Riflessioni politiche. Libertà di dissentire o gregge al pascolo sotto scorta?

Riflessioni politiche. Libertà di dissentire o gregge al pascolo sotto scorta?

di Nico Max Weber

Finora, nel corso della storia la libertà dell’uomo è stata limitata da due fattori: l’uso della forza da parte dei governanti (essenzialmente, la loro capacità di sopprimere i dissenzienti) e, più importante ancora, la minaccia dell’inedia che ha pesato su coloro i quali fossero riluttanti ad accettare le condizioni di lavoro e di esistenza sociale loro imposte”.

Erich Fromm, La disobbedienza e altri saggi, 1981

Sabato 25 Marzo, a Roma si sono svolte varie manifestazioni e cortei per protestare contro l’anniversario dei sessant’anni per i trattati che diedero inizio all’Unione Europea.

Se non notate nulla di strano è evidente che per voi la Libertà è una cosa astratta e non ben delineata.

Se invece vi siete accorti che il Potere, tramite i suoi fidati “servi” chiamati dal popolo “Forze dell’Ordine”, non hanno permesso di manifestare sotto ai Palazzi che lo rappresenta, ma li hanno letteralmente accerchiati sul Lungotevere senza possibilità alcuna di muoversi in altre zone, beh, siete dei veri e attenti osservatori.

Perché la Libertà per essere tale, non deve essere gestita da nessuno, ma solo da noi stessi e dalla nostra responsabilità.

corteo no euro

Ore 17.28 – Bocca della Verità (Vincenzo Bisbiglia)
Qui, alla Bocca della Verità, i nostri manifestanti hanno finalmente capito che non avrebbero potuto avvicinarsi a nessun palazzo del Potere, sono stati per così dire “tenuti al pascolo”.
Questa è la Libertà che ci concede il Potere!

fonte: https://poesiacultura.wordpress.com/2017/03/25/riflessioni-politiche-liberta-di-dissentire-o-gregge-al-pascolo-sotto-scorta/

Uscire dal cerchio del neocapitalismo

Uscire dal cerchio del neocapitalismo

Basta ai giovani contestatori staccarsi dalla cultura, ed eccoli optare per l’azione e l’utilitarismo, rassegnarsi alla situazione in cui il sistema si ingegna ad integrarli.

Questa è la radice del problema: usano contro il neocapitalismo armi che in realtà portano il suo marchio di fabbrica, e sono quindi destinate soltanto a rafforzare il suo dominio. Essi credono di spezzare il cerchio, e invece non fanno altro che rinsaldarlo.

Pier Paolo Pasolini

Pensavo fosse xylella, invece era un gasdotto

Pensavo fosse xylella, invece era un gasdotto

Espianto ulivo

di Massimo RIBAUDO

Come inizia una speculazione

Ricordo bene quando, sul blog Essere Sinistra, scrivemmo, tra i primi, che non ci convincevano affatto le modalità di allarme sull’epidemia di xylella fastidiosa per gli ulivi del Salento. Vi furono alcuni commentatori che ci accusarono di complottismo, di scarsa cura nel dare notizie che solo la scienza poteva confermare. E il sapere scientifico è importantissimo, ma mai come oggi è stato reso strumento della propaganda politica e degli interessi economici.

Il Ministro Federica Guidi, proprio nel maggio 2015, poneva la propria firma sul Decreto di autorizzazione unica del metanodotto di interconnessione per la realizzazione della Trans Adriatic Pipeline (Tap). Parte dal confine tra Grecia e Turchia, dove si collega al Trans Anatolian Pipeline (Tanap). Si snoda quindi in tre paesi, Grecia, Albania e Italia, per oltre 800 chilometri, (di cui un centinaio nell’Adriatico): in Italia, Tap si radica in Salento, nel comune di Melendugno, con un tratto di 8 chilometri sulla terra ferma, mentre la condotta sottomarina nelle acque territoriali italiane misurerà 25 chilometri, secondo quanto si legge nel sito del progetto.

Il decreto fissava l’inizio dei lavori entro il 16 maggio 2016 e l’operatività dell’infrastruttura entro il 31 dicembre 2020.

E nella zona dove deve passare il metanodotto ci sono uliveti secolari di importanza fondamentale per la produzione olearia pugliese.

Ma al modello colonialista europeo cosa importa degli ulivi?
E cosa importa del turismo pugliese?
Il gasdotto transadriatico Tap è solo uno dei progetti energetici che rientrano nel cosiddetto Corridoio meridionale del gas, definito dalla Commissione Ue “un’iniziativa importante per portare le risorse di gas del Mar Caspio e dell’Asia centrale sui mercati europei”.

Mentre il governo italiano per bocca del Ministro Calenda afferma che il governo vede nel completamento del gasdotto un altro mezzo per rafforzare il rapporto “con l’Azerbaijan in settori fondamentali per i due Paesi, prima tra tutti quello energetico”.

Tutti interessi privati, della Snam, della Saipem e di altre multinazionali, che non si curano affatto di quelli della popolazione salentina e dell’impatto ambientale sconvolgente che l’opera potrà avere su una delle più belle coste italiane.

La Tap è un’opera inutile e dannosa

Il gasdotto creerà manufatti e cimiere altamente inquinanti proprio a San Foca, che nel 2016 ha ricevuto la “bandiera blu” il riconoscimento della conferito dalla Foundation for Environmental Education (Fee) per le migliori spiagge italiane.

Agricoltura, turismo, salubrità dell’aria: tutto da mettere in secondo piano rispetto a cosa? Agli interessi di approvvigionamento energetico degli italiani?
Macché.

Al momento abbiamo già una capacità di importazione di gas doppia rispetto ai consumi, scesi ai livelli di 10 anni fa e per i quali non si prevede una ripresa significativa.

Poi c’è la transizione energetica: ha senso pianificare un’infrastruttura dalla vita utile di almeno 30 anni, senza pensare a come cambierà il mondo dell’energia in questo lasso di tempo?

La riposta più razionale è “no”. Anche alla luce della velocità della rivoluzione che stiamo vivendo, centrata su rinnovabili, efficienza energetica, sistemi di accumulo, reti intelligenti e generazione distribuita.

Infine i conti: ai prezzi del gas attuali e prevedibili, c’è qualche dubbio che il mega-investimento sia sostenibile economicamente.

Questo, oltre a porre in forse un possibile impatto positivo sui prezzi del gas in Italia, dovrebbe metterci in guardia sul rischio che i soldi per questa iniziativa privata prima o dopo vengano presi dalle bollette. E quindi rappresentino un costo ulteriore per i cittadini.

Non sarebbe la prima volta che succede, come ci insegna la storia del rigassificatore Olt di Livorno, altra infrastruttura “strategica” per l’approvvigionamento del metano rimasta poi completamente inutilizzata e di cui si è dovuto fare carico il pubblico.

Come sarà il sistema energetico nel 2046 quando il TAP sarà solo a circa la metà della sua vita utile? Questa domanda dovrebbero porsela in molti. Soprattutto coloro che manganellano la popolazione e gli amministratori che giustamente si oppongono a questa nuova speculazione sulla pelle dei pugliesi e della loro terra.

Ecco perché i NO-Tap, come i NOTAV, hanno ragione. Qui non si tratta di frenare lo sviluppo e l’economia, ma di bloccare un’opera inutile e altamente dannosa per l’ambiente.

La violenza dello Stato contro lo Stato

Intanto, come testimonia Leccecronaca.it il livello di repressione della Polizia è altissimo.

Ecco la telefonata con il consigliere regionale Casili. Ferito dalla Polizia.

– Pronto? Consigliere, mi sente? Che cosa è successo?

– Sì, l’ ira di Dio…Che cosa è successo? L’ ira di Dio è successo!

Lei, come sta?

– Male. Ho una contusione sul braccio sinistro e un’ altra sulla schiena, ci han preso a manganellate, e ci han colpito con gli scudi.

Ma come è successo?

– Eravamo davanti in prima linea, cercavamo di tenere calmi gli animi. Chiedevamo al Questore e al responsabile sul posto di sospendere i lavori di espianto proprio in virtù della criticità della situazione E invece hanno usato la forza, lo Stato contro i rappresentanti dello Stato.

Chi c’era con lei?

– C’ erano altri due consiglieri regionali, Antonio Trevisi e Cosimo Borracino, poi i sindaci del territorio…

Chi?

– Io adesso ricordo solo il sindaco di Melendugno, Marco Potì, che è stato sempre al mio fianco… I cittadini, la gente…Almeno tre o quattrocento persone. Hanno cominciato a spingere la gente, forte, ci hanno distrutto. Perché poi? Per difendere gli interessi dei privati, calpestando le istituzioni locali. Oggi è una pagina tristissima per le istituzioni, e per chi non ci rappresenta.

Che fate ora?

– I sindaci stanno valutando di andare dal Prefetto a restituire la fascia tricolore, e stanno decidendo il da farsi nelle prossime ore. Noi comunque saremo con loro”.

Scontri a Melendugno

Cronache di un Paese assediato e colonizzato.
Sapremo liberarci da tutto questo?

SGB versus Ikea

SGB versus Ikea

Lotta SGB di Comunicato SGB

 

Ikea ha scelto la linea dura in risposta alle lotte che i lavoratori delle Cooperative in appalto all’Ikea di Carugate sostengono con SGB e ai delegati RSU dell’Ikea di Corsico e Carugate che si impegnano per il rispetto dei loro diritti nel cambio di appalto.

L’azienda ha inviato ai rappresentanti sindacali di Sgb una contestazione a seguito del presidio di sabato 8 ottobre accampando presunte “azioni violente e danni sia materiali che all’immagine dell’azienda”. Il provvedimento ritorsivo è stato gravissimo, al punto che i delegati sono stati immediatamente sospesi ed ora rischiano il licenziamento. Da una parte cooperative che taglieggiano i lavoratori e dettano le loro condizioni “prendere o lasciare”, dall’altra Ikea che non assolve alle proprie responsabilità di legge, come committente sulle garanzie dovute ai lavoratori degli appalti, e nega alle rappresentanze sindacale gli incontri richiesti.

Ma se i lavoratori si ribellano a queste condizioni, se il sindacato mette in campo le iniziative a loro difesa, esce il vero volto della “multinazionale a misura di famiglia”: se tocchi i miei interessi e ti ribelli ti licenzio!

SGB dichiara di non avere alcuna intenzione di cedere a quello che è un vero e proprio ricatto oltre che un attacco al sindacato. La tutela dei propri delegati vedrà, la mobilitazione di tutte le sue strutture, con iniziative di manifestazione, con il coinvolgimento di tutti i lavoratori dell’Ikea e la sensibilizzazione delle tantissime persone che quotidianamente entrano nel “bel mondo” del consumo e della facciata lastricata di buone intenzioni.

 

(Ringraziamo Barbara Morleo per la diffusione del comunicato)

Su Facebook e relative attività censorie

Su Facebook e relative attività censorie

Quadal dipinto

di Bruno DELL’ORTO

Ci sono una serie di atteggiamenti che vanno ascritti tra quelli provocati da quelle pervasive logiche oscurantiste che per 2000 anni hanno agito sul nostro DNA di popolo.

Nell’Europa del Nord, certo lontano da essere equiparata ad un paradiso, presso la quale allignano però culture più pragmatiche della nostra, non ci si sognerebbe mai di cassare immagini di corpi nudi senza intervenire invece nei confronti di chi diffonde indisturbato violenza, xenofobia e razzismo.

Dovessimo poi monitorare in modo sistematico ogni esternazione riconducibile all’apologia di fascismo, ci sarebbe da interrogarsi in modo molto ma molto serio sulla possibilità, ma più sulla volontà, temo, di applicare alcune specifiche leggi dello Stato.

Facebook, evidentemente, si muove in questo humus, perfettamente sintonico a logiche di mercato che non possono prescindere dal consenso e quindi dal comune sentire.

Per questo, a sensazione, si lascia diffondere attraverso il mezzo, molto più di ciò che porta a ferocemente dividere rispetto a tutto quello che potrebbe invece unire, tendendo a creare un sereno accordo.

Dove si dovrebbe altresì intervenire reprimendo e sanzionando come da leggi, al contrario, si usa gran tolleranza, applicando un colpevole lassismo verso forme inaccettabili di vera teorica violenza rivolta soprattutto verso le minoranze, per definizione fuori dagli schemi e meno allineate al pensiero unico.

Ed alla fine quindi, se questa analisi risultasse condivisa, diverrebbe impossibile meravigliarsi riguardo ad alcune attività censorie adottate da nominali interpreti e tutori del comune senso del pudore, ma che nei fatti si rivelano soprattutto dei grandi detrattori di “pistolini” di ogni misura e foggia.

Dimensione carattere
Colors