“Scrive Judith Butler in Vite precarie, a proposito della possibilità di essere “noi stessi” colpiti da un attacco terroristico o sconfitti, oppure perdere persone che sentiamo vicine o che conosciamo e dover affrontare il lutto per un dolore inaspettato: “C’è forse qualcosa da imparare nella distribuzione geopolitica della vulnerabilità del corpo, dal momento che siamo stati per un breve periodo esposti a questa devastante condizione?”.

Butler scrive Vite precarie sull’onda dell’11 settembre e della guerra in Iraq, criticando senza sconti nel suo libro l’establishment repubblicano per l’idea che alla violenza si debba rispondere con la logica dell’emergenza terroristica e della guerra preventiva e/o punitiva.

E ponendo quell’interrogativo magistrale – o che tale dovrebbe essere in un mondo globalizzato – se ci sia qualcosa da imparare nella distribuzione geopolitica della vulnerabilità del corpo.

E questo, sottolinea Butler, a partire dall’aver imparato direttamente che cosa significhi il lutto e il dolore per la perdita di quelli che sentiamo come vicini a noi. Come capire e sentire da qui il dolore altrui.

Da allora episodi che hanno fatto vivere all’Occidente esperienze traumatiche di questo tipo si sono moltiplicate e la domanda di Butler ha acquisito – o dovrebbe aver acquisito – un’urgenza direttamente proporzionale al numero dei traumi subiti.

Soprattutto per quanto riguarda il dolore per la perdita di vite per antonomasia vulnerabili, cioè esposte a essere ferite perché intrinsecamente non in grado di proteggersi in qualche modo, come dice l’etimo della parola e come sono appunto le creature piccole, per antonomasia inermi, cioè senza armi, incapaci di armarsi. Ma con tutta evidenza non è così, anzi avviene il contrario.

L’aspetto più terribile dell’epoca che viviamo è infatti la continua, ossessiva strage di innocenti ma, insieme, l’alto grado di assuefazione a questo tipo di traumatiche vicende con cui l’Occidente dei diritti e delle dichiarazioni universali convive senza tante storie e senza interrogarsi sulle sue responsabilità. O meglio: l’Occidente piange con enfasi le sue vittime innocenti e ne celebra il lutto ma non ha lacrime per gli altrui innocenti, che per altro, dal punto di vista numerico, sono infinitamente di più degli innocenti che vengono uccisi dalle nostre parti.

E la quantità dovrebbe fare anche la qualità delle cose – almeno in certi casi, come le stragi terroriste, per non parlare dei mortiferi effetti collaterali delle guerre spacciate come utili alla pace e alla sicurezza e altre nefandezze simili – ma non è proprio così, bisogna dire, da nessuna parte del mondo.

Da questo punto di vista la globalizzazione non ha fatto fare passi avanti.

Né intrinsecamente poteva, in realtà.

Di globale infatti c’è solo il mercato e il disordine di tutto, che la fa da padrone sul mondo.

Il resto è il frutto di quello che abbiamo alle spalle e la pietà è alla discrezione dei buoni sentimenti e/o della convenienza e del calcolo dei poteri costituiti.

Sempre meno disposti a farsi carico del dolore umano e invece spesso disposti a sollevare dubbi e sospetti su quelli che ancora in questa direzione cercano di fare il possibile e anche più.

Come il capitolo intitolato i taxi del mare dimostra.

Ma il valore etico e politico della domanda di Judith Butler sulla valenza geopolitica della vulnerabilità del corpo mantiene tutta la sua pregnante attualità.

Una continua strage di innocenti è quello a cui oggi assistiamo di continuo, senza contare le stragi di creature nelle acque del Mediterraneo, che hanno molto a che vedere con le cause geopolitiche che determinano le altre stragi.

E questo avviene, per quanto ci riguarda, con coinvolgimento emotivo a misura variabile, a seconda del dove avvenga e chi coinvolga, e anche il senso di orrore e di angoscia si manifesta sempre più come sentimento ristretto, domestico, di vicinanza e appartenenza.

Di paura, anche, perché scopriamo che anche noi siamo vulnerabili, esposti. Non c’è la consolazione che venga dal riconoscimento e dalla solidarietà tra umani, destinati a transitare insieme per un tratto di tempo nello stesso mondo.

C’è prevalente solo un duro senso di appartenenza.

Di questo duro senso bisognerebbe ragionare in profondità ma ovviamente non se ne fa nulla.

Ed è una strage di innocenti che non solo dura da tempo ma sembra destinata a non finire mai o chissà quando. E questo perché ci sono interessi potenti in opera, che si danno molto da fare a che le ragioni che favoriscono le condizioni delle stragi non vengano meno.

Il presidente Trump ha firmato un accordo miliardario con l’Arabia Saudita per la vendita di armi americane a quel Paese, che ha responsabilità gravissime per come stanno le cose e tutti lo sanno ma nessuno ha detto niente, a parte qualche pacifista impenitente, ma sono le sue parole ormai buttate al vento.

Che bell’affare, ha detto il presidente Trump a proposito dell’accordo con i Sauditi, servirà per fare il mondo più sicuro. Anche su questo nessuno ha detto nulla mentre su altre cose dette da Trump molti hanno avuto da ridire.

Ma la sicurezza è ormai un mantra metafisico, e nei fatti un affare che riguarda tutti: un affare di militari, di armi, presidi militari ovunque, esercitazioni para belliche ravvicinate, spionaggio informatico, sorveglianza globale e via così.

E, quando ci vuole, guerre sul campo e con i micidiali droni.

Come in Siria, che dura da sei anni e di creature innocenti ne sono state ammazzate oltre ogni misura.

Con la parola innocenti intendo dire proprio gli innocenti, quelli che, secondo l’etimo della parola, non sono in grado di nuocere a nessuno.

E sono appunto i bambini piccoli, quelli che nei mercati delle città del Medio Oriente seguono le madri nei mercati e vengono spazzati via all’improvviso da una bomba o da un kamikaze che indebitamente invoca qualche suo dio; oppure altri impegnati nelle aule scolastiche, o in viaggio per raggiungere una chiesa cristiano copta e credono di poter ricevere il dono di una distribuzione di caramelle e invece entra in azione il piano stragista di qualche gruppo jihadista.

Sembrano proliferare ovunque in certe zone.

Appunto, per dirla con Butler, geopolitica della vulnerabilità del corpo.

Anche in Europa, dove chiamiamo bambini anche gli adolescenti, stanno succedendo vicende simili. Per fortuna in chiave ridotta, bisogna dire, per fortuna abbiamo servizi addestrai e competenti, diciamo in Italia.

Ma dei bambini, dei giovanissimi poco più che bambini muoiono anche qui. Obiettivo sensibile per la stessa logica perversa che devasta altri luoghi del mondo: colpire al cuore il futuro del nemico di turno. La politica della sicurezza, lo stato di sicurezza, i corpi militari preposti alla sicurezza, le disposizioni di sicurezza, il livello di sicurezza: insomma una semantica a dire quale sia la strada imboccata e insieme l’inadeguatezza di questa strada, ci ossessiona in Italia e in Europa. Stato di emergenza permanente.

E Trump ci loda per il nostro tributo alla sicurezza in Afghanistan.

Roba da pelle d’oca..

In un libro pubblicato nel 2007 la filosofa italiana Adriana Cavarero affronta il tema dell’orrore che, spiega, è il sentimento che meglio condensa il senso della violenza contemporanea.

Ed è la parola che, per questo, meglio descrive l’orripilante senso di ghiaccio corporeo, la pelle d’oca che in certi momenti sentiamo, o dovremmo sentire, di fronte allo spettacolo di una strage, di corpi sembrati, del sangue, delle efferatezze compiute contro dei corpi.

In certe occasioni riusciamo ad avvertire che abbiamo in comune qualcosa con quei corpi, a prescindere dal territorio in cui sono vissuti, ma è un sentimento che lasciamo fuggire, non vogliamo che ci appartenga perché sappiamo che ci impegnerebbe a non voltare lo sguardo..Guerra, terrorismo, nemico e altre categorie della tradizione politica, dice Cavarero, sembrano non avere più la forza semantica di spiegare il quid di questioni così drammatiche, la portata globale dell’attuale carneficina di inermi.

Anche Cavarero invita a un radicale cambiamento del punto di vista.

La riflessione va orientata sulla condizione di vulnerabilità assoluta di chi subisce l’offesa, non sull’abominio di chi porta a compimento l’azione omicida. Guardare a partire dallo sguardo della vittima inerme e non da quello di chi uccide.

Dallo sguardo dell’inerme più inerme, aggiungo io, che non ci lascia scampo appunto perché inerme e non gli puoi rimproverare nulla, che ti inchioda agli apparati giustificativi della tua cultura, ai camuffamenti politici della tua parte politica, alle scappatoie personali del far finta di non sapere.

Mettere a tema la condizione di vulnerabilità, condizione umana che ci vede esposti alla dipendenza dall’altro, alla protezione che ti può offrire così come all’oltraggio che ti può imporre.
Imparare a avvertire, sentire sulla pelle l’orrore a non abituarci a esso, direbbe oggi Hannah Arndt. Ma l’orrore non è un sentimento di paura, avverte Cavarero, esprime raccapriccio, ripugnanza, ci fa sentire vicini alla vittima, e per questo in realtà, dico io, fa paura, perché non crea la distanza necessaria tra noi e “l’altro da noi” che oggi è il mantra securitario, la misura dell’ Immunizzazione..

Una politica della contemporaneità globale ne avrebbe fortemente bisogno invece di questo sentimento.

E dovrebbe imparare indefessamente a scoprirne, se ci sono, le tracce.

Il libro di Cavarero si intitola Orrorismo.

Un neologismo che serviva a non appiattire tutto sula parola terrorismo, che non è affatto la stessa cosa e dice altro, come l’autrice lucidamente spiega.

Ma non ha avuto seguito e non certo perché brutto, come la stessa Cavarero ammette, Forse perché appunto troppo sentimentalmente impegnativo.

Ho scritto pensando a tutte le bambine e i bambini che muoiono qua e là nel mondo per le stragi crudeli dell’informe e asimmetrica ma micidiale guerra in atto, di cui parla solo un pontefice visonario e qualche disincantato analista di geopolitica.

E, a modo loro, alcune donne.

Dimensione carattere
Colors